Centrodestra, summit con le civiche
«Incontro proficuo per il futuro»
Ma per Ciarapica ancora fumata grigia

CIVITANOVA - La nuova riunione estesa alle liste di maggioranza ha confermato i dubbi dei partiti sulla ricandidatura del sindaco. Ora una roadmap serrata di confronti. Forza Italia ottimista: «Si è ragionato sugli obiettivi strategici per l'ulteriore crescita della città»
- caricamento letture

 

conferenza-civitanova-alta-ciarapica-FDM-4-325x217

Il sindaco Fabrizio Ciarapica

 

di Laura Boccanera

Ancora una riunione nel centrodestra, ma la fumata non è bianca per Ciarapica. Summit ieri sera nella sede di Forza Italia a Civitanova, un confronto fra partiti allargato alle liste civiche che sostengono il sindaco in consiglio comunale. Un incontro che i partiti definiscono «proficuo», in cui però in realtà sono emersi forti dubbi degli alleati sulla ricandidatura del sindaco. A parte Forza Italia che fa quadrato attorno a Ciarapica, il centrodestra (presenti rappresentanti di Lega, Fratelli d’Italia, Udc, e le civiche Vince Civitanova, Obiettivo Civitanova, Uniti nel centrodestra, Noi con Ciarapica) ha messo nero su bianco i dubbi, illustrando la conta delle colpe su quanto non realizzato in questi 5 anni e ponendo dubbi sul bis.

fi-forza-italia-giannoni-civitanova-FDM-4-325x217

Paolo Giannoni

«Alla luce dei risultati raggiunti si è ragionato sugli obiettivi strategici per il futuro e per l’ulteriore crescita della città. Un centro destra allargato alle liste civiche, unito e compatto, consapevole della grande opportunità e del vantaggio competitivo derivante da uno stretto collegamento con il governo regionale». Così commenta in una nota stringata Paolo Giannoni di Forza Italia a nome anche dei partiti di centrodestra. In realtà sembrerebbe che oltre che di futuro si è parlato anche di passato, sottolineando errori e possibili strategie della campagna elettorale. Sicuramente un confronto franco in cui i partiti hanno espresso la volontà di valutare bene come muoversi, ma a parte il commento ufficiale non c’è molta voglia di parlare. Tra i partecipanti alla riunione pare si sia deciso di non far trapelare nulla fuorché la nota ufficiale, come a dire “i panni sporchi si lavano in famiglia”. Gli incontri ora si faranno via via più serrati nel centrodestra che comunque a breve dovrà sciogliere la riserva se ricandidare il sindaco o valutare una rosa di nomi differenti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X