facebook twitter rss

Rigopiano, il papà di Emanuele:
«Oggi il ricordo, domani riprende la lotta»
Tanda: «Cerco la verità da tre anni»

TRAGEDIA - Il 18 gennaio 2017 la valanga che travolse il resort in cui morirono 29 persone, i parenti delle vittime hanno lasciato un rosa bianca vicino alle rovine dell'hotel. Tra loro il fratello di Marco Tanda, il 26enne di Castelraimondo che perse la vita insieme alla fidanzata: «Dalle indagini emerge che sarebbe stato più facile salvarli che lasciarli lassù». Egidio Bonifazi, padre del 31enne di Pioraco, dipendente dell’albergo: «Fa male sapere dei depistaggi». Alessandro Di Michelangelo, fratello di Dino, agente in servizio a Osimo: «Pensiamo a onorare i nostri angeli»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
519 Condivisioni

I parenti delle vittime con una rosa bianca che hanno lasciato vicino alle rovine del resort

 

di Gianluca Ginella

Un pugno di neve e sopra una rosa bianca. Sfiderà il vento gelido di Farindola e attenderà giustizia. È una di quelle che hanno lasciato a due passi dalle rovine dell’hotel Rigopiano i parenti delle vittime. Ventinove le persone, tra clienti e dipendenti dell’albergo, che hanno perso la vita il 18 gennaio 2017 sotto la valanga che distrusse il resort. E poi dopo la valanga, l’attesa dei soccorsi, la speranza che sotto la neve, tra le macerie, ci fosse ancora qualcuno vivo e la ricerca continua di superstiti: solo 11.

Da quel giorno, ogni anno, i parenti sono tornati lassù perché quella tragedia non venga dimenticata e perché, come dice uno striscione steso questa mattina: “I nostri angeli meritano giustizia, noi la chiediamo per loro”. I parenti indossano pettorine del comitato “Vittime di Rigopiano”, bianche, e sul davanti la foto di chi è scomparso sotto la neve. Le indossano anche i parenti di Marco Tanda e Emanuele Bonifazi, i due ragazzi del Maceratese morti nella tragedia, lo stesso i parenti di Dino Di Michelangelo, agente di polizia in servizio a Osimo e della moglie Marina Serraiocco, commerciante, pure loro trovati morti sotto la neve (solo il figlio di 8 anni, Samuel, si è salvato). I famigliari con le pettorine e una rosa bianca in mano si sono incamminati lungo una lingua di neve che corre tra i prati e raggiunge le rovine del resort. È là che le rose sono state  lasciate. «Oggi è una giornata di ricordo, di preghiera, di conciliazione con tutti – dice Egidio Bonifazi, papà di Emanuele, il 31enne di Pioraco che lavorava nell’hotel –. Ma vale solo per oggi, da domani si riprende la lotta per la giustizia, noi non lasceremo indietro niente». Perché «a distanza di tre anni fa sempre più male venire qui, per via di tutti gli eventi che si sono succeduti, la notizia del depistaggio. Questo è preoccupante, perché c’è di mezzo tantissima gente sulla disgrazia dell’hotel, lo Stato era completamente assente in quei giorni. Allora sono stati tutti latitanti, e adesso che va avanti l’indagine viene fuori che ci sono di mezzo tutti: quello fa male, ogni volta si rivive quella tragica notte».

Marco Tanda ed Emanuele Bonifazi

«Era più facile salvarli che lasciarli dov’erano, questo emerge dalle indagini» dice Gianluca Tanda, il fratello di Marco, il 26enne di Castelraimondo, pilota di Ryanair, che ha perso la vita insieme alla fidanzata, Jessica Tinari. Lui è in prima linea per cercare la verità: «da tre anni la mia vita è questa, a volte mi sveglio la notte e mi rileggo il fascicolo d’indagine perché mi viene in mente qualcosa da cercare e approfondire. Lì dentro c’è tutto, è come la Bibbia, lì si può trovare la verità». Tanti i sentimenti dell’ultimo anno vissuto: «dolore, rabbia, delusione ma anche gioia quando trovi un documento importante che però poi porta allo sconforto di comprendere che era più facile salvarli – spiega Tanda –. Ma oggi ho visto oltre al dolore anche tanto amore: ho visto madri che portavano i fiori con amore, non con la rabbia che ci stiamo portando dietro da circa un anno, da quando siamo a conoscenza del depistaggio.

Per un giorno l’amore si è sostituito alla rabbia. Ma domani purtroppo ci torneranno questi sentimenti che non sono controllabili». Una vicenda «che ha preso una piega inverosimile, mi viene da dire che fa impallidire anche il caso Cucchi, per dare una idea – dice Tanda –. Oggi abbiamo tutti gli elementi utili per capire le responsabilità, che ancora non sono state accertate, a tre anni. Deve essere fatta piena luce sul depistaggio, che non può essere stato fine a se stesso. Ma è servito a nascondere l’operato di persone che hanno contribuito alla morte di chi era nell’albergo». E va compreso il movente: «Tre sono le cose: una il piano neve 2016-2017, completamente sbagliato (vengono attribuiti mezzi già rottamati nel 2015), la seconda è aver ignorato le allerte meteo per l’emergenza neve, e terza: nel caos più totale l’emergenza è stata gestita malissimo. Questo non lo dico io, lo dicono gli atti. E noi vogliamo che tutta la verità degli atti venga sottoposta al vaglio dei giudici».

I parenti di Dino Di Michelangelo

Anche Alessandro Di Michelangelo a Rigopiano ha perso un fratello, Dino, poliziotto come lui: «Oggi è il giorno della memoria e del ricordo, oggi il nostro pensiero è solo ad onorare al meglio il ricordo dei nostri angeli. Da domani si torna a lottare per onorarli come ogni giorno da quel triste giorno di tre anni fa che ha segnato la vita di ognuno». Sul processo che deve ancora iniziare a 3 anni dalla tragedia dice: «Mi fido del lavoro della procura e della giustizia. Dino vorrebbe questo se fosse lui al mio posto». Il figlio della coppia ora vive con lo zio Giuseppe Serraiocco (fratello della mamma) e la moglie Martina: «La nostra vita si è spenta tre anni fa, non doveva succedere, viviamo in uno Stato “sporco” dove lavora gente pericolosa senza avere un minimo d’interesse del popolo. Oggi c’è la commemorazione a Rigopiano io come ogni anno sono assente perché mi sa di presa in giro, preferisco ricordare Marina e Dino con un pranzo in famiglia». Sul processo: «Dopo questa serie di rinvii che c’è da dire? Ci hanno dato già la risposta, quando sapremo la verità? Se io commetto un reato si fanno in diecimila pur di mettermi in galera, e qua ci troviamo al punto che dopo tre anni ancora non si comincia. C’è qualcosa che non torna».

 

Dino e la moglie Marina

Articoli correlati

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X