Le orchestre ai tempi del Covid,
tre direttori a confronto

MACERATA – Protagonisti degli Aperitivi culturali nel giardino dell’ex Asilo Ricci Francesco Lanzillotta (Don Giovanni), Vincenzo Milletarì (Il Trovatore) e Fabio Tiberi (Form)
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
AperitiviCulturali_Lanzillotta_FF-6-650x434

Cinzia Maroni insieme a Francesco Lanzillotta, Vincenzo Milletarì e Fabio Tiberi

 

di Giulia Mencarelli

Il giardino dell’ex Asilo Ricci di Macerata, in questo penultimo sabato di aperitivi culturali dedicati all’opera festival, ha lasciato il palco a tre grandi direttori: Francesco Lanzillotta (Don Giovanni), Vincenzo Milletarì (Il Trovatore) e Fabio Tiberi (Form). A intervistarli Cinzia Maroni, organizzatrice degli appuntamenti. Considerazioni aperte sul ruolo del direttore d’orchestra e la riorganizzazione possibile del mondo orchestrale ai tempi del Covid.

AperitiviCulturali_VincenzoMilletari__FF-9-325x217

Vincenzo Milletarì

«Espressione del potere quasi assoluto». Così viene esaltata la figura del direttore d’orchestra che, con professionalità, si mostri capace di interagire con l’orchestra dando sempre le spalle al pubblico. Un incipit che mostra contrari, fin da subito, i direttori d’orchestra delle due opere in cartellone, Francesco Lanzillotta e Vincenzo Milletarì. «Considero la definizione del “potere”, aberrante, quasi inutile. Non si tratta di potere ma di un ruolo particolare che esalta al massimo il linguaggio del corpo per essere poi decodificato dallo strumentista», ha spiegato Lanzillotta. Allo stesso modo Milletarì ha precisato come «il potere del direttore non esiste più. Interveniamo per creare ambiente al fine di indirizzare tutti i musicisti in un’unica direzione». Gestualità e linguaggio del corpo sono state riprese anche dal direttore artistico della Form (Orchestra filarmonica marchigiana), Fabio Tiberi nel dichiarare come «il suono riprodotto dall’orchestra si colloca proprio sulla punta della bacchetta del direttore».

AperitiviCulturali_Tiberi_Maroni_FF-5-325x217

Fabio Tiberi

Se non si può parlare di potere, in termini orchestrali, occorre invece riconoscerlo a tutto il lavoro logistico, organizzativo nella disposizione strumentale e dei musicisti all’arena Sferisterio. Quando il covid era riuscito a fermare il mondo della cultura tutto, ingegni e voglia di ripartenza della Form hanno segnato una vittoria che ad oggi ha portato al sold out di tutte le date dell’opera. L’appuntamento si è poi spostato su un’attenta analisi da parte di ciascun direttore, dell’opera riprodotta. Così, Il Trovatore (seconda ed ultima replica questa sera allo Sferisterio), seppur privato della scenografia per questa edizione,  è riuscito ad esprimere la forma concentrale nella sua totalità.

AperitiviCulturali_Lanzillotta_FF-7-325x217

Francesco Lanzillotta

«Inevitabile esaltare la grande capacità verdiana nell’incrociare un’idea teatrale, per l’epoca, piuttosto avanzata. Giuseppe Verdi e lo stesso Mozart (in Don Giovanni), rimarranno eterni, perché capaci di raccontare drammi sempre più contemporanei», ha spiegato Milletarì. Riconoscimenti sì ma con qualche precisazione quelli riportati da Lanzillotta: «Sarebbe riduttivo complimentarsi del Don Giovanni solo con Mozart. Ricordiamo quei grandi letterati, quali i librettisti che sempre, accuratamente, confezionarono il libretto dell’opera. In questo caso Lorenzo Da Ponte. Così come la scelta, non causale, delle note che mirano all’esaltazione di quel personaggio e di quel preciso momento storico». A conclusione dell’appuntamento un buffet offerto dallo sponsor Di Gusto accompagnate dalla Ribona dei colli maceratesi.

Per l’appuntamento di domani con Pasquale Stoppelli in Don Giovanni nei Promessi Sposi occorrerà prenotarsi attraverso il sito dello Sferisterio.

AperitiviCulturali_Lanzillotta_FF-3-650x434



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X