Dirigente Av3 sospesa sei mesi
e senza avere lo stipendio
«Faremo ricorso al giudice del lavoro»

MACERATA - Si tratta della dirigente del settore Professioni sanitarie. La decisione presa a maggioranza dalla commissione disciplinare. Non vengono indicate le motivazioni. L'avvocato che l'assiste: «Impugneremo il provvedimento»
- caricamento letture

ospedale-macerata-2-650x540

 

di Luca Patrassi

Dirigente delle Professioni sanitarie dell’Area Vasta 3 sospesa per sei mesi e senza stipendio. La decisione è stata presa nei giorni scorsi e la direttrice dell’Area Vasta 3, Daniela Corsi, ha ratificato la decisione, presa a maggioranza, dalla commissione disciplinare guidata dal direttore del personale Fabrizio Trobbiani. La decisione è stata pubblicata in una determina in cui non viene specificato il motivo per cui si è arrivati alla sospensione. La dirigente, tramite il suo legale ha annunciato che farà ricorso al giudice del lavoro «Non possiamo affermare – dice l’avvocato Luca Pascucci che assiste la dirigente sospesa – che ci sia un collegamento tra le questioni oggetto dell’interrogazione presentata da alcuni consiglieri regionali e il provvedimento disciplinare di sospensione».

La dirigente delle Professioni sanitarie dell’Av3 sarebbe andata in pensione a fine anno e dunque  i sei mesi di sospensione sanciscono l’uscita di scena anticipata dall’Asur, almeno nelle intenzioni dell’azienda, a meno che non intervenga prima un diverso pronunciamento del giudice sulla sospensione che la direttrice dell’Av3 Daniela Corsi ha disposto ratificando la conclusione, a maggioranza – due contro uno – della commissione disciplinare. Di recente c’era stata interrogazione che avevano presentato tre consiglieri regionali di Fratelli d’Italia (Carlo Ciccioli, Elena Leonardi e Pierpaolo Borroni) contro la stessa dirigente dell’Area Vasta 3, interrogazione che, tra l’altro, chiedeva  «di far luce su alcune situazioni che starebbero deteriorando i rapporti lavorativi tra il personale del comparto dell’Area Vasta 3 ed il direttore delle Professioni Sanitarie». Alla presa di posizione degli esponenti regionali di Fratelli d’Italia erano seguiti il plauso della Uil e le dure contestazioni di Cgil, Cisl e del consigliere regionale dem Romano Carancini.

Rileva infine l’avvocato Pascucci: «Impugneremo il provvedimento di sospensione in via cautelare nelle competenti sedi giudiziarie in quanto la dirigente è sempre stata rigorosa nel lavoro e rispettosa di tutta la normativa. Peraltro il provvedimento di sospensione irrogato appare sproporzionato e privo di fondamento in fatto e in indirizzo. La dirigente sospesa non ha mai avuto contestazioni di alcun tipo, ha sempre avuto un rendimento al top e valutazioni massime da parte del vertice Asur: i problemi si sono creati con questa direzione di Area Vasta 3. La mia assistita è comunque serena e sicura di riuscire a dimostrare di aver sempre agito correttamente e diligentemente: ora faremo appunto un ricorso di urgenza, ex articolo 700, al giudice del lavoro». Diverso, evidentemente, il parere dell’Asur che ha appunto disposto la sospensione della dirigente dell’Av3 recependo le conclusioni della commissioni disciplinare.

 

Interrogazione sulla dirigente dell’Av3: «Negati diritti a infermieri e oss, ora c’è volontà di invertire la rotta»

Rapporti tesi con un dirigente dell’Av3, 25 segnalazioni dai dipendenti: «Comportamenti di elevata conflittualità»

 

Interrogazione sui rapporti lavorativi tra il personale e un dirigente dell’Av3 Il sindacato si schiera con Fdi

I redditi 2021 dei dirigenti Asur, al vertice un cardiologo: supera i 200mila euro

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X