La sfida fra gli arcieri
in ricordo di Riccardo Milani

CAMERINO - Ben 262 i partecipanti alla seconda edizione dell'evento in memoria del 34enne di Pieve Torina, scomparso nel 2017 dopo un tragico incidente stradale
- caricamento letture

 

IMG-20190906-WA0027-650x488

 

Sfida tra arcieri piccoli e grandi in memoria di Riccardo Milani, il 34enne di Pieve Torina prematuramente scomparso, che tanto si era prodigato nel dopo terremoto, appassionato componente del gruppo Arcieri de Varano di Camerino. I suoi compagni di squadra hanno voluto rendergli omaggio, organizzando in sua memoria una gara di tiro con l’arco giunta alla seconda edizione, che stavolta ha avuto come teatro il centro storico di Camerino, una sfida a quella rinascita e ripartenza dopo il terremoto, che lui tanto sognava. Venti diversi angoli della città, per un giorno sono stati strappati al silenzio ed alla quiete che circonda i palazzi secolari di Camerino evacuati dopo il sisma, anche al di fuori della zona rossa.

milani-2-290x400

Riccardo Milani

Una sfida perfettamente riuscita quella di organizzare una competizione sportiva all’interno del cuore della città ferita, ma che non si arrende alla distruzione del sisma. Sono stati ben 262 gli atleti che si sono sfidati in una serie di gare, culminate nella premiazione avvenuta il pomeriggio, alla presenza della consigliera comunale Maria Giulia Ortolani, della famiglia di Riccardo Milani, del giudice di gara Massimiliano Ferretti degli arcieri di Fabriano. «Abbiamo deciso di percorrere la strada più dura: organizzare una gara di tiro con l’arco in una città ferita e far partire 262 arcieri da quello che una volta era il cuore vivo e pulsante della nostra città natale – spiega il presidente degli arcieri De Varano Marco Aureli – mentre ora è solo un involucro vuoto con scheletri di legno e acciaio. Abbiamo deciso di portare lì gli arcieri che, oltre che a sfidarsi e divertirsi, possano provare quantomeno a capire cosa significa vivere questa situazione. Loro poi che il 23 ottobre 2016 avevano già animato le vie del centro per l’ultima volta. Riportare questa gara a Camerino e vedere i volti dei nostri amici, provenienti da tutta Italia, alzare lo sguardo e spalancare la bocca alla cruda realizzazione della realtà fa capire che non abbiamo organizzato solo una “gara di tiro con l’arco”, ma abbiamo dato un segnale a tutti: nonostante tutto noi siamo ancora qua, questa è casa nostra e noi continueremo a dare tutti noi stessi per dimostrare che niente e nessuno ci può affossare».

Screenshot_2019-09-06-16-12-34-1-325x309Il gruppo Arcieri De Varano ringrazia il Comune, l’università di Camerino, la Corsa alla Spada e tutto il gruppo che ha lavorato per l’ottima riuscita della manifestazione. Ecco i premiati nelle diverse categorie. Tra le donne per “madonna foggia storica” ecco il podio: Francesca Palazzo (Roma), Monia Fagiani (Spinetoli), Bruna Como (Roma). Sempre al femminile ecco le premiate del podio nella categoria “storico”: Vittoria Pettinari (Belforte), Cinzia Guidobaldi (Fossato di Vico), Valeria Fabietti (San Marcello), mentre nella categoria tradizionale prima Elena Garbugli (Fermignano), Eleonora Ginevri (Spoleto), Angela Anna Frezza (Urbino). Tra gli uomini ecco il podio per la categoria “messere foggia storica”: Sergio Ballerini (Fabriano), Gianfranco Marucci (Grottazzolina), Marco Lazzari (Gradara); per la categoria “messere storico”: Amos Menghini (Fossato di Vico), Emiliano Cicconi e Fabrizio Bori (entrambi di Belforte). Per il messere tradizionale ecco i primi tre classificati: Ettore Bertoldi (Todi), Alessandro Silvi (Fabriano), Antonio Vagnoni (Spinetoli). Tra i più piccoli, i “pueri” ecco la classifica: Giorgia Lenci (Fabriano), Sara Andrea Persico (Fermo), Alessio Bellocchi (Foligno), mentre per i più grandicelli “Juvenis” primo Samuele Bori (Belforte), seguito da Daniele Bellocchi e Simone Ballerini (entrambi di Fabriano). Riguardo alla competizione a squadre ecco le prime tre premiate per ogni categoria: “foggia storico”: Fabriano, Roma, Grottazzolina; “storico” Belforte, Urbino, Fossato di Vico; “tradizionale” Todi, Fabriano, Fermignano. Hanno partecipato le compagnie degli arcieri storici di Foligno, Spinetoli, San Marcello, Sant’Elpidio a Mare, Fermignano, Ceprano, Gradara, Fano, Fabriano, Grottazzolina, Viterbo, Roma, Spoleto, Fossato di Vico, Todi, Valfabbrica, Cagli, Urbino, Belforte, Amelia, Porto Sant’Elpidio, Fermo, Civita Castellana, Montone, Colpalombo, Poggio di Bretta, Acqualagna, Maiolati Spontini e San Severino Marche, con diverse squadre a volte provenienti dal medesimo comune.

Schianto mortale in moto: “Riccardo un ragazzo impagabile, in prima linea durante il sisma”

Schianto in moto, muore giovane volontario

Screenshot_2019-09-06-16-03-10-1

Screenshot_2019-09-06-16-06-10-1

Screenshot_2019-09-06-16-05-31-1-451x650

IMG-20190906-WA0026-650x488

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni =