Pantana cala l’asso Antonio Tajani:
“Farò l’assessore a Macerata”

VERSO LE ELEZIONI - Il vice presidente della commissione europea per la terza volta in città a sostegno della candidata sindaco e degli aspiranti consiglieri regionali Cacciolari, Brini e Marangoni promette il suo impegno volontario nel reperimento dei fondi europei: "I progetti esistono ma gli imprenditori non sono informati. Ci siamo alleati con Spacca perché si è ribellato alla logica del Pd pesarese. Lega e Fdi sono alleati occulti del Pd"
- caricamento letture

 

Tajani Forza Italia Hotel Claudiani Pantana 3

Deborah Pantana con il vice presidente della commissione europea Antonio Tajani

 

di Claudio Ricci

«Farò l’assessore volontario alle Politiche Europee a Macerata per Deborah Pantana sindaco». Va oltre le aspettative la sponsorizzazione elettorale di Antonio Tajani. Il vice presidente della comissione europea torna in città per la terza volta durante la campagna che ha visto partire la candidata in anticipo sugli otto competitors già lo scorso agosto. La giornata maceratese di Tajani si apre con una messa nella chiesa dei Salesiani, poi il convegno all’Hotel Claudiani. Con lui oltre alla candidata sindaco anche il governatore uscente Gian Mario Spacca, il coordinatore regionale di Fi Remigio Ceroni, quello cittadino Riccardo Sacchi e i candidati azzurri al consiglio regionale Barbara Cacciolari, Ottavio Brini ed Enzo Marangoni. L’europarlamentare ha precisato i motivi dell’alleanza con il governatore uscente ex Pd:

spacca tajani

La stretta di mano tra Gian Mario Spacca e Antonio Tajani

«Ci uniamo a Spacca perché ha avuto il coraggio di ribellarsi alla logica burocartica del Pd pesarese proponendo un programma di conTenuti volto alla crescita dell’impresa che è quello di cui le Marche hanno bisogno. Ci siamo trovati anche nella costruzione di un’alternativa al Pd per le politiche del 2018 senza un “accordicchio” tra partiti fatto solo per ottenere più voti. Lo stesso Renzi parla di un sindacato unico. Una frase preoccuante che ricorda le logiche della vecchia unione sovietiche. In questa ottica lo stesso Bersluconi, che sarà nelle Marche la prossima settimana, ha fatto un passo indietro, rinunciando all’egoismo personale per creare qualcosa di nuovo. Il progetto che sta nascendo in questa regione è un progetto nazionale, per questo invito anche gli elttori della Lega e Fdi a credere in questa nuova prospettiva e al voto utile per noi».

Il vice presidente della commissione europea precisa poi gli obiettivi del suo eventuale incarico da assessore per Macerata: «Il mio lavoro da commissario europeo è stato sempre incentrato sul dare risposte agli imprenditori. Risorse per una progettualità seria e strutturata che duri nel tempo per poter dare prospettive ai loro figli. I progetti esistono già e sono Horizon 2020, Life, Cosme, Venture Capital. Tutto sta nell’informare gli imprenditori che non usano i fondi perché spesso non sanno dove attingere le notizie. Al proposito esiste ad esempio una piattaforma informativa come la European Enterprise Network».

Tajani Forza Italia Hotel Claudiani 6Il coordinatore regionale Ceroni cavalca l’entusiasmo elettorale trasmesso da Tajani per un ulteriore appello al voto: «L’opposizione del Pd nelle Marche ha raggiunto il 65%. Il problema è stato non aggregare tutte le opposizioni sotto un unico candidato come è successo a Macerata dove otto candidati sindaco sono schierati contro Carancini e non hanno trovato il minimo comun denominatore. Lega e Fdi sono alleati occulti del Pd perché lo aiutano indirettamente correndo da soli».

C’è spazio anche per i candidati al consiglio regionale. Enzo Marangoni punta sull’immigrazione, ricordando la manifestanzione in via Zorli con la Pantana. Ottavio Brini insiste su sanità e cultura che dice vanno sottolineati nell’ultimo periodo di campagna elettorale. Barbara Cacciolari, spinge invece sulla candidata cittadina: «Il programma è vincente perchè incentrato sulla persona. Sono convinta che Deborah possa essere il sindaco ideale per Macerata».

(foto di Andrea Petinari)

 

Tajani Forza Italia Hotel Claudiani 4

Ottavio Brini, Riccardo Sacchi e Remigio Ceroni

 

Tajani Forza Italia Hotel Claudiani 2

Barbara Cacciolari ed Enzo Marangoni

Tajani Forza Italia Hotel Claudiani 5

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =