Gigli fa cantare
lo Sferisterio

MACERATA OPERA FESTIVAL - Il pubblico canta “Mamma” insieme al cast del concerto di raccolta fondi per il restauro della tomba del grande recanatese. Tutti gli appuntamenti "Off" di questa settimana sparsi per la città

- caricamento letture

 

mamma

Il cast di “Vita e Arte di Bemiamino Gigli”

 

Standing ovation ieri sera allo Sferisterio per l’atteso concerto conclusivo del progetto “Vita e Arte di Beniamino Gigli”, cui hanno partecipato alcune delle voci più importanti della scena lirica internazionale. Il direttore artistico del Macerata Opera Festival Francesco Micheli ha guidato il pubblico a riscoprire le tappe principali del percorso artistico del grande tenore con l’aiuto di spettacolari e rare immagini d’epoca proiettate sul muro dell’Arena, mentre alle voci dei cantanti dal vivo si alternavano le registrazioni di quella inconfondibile di Gigli.

Il successo era cominciato al botteghino, con 1800 biglietti venduti, che costituiscono un eccellente risultato per un concerto. La serata è stata un affettuoso ricordo di un grande marchigiano che ha rappresentato come pochi altri la centralità del melodramma nella storia nazionale e nell’immagine dell’Italia nel mondo aprendosi ai linguaggi della radio, del cinema, della canzone. Un ricordo che è anche dolore e indignazione per le condizioni in cui versa il monumento funebre del celebre tenore, bisognoso di urgenti restauri il cui costo compessivo si avvicina ai 70.000 Euro. Nella serata di ieri sono state raccolte offerte per un totale di circa 8.350 Euro, ma è possibile donare presso il botteghino dello Sferisterio fino al 10 agosto.

Dessi

Daniela Dessì

Il progetto “Vita ed Arte di Beniamino Gigli” è promosso da Associazione Arena Sferisterio, Comune di Macerata, Comune di Recanati, Provincia di Macerata in collaborazione con Associazione Beniamino Gigli, Delegazione FAI di Macerata, Rotary Club Macerata, Rotary Club Recanati ‘Giacomo Leopardi’, Associazione Paesaggio delle Eccellenze. Si ringraziano inoltre la Consulta dei Giovani dei Monti Azzurri e le aziende Clementoni, Gruppo Guzzini, Tecnostampa, FBT, Brandoni. Kitchen Art ha offerto il catering per il ricevimento finale.

Nelle prime file dello Sferisterio sedevano il Sindaco di Macerata Romano Carancini, il Sindaco di Recanati Francesco Fiordomo e il Presidente della Provincia di Macerata Antonio Pettinari, che hanno fortemente voluto questo concerto.

Il cast, che ha partecipato gratuitamente al concerto unendosi allo sforzo delle due città per restaurare la tomba del tenore, era illuminato da due dive assolute dell’universo sopranile. Daniela Dessì, che ha ricevuto un calorosissimo applauso per la sua interpretazione di “Io son l’umile ancella” da Adriana Lecouveur e “La mamma morta” da Andrea Chénier ha rivelato che proprio ieri sera ricorreva il tedicesimo anniversario del suo amore per il tenore Fabio Armiliato, insieme al quale ha  concluso la serata con il duetto d’amore da Otello. Armiliato ha ottenuto la sua parte di applausi con “E lucean le stelle” da Tosca e con l’Improvviso ancora da Andrea Chénier.

Machado

Aquiles Machado

L’altra diva, Carmela Remigio, forte del recente successo come Desdemona a Venezia nell’Otello a Palazzo Ducale con la regia di Micheli e la grande direzione di Myung-Whun Chung e in attesa di tornare allo Sferisterio il prossimo 8 agosto come protagonista dei Sogni di una notte di mezza estate, ha offerto la consueta lezione di stile nel bolero “Mercé dilette amiche” da I Vespri Siciliani e in “O mio babino caro” da Giani Schicchi, oltre a flirtare con Andrea Concetti nel “Là ci darem la mano” dal Don Giovanni. La parte vocale del concerto si era aperta proprio l’aria del catalogo dal Don Giovanni cantata dal baritono di Grottammare, generosamente intervenuto nel cast in seguito alla rinuncia di Roberto Scandiuzzi vittima di un incidente automobilistico, fortunatamente non grave. Dopo gli entusiasmi suscitati sabato 20 ne Il trovatore, Aquiles Machado e Simone Piazzola hanno raccolto nuovi applausi: il tenore venezuelano ha dato un nuovo saggio verdiano con “Quando le sere al placido” da Luisa Miller ma ha anche accnnato una canzone sudamericana, il giovane baritono ha riproposto “Il balen del suo sorriso”,la romanza del Conte di Luna, ed insieme hanno offerto un’affiatata lettura del duetto
Infine, un’ovazione piena di affetto ha salutato il ritorno sul palco dello Sferisterio del tenore Nazzareno Antinori, che vi era comparso per l’ultima volta in occasione di un Nabucco nel 1997 e che ha evocato il percorso di Gigli nell’ambito della canzone interpretando Core ‘ngrato e  Non ti scordar di me.
Finale con Mamma di Bixio-Cherubini, la canzone più celebre cantata da Gigli, interpretata dal cast al completo a cui si è via via unito tutto il pubblico diretto dal Maestro David Crescenzi, alla testa della Fondazione Orchestra Regionale delle Marche.

