facebook twitter rss

I sei problemi della Maceratese
che Nocera deve risolvere

SOMMA ALGEBRICA - Carenza numerica di difensori, un portiere che alterna miracoli a macroscopici errori, evanescenza in mezzo al campo, scarsa condizione atletica, attaccanti più di fama che di reale consistenza, poca personalità: il nuovo tecnico deve trovare la soluzione alle difficoltà palesate nel ko di Treia
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
12 Condivisioni

 

Enrico Maria Scattolini

 

di Enrico Maria Scattolini

COMUNALE DI TREIA. Dal primo minuto del derby con l’Aurora, la Maceratese schiera i tre seguenti attaccanti: Castellano, Papa, Gabaldi.

DALL’INIZIO DELLA RIPRESA, Adami subentra a Papa.

DAL 20’, Chornopyschuk prende il posto di Gabaldi.

MI CHIEDO: quant’altre squadre del terzo campionato regionale hanno attaccanti simili?

COM’E’ POSSIBILE ALLORA che il bilancio di questi celebrati goleadors sia stato di zero tiri in porta? (-).O giù di lì.

PER DI PIU’ CONTRO UNA DELLE DIFESE (-) più vulnerate del girone.

Un’azione del match Aurora Treia – Maceratese

SCADIMENTO DI FORMA, giornata storta, buona organizzazione della retroguardia avversaria nella circostanza. Ci può stare tutto quello che volete (-).

PERO’ SOLO COME COROLLARIO di quella che, a mio parere, deve essere considerata la causa fondamentale (—) di questa situazione, al limite del surreale.

LA MANCANZA DI UN CENTROCAMPO PROPOSITIVO (—), capace cioè di attivare la delicata transizione della manovra. Cioè il passaggio da una fase all’altra del gioco.

NON PUO’ ASSICURARLA PERFETTI, fondamentale ultimo acquisto. Per altro bravissimo nella sua specialità d’incontrista (+).

NE’ POTREBBE RIUSCIRVI (-) nessun altro biancorosso attualmente a disposizione di Nocera.

O ANCOR PRIMA DI MARINELLI, post mercato di riparazione(-).

NEL CORSO DEL QUALE è stato incredibilmente (—) sacrificato Jachetta, l’unico giocatore che aveva questa attitudine. Più volte dimostrata nel corso della sua carriera ed insistentemente anche nella breve parentesi maceratese.

La squadra ha rapporto dai tifosi a fine gara

QUALCUNO – non un tecnico, da quel che ha dichiarato Marinelli durante la sua egocentrica conferenza stampa della scorsa settimana – ha però assunto la decisione(-).

MUTILANDO gravemente la squadra, come si è visto, e…patito (—), a Treia.

LA CUI LINEA DI PUNTA, non ossigenata a dovere (-), rivela un Castellano evanescente ai margini del campo, quasi mai capace di creare superiorità numerica; un Adami incastonato sulla sua mattonella di pertinenza, sino ad ora rammentabile soltanto per l’acrobazia, fallita per un pelo, di domenica l’altra all’Helvia Recina contro il Centobuchi; un Papa puntualmente bloccato nelle sue capacità di corsa tra i due centrali difensivi avversari; ed un Gabaldi, sicuramente il migliore ma certamente discontinuo.

INGIUDICABILE CHORNOPYSCHUK, al suo rientro dopo la lunga assenza per l’infortunio di Monticelli.

COMUNQUE CAPACE (+) di una spettacolare conclusione che, a metà della ripresa, per un attimo ha illuso del pareggio i tifosi biancorossi.

INFREDDOLITI SOTTO LA PIOGGIA in un impianto incredibilmente senza tribuna coperta (-),
al pari di noi cronisti comunque gratificati – grazie al prezioso interessamento del presidente dell’Aurora – da una sistemazione d’emergenza nel rimorchio di un autotreno piazzato in parallelo al campo.

Francesco Nocera

BLOCCATO ANCHE IL DESIDERIO DI NOCERA di festeggiare, con il successo, il suo terzo ritorno in biancorosso (+).

HA AZZARDATO PERFETTI (AL 30 %) E CHORNOPYSCHUK nel secondo tempo (+); ha incoraggiato, urlato e gesticolato davanti panchina sino all’ammonizione.

CHE L’HA INDOTTO ALLA CALMA, ma non certo alla rassegnazione (+). Non sarebbe da lui.

ED ANCHE ALLA RIFLESSIONE intorno alle difficoltà (-) dell’incarico che ha assunto, sulla documentazione di quanto osservato on line riguardo alle problematiche di una Rata che ha:

– Carenza numerica di difensori (sarebbe comunque in prova un “centrale”);
– Un portierino che alterna miracoli a macroscopici errori a seconda delle traiettorie del pallone
– Evanescenza in mezzo al campo;
– Condizione atletica moscia;
– Attaccanti più di fama che di reale consistenza.
– Scarsa personalità..
– Play off a rischio.

CON LE RELATIVE SOLUZIONI (+), mi auguro.

MA OGNUNO SI DEVE LIMITARE a fare il proprio mestiere!

Harakiri Rata, Nocera parte male: sconfitta a Treia e contestazioni



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X