Il comandante Vignoni e “assuntopoli”
al centro della campagna elettorale

CIVITANOVA, DIARIO ELETTORALE - La vicenda sulla docenza del comandante torna a far discutere dopo la presa di posizione del sindacato. Ciarapica chiede il licenziamento del capo dei vigili, Costamagna continua la battaglia sulla trasparenza e chiede chiarezza sull'assunzione all'anagrafe. Le proposte di Claudio Morresi per la sicurezza
- caricamento letture

16790619_10212300562057695_176374305_n-400x400

 

di Laura Boccanera

«Il comandante va licenziato». Torna giù duro il consigliere comunale Fabrizio Ciarapica sulla questione relativa al servizio di docenza effettuato dal capo dei vigili Sirio Vignoni nella sede di formazione regionale durante l’orario di lavoro. Ciarapica non accetta le spiegazioni di Vignoni pervenute attraverso la documentazione prodotta dal comune e dopo la presa di posizione dei sindacati riserva parole di biasimo anche per le rappresentanze sindacali: «Spiace che intervengano su una questione personale quale quella che vede coinvolto l’attuale Comandante Vignoni e non dicano una parola, invece, quando si tratta di tutelare il Corpo, magari contestando la carenza di organico o il fatto che i vigili vengano utilizzati nel servizio notturno nonostante non abbiamo in dotazione gli strumenti di difesa come la legge prevede. Dispiace ancor più di più constatare la deprecabile commistione tra politica e organi tecnici che porta impropriamente e forse volutamente a strumentalizzare un fatto relativo alla gestione, in un fatto di politica. Di certo ad oggi, gli organi tecnici come il segretario comunale, responsabile dell’ anticorruzione previsti dall’ordinamento italiano, non hanno ancora fornito alcuna risposta del fatto che il Comandante Vignoni, pur risultando in servizio a Civitanova, fosse ad Ancona, senza autorizzazione, a svolgere una docenza remunerata (Vignoni in realtà ha rinunciato al compenso ndr) per un altro ente, utilizzando sia un mezzo che un agente sottratti al servizio». Ciarapica chiede che si applichi la legge Madia al comandante e che vengano presi provvedimenti disciplinari.

Sul caso torna anche Marzetti che continua a sommare i giorni di attesa per avere una risposta alla richiesta di accesso agli atti sul numero di violazioni al codice della strada fatte con l’autovelox«I sindacati dovrebