facebook twitter rss

Follia razzista a Macerata,
interviene anche Erdogan:
«Un attacco terroristico»

CASO INTERNAZIONALE - Il presidente turco, prima di arrivare in Italia, ha commentato quanto successo ieri per le strade del capoluogo, dove Luca Traini ha sparato a sei africani per strada. E Silvio Berlusconi rilancia sull'immigrazione: «Una bomba sociale»
domenica 4 febbraio 2018 - Ore 22:07 - caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

Il presidente turco Erdogan

 

«L’attacco di ieri a Macerata, che ha preso di mira degli stranieri, mostra quanto grande sia diventata la minaccia della xenofobia. Non c’è differenza tra gli attacchi di un’organizzazione terroristica e attacchi razzisti di questo genere. In questa situazione si deve prendere una posizione decisa». Così il presidente turco Recep Tayyip Erdogan all’aeroporto Ataturk di Istanbul prima di partire per Roma, dove è arrivato intorno alle 19. Una visita istituzionale la sua, previsti incontri con il Papa in Vaticano, col presidente Sergio Mattarella al Quirinale e con il premier Paolo Gentiloni a palazzo Chigi. L’eco della follia razzista messa in atto da Luca Traini, che ha sparato per le vie della città ferendo sei africani a caso, considerati bersagli mobili solo per il colore della pelle, aveva già fatto il giro del mondo. E oggi è arrivato anche il commento di una delle personalità più influenti del Medio Oriente. Tornando nel nostro Paese, non si placano le polemiche sui migranti. E dopo le parole di Salvini, sono arrivate anche quelle dell’ex premier Silvio Berlusconi.  «L’immigrazione è una questione urgentissima. Oggi in Italia si contano almeno 630 mila migranti di cui solo il 5%, e cioè 30 mila, ha diritto di restare in quanto rifugiati e cioè fuggiti da guerra e morte. Gli altri 600 mila sono una bomba sociale pronta a esplodere, perché vivono di espedienti e di reati». Queste le parole dell’ex premier al Tg5.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons
X