“L’architetto Biagioli non brindava
alla fine dell’era Montali”

PORTO RECANATI - Luciano Pantanetti, legale del portavoce della Coneroblu, chiarisce che il suo cliente si trovava in piazza delle Rimembranze il giorno in cui è caduta la giunta comunale per un aperitivo di lavoro con un collega
- caricamento letture
L'avvocato Luciano Pantanetti

L’avvocato Luciano Pantanetti

L’architetto Giancarlo Biagioli non era in piazza delle Rimembranze per brindare alla caduta della giunta Montali, ma si trovava lì per lavoro. E’ quanto precisa il professionista attraverso il suo legale, l’avvocato Luciano Pantanetti, in merito all’articolo sulla fine dell’amministrazione di Porto Recanati (leggi l’articolo). Il legale, in merito al contenuto dell’articolo, nel passaggio in cui si cita la presenza dell’architetto Biagioli, portavoce della Coneroblu srl, in piazza delle Rimembranze chiarisce: «Diversamente da come si vuol far credere non era in piazza a brindare un evento così sciagurato per la città di Porto Recanati; nell’occasione specifica si trovava in compagnia di un collega, in un bar che frequenta soventemente, per questioni squisitamente professionali e non aveva nulla a che fare con l’assembramento avvenuto in piazza delle Rimembranze». Il legale prende inoltre le distanze dal messaggio mediatico che a suo parere sarebbe stato fatto passare con l’articolo «che l’accadimento politico potesse essere, in qualche modo, ascritto a responsabilità di persone e società che non avevano, invece, nulla a che fare con tutto ciò». E ribadisce che «la presenza del mio cliente in un bar nelle vicinanze del comune di Porto Recanati era del tutto casuale, riguardava esclusivamente una questione di lavoro e non può in nessun modo essere scambiata come una interferenza nella fine di una amministrazione. La presenza di un professionista in un bar, intento a bere un aperitivo con un collega per questioni di lavoro che annovera tra i suo i clienti una società che ha visto bocciarsi una precedente variante urbanistica e che legittimamente decide di ricorrere davanti al Tar non può diventare sinonimo di presenza incongrua in una piazza dove stava avvenendo un fatto legato alla sfera della politica del paese».

Foto di gruppo del sindaco Sabrina Montali, al centro, con, da sinistra, Giuliano Paccamiccio, Lorenzo Riccetti, Loredana Zoppi e Alessandro Palestrini

IL GIORNO DELLA SFIDUCIA – Foto di gruppo del sindaco Sabrina Montali, al centro, con, da sinistra, Giuliano Paccamiccio, Lorenzo Riccetti, Loredana Zoppi e Alessandro Palestrini



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X