Sparo mortale,
archiviata l’indagine sul carabiniere

MONTE SAN GIUSTO - Il gip ha accolto la richiesta della procura dello scorso maggio. Nessuna responsabilità penale del carabiniere
- caricamento letture

 

IMG_5971-400x267

La sera della sparatoria a Monte San Giusto

 

Sparo mortale a Monte San Giusto, il gip archivia il caso. Lo scorso maggio era stata la procura a chiedere l’archiviazione non ravvisando profili di reato nel modo in cui ha agito il carabiniere che uccise il giovane albanese Klodjan Hysa, 35 anni. Alla richiesta della procura avevano fatto opposizione i familiari del giovane ucciso. Il giudice ha però respinto il ricorso e ha disposto l’archiviazione. La procura si è basata, oltre che su alcune testimonianze, sulla perizia balistica eseguita da Sandro Evangelisti che ha ricostruito la dinamica di quanto accaduto il 24 febbraio scorso a Monte San Giusto. Un carabiniere aveva esploso un colpo di pistola per evitare di essere investito da Hysa che si era messo al volante di un’auto e stava cercando di fuggire. Un collega che si trovava insieme al militare lo aveva strattonato per evitare venisse investito e questo aveva esploso un colpo di pistola che era rimbalzato sul montante della vettura e aveva centrato alla testa il 35enne che era poi morto il 27 febbraio.

 

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X