Caserma carabinieri di Camerino,
la Provincia dà un palazzo:
concesso in comodato gratuito

SISMA - La decisione dell'ente dopo un sopralluogo a marzo. Palazzo Sant'Angelo si trova nella ex zona rossa e non ha subito danni con il terremoto
- caricamento letture

 

terremoto_26ottobre_caserma_carabinieri_camerino-650x492

La caserma di Camerino danneggiata dal sisma

 

Svolta per la Caserma dei carabinieri di Camerino: la Provincia ha concesso in comodato gratuito palazzo Sant’Angelo. È dal 2016 che la Compagnia si trova nei container. Ora la Provincia ha deciso di concedere gratuitamente un palazzo. La decisione è avvenuta dopo il buon esito di una ricognizione preventiva effettuata il 25 marzo scorso dal presidente della Provincia Antonio Pettinari, insieme al comandante provinciale dei carabinieri di Macerata, il colonnello Nicola Candido, con il comandante della Compagnia dei carabinieri di Camerino, il capitano Roberto Nicola Cara, il dirigente della Provincia, Luca Fraticelli, e a cui ha partecipato anche il sindaco Sandro Sborgia. In seguito a questo sopralluogo, Il Comando provinciale dei carabinieri ha fatto pervenire all’Amministrazione provinciale una richiesta ufficiale di concessione in uso di Palazzo Sant’Angelo, da utilizzare come sua sede temporanea per il tempo necessario alla realizzazione della nuova caserma.

Provincia_Pettinari_SgomberoNeve_FF-7-650x433

Il presidente Antonio Pettinari

Pettinari ha accolto immediatamente tale richiesta. «Con spirito collaborativo e come contributo di questa Provincia nel perseguimento del condiviso obiettivo al miglioramento lavorativo dell’Arma – ha detto il presidente – per il cui servizio esprimo un sincero apprezzamento, la messa a disposizione di Palazzo Sant’Angelo sarà in comodato d’uso gratuito, considerato anche il notevole interesse pubblico e valore della presenza dei carabinieri sul territorio. Un risultato frutto di un lavoro condiviso tra i soggetti interessati e il prefetto Flavio Ferdani che ha dato il primo input». Lo stabile, di proprietà dell’ente, eccetto il piano seminterrato che appartiene al comune di Camerino e che in passato era stato utilizzato dal mercato delle erbe, si trova in centro storico e non era stato danneggiato dal terremoto del 2016. Trovandosi all’interno della zona rossa, purtroppo, per questi anni, non è stato possibile utilizzarlo. Il sopralluogo ha evidenziato l’ottimo stato di manutenzione dell’immobile che permette in questa maniera di utilizzare fin da subito i locali. L’unico intervento che sarà eseguito riguarda una parete esterna che non era stata oggetto di manutenzione straordinaria in precedenza. Su Palazzo Sant’Angelo, comunque, negli ultimi 4 anni la Provincia è intervenuta per la messa in sicurezza della torretta e per i lavori di manutenzione straordinaria per l’impermeabilizzazione al fine di eliminare infiltrazioni d’acqua. «In attesa della formalizzazione degli atti amministrativi necessari al perfezionamento del comodato d’uso – prosegue Pettinari – per porre fine a questa situazione di grave criticità logistica in cui, da oltre 4 anni, è costretta a vivere e a operare la Compagnia di Camerino, ad oggi ancora alloggiata nei container, l’amministrazione si rende disponibile ad effettuare fin da subito la consegna del proprio edificio. In questo modo si consente una migliore e adeguata collocazione al presidio militare camerte, che potrà beneficiare di condizioni lavorative migliori allo svolgimento dei relativi compiti in materia di sicurezza pubblica, a vantaggio di tutta la comunità locale, per il presidio capillare di questo territorio duramente colpito dal sisma».

 

Gentilucci sulla nuova caserma: «A Macerata lo Stato regala, a Camerino scarica sulla comunità»

Il generale Luzi a Camerino: «E’ ora di fare la caserma, nei container si lavora male»

Nuova caserma in stallo, il Comune pronto a cambiare location

Associazione “sfrattata” dall’area verde: «Deve aprire il cantiere della Curia»

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X