Il “nì” del Pd manda in crisi Corvatta

CIVITANOVA - Nessun commento dal primo cittadino dopo l'esito dell'assemblea dei democratici che non ha sciolto le riserve sull'appoggio per le amministrative
- caricamento letture
Corvatta-sindaco-civitanova_Foto-LB

Il sindaco uscente Tommaso Corvatta

 

«Non ho nulla da dire». Il sindaco Tommaso Corvatta si trincera dietro il “no comment” ma i tentennamenti del Pd lo avrebbero turbato e non poco. Il candidato sindaco, seppur non investito ufficialmente per il bis, dava ormai per assodato l’appoggio del Pd, ultimo partito della maggioranza a rimanergli fedele (oltre a Rifondazione) dopo la diaspora di Uniti per cambiare e della civica di Gismondi La nuova città. La cautela dei democrat che ieri in assemblea hanno rimandato ad un nuovo incontro domenica prossima per sciogliere la riserva su Corvatta, non è andata giù al sindaco. Le cose ora si complicano e qualora il Pd decidesse di non appoggiare Corvatta il sindaco sarebbe costretto a fare dietrofront. Troppo poco per andare al ballottaggio il solo appoggio della lista civica che è in fase di lavorazione da parte dell’assessore Cristiana Cecchetti. Corvatta questa mattina non ha voluto commentare l’esito della riunione dei membri di via Mameli. Il partito infatti è spaccato fra coloro che sono favorevoli al Corvatta bis e quelli che invece nutrono dubbi per la difficoltà di aggregare numerose forze e partiti attorno all’attuale primo cittadino. Nei prossimi giorni Corvatta probabilmente chiederà un incontro al Pd per capire le evoluzioni della situazione.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X