Ciarapica e la questione ospedali:
«A Civitanova sarà potenziato,
vogliamo stesse attenzioni di Macerata»

SANITA' - Il sindaco dice di aver ricevuto rassicurazioni dall'assessore Saltamartini e dal governatore Acquaroli che la realizzazione del nuovo presidio nel capoluogo non declasserà il nosocomio cittadino. «Ci saranno più servizi e gli ultimi due piani saranno completati»
- caricamento letture
sindaco-fabrizio-ciarapica-civitanova-FDM-4-325x217

Il sindaco di Civitanova Fabrizio Ciarapica

 

di Laura Boccanera 

«L’assessore Filippo Saltamartini e il presidente Francesco Acquaroli mi hanno rassicurato sul potenziamento dell’ospedale di Civitanova, per cui per noi non cambia nulla, la mia posizione non sarà mai contro qualcuno, ma a difesa dell’ospedale cittadino che in questo anno ha dimostrato di essere capace di farsi carico di un lavoro incessante anche a vantaggio di tutta l’Area vasta 3». Il sindaco Fabrizio Ciarapica commenta così con Cronache Maceratesi il dibattito che si sta svolgendo fra il capoluogo e la Regione Marche sul nuovo ospedale di Macerata. La discussione, che affonda le radici in quel presidio unico previsto dal famoso decreto Balduzzi che riorganizzava i servizi sulla base dei bacini di utenza. Con un algoritmo venne individuata la sede alla Pieve di Macerata per la realizzazione di un unico nuovo ospedale di primo livello con il declassamento di Civitanova a “ospedale di base” ovvero una struttura con Pronto soccorso e reparti connessi come ortopedia, medicina e chirurgia, ma senza ad esempio ostetricia, pediatria, otorino, ematologia.

ospedale-pronto-soccorso-civitanova-FDM-3-650x454

L’ospedale di Civitanova

Una soluzione che aveva incontrato già anni fa una serie di opposizioni bipartisan con il Pd spaccato al suo interno nel maceratese. Se infatti da un lato la Regione voleva portare avanti la riorganizzazione, aveva lasciato ai territori con la conferenza dei sindaci la possibilità di scegliere l’ubicazione e i criteri da assegnare all’algoritmo. Quando questo, avendo incluso anche il territorio di Camerino che comunque avrebbe conservato l’ospedale in quanto area montana, ha dato come risultato che l’area baricentrica era maceratese, la politica si è spaccata con accuse reciproche e dichiarazioni spesso anche discordanti dalla sera alla mattina. In quell’occasione ad esempio il sindaco Fabrizio Ciarapica sostenne la scelta di ospedale unico parlando di “giorno felice“, ma a distanza di anni quella scelta è stata rivista e in un documento inviato alla Regione dai sindaci di Civitanova e Camerino proprio un anno fa, si chiedeva di rivedere quella riorganizzazione. Che oggi si ingarbuglia ancora di più con le ultime dichiarazioni definendo il nuovo ospedale di Macerata una struttura di “primo livello” come era nella denominazione originale del decreto Balduzzi. Ma il sindaco sul fronte civitanovese rassicura che questo non comporterà il declassamento di Civitanova: «ho sentito proprio questa mattina Saltamartini – commenta Ciarapica – e su questo fronte la mia posizione non sarà mai contro un territorio o contro qualcuno, ma rivendico per Civitanova le stesse attenzioni che avrà Macerata. La battaglia sull’ospedale unico provinciale era stata fatta da tutti, oggi si parla di ospedali di rete e una sanità spalmata sui territori per cui ho avuto rassicurazioni sul potenziamento dei servizi e delle strutture. Anche perché non va dimenticato che Civitanova si è fatta carico di un grosso fardello in questo anno, dimostra la propria centralità e potenzialità e questo lo rivendico. Abbiamo avuto rassicurazioni che l’ospedale non perderà pezzi e che anzi sarà potenziato con il famoso completamento dei due piani, ma anche con un potenziamento di servizi e risorse. E non ho motivo di dubitare delle parole del presidente regionale e dell’assessore alla sanità».

 

«Ospedale unico alla Pieve? Tutta la sanità va ridisegnata, ma prima pensiamo all’emergenza»

Ospedale unico, Ciarapica esulta: “Il presidio di Civitanova non si tocca”

Ospedale unico, grido d’allarme “Civitanova sarà declassata: il sindaco si svegli”

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X