Fratelli d'Italia

Riapre con successo
il luna park del Rigoletto (FOTO)

LA RECENSIONE - Buona la prima per il dramma verdiano diretto da Federico Grazzini. Un ritorno dopo l'inaugurazione della stagione lirica del 2015. La regia resta fedele a se stessa e la vicenda si snoda sempre in uno sgangherato parco giochi abbandonato. Rispetto a quattro anni fa cambia completamente il cast dei cantanti, che si fa più internazionale e apporta nuova freschezza e nuove sfumature caratteriali a questo allestimento sempre piacevole. Grande potenza ed espressività nella voce del baritono mongolo Amarvshin Enkhbat, bene anche tenore Enea Scala e il soprano Claudia Pavone
- caricamento letture

Rigoletto_Macerata_2019_V24A4397_Foto_Zanconi-650x368

 

di Maria Stefania Gelsomini

Secondo debutto allo Sferisterio per il Rigoletto di Federico Grazzini, che aveva inaugurato la stagione lirica 2015. Se la regia resta fedele a se stessa e la vicenda ritorna a svolgersi in uno sgangherato luna-park abbandonato, rispetto a quattro anni fa cambia completamente il cast dei cantanti, che si fa più internazionale e apporta nuova freschezza e nuove sfumature caratteriali a questo allestimento sempre piacevole del dramma verdiano. E cambia anche la direzione d’orchestra: allora sul podio c’era Francesco Lanzillotta, attuale direttore musicale del Macerata Opera Festival, impegnato nella conduzione della Carmen, mentre oggi c’è il maestro Giampaolo Bisanti.

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5781_Foto_Zanconi-650x440Il folto pubblico che ha riempito il teatro, forse anche trascinato dall’entusiasmo per il Macbeth trionfale della sera precedente ha decretato in maniera inequivocabile il successo di questo Rigoletto contemporaneo, interpretato con enfasi e autorevolezza dal giovane baritono mongolo Amarvshin Enkhbat, che a dispetto dei suoi 33 anni sfodera un vocione scuro e profondo da autentico baritono verdiano, come si diceva una volta, ma si trova a suo agio pure nei piani e nelle mezze voci (con una dizione tra l’altro invidiabile), confermando come proprio Rigoletto sia uno dei suoi cavalli di battaglia, in un repertorio sino ad ora, appunto, quasi esclusivamente verdiano. Il suo Rigoletto maceratese è brutale, spietato, anche con l’amata figlia Gilda, dalla quale non si fa avvicinare e neanche toccare.
Un gran dispiegamento vocale anche per il tenore Enea Scala, un Duca si fa per dire nell’idea di Grazzini, che entra bene nel personaggio viziato, spaccone e volgarotto immaginato dal regista, e che vocalmente, a volte, per eccesso di generosità, dà anche l’impressione di voler strafare, allungando qualche acuto oltremisura a favore del pubblico. Ma la voce c’è, e il pubblico gradisce tanta generosità. Come pure c’è la voce, bella e vellutata, di Claudia Pavone, salutata con un’ovazione da parte degli spettatori, inappuntabile nel proporre una Gilda ingenua sì ma più donna e più consapevole dei propri desideri, che non arretra di fronte al proprio tragico destino. La Giovanna dell’edizione 2019 campa di espedienti, ha un’acconciatura rasta e non si fa scrupolo di accettare soldi da chiunque tradendo la fiducia di chiunque, a partire da Rigoletto che le ha affidato la figlia. E per fortuna stavolta è giovane, perché è molto più coerente nella parte rispetto all’anziana Giovanna immaginata quattro anni fa.

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5749_Foto_Zanconi-650x449Come detto, la regia resta identica e i cambiamenti sono davvero minimi, appena l’aggiustamento di qualche dettaglio. Tra questi, salutiamo con soddisfazione l’eliminazione dei famosi pedalini bianchi del Duca: quando si spoglia e indossa la vestaglia rossa da conquistatore seriale, preparandosi ad accogliere la Gilda rapita come un pugile pronto al combattimento (amoroso) sul ring, puff, quei terribili fantasmini che allora ci avevano fatto più che sorridere sono spariti e il Duca, buon per lui e per la sua immagine di macho, resta a piedi nudi. Scherzi a parte, questo Rigoletto si conferma perfettamente in linea con il tema portante del festival rosso desiderio, e il suo rosso è quello della vendetta, che scorre come il sangue nelle vene di Rigoletto, del Conte di Monterone, persino del Duca quando gli viene rapita Gilda. Sulla scenografia, infarcita di elementi colorati di rosso, incombe la maschera tragica di un buffone da luna-park a bocca spalancata, che alla fine ingoierà i protagonisti: è questa la soluzione che ha permesso a Grazzini, risolti i conflitti che il muro dello Sferisterio inevitabilmente gli poneva, di poter svolgere la vicenda in unico luogo.

