La Squadroni a Pollastrelli:
«Un centrodestra con Ciarapica e Troiani?
No grazie, Civitanova può e deve cambiare»

ELEZIONI - La candidata sindaca di SiAmo Civitanova rispedisce al mittente l'invito del commissario della Lega: «E' oggettivo il fallimento di questa intera classe di amministratori, incapaci di ascoltare, progettare, dare priorità, realizzare»
- caricamento letture
stagione-teatri-2017_18-pres-silvia-squadroni-civitanova-FDM-5-325x217

Silvia Squadroni, candidata sindaco di SiAmo Civitanova

 

«Il miraggio di un grande centrodestra unito a trazione Ciarapica e con all’interno Maika Gabellieri, Fausto Troiani, Ottavio Brini (chi più ne ha più ne metta ), mi trova del tutto estranea, perché mai come in questa occasione Civitanova ha voglia e diritto di voltare davvero pagina». Sono le parole della candidata sindaca di SiAmo Civitanova Silvia Squadroni, che risponde così all’invito che ieri il commissario cittadino della Lega Giorgio Pollastrelli le aveva fatto su Cronache Maceratesi. In particolare, l’aveva invitato a superare quelli che lui considera “problemi personali” col vicesindaco Fausto Troiani in ottica elezioni per un centrodestra unito.  «Onestamente – ribatte oggi la Squadroni – ignoro se il pensiero di Giorgio Pollastrelli corrisponda alla linea politica che la Lega manterrà per le prossime elezioni comunali, ma certamente rimando al mittente quel passaggio a qualcosa di personale che mi contrapporrebbe all’assessore Fausto Troiani, paragone esteso nell’intervento al qualcosa di personale che contrappone Maika Gabellieri al sindaco Fabrizio Ciarapica. Mi si fa quindi due volte torto: la prima riducendo a personale la critica politica e la seconda assegnandomi identica forza elettorale rispetto a quella dell’assessore silurata (da Ciarapica, solo all’indomani dell’indizione delle elezioni Regionali cui ha preso parte la Gabellieri). La critica politica si concentra sull’incapacità di una intera Giunta di espellere chi ha offeso le donne pubblicamente esternando un pensiero omofobo, sessista, violento. Procurandosi tre distinti procedimenti penali per reati commessi da un amministratore pubblico. Mi chiedo allora – continua la candidata sindaca – come il commissario della Lega non provi imbarazzo ad azzardare unità quando l’unità prevedrebbe ancora imbarazzanti presenze. E soprattutto come possa immaginare che il vicesindaco possa ancora partecipare ad una campagna elettorale che vede impegnate in prima persona le donne, le stesse che ha offeso. Ricordo invece che, dinanzi alla mia denuncia pubblica, anche la Lega – nel fare quadrato intorno al vicesindaco – firmò un comunicato di solidarietà (vergogna) e contro di me che avevo osato sollevare il problema. Nessuno, ad oggi, mi ha chiesto scusa, evidentemente continuando a pensare che si sia trattata di una boutade. E sfato un’altra favola che si sta facendo circolare in questi giorni: io non strizzo l’occhio a nessuno; se qualcuno crede di cooptarmi ha veramente sbagliato indirizzo, perché io ascolto proposte, le valuto, le analizzo, le confronto insieme al mio gruppo e alla mia squadra, cerco soluzioni ed eventuali finanziamenti per la realizzazione delle opere pubbliche che mancano».

lega-pollastrelli-shada-civitanova-FDM-4-325x217

Giorgio Pollastrelli, coordinatore della Lega di Civitanova

Squadroni ribadisce quindi la sua volontà di troncare con la vecchia politica, per ridare alla città una capacità amministrativa che ad oggi considera assente. «Io parlo di metodo e di realizzare cose che a Civitanova sono state dimenticate da anni – continua – progettualità, che nasce dalle idee, dalle esigenze e dalle istanze dei civitanovesi tutti. La persona deve essere il centro di interesse di un’Amministrazione: non coltivare gli interessi di pochi, discussi tra le quattro mura di Palazzo. Capacità di spesa di bilancio, sapendo attingere a fondi europei che mai come in questo momento arriveranno in Italia, creando un apposito ufficio con personale esperto e dedicato: sono già diversi i Comuni che si sono dati da fare per il Pnrr, mentre questa amministrazione sembra non sapere di cosa si parli. Dal fondo ‘strade sicure’ Civitanova ha saputo attingere solo pochi spiccioli per realizzare tre ‘stalli di parcheggio per biciclette’, posizionandosi come fanalino di coda dopo numerosi Comuni (anche molto più piccoli del nostro), che hanno ottenuto fondi per la sistemazione di strade e marciapiedi, per la realizzazione di rotatorie. E’ banale ed in stile ‘vecchia politica’ voler ricondurre la contrapposizione di metodo e programmi ad ipotetiche e sconfessate bagarre personali: non c’è nulla di personale contro questa Amministrazione – sottolinea – se non la chiara ed oggettiva analisi del fallimento di un’intera classe di amministratori, incapaci di ascoltare, progettare, dare priorità, realizzare. Ed io mi batterò fino alla fine per troncare con la vecchia politica. Se i civitanovesi, ancora una volta, subiranno decisioni romane con l’imposizione dall’alto di candidature e la riproposizione – pur di raschiare voti o evitarne la dispersione – dei responsabili del saccheggio di questa bellissima città, rispondo no grazie: Silvia Squadroni rappresenta altro. Cambiare si può e si deve».

 

Lega Civitanova, volano gli stracci Pollastrelli s’infuria con Cognigni: «Atteggiamento non più accettabile»



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X