Natale allo Sferisterio,
“benedice” Sandro Parcaroli

MACERATA - Gli auguri dell'amministrazione comunale registrati nell'arena e mandati in onda oggi. Il sindaco ha rinnovato il suo messaggio di "unione e fratellanza" e si è rivolto anche ai maceratesi emigrati
- caricamento letture

auguri-natale-macerata

 

di Federica Nardi

A Macerata il vescovo parla di Recovery fund e il sindaco di fratellanza e spirito del Natale. Oggi è andata in onda la “diretta”  voluta dall’amministrazione comunale per augurare ai maceratesi un buon Natale, non potendosi organizzare eventi di piazza come ogni anno. In realtà nonostante i comunicati e gli annunci in pompa magna del Comune e di alcuni assessori che oggi sui social hanno simulato la diretta, era palesemente una registrazione con le riprese effettuate nei giorni scorsi e poi montate.

parcaroli-1-325x213La location scelta è lo Sferisterio, anche in vista dei 100 anni di lirica che si festeggiano proprio nel 2021. Bellissimi gli intermezzi musicali dei Pueri cantores diretti dal maestro Gianluca Paolucci e del violinista Marco Santini che ha aperto con “Il mondo” in omaggio a Jimmy Fontana. Toccanti anche le testimonianze di alcune figure rappresentative del lockdown e della pandemia in corso: una dottoressa, Alessandra D’Alessandro (sorella della vicesindaco), un’insegnante (Manuela Corsalini) e uno studente (Tommaso Pietroni). In platea sono schierati tutti gli assessori che alla fine appaiono “magicamente” sul palco al fianco del sindaco Sandro Parcaroli per il messaggio ai maceratesi.

Il primo cittadino ha rinnovato la tradizione al momento irrinunciabile non tanto degli auguri di Natale quanto dei fogli scritti e letti al microfono. Con messaggi ottimisti quanto generici. È stato insomma più politico il vescovo Nazzareno Marconi nei suoi auguri di Natale alle scuole, dove ha anche bacchettato la politica per l’uso che si vuole fare dei Recovery fund.

Parcaroli, accompagnato da uno spirito natalizio fin dalla scorsa estate, ai tempi della campagna elettorale, rinnova il suo messaggio: «Siamo qui per regalarci un momento di unione e di fratellanza nel nome del Natale – ha dettp il sindaco -. Le festività natalizie sono un sinonimo di rinascita ma quest’anno dovremo celebrare distanti, senza abbracci, senza strette di mano e senza sorrisi che sono nascosti dalle mascherine. Siamo inermi ma certi che di qui a breve dovremo tenerci pronti a reagire, quando tutti insieme saremo i responsabili di una comunità piegata ma unita e pronta a guardare al futuro, al rilancio attraverso la valorizzazione delle proprie bellezze. Auguro a tutti noi di poter vivere un Natale sereno, senza perdere la speranza che tempi migliori ci attendano. Gli eventi ci hanno travolto, ma nonostante ci abbiano piegati non ci hanno spezzati. Dalle difficoltà e dalle sofferenze si riscoprono i valori di unione e condivisione. Distanti ma uniti, insieme ce la faremo».

parcaroli-pueri-cantores

 

Seconda puntata del discorso del sindaco ancora più ecumenica: «Un augurio a tutti i maceratesi nel mondo. Sono convinto che avranno un pensiero profondo per Macerata. La speranza è di passare qui insieme il prossimo Natale. Tornando vedranno quanto di nuovo abbiamo in mente per Macerata. Una città capoluogo che merita di essere promossa fuori dai confini nazionali. Vi invito a essere i primi ambasciatori. Avete spiccato il volo in luoghi lontani ma sono certo non dimenticherete da dove siete partiti».

macerata-auguri- In realtà tutti o quasi (dato il plebiscito elettorale per Parcaroli) non vedono l’ora di vedere non tanto le idee per la città (quelle ormai sono scritte nere su bianco nel programma) ma tutti gli annunci trasformarsi in fatti concreti. Al momento il sindaco, dandogli comunque atto di dover fare letteralmente i conti con le scarse risorse lasciate a disposizione dalla passata amministrazione, ha rivolto la sua attenzione quasi esclusivamente al centro storico e in particolare ai commercianti con cui va a braccetto ogni giorno.

Sempre in tema natalizio, l’amministrazione ha seguito con interesse il dibattito civitanovese sulla mostra dei presepi al Lido Cluana che si può visitare dal vivo. Dopo varie critiche il sindaco Fabrizio Ciarapica ha chiarito che è tutto a norma anti Covid. Al contrario di quella dei presepi artistici nella galleria dello Sferisterio che invece è trasmessa in streaming e si può ammirare online o al massimo dall’esterno. Da capire, per gli amministratori, il perché di interpretazioni diverse per situazioni così simili.

 

Messaggio natalizio del vescovo «Chi amministra si ricordi: il Recovery fund è nato per la nuova generazione di europei»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X