Il decalogo del “bonus pubblicità”

LA PAROLA ALL'ESPERTO - Gli aspetti essenziali da conoscere per beneficiare di questa agevolazione per il 2020
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

Francesco Cittadini

 

di Francesco Cittadini*

Più modifiche che anni di vita! DL 50/2017, Legge 96/2017, DL 148/2017, Legge 172/2017, DPCM 90/2018, Legge 81/2019, DL 18/2020, Legge 27/2020, DL 34/2020, interpelli e provvedimenti vari. Non possiamo dire che il Bonus Pubblicità faccia annoiare, segno piccolo ma evidente di quanto sia ormai necessario mettere mano a un riordino complessivo delle norme in materia fiscale.

La rete è piena di articoli su questa agevolazione per il mondo editoriale ma non sempre vengono considerati tutti i dettagli. Proviamo in questa sede a stilare un utile decalogo, senza perderci in commi e articoli, con gli aspetti essenziali da conoscere per beneficiare di questa agevolazione per il 2020.

1) Chi
Possono godere di questa agevolazione imprese, indipendentemente dalla loro natura giuridica, dalla dimensione aziendale e dal regime contabile adottato, lavoratori autonomi ed enti non commerciali.

2) Cosa
Sono agevolati gli acquisti di spazi pubblicitari e inserzioni commerciali:
– su giornali quotidiani e periodici – pubblicati in edizione cartacea o editi in formato digitale – con testata registrata presso il competente Tribunale, con tanto di direttore responsabile, ovvero registrata presso il Registro degli operatori di comunicazione;
– sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali, iscritte presso il Registro degli operatori di comunicazione.

3) Quanto
Per il periodo d’imposta 2020 il credito è concesso nella misura del 50% sul valore degli investimenti effettuati.

4) Incrementi non necessari
Per il 2020 non è necessario investire più di quanto fatto nel 2019, come invece previsto nelle formulazioni originarie le quali consideravano solo gli “incrementi” rispetto all’anno precedente.
Questo significa che, limitatamente all’anno 2020, possono accedere all’agevolazione anche i soggetti che programmano investimenti inferiori rispetto a quelli effettuati nel 2019, i soggetti che nell’anno 2019 non hanno effettuato investimenti pubblicitari ed infine i soggetti che hanno iniziato la loro attività nel corso dell’anno 2020.

5) Quando
La richiesta di accesso al bonus pubblicità 2020 deve avvenire attraverso l’invio di una comunicazione telematica entro la nuova finestra temporale prevista dal 1° al 30 settembre 2020, con la quale i soggetti interessati devono trasmettere i dati relativi agli investimenti effettuati e da effettuare comunque entro il 2020.

6) Come
Il credito d’imposta concesso potrà essere utilizzato esclusivamente in compensazione – attraverso il modello F24 – dopo la pubblicazione del provvedimento che comunica l’ammontare spettante e dopo la realizzazione dell’investimento.

7) L’edizione digitale
Per edizione in formato digitale si intende la testata arricchita da elementi multimediali e supportata da funzionalità tecnologiche che ne consentono una lettura dinamica, fruibile mediante portali e applicazioni indipendenti o comuni a più editori attraverso sito internet collegato alla testata e dotato di un sistema che consenta l’inserimento di commenti da parte del pubblico, nonché di funzionalità per l’accessibilità alle informazioni sul sito da parte delle persone con disabilità.

8) I requisiti del digitale
I contenuti della testata devono comprendere materiale di informazione originale pari ad almeno il 50 per cento dei contenuti informativi pubblicati, che costituiscano almeno il 50 per cento dei contenuti globali del sito, per un minimo giornaliero di:
a) venti articoli o contenuti multimediali originali, aggiornati con una frequenza minima pari a tre volte al giorno, per le testate quotidiane;
b) venti articoli o contenuti multimediali originali, aggiornati con una frequenza minima pari a quattro volte a settimana, per le testate periodiche.
In caso di edizione esclusivamente in formato digitale, i contenuti informativi devono essere fruibili in tutto o in parte a titolo oneroso. In caso di edizione in formato digitale in parallelo con l’edizione su carta, la fruibilità può essere consentita anche integralmente a titolo gratuito.

9) Trattamento fiscale
Il credito d’imposta concorre alla formazione della base imponibile. E’ quindi oggetto di tassazione ai fini delle imposte sul reddito e sulle attività produttive. ll credito d’imposta è alternativo e non cumulabile, in relazione a medesime voci di spesa, con ogni altra agevolazione, salvo specifica previsione.

10) Fondi disponibili
Le risorse stanziate dal governo sono di 40 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sui giornali quotidiani e periodici, anche online, e di 20 milioni di euro per gli investimenti pubblicitari effettuati sulle emittenti televisive e radiofoniche locali, analogiche o digitali.

*Francesco Cittadini – Dottore Commercialista – Tartuferi & Associati

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X