Antinori

Il tenore maceratese Nazzareno Antinori

La giornata dedicata a Gigli si era aperta a mezzogiorno agli Antichi Forni con un Aperitivo Culturale con il musicologo ed esperto di voci Giancarlo Landini e la musicologa recanatese Paola Ciarrantini.

 

***

 

GLI APPUNTAMENTI “OFF” DELLA SETTIMANA

Dopo il weekend inaugurale della stagione allo Sferisterio, il Festival continua con tanti appuntamenti settimanali gratuiti sparsi per la città:

Martedì 23 luglio alle 19.00 nel cortile della Facoltà di Filosofia è in programma Nabuccolo, lo spettacolo prodotto da As.Li.Co che racconta la complessa vicenda del re Nabucco ai più piccoli attraverso la fiaba. La trama dell’opera verdiana è riproposta in uno spettacolo fatto di musica e teatro tra pupazzi, personaggi e burattini, per appassionare il pubblico dei bambini, ma anche quello dei grandi, coinvolgendoli con il gioco in maniera originale e divertente.

Ancora martedì 23 alle ore 22.00, il Cortile della Scuola Convitto, per la rassegna Speciale Cinema Estate, ospita la proiezione del film Upside Down (2012) con Kirsten Dunst. Il regista figlio d’arte Juan Solanas incrocia fantascienza e dramma sentimentale per mettere a confronto pregi e difetti delle società del benessere e degli stati in cui vige l’oppressione ed esaltare l’umano ingegno come unica possibilità di emancipazione.

 

Fabio Armiliato

Fabio Armiliato

Mercoledì 24 alle ore 18.30 presso la Biblioteca Mozzi Borgetti, in Piazza Vittorio Veneto, Gabriele Cesaretti presenta Sospensioni, incontro-riflessione che prende spunto dai titoli e dai protagonisti delle opere in programma allo Sferisterio (da Azucena, sospesa tra realtà e follia, a Nabucco, opera sospesa tra mito risorgimentale e la dedica all’Arciduchessa Adelaide d’Austria) per affrontare il tema della sospensione del tempo, dello spazio, della dimensione psicologica nell’opera e aiutarci a comprendere ancora di più il suo linguaggio.
Sempre alla Biblioteca Borgetti, nella Sala Castiglioni, alle ore 21.30 è in programma L’Età dell’Horo, un appuntamento che celebra l’eccellenza e la creatività artigiana italiana, che non si esprime solo attraverso la scrittura della musica ma anche nella costruzione di strumenti: è il caso del giradischi di liuteria HORO, prestigioso marchio maceratese del Hi-Fi, realizzato a mano con materiali pregiatissimi che consentono la riproduzione dei vinili ad altissima fedeltà.
Gli ospiti Cristiano Veroli e Luigi Pasqualini, ideatore del progetto, affronteranno proprio il tema dell’ascolto musicale di qualità e proporranno brani tratti dalle opere di Verdi riprodotti con l’ausilio del giradischi Horo, mostrando al pubblico come si possa avere, anche attraverso le regitrazioni, una esperienza d’ascolto prossima a quella dell’esecuzione dal vivo.

Infine per il ciclo tournée, lo spettacolo Da Verdi a Mina con Monica Colonna, Debora Chiantella e Francesco Micheli si sposta a Civitanova Marche, in replica alle 21.30 al Lido Cluana.
L’ingresso è gratuito per tutti gli appuntamenti ad eccezione di Speciale Cinema Estate, per cui è previsto un biglietto d’ingresso di € 3.
A causa dell’annullamento dello spettacolo di danza Romeo & Juliet (leggi l’articolo) previsto per giovedì 25 allo Sferisterio, non si terrà il consueto aperitivo culturale mattutino di presentazione dal titolo Amare, Essere, Sognare tre divag-azioni su Shakespeare.

 

Simone Piazzola

Simone Piazzola

Concetti

Andrea Concetti

Remigio

Carmela Remigio



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
Podcast
Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X