La vita di Verdi svelata in Arena,
il pubblico sale sul palco

MACERATA OPERA FESTIVAL - Applausi per lo spettacolo dedicato al grande maestro nella formula reverse, a vestire i panni del compositore Massimiliano Finazzer Flory
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
verdi-sferisterio7-650x433

Lo spettacolo Verdi legge Verdi con il pubblico sul palco

 

di Marco Ribechi

Lo Sferisterio si ribalta e il pubblico sale sul palco per ascoltare l’avvincente biografia di uno dei Maestri più grandi di sempre: Giuseppe Verdi. E’ sempre un’emozione assistere agli spettacoli del Macerata Opera Festival attraverso la formula palco Reverse che permette di avere, come splendido fondale, il maestoso colonnato dell’arena.

verdi-sferisterio4-325x216

Massimiliano Finazzer Flory

Circa 200 i posti disponibili per “Verdi legge Verdi” per scoprire i dettagli, le passioni, le sconfitte e i trionfi del più grande genio italico, autore di alcune delle musica più eseguite e riprese in tutta la storia della musica mondiale. A vestire i panni del compositore uno straordinario Massimiliano Finazzer Flory che solo, si è avventurato in un lungo e complesso monologo con cui ha raccontato infiniti aneddoti, più o meno conosciuti, sul passato di Verdi. Con lui sul palco solo una scrivania, una sedia, e un pianoforte. Due però le presenze femminili che hanno impreziosito con la loro arte e abilità la performance teatrale: il soprano Viktoria Kholod e la pianista Claudia Foresi. Attraverso musica e canto hanno trasformato in suoni i sentimenti espressi da Flory/Verdi.

verdi-sferisterio2-325x216

Il soprano Viktoria Kholod

Del compositore ad emergere è stata soprattutto la sua caratura morale e intellettuale e la volontà ferrea, incapace di chinarsi di fronte a qualsiasi autorità. Trattare i regnanti come l’uomo comune, e l’uomo comune come i regnanti, questo il suo spirito umano, teso a raccontare le passioni e le emozioni di tutti, e non di ritrarre una singola classe sociale magari per rendere omaggi a qualcuno di importante. Un uomo austero ma anche visionario, deciso, inamovibile, generoso e sempre rispettoso del lavoro degli altri. I fallimenti iniziali, i primi passi incerti nel mondo della musica e poi il successo, la nascita del Nabucco e l’amore incondizionato per Shakespeare. Il suo più grande capolavoro, come ammette a fine spettacolo lo stesso protagonista, non è però da rintracciare nella musica: si tratta della Casa di Riposo per Musicisti dove secondo le sue volontà, si trova il suo corpo e quello della moglie.Un luogo per aiutare chi si è dedicato alla musica senza poter mettere da parte del denaro, un luogo con le effigi degli antichi maestri di cui Verdi si sentiva particolarmente orgoglioso. Gli applausi del pubblico non sono mancati, richiamando all’inchino soprano, attore e pianista per ben tre volte. Tre il numero di Verdi, ripetizione utilizzata anche da Flory ogni volta che, nei panni del compositore, ha voluto sottolineare un concetto o un’espressione attraverso la parola.

verdi-sferisterio6-650x433

Massimiliano Finazzer Flory e la pianista Claudia Foresi

verdi-sferisterio5-433x650

verdi-sferisterio3-650x433

verdi-sferisterio

verdi-sferisterio1-650x433

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X