La Maceratese domenica a Camerano,
Lorenzo Perfetti è già pronto:
«Qui per scrivere un altro pezzo di storia»

PROMOZIONE - Il centrocampista, uno degli "Invicibili" di Magi, verso la prima da titolare: «Questo spogliatoio mi ricorda quello del 2014/2015». La sfida in casa dell'ex Moriconi segnata da un'infinita serie di cambi del campo da gioco
- caricamento letture
Maceratese_Civitanova_FF-52-650x433

La festa dopo la vittoria nel derby contro la Civitanovese di domenica scorsa

 

di Mauro Giustozzi

Il giallo del campo di gioco ed una Maceratese con tanti volti nuovi quella che domenica alle 14,30 scenderà sul terreno del ‘Montenovo’ di Camerano dove è stata definitivamente spostata, dopo una serie infinita di cambiamenti nell’arco di poche ore, la sfida contro il Loreto dell’ex mister Moriconi per l’ultima partita del 2019. Sì, perché oltre a Lorenzo Perfetti in biancorosso approda anche il classe 2002 Matteo Bernacchini, ex mediano di Jesina e Tolentino: per entrambi si profila un debutto immediato anche alla luce delle assenze degli squalificati Rapagnani e Mariani a cui si aggiunge un Brugiapaglia non al meglio che accusa acciacchi al ginocchio che si sono accentuati in settimana e che quindi dovrebbe partire dalla panchina.

Lorenzo-Perfetti-e1574948992894

Lorenzo Perfetti

IL RITORNO – I due ultimi acquisti arrivano dalla serie D e su di loro la società e la tifoseria ripongono tante speranze per poter vincere questo campionato, anche se al momento a fare la voce grossa resta l’Atletico Ascoli, capolista e già campione d’inverno, la squadra da battere. «Nel momento che ho deciso di andare via dalla Sangiustese –afferma Lorenzo Perfetti- la mia priorità era quella di scegliere un progetto valido, non mi interessava la categoria. Per cui ben venga il salto all’indietro anche perché fare la Promozione a Macerata ha un valore diverso rispetto ad altre piazze. Diciamo pure che è stata anche una scelta dettata dal cuore e dal fatto che con questa maglia ho trascorsi i momenti più belli della mia carriera. Anche se mi resta il rammarico che dopo aver vinto quel campionato con Magi, quello degli Invincibili, l’anno dopo non sono approdato al professionismo: un peccato perché sono certo che quella Maceratese, con qualche innesto di categoria, anche in serie C avrebbe potuto fare la sua bella figura e chissà dove saremmo potuti arrivare». Nel suo profilo Facebook nel momento dell’ufficializzazione del trasferimento alla Rata ha postato la frase “voglio scrivere un altro pezzo di storia”. «Si perché credo che il primo pezzo di storia l’ho contribuito a scrivere nell’anno di mister Magi –prosegue Perfetti- ed ora mi piacerebbe essere protagonista di un’altra stagione di successi.

Perfetti-2-650x478

Lorenzo Perfetti ai tempi degli “Invincibili”

Tra i primi a farmi gli auguri per questa nuova vita calcistica ci sono stati alcuni compagni dell’epoca come Croce, Ferri Marini, Alex Marini, Garaffoni con i quali sono rimasto in contatto. Devo anche dire che, seppur da poco sono entrato in questo spogliatoio, per alcuni versi mi ricorda quello del 2014/15: allora forse non eravamo la squadra più forte del campionato ma quel gruppo fece la differenza. La stessa unità, il legame, la coesione che ho avuto modo di percepire nell’attuale Maceratese assomiglia molto a quello di allora. E spero che il finale sia lo stesso».  Da lui soprattutto tifosi e società si attendono il salto di qualità per poter vincere il campionato ed approdare in Eccellenza. «E’ normale che sia così e so benissimo cosa la piazza si attende da me –prosegue il centrocampista di Corridonia-. Da parte mia darò il massimo per questa maglia, con la massima professionalità, cosa che i tifosi che mi conoscono sanno bene. Fisicamente sto bene, anche se mi serve almeno una partita per riprendere il ritmo gara visto che negli ultimi giorni mi sono allenato poco. Ci attende subito una sfida delicata contro il Loreto che mi dicono sia una buonissima squadra. Guardando al proseguo del campionato secondo me non dobbiamo assillarci con il pensiero di raggiungere il primo posto: il nostro obiettivo deve essere quello di affrontare e cercare di vincere una partita alla volta senza fare tabelle. So che nel girone di ritorno avremo gli scontri diretti in trasferta ma questo non ci deve spaventare. Se poi chi sta davanti saprà fare meglio di noi vincendo sempre allora dovremo solo fargli i complimenti».

Maceratese_Civitanova_FF-54-650x433

Mister Marinelli

IL GIALLO DEL CAMPO – Caos invece attorno alla sede dove si giocherà la partita che è stata peraltro anche spostata di giorno, slittato alla domenica rispetto al consueto sabato in cui il Loreto scende in campo in casa. Già ad inizio settimana si era sparsa la voce di un possibile spostamento della gara perché l’impianto di Villa Musone non sarebbe stato in grado di poter ospitare la tifoseria biancorossa: una tribuna piccola, delle dimensioni di quella del campo di calcio di Villa Potenza, senza tribuna coperta, per cui la società del presidente Capodaglio si era già mossa per spostare la partita negli impianti di Recanati o di Porto Recanati decisamente più adatti. Anche per accogliere la richiesta della tifoseria della Rata che, sulle ali dell’entusiasmo della vittoria nel derby e degli ultimi pirotecnici colpi di mercato del presidente Crocioni, sicuramente si sposterà in massa per sostenere la squadra e quindi Villa Musone non sarebbe stato impianto adatto per questa gara. Dopo l’indisponibilità degli stadi di Recanati e Porto Recanati la dirigenza del Loreto, anche sollecitata dalla questura di Ancona che dovrà effettuare il servizio di ordine pubblico per questa partita, aveva individuato in mattinata il campo di Offagna per disputare la partita. Quando sembrava tutto fatto l’ennesima giravolta di questa storia che ha del ridicolo e che ha costretto la società lauretana a comunicare il nuovo spostamento, si spera definitivo stavolta, in quel di Camerano, impianto con determinate caratteristiche per ospitare l’incontro e quindi ecco arrivata la scelta finale della nuova sede della partita, una novità sia per la Maceratese che per il Loreto. Del resto se, come si è visto per il derby con la Civitanovese, si creano problemi di accesso dei tifosi all’Helvia Recina, uno stadio a norma per la serie C, figuriamoci cosa può accadere in impianti più piccoli, seppur a fronte di poche centinaia di spettatori che seguiranno l’incontro.

LA FORMAZIONE – Per quanto riguarda la formazione da schierare contro il Loreto mister Marinelli dovrà giocoforza modificare l’assetto rispetto alla vittoriosa gara contro la Civitanovese. Anche perché gli arrivi dei due nuovi centrocampisti potrebbero far presagire altre uscite dall’attuale organico, dopo quella di Bonifazi col giocatore che dovrebbe approdare alla Filottranese. Per cui l’undici da opporre ai lauretani potrebbe essere composto da Giustozzi in porta, Massini e Calamita esterni bassi con Brack e Canavessio coppia centrale di difesa; Campana, Perfetti e Bernacchini a centrocampo con il tridente d’attacco affidato a Gabaldi, Papa (o Adami) e Castellano.

Tutti i match del weekend, fari puntati su Recanatese-Matelica

Rata, ecco il centrocampista: ritorna Lorenzo Perfetti



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X