Gino Paoli e Danilo Rea, poesia senza filtri
E allo Sferisterio è magia

MACERATA OPERA FESTIVAL - Il viaggio attraverso la musica e le parole del cantautore spezzino è stato essenziale e travolgente. Fumando sigarette come nel salotto di casa sua, si è rivelato un tassello dopo l'altro
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

gino_paoli_danilo_rea-5-650x433

Lo Sferisterio durante il concerto di Gino Paoli e Danilo Rea

 

di Alessandra Pierini

Senza filtri, senza inganni. Così Gino Paoli e Danilo Rea si sono presentati ieri sera sul palco di uno Sferisterio, raffreddato dalle temperature gelide ma riscaldato dalla potenza della musica. In scena un pianoforte, sgabello, microfono e due casse. Niente più. Niente effetti speciali, né balletti, nè cotillon. L’essenziale nella sua purezza. Un mix di voce, note e poesia travolgente e capace di emozionare senza fronzoli.

 

gino_paoli_danilo_rea-3-650x433

Gino Paoli

 

Gino Paoli non fa fatica a rivelare la sua età: «A 85-86 anni, quanti sono, ormai sono anziano» ha detto confessando di avere però ancora voglia di sperimentare. E la sperimentazione ha invaso la prima parte del concerto: canzoni non canzoni, “fotografie” come le ha definite il cantautore spezzino, da ascoltare attentamente per cogliere la profondità delle parole. L’artista si è esibito come se fosse con qualche amico nel salotto di casa sua, bevendo acqua e fumando sigarette, una dietro l’altra e svelandosi pezzo pezzo con la serenità coinvolgente di chi non deve dimostrare nulla e per questo si dona con ancor più completezza.

gino_paoli_danilo_rea-4-325x217E’ un crescendo di pathos che passa attraverso le sue canzoni più famose: da “Sapore di sale” a “Che cosa c’è”, da “Senza fine” a “La gatta” e l’immancabile “Cielo in una stanza”. Commovente l’interpretazione di Paoli dell’”Albergo a ore” preceduta da una introduzione sulla poesia “buffa signora” che appare nei momenti più inattesi.  Al fianco di Paoli, Danilo Rea, capace di rendersi protagonista con il suo piano e grazie a un’intesa invidiabile. I due si confrontano tra una canzone e l’altra e si suggeriscono il brano successivo quasi come se non ci fosse una scaletta definita. Ed è magia infinita.

(Foto Tabocchini/Zanconi)

gino_paoli_danilo_rea-2-1-650x433

Danilo Rea

gino_paoli_danilo_rea-2-650x433 gino_paoli_danilo_rea-1-650x433

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X