Contributi una tantum per le imprese
Cna: «Tremila euro ai ristoranti,
1.500 a estetiste, parrucchieri e tatuatori»

FONDI - Il direttore Cna Macerata Luciano Ramadori plaude all’iniziativa della Regione: «Secondo le ipotesi che circolano, ci saranno importi diversi a seconda della categoria. Giovedì 18 la delibera dovrebbe essere approvata, daremo illustrazione dei contenuti nel corso di un incontro in streaming in programma per le 17,30»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

luciano-ramadori-direttore-cna

Luciano Ramadori, direttore Cna

 

«Gli uffici di Palazzo Raffaello stanno lavorando in questi giorni alla bozza di delibera che prevede la concessione di contributi a fondo perduto a titolo di indennità una tantum per le imprese marchigiane costrette alla chiusura durante il periodo di lockdown». Il direttore Cna Macerata Luciano Ramadori plaude all’iniziativa regionale. «Queste misure urgenti per il sostegno alle attività produttive serviranno ad attenuare le difficoltà economiche determinate dall’emergenza epidemiologica. La Regione ci ha promesso che non saranno assegnati tramite bandi, con tutte le lungaggini che questi comportano dalla loro pubblicazione alla liquidazione del contributo, ma che saranno messe direttamente a disposizione delle imprese beneficiarie – sottolinea -. Al momento nulla è ancora deciso e sono in circolazione solo versioni in bozza ma gli uffici Cna si stanno già attrezzando per far fronte alla prevedibile ondata di richieste. Come associazione preferiamo sempre attendere l’ufficialità e l’approvazione del documento completo per non creare false aspettative e magari delusioni per le solite modifiche dell’ultimo minuto che potrebbero escludere intere categorie di beneficiari». Con tutte le cautele del caso, il direttore Ramadori anticipa le diverse entità dei contributi: «Ad oggi, secondo le ipotesi che circolano, i contributi prevedono importi diversi a seconda della categoria. Alle imprese della ristorazione spetterebbero 3mila euro, a bar, parrucchieri, estetiste, tatuatori 1.500 euro; alle attività commerciali e artigianali mille euro». I contributi, così distribuiti, interesseranno quasi 25mila imprese in tutta la regione e più di 5mila nella nostra provincia, per complessivi 36 milioni e mezzo di euro. Giovedì 18 giugno – continua il direttore Cna – la delibera dovrebbe essere approvata e daremo prontamente illustrazione dei contenuti nel corso di un incontro pubblico in streaming già in programma per le 17,30. Oltre a queste Misure della Regione Marche, parleremo insieme ai nostri esperti degli altri contributi a fondo perduto già disponibili per imprese e cittadini. Consigliamo di seguire il nostro sito www.mc.cna.it e la nostra pagina Facebook per restare informati su tutte le opportunità che in questi giorni stanno uscendo. È possibile inoltre prenotare fin da ora un appuntamento preliminare senza impegno, per valutare la partecipazione ai diversi bandi e le richieste di contributo, scrivendo una mail all’indirizzo info@mc.cna.it

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X