facebook twitter rss

Tragedia di Rigopiano,
il Papa incontra i familiari:
“Non vi dimenticherò”

DRAMMA - Il pontefice li ha ricevuti, insieme ai superstiti, all'udienza generale che si è svolta oggi a Roma. Gianluca Tanda, il fratello del pilota della Ryanair di Castelraimondo: "Abbiamo recuperato un po' di fede e la carica per andare avanti. Una cosa del genere non deve più succedere"
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
0 Condivisioni

Il comitato vittime di Rigopiano all’udienza generale del Papa. Al centro la madre di Marco Tanda e al suo fianco il fratello

Nella foto, portata in piazza San Pietro, Marco Tanda e Jessica Tinari, vittime della valanga di Rigopiano

 

di Federica Nardi

“Non vi dimenticherò, pregherò per voi”. Queste le parole di papa Francesco ai familiari delle vittime e ai superstiti della valanga che lo scorso 18 gennaio ha distrutto l’hotel Rigopiano, presenti oggi a Roma in piazza San Pietro all’udienza generale del pontefice. “Abbiamo avuto assegnati i posti più vicini a lui sul sagrato, alla sua destra”, racconta Gianluca Tanda presidente del Comitato vittime di Rigopiano e fratello di Marco Tanda, 25enne pilota di Ryanair di Castelraimondo, che nell’hotel aveva perso la vita insieme alla fidanzata Jessica Tinari. Anche un altro giovane della provincia era morto nella struttura: Emanuele Bonifazi, 31 anni, di Pioraco, dipendente dell’hotel. La famiglia Bonifazi oggi non era insieme agli altri per impegni di lavoro. Il Papa ha ricordato anche pubblicamente la tragedia, durante il saluto ai gruppi in lingua italiana.

 

Quando ha citato il comitato sono stati fatti volare in cielo dalla piazza dei palloncini bianchi. “L’incontro con il Papa è stato un momento intenso – dice Tanda -. Lo guardi negli occhi e capisci che la sua attenzione è rivolta unicamente a te. Abbiamo recuperato un po’ di fede che con tutto quello che è successo avevamo perso. Un po’ di carica per andare avanti”. Perché l’obiettivo del comitato è “analizzare e capire tutti i micro errori fatti in quell’occasione – spiega Tanda -. Non può essere che una persona in difficoltà che telefona debba spiegare 50 volte cosa sta succedendo. Occorre cambiare le procedure. Certo – conclude – nessuno ci restituirà i nostri cari ma speriamo non accada più a nessun’altro”.

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X