Ospedale unico, l’Udc:
«Scelta della zona Pieve
da confermare e sostenere»

SANITA' - Gli esponenti del gruppo maceratese del partito: «Insisteremo e combatteremo perché il percorso, che oggi sta facendo tappa in Provincia per pareri necessari, possa proseguire»
- caricamento letture

 

caldarelli-foglia

Marco Caldarelli e Marco Foglia

 

«La scelta della zona Pieve per la realizzazione di un ospedale di primo livello è assolutamente da confermare e sostenere». Ad affermarlo il capogruppo dell’Udc in Consiglio comunale, Marco Foglia, il presidente del partito Paolo Cotognini e l’Assessore Marco Caldarelli. «L’individuazione dell’area e della destinazione è stata effettuata all’esito di un lungo percorso di studio e ampiamente concordata con una amplissima maggioranza dei sindaci di Area Vasta – sostengono in una nota gli esponenti del gruppo comunale Udc -. L’area è risultata baricentrica, demograficamente adatta e collegata adeguatamente alla rete stradale e la compresenza di due importanti ospedali di base, quello di Camerino-San Severino e quello di Civitanova, città assistita anche da una struttura privata di eccellenza come Villa dei Pini, oggi in prima linea nella lotta al Covid 19, rendono il progetto razionale, equilibrato e lungimirante. Questo tanto più oggi che è risultato chiaro che sciagure come quella del Coronavirus richiedono una risposta altamente qualificata, coerente e organizzata sul territorio, necessariamente guidata da strutture che abbiano la capacità di affrontare la sfida con specialistiche, posti letto e competenze che questa distribuzione territoriale dei presidi consentirebbe e faciliterebbe». Il gruppo comunale del partito sottolinea: «Parallelamente, i firmatari si impegnano a condurre in porto anche la realizzazione della bretella Campogiano-Mattei-la Pieve, che, nell’ottica di questa nuova visione urbanistico sanitaria, ha la necessaria funzione di canale di accesso alla struttura e alla città. Pertanto insisteremo e combatteremo in ogni sede opportuna, e anche in quelle meno opportune, perché il percorso, che oggi sta facendo tappa in Provincia per pareri necessari, possa proseguire, anche contrastando chi, per ragioni non comprensibili e difficilmente condivisibili anche dalla cittadinanza, sta cercando di rallentarlo e ostacolarlo. Macerata e l’intera Area Vasta hanno bisogno del sostegno di tutti e noi ci siamo».

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X