Spostamenti, ristoranti e autocertificazione:
ecco cosa cambierà con l’area arancione

COVID - Da mezzanotte nelle Marche scatterà un lockdown leggero, le nuove misure restrittive
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

area-arancione

 

Spostamenti, bar e ristoranti, autocertificazione: ecco cosa cambierà dalla mezzanotte. Domani le Marche entreranno ufficialmente tra le zone arancioni, quelle con rischio medio. L’ordinanza del ministro della Salute Roberto Speranza è arrivata ieri sera e sarà valida almeno per due settimane. Una decisione che è stata fortemente contestata dal governatore Francesco Acquaroli (leggi l’articolo) e che si basa su alcuni parametri. Primo fra tutti l’indice Rt: è stato preso in considerazione quello della settimana tra il 2 l’8 novembre pari a 1,55 e messo in correlazione con quello dell’ultima settimana ottobre, che era di 1,01. Poi a pesare ci sono stati anche l’incidenza dei positivi sul totale dei tamponi, che è arrivata al 30,08%, uno 0,8% al di sopra della soglia e i posti letto negli ospedali dedicati ai pazienti Covid che hanno raggiunto il 40% del totale. Tutto questo ha fatto sì che da domani le Marche siano sottoposto al cosiddetto lockdown “leggero”.

Ecco le ulteriori misure restrittive che scatteranno da domani

SPOSTAMENTI – Sono consentiti solo all’interno del proprio comune di residenza, mentre sono vietati quelli verso altri comuni e quelli in entrata e uscita dalla regione, salvo che per comprovate esigenze lavorative, di salute, studio o necessità. Per spostarsi sarà dunque necessaria l’autocertificazione (clicca qui per scaricarla). E’ inoltre raccomandato di evitare gli spostamenti non necessari anche all’interno del proprio comune.

BAR E RISTORANTI – Chiusi i ristoranti e le altre attività di ristorazione (bar, pub, gelaterie, pasticcerie) tutto il giorno e 7 giorni su 7. Resta consentita la sola vendita da asporto, dalle 5 alle 22, mentre le consegne a domicilio non hanno limiti d’orario.

 

Restano in vigore anche le precedenti misure

COPRIFUOCO – Dalle ore 22 alle ore 5 del giorno successivo sono consentiti esclusivamente gli spostamenti motivati da comprovate esigenze lavorative, da situazioni di necessità ovvero per motivi di salute.

 COMMERCIO – Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. Tutti gli altri negozi restano aperti senza vincoli di orario.
SALE GIOCHI/SLOT MACHINE – Sono sospese le attività di sale giochi, sale scommesse, sale bingo e casinò anche se svolte all’interno di locali adibiti ad attività differenti.
 SCUOLA – Le istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado adottano forme flessibili nell’organizzazione dell’attività didattica in modo che il 100% delle attività sia svolta tramite ricorso alla didattica digitale integrata. L’attività didattica ed educativa per la scuola dell’infanzia, il primo ciclo di istruzione e per i servizi educativi per l’infanzia continua a svolgersi in presenza, con uso obbligatorio di dispositivi di protezione delle vie respiratorie, salvo che per i bambini di età inferiore ai 6 anni.
TRASPORTO – A bordo dei mezzi pubblici del trasporto locale e del trasporto ferroviario regionale, con esclusione del trasporto scolastico dedicato, è consentito un coefficiente di riempimento non superiore al 50%.
 SPORT – Restano sospese le attività di palestre, piscine, centri natatori, centri benessere centri termali fatta eccezione per l’erogazione di prestazioni rientranti nei livelli essenziali di assistenza e per le attività riabilitative o terapeutiche, nonché centri culturali, centri sociali e centri ricreativi. L’attività sportiva di base e l’attività motoria in genere svolte all’aperto presso centri e circoli sportivi sono consentite, con la prescrizione che è interdetto l’uso degli spogliatoi.
MOSTRE E MUSEI – Restano sospese le mostre e i servizi di apertura al pubblico dei musei e degli istituti e luoghi della cultura

(Redazione Cm)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X