Uragano Spagna,
Maceratese spazzata via

PROMOZIONE - Il Loreto vince 3-0 grazie alla tripletta dell'attaccante. Biancorossi mai veramente pericolosi e agganciati in classifica dalla Civitanovese
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

loreto-maceratese-2-650x488

Un’azione di gioco

 

di Lorenzo Agostinelli

Partita perfetta degli uomini di mister Moriconi che asfaltano una Maceratese spuntata e senza idee. Il protagonista del match è Stefano Spagna, che sigla una tripletta personale e finalizza sempre le azioni della propria squadra. Maceratese che, colpita a freddo, stenta a trovare gli spazi per concludere a rete se non da calci piazzati. Il primo tiro, su azione, verso la porta di Pedol, arriva soltanto intorno all’ottantesimo: troppo poco che intimorire il muro eretto da Monteneri e compagni. Con questa vittoria il Loreto si porta al terzo posto, mentre la Maceratese si fa agganciare dalla Civitanovese in seconda posizione (32 punti). Gli ospiti invece, con la sconfitta di oggi, perdono la scia dell’Atletico Ascoli e devono iniziare a guardarsi le spalle dalle due inseguitrici dirette.

SPAGNA-STEFANO

Spagna col pallone della partita dopo la tripletta

La cronaca. Le due squadre scendono in campo senza paura e si affrontano a viso aperto su un campo reso viscido ed inzuppato dalla pioggia. Intorno al 10′ Monteneri rinvia il pallone dalla difesa, alzando un campanile, che va a rimbalzare al limite dell’area ospite: il rimbalzo trae in inganno Giustozzi che si fa scavalcare e sulla sfera si avventa rapace Spagna che sigla l’1 a 0 per i padroni di casa. Primo squillo biancorosso intorno al ventesimo sugli sviluppi di un corner, Perfetti cerca il tiro al volo ma la palla si perde alta. Sull’azione successiva è di nuovo Spagna a tentare la conclusione dal limite, senza però inquadrare la porta. Alla mezz’ora esatta la Maceratese ha una grande occasione da corner. La sfera termina tra i piedi di Calamita che, tutto solo, calcia da dentro l’area: bravo e fortunato Pedol a fermare la sfera con il polpaccio proprio sulla linea di porta. Poco dopo è Massei a seminare il panico tra le linee nemiche e a mettere una gran palla tesa sul primo palo, sfortunato Spagna che viene anticipato di un niente. Allo scadere del primo tempo arriva il gol del raddoppio lauretano. Al termine di una bella azione corale Spagna calcia forte del limite e Giustozzi commette un altro errore facendosi ingannare dalla palla che gli rimbalza proprio davanti: 2 a 0 per i padroni di casa che vanno a riposo meritatamente in vantaggio.

maceratese-loreto2-325x325Cambia la musica nel secondo tempo, con la Maceratese uscita più convinta dagli spogliatoi. Intorno al decimo del secondo tempo Pedol devia in angolo una violenta punizione di Gabaldi; sugli sviluppi dello stesso Canavessio incorna la palla tutto solo al centro dell’area senza però trovare lo specchio della porta. Al quarto d’ora della ripresa un tarantolato Spagna porta a spasso due uomini sul lato destro del campo per poi mettere al centro con forza, ma non trova nessun compagno pronto a ribadire in rete. Escono, nel giro di dieci minuti, per infortunio Monteneri e Iommi costringendo mister Moriconi a ridisegnare la retroguardia, ora gli ospiti sembrano aver trovato più spazzi per le loro offensive. Intorno alla mezz’ora Castellano sfida il subentrato Ciminari sul lato sinistro del campo e convergendo riesce a trovare spazio per il tiro, che sfiora soltanto l’incrocio dei pali. Poco dopo è ancora Gabaldi, dalla stessa mattonella, a calciare verso lo specchio senza creare troppi problemi a Pedol. Intorno al quarantesimo Bigoni inzucca da corner, Giustozzi, ancora indeciso, non trattiene la sfera servendo a Moriconi la palla, facile, del 3 a 0. Fortunatamente per lui il numero 8 gialloverde non inquadra la porta ed il suo tiro di testa si perde a lato. Poco dopo il quarantesimo un altra punizione, stavolta dalla destra, di Castellano trova Adami in area, il numero 9 biancorosso tenta di deviare la sfera di tacco che finisce, però, tra le braccia di Pedol. Sul ribaltamento di fronte Petrini semina due avversari, entra in area e serve Spagna, dimenticato da tutti, che segna il facile tap in per il 3 a 0 finale. Ultimo squillo al quarantanovesimo con Papa che, calciando da fuori, trova un attentissimo Pedol.
Termina 3 a 0 in favore dei lauretani un match frizzante e pieno di emozioni. Granitica la retroguardia del Loreto, che non si è mai fatta trovare impreparata, capace di arginare ogni iniziativa ospite e ripartire grazie ad un grande lavoro, anche in fase difensiva, del bomber Spagna. Una Maceratese spenta ci prova fino alla fine senza riuscire però a sfondare, pesano due errori del giovane portiere biancorosso anche se ad essere stata assente è stata tutta la squadra.

Il tabellino

LORETO (4-4-2): Pedol 6.5; Bigoni 6, Monteneri 6.5 (10 s.t. Ciminari 6.5), Camilletti 6.5, Iommi 6 (21’ s.t. Scalella 6); Moriconi 7, Alessandrini 7, Massei 6.5, Stebner 6; Petrini 7, Spagna 8. A disp.: Fabiani, Ciminari, Scalella, Santoro, Galvani, Palazzo, Picciafuoco, Garbuglia, Prisciandaro. All.: F. Moriconi.

MACERATESE (4-3-3): Giustozzi 4; Calamita 5 (7’ s.t. Papa 5.5), Bugiapaglia 5.5, Canavessio 5.5, Brack 5; Perfetti 6, Gabaldi 6, Campana 5; Adami 5, Castellano 5.5, Massini 5 (28’ s.t. Bernacchini 5.5). A disp.: Gentili, Simoncini, Shoshaj, Bernacchini, Ghannaoui, Messi, Morbidelli, Postacchini, Papa. All.: D. Marinelli .

TERNA ARBITRALE: Ferretti di Jesi (Cantalamessa di San Benedetto e Baldisserri di Pesaro).

RETI: 12’ p.t., 45’ p.t. e 44’ s.t. Spagna.

NOTE: Spettatori: 200 circa. Ammoniti: Bigoni, Perfetti, Petrini, Calamita, Marinelli (dalla panchina), Massei, Moriconi. Corner: 6 – 3 . Recupero: 6’ ( 2’ + 4’ ).



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X