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5584_Foto_Zanconi-650x444Qui bazzicano malavitosi di vario genere, qui passeggiano prostitute in attesa dei clienti, qui si spingono ubriachi i moderni cortigiani passando da un festino all’altro. Qui posteggia il suo chioschetto ambulante Sparafucile, che vende bibite e generi alimentari ma arrotonda come sicario di professione, aiutato dalla sorella Maddalena, una bella ragazza appariscente che adesca le vittime prescelte dal fratello per aiutarlo negli omicidi. È un mondo in cui tutti i personaggi sono negativi, e il muro che li sovrasta è il circolo della maledizione che si chiuderà intorno a loro. Alla fine Rigoletto, senza la canonica gobba ma con tante deformità nell’anima, si ritrova a fronteggiare l’immagine di se stesso, l’uomo resta solo di fronte al suo odiato mestiere di buffone, in un contrasto fortissimo fra l’immagine privata e quella pubblica molto pertinente all’epoca odierna. L’intenzione dichiarata del regista è quella di emozionare il pubblico, e ieri sera ci è riuscito con questo Rigoletto, con il suo urlo finale, disperato, della maledizione, che ha scosso gli animi e risuona ancora nelle orecchie. Molti consensi per tutti, e conclusione di serata con un simpatico fuoriprogramma: alla fine degli applausi, quando le luci si sono alzate e il pubblico stava scorrendo via, gli artisti ancora sul palco hanno intonato a sorpresa un “buon compleanno” al maestro Bisanti (anch’egli molto apprezzato per il suo lavoro con l’orchestra) e gli spettatori si sono uniti spontaneamente al coro e agli auguri in un clima di festa che ha coinvolto palco e platea.

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5878_Foto_Zanconi-650x420Ottima prova per il basso spagnolo Simon Orfila, uno Sparafucile all’altezza degli altri protagonisti e per il mezzosoprano Martina Belli, una convincente Maddalena. A completare il cast, il soprano Alessandra Della Croce (Giovanna), il baritono coreano Seung-Gi Jung (Monterone), il basso-baritono Matteo Ferrara (Marullo), il giovane tenore ucraino Vasyl Solodkyy (Matteo Borsa), il baritono coreano Cesare Kwon (Conte di Ceprano), il mezzosoprano russo Anastasia Pirogova (Contessa di Ceprano), Gianni Paci (un usciere di Corte) e Raffaella Palumbo (un paggio della Duchessa). Lo spettacolo si avvale delle scene create da Andrea Belli, dei costumi di Valeria Donata Bettella, delle luci disegnate da Alessandro Verazzi, con le riprese di Ludovico Gobbi. Parte musicale affidata come sempre all’Orchestra Filarmonica Marchigiana, al Coro Lirico Marchigiano “Vincenzo Bellini” diretto insieme a Faggiani dal maestro Massimo Fiocchi Malaspina, e alla Banda Salvadei. L’appuntamento con la lirica in arena è per la prossima settimana, con il secondo weekend del Mof: 26 luglio Macbeth, 27 luglio Rigoletto (con repliche il 2 e 9 agosto), 28 luglio Carmen.

(foto Tabocchini e Zanconi)

Rigoletto_Macerata_2019_V24A4471_Foto_Zanconi-650x400

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_8741TABO_Foto_Tabocchini-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_V24A4447_Foto_Zanconi-650x461

Rigoletto_Macerata_2019_V24A4381_Foto_Zanconi-650x354

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5851_Foto_Zanconi-650x434

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5760_Foto_Zanconi-650x425

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A5625_Foto_Zanconi-650x440

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A2407_Foto_Zanconi-650x434

Rigoletto_Macerata_2019_K1A7800_Foto_Zanconi-650x425

Rigoletto_Macerata_2019_K1A7712_Foto_Zanconi-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_V24A5740_Foto_Zanconi-433x650

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_9017TABO_Foto_Tabocchini-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_8823TABO_Foto_Tabocchini-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_8766TABO_Foto_Tabocchini-650x433

Rigoletto-2019-5-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_8754TABO_Foto_Tabocchini-650x433

 

Rigoletto_Macerata_2019_TAB_0305TABO_Foto_Tabocchini-650x433

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A2598_Foto_Zanconi-650x436

Rigoletto_Macerata_2019_LK1A2379_Foto_Zanconi-650x434

 

Rigoletto-2019-2-433x650

Rigoletto-2019-3-433x650

Rigoletto-2019-4-433x650

 

Le foto all’ingresso di Andrea Del Brutto

rigoletto-ingresso-del-brutto-9-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-7-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-6-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-4-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-3-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-2-650x433

rigoletto-ingresso-del-brutto-1-650x433



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 
Elezioni = 1