Alla “Don Bosco” arrivano
i genitori 1 e 2 al posto
di mamma e papà

La proposta fatta dal ministro Kyenge trova applicazione alla scuola di Tolentino e scoppia la polemica
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Istituto comprensivo "Don Bosco"

Istituto comprensivo “Don Bosco”

L’istituto comprensivo “Don Bosco” ha introdotto la novità che viene dalla Francia e che il ministro Kyenge ha proposto anche per l’Italia trovando applicazione a Venezia e Bologna. Si tratta della sostituzione delle diciture “padre e madre” con  “genitore 1” e “genitore 2”.  Il fatto ha suscitato reazioni. Sulla comunicazione ai genitori degli studenti delle scuole medie in merito all’istituzione del registro on line dove possono essere consultate le assenze, i voti nelle materie e le schede di valutazione dei due quadrimestri, nella parte in basso da ritagliare e riconsegnare alla scuola dopo la firma dei genitori, negli spazi destinati ai dati anagrafici di questi ultimi compaiono le scritte ” 1° genitore⁄tutore” e “2° genitore⁄tutore”. Un  cambiamento che non è piaciuto ad alcune famiglie e nemmeno alla Lega Nord Tolentino che chiede il ripristino di “mamma e papà”. Tra gli esponenti della Lega direttamente coinvolto anche come genitore Giuliano Bianchini: “In questa comunicazione della scuola io, e molti altri come me,  ho visto una perdita dei valori fondanti della famiglia, apparentemente si tratta di piccole cose che però alla  fine saranno fatte rientrare nella normalità, mentre invece normali non sono”. La  scuola risponde per voce del  vicepreside Giancarlo Brachetti: «Sono io l’autore della comunicazione. Non avrei mai immaginato di tirare su un simile vespaio, altrimenti avrei evitato. La mia invece è stata una scelta casuale: siccome, per accedere al registro online, i genitori devono compilare il modulo e inserire ognuno le proprie credenziali, ho semplicemente scritto 1 e 2. Ma non era mia intenzione fare una graduatoria tra uno e l’altro. Non c’è niente dietro. Figuriamoci poi se io sono un estremista politico o uno che attacca la famiglia tradizionale.  La mia storia parla per me. Non voglio altre polemiche».



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X