Il bilancio di Cartechini:
«In cinque anni 40 milioni di opere
e una grande attenzione al sociale»

CORRIDONIA - Presentato questa mattina l'opuscolo con gli interventi realizzati nel corso della legislatura. Il sindaco uscente: «Ci hanno accusato di non aver comunicato con i cittadini durante la nostra legislatura, questa è la linea che tracciamo oggi»
- caricamento letture
IMG_3078-650x488

Il sindaco con gli assessori

di Giulia Sancricca

Cinque anni di legislatura racchiusi in un opuscolo di 80 pagine che nei prossimi giorni sarà distribuito alle famiglie di Corridonia per illustrare il bilancio sociale dell’amministrazione guidata da Paolo Cartechini. È stato presentato questa mattina nella sala consiliare del Comune. Ad illustrarlo il primo cittadino affiancato dalla giunta al completo.

IMG_3065-325x177

Paolo Cartechini

«Un lavoro che è stato oggetto di polemica in consiglio comunale – ha esordito Cartechini facendo riferimento alle dichiarazioni della minoranza che ha condannato la decisione di spendere quasi 15mila euro per l’opuscolo – Ma è un lavoro che di solito si fa a fine mandato e che aiuta a rendere comprensibile a tutti i cittadini la relazione più tecnica stilata dagli uffici. Proprio a loro va il nostro ringraziamento per l’impegno profuso per la realizzazione: Michela Moriconi ha lavorato nottetempo per chiudere il bilancio sociale nei tempi dettati dalla norma affinché non ci siano interferenze con la campagna elettorale».

Si tratta di 80 pagine divise in settori: il territorio comunale con le statistiche anagrafiche; gli organi istituzionali; la struttura organizzativa; le associazioni del territorio; commemorazioni e iniziative istituzionali; cultura, eventi e turismo; sport; opere pubbliche; assetto e sviluppo del territorio; servizi sociali; sicurezza e bilancio.
«Non sono pagine bianche – ha evidenziato Cartechini – significa che qualcosa è stato fatto. Siamo passati, a livello temporale, dal terremoto, attraverso la pandemia, e infine alla guerra in che ha inciso non di poco. Sorvolo poi sulle varie problematiche degli enti locali, oggi passate in secondo piano, ma che hanno comunque proseguito negli ultimi anni. Tutte situazioni che hanno influito in modo negativo, ma nonostante questo siamo andati avanti».

Sfogliando le pagine dell’opuscolo, il primo cittadino ne ha approfittato per soffermarsi su alcuni punti. «La popolazione – ha evidenziato – al 31 dicembre 2021 è di 14.839 residenti. In merito alla struttura organizzativa comunale, non abbiamo nominato l’assessore in più che sarebbe stato previsto, la giunta ha percepito indennità ridotte del dieci percento e non ha usufruito di rimborsi spese per le trasferte, portando a un risparmio evidente di 210mila euro».

Poi l’affondo alle minoranze. «Sottolineiamo come, nonostante avessimo chiesto a tutti i consiglieri di inviarci le proprie foto da inserire nell’opuscolo, le minoranze non lo abbiano fatto».
Tornando al bilancio quinquennale, sulla cultura Cartechini si sofferma sulla riapertura del teatro Velluti, la rassegna musicale RisorgiMarche e la collaborazione con San Severino Blues Festival. Senza tralasciare le conferenze sulla legalità con la presenza del procuratore antimafia Nicola Gratteri. Per lo sport, invece, diverse le pagine dedicate alla Coppa del mondo di Paraciclismo.
Ampio il capitolo delle opere pubbliche, con diverse aree di intervento: edilizia scolastica, edifici e beni comunali, viabilità, impianti sportivi, illuminazione pubblica, riqualificazione di spazi pubblici e aree verdi, cimiteri e messa in sicurezza degli edifici a seguito del sisma. «In cinque anni – si legge – sono stati impiegati per le opere pubbliche 40.182.873,97 euro. Di questi, 32.239.843,56 sono fondi extracomunali, mentre 7.943.030,41 fondi di bilancio comunale».

È stata l’occasione per fare il punto anche su alcuni interventi in corso d’opera come il marciapiede al cimitero e la sistemazione del centro “Il ciclamino”. «Potrebbero esserci lievi ritardi sul primo – ha detto Cartechini – per via del ritardo nella consegna dei materiali. Si tratta di un intervento di 410mila euro per il quale abbiamo aggiunto 50mila euro per l’illuminazione pubblica e diecimila euro per la pensilina della fermata dell’autobus. 230mila euro ci saranno rimborsati dal finanziamento di un bando a cui abbiamo partecipato. Sul “Ciclamino” invece sono state prese le misure degli infissi e ordinati i materiali. Ci sono stati dei ritardi ma ora i lavori hanno ripreso a pieno ritmo». Sempre in tema di sociale, dall’opuscolo si evince che i contributi Covid alle famiglie sono stati di quasi 310mila euro. E per il fondo da destinare alle scuole da zero e sei anni sono stati 298mila euro i finanziamenti erogati». Sul fronte della sicurezza «sono state «installate 70 telecamere – ha detto il sindaco – di cui alcune con tipologia Ocr che hanno portato al sequestro di 128 veicoli senza assicurazione nel 2021». Il sindaco ne ha infine approfittato per togliersi un sassolino dalla scarpa: «Ci hanno accusato di aver fatto poca comunicazione ai cittadini. Questa è la linea che abbiamo deciso di tracciare alla fine del nostro mandato. Ci auguriamo che venga compresa e condivisa».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X