Finalmente il Codice della ricostruzione:
regole chiare e uguali per tutti
«Una riforma dalla portata storica»

SISMA - Il Consiglio dei ministri ha dato il via libera al progetto di legge a cui hanno contribuito il commissario Giovanni Legnini il capo dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, e il capo dipartimento Casa Italia, Elisa Grande
- caricamento letture

Legnini_Ricostruzione_FF-21-650x434

Giovanni Legnini

 

Codice della ricostruzione, l’aveva chiesto Giovanni Legnini come soluzioni per una gestione con le stesse regole. Oggi il via libera dal Consiglio dei ministri al disegno di legge delega per l’adozione di un “Codice della ricostruzione” che dovrebbe mettere fine ai tanti problemi che sorgono dopo un terremoto nella fase che deve portare a ridare una casa a chi l’ha perduta. Nelle Marche, dopo i terremoti del 2016, questo passaggio ha portato a perdere molti anni.

«Una riforma di portata storica, che punta a definire un quadro normativo uniforme per le attività di ricostruzione post sisma, con l’attuazione di un modello che garantisca certezza, stabilità e velocità di questi processi, e che al tempo stesso assicuri una ripresa delle attività economiche e sociali nei territori colpiti» hanno sottolineato il commissario straordinario per la ricostruzione 2016, Giovanni Legnini, il capo dipartimento della Protezione civile, Fabrizio Curcio, il capo dipartimento Casa Italia, Elisa Grande, che hanno contribuito alla stesura del testo. Il codice della ricostruzione punta a definire regole uniche, certe e che consentano di muoversi più velocemente. Oggi in Italia sono in corso almeno sette ricostruzioni post sisma, ciascuna con le sue regole, le sue procedure, un proprio modello di gestione.

pieve-torina-villaggio-container-curcio

Fabrizio Curcio

Il “Codice” nasce proprio per superare questa frammentazione, che genera confusione normativa e diseguaglianze nei diritti riconosciuti ai cittadini colpiti dalle catastrofi naturali. La delega propone la creazione di uno specifico Dipartimento delegato alle ricostruzioni nell’ambito della Presidenza del Consiglio, in coordinamento con il Dipartimento della Protezione Civile, con possibilità di nomina di Commissari straordinari per le ricostruzioni più complesse, e l’introduzione di uno “stato di ricostruzione”, distinto e susseguente allo “stato di emergenza”. Sarà possibile in sostanza realizzare quel passaggio coordinato tra prima assistenza alla popolazione e gestione dello stato di emergenza, affidati al sistema di Protezione Civile, e la successiva fase di ricostruzione. Si introducono, inoltre, alcuni principi nuovi ed importanti. Innanzitutto, quello che i processi di ricostruzione non si limitino alla riparazione materiale dei danni, ma assicurino ai territori colpiti anche il recupero del tessuto socioeconomico. Si prevede in caso di danni molto elevati e di situazioni complesse, si possa attuare una ricostruzione pubblica dei centri urbani e storici dei comuni più colpiti attraverso progetti unitari. Per il rifacimento delle opere pubbliche si prevedono anche semplificazioni e meccanismi di accelerazione, come l’obbligo di utilizzare centrali uniche di committenza. Inoltre per la prima volta si apre alla possibilità di introduzione di polizze assicurative private per il ristoro dei danni da sisma.

«Tutto il Servizio Nazionale della Protezione Civile darà il suo contributo di esperienza al grande cantiere normativo che prenderà il via grazie alla legge delega approvata oggi dal Consiglio dei ministri. È un risultato particolarmente importante perché da tempo sentivamo l’esigenza di armonizzare, in caso di grandi terremoti, il superamento dell’emergenza e la fase di ricostruzione. La scelta del Governo consente di avviare questo percorso che garantirà ai cittadini non solo una pronta risposta all’emergenza ma anche uniformità di trattamento su tutto il territorio nazionale» ha detto il capo dipartimento della Protezione Civile, Fabrizio Curcio. «Si tratta di una proposta virtuosa, resa possibile dalla collaborazione e dalla condivisione delle esperienze di tutti. L’idea di fondo è quella di assicurare una policy stabile della ricostruzione e messa in sicurezza del territorio, ispirata ai principi di semplificazione, accelerazione dei tempi e dello sviluppo. Un modo per individuare un’ordinarietà nella straordinarietà dell’emergenza ricostruzione perché, come suggerito dalla Corte dei Conti, anche nella fase successiva all’emergenza è necessaria una regolamentazione che individui modelli organizzativi e procedurali idonei a dare certezza e a ridurre i tempi della ricostruzione» ha detto il capo del Dipartimento Casa Italia, Elisa Grande.

«Ringrazio il Governo per l’approvazione del disegno di legge delega che potrà finalmente essere sottoposto all’esame del Parlamento, dove pende già il disegno di legge dell’onorevole Pezzopane. Mi auguro che si proceda celermente con l’approvazione del testo, in tempo utile per il varo del Codice entro la Legislatura, una riforma che potrà finalmente dare certezze ai cittadini, alle imprese e agli enti locali dei territori colpiti dai terremoti, così superando le lungaggini e le incertezze che hanno da sempre caratterizzato l’avvio dei processi di ricostruzione» ha concluso il commissario Giovanni Legnini.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =