Nino si è perso
La ricerca di Leporello ed Elvira
tra magie, colori e bel canto

0

LO SPETTACOLO pensato dal Macerata Opera Festival per raccontare Don Giovanni bambino porta la firma di Elena Carrano. Curatissimi i dettagli che lo rendono avvincente. Travolge i cinque sensi in un tripudio di luci, colori, suoni e sorprese

NotteDellOpera_Centro_FF-13-650x434-1

Elvira e Leporello

Un bambino vivacissimo che si nasconde, scappa, riappare per far rumore e buttare a terra le cose. Don Giovanni da bambino era così. A pensarci bene come siamo stati molti adulti e come siete voi bambini e bambine. Odia le regole dei grandi e sfida la paura. Vuole solo giocare all’infinito e anche di più.
Elena Carrano, responsabile del progetto Nati per leggere della provincia di Macerata lo ha immaginato così, scrivendo il testo e curando la regia di “Nino, lo scapestrato bambino”, andato in scena alla Notte dell’Opera a Macerata e ora in tour nel territorio. Lo spettacolo è stato realizzato per il Macerata Opera Festival. NotteDellOpera_Centro_FF-10-650x434-1
Giocoleria, mangiafuoco, palloncini colorati, nastri, barattoli, luci, rumori e naturalmente il canto lirico: il tutto dosato magistralmente in modo che tutti i sensi sono coinvolti in ciò che accade nella scene che portano la inconfondibile firma delle Friches. E cosa accade in questo mondo coloratissimo che si muove, si smonta e si rimonta?

Leporello (Gianluca Ercoli), assistente bambinaio di Nino, è sempre lì a cercarlo dappertutto e a evitare che si ficchi in qualche guaio; soprattutto ora, che NiNo si è messo in testa di essere un Supereroe a caccia d’avventure. Anche Elvira (Sara De Flaviis), un’artista di strada, si unisce alla ricerca di NiNo.
NotteDellOpera_Centro_FF-12-650x434-1Certo che può sembrare un bambino come tanti, ma come tutti i bambini è unico e speciale.
NiNo è diverso, è tante cose. Tante, quante può essere un bambino. È lungo il catalogo nel taccuino di Leporello, ce ne sono più di 1003. E Nino, rappresentato da un pupazzo animato da Fabio Ciccalè, scappa e torna e poi si arrampica e salta. Insomma afferrarlo non sarà affatto semplice, ma regalerà infinite sorprese.
Lo sanno bene i bambini e le bambine che lo hanno già visto e che sono rimasti incollati agli sgabelli , posizionati in prima fila per loro, con gli occhi sgranati e le orecchie bene aperte, per godersi questo magico spettacolo che nasconde in ogni dettaglio amore, rispetto e massima empatia con i più piccoli.

(Foto Fabio Falcioni)

NotteDellOpera_Centro_FF-11-650x434-1NotteDellOpera_Centro_FF-9-650x434-1

Alessandra Pierini
Scritto da

mamma di Riccardo ed Angelo e esperta di parole. La sua penna è una bacchetta magica, per questo il suo soprannome è “Stilo”. Trasforma l’attualità di Macerata e provincia in articoli e racconti avvincenti.



Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.