Acquaroli sui tamponi di massa:
«Non sono una patente d’immunità»

COVID - Sopralluogo del governatore al Palaindoor di Ancona, uno dei luoghi dove oggi è partito lo screening della popolazione: «Sono soddisfatto per l'intera operazione e l'organizzazione, l'affluenza è stata buona così come le prenotazioni incoraggianti. Se realizzato con la determinazione che ci stiamo mettendo può portare un risultato importante alla lotta alla pandemia»
- caricamento letture
ScreeningPalaindoor_03-650x438

Lo screening al Palaindoor di Ancona

 

«Sono soddisfatto per l’intera operazione e l’organizzazione, l’affluenza è stata buona così come le prenotazioni incoraggianti. Se realizzato con la determinazione che ci stiamo mettendo può portare un risultato importante alla lotta alla pandemia e per questo ringrazio tutti coloro che sono coinvolti attivamente e tutti i marchigiani che si sono sottoposti o si sottoporranno al tampone rapido». Così il presidente della Regione Marche, Francesco Acquaroli, a margine del sopralluogo al Palaindoor di Ancona, una delle strutture in cui è in corso da questa mattina lo screening volontario e gratuito Covid-19.

ScreeningPalaindoor_Acquaroli_03-325x214

Il governatore Acquaroli al Palaindoor

«Individuare, tracciare e isolare il virus sono gli obiettivi principali di questo progetto che abbiamo fortemente voluto – ha ribadito il presidente – lo screening è rivolto alle persone asintomatiche che al momento non hanno sintomi o non si sottopongono regolarmente a tamponi per motivi di lavoro. Si tratta quindi di individuare soggetti asintomatici che sono positivi e che potrebbero moltiplicare il virus tra la popolazione. Non si tratta però di una patente di immunità – sottolinea il presidente – il tampone fotografa la situazione al momento in cui ci si sottopone al controllo. Chi fa il tampone può diventare positivo anche poche ore dopo, quindi non si è esenti dal continuare a rispettare tutte le misure di sicurezza e i comportamenti adeguati. Sottoporsi al test però è un atto di responsabilità nei propri confronti e nei confronti di tutte le persone che ci circondano».

ScreeningPalaindoor_Acquaroli_01-325x216L’operazione di screening diffuso “Marche Sicure” è in corso da questa mattina, venerdì 18 dicembre, nei Comuni di Ancona, Ascoli Piceno, Fermo, Macerata, Pesaro e Urbino. A seguire nelle prossime settimane saranno coinvolti tutti i comuni delle Marche, in più fasi, che verranno comunicate non appena saranno definite. Lo screening punta alla massima adesione della popolazione marchigiana per tutelare la salute e prevenire la preannunciata terza ondata in attesa dell’avvio della campagna di vaccinazione. Lo screening, che si ricorda essere completamente gratuito e su base volontaria, si effettua attraverso il tampone antigenico rapido in grado di rilevare la presenza del virus e di dare un risultato in circa 15-30 minuti. Il test è sicuro e indolore. Sul sito della Regione Marche e dei rispettivi Comuni si trovano tutte informazioni, le modalità e i luoghi delle strutture dove effettuare lo screening Covid-19.

 

ScreeningPalaindoor_02-650x432

ScreeningPalaindoor_01-650x432

ScreeningPalaindoor

 

Tamponi di massa, partenza a rilento «Invitiamo i maceratesi a venire Banco di prova per la vaccinazione»

 

Screening di massa al Centro fiere, 647 test nel primo giorno «Così tuteliamo chi ci sta vicino» (Foto)

 

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X