Smea-Cosmari: “Si riprenda il confronto per una soluzione ragionevole”

I consiglieri provinciali Pd Massimo Montesi (capogruppo) e Daniele Salvi riaprono il dibattito con una mozione sulla vertenza
- caricamento letture

xosmari smeaI Consigliere provinciali Pd Massimo Montesi (capogruppo) e Daniele Salvi riaprono il dibattito con una mozione sulla vertenza Smea-Cosmari: 

“Abbiamo depositato in Consiglio provinciale una mozione sulla vertenza Cosmari-Smea perché auspichiamo che si riprenda il confronto, si abbandonino le posizioni che hanno finora impedito l’accordo e si trovi un accordo ragionevole. Cogliere l’obiettivo di un sistema di smaltimento dei rifiuti veramente unitario, pubblico, omogeneo, trasparente ed efficiente è un obiettivo che non può essere sacrificato, senza tentare fino all’ultimo momento utile una soluzione onorevole.

Massimo Montesi (Pd)

Massimo Montesi (Pd)

Crediamo che, se una lunga trattativa è stata finora condotta, è stato perché c’erano ragioni valide e di merito, che vanno recuperate e fatte prevalere rispetto a quelle che hanno determinato l’attuale impasse. Dobbiamo fare tutti uno sforzo per cogliere gli obiettivi che la normativa regionale ci pone, per dare un servizio ai cittadini realizzando il miglior rapporto costi/benefici, per valorizzare i patrimoni industriali che nel tempo sono cresciuti e per costruire quella massa critica che consenta alla nostra provincia di essere punto di riferimento su scala regionale e interregionale, tra l’altro in un panorama dei servizi pubblici locali e a rete molto frammentato ed esposto a repentini cambiamenti normativi.

Consiglio Provinciale (18)

Al centro Daniele Salvi

Non vorremmo che, se dovessero nascere problemi circa l’affidamento in house providing del servizio o ingressi non ben calcolati di soggetti industriali esterni al territorio provinciale, si possa mettere a repentaglio quanto finora costruito. Ci auguriamo per questo che la mozione sia sostenuta da tutto il Consiglio provinciale e che si dia un mandato forte al Presidente della Provincia, in qualità di Presidente dell’ATA, per portare a soluzione, insieme ai Sindaci, una questione che avrebbe un importante significato politico per l’intera comunità provinciale.

Articoli correlati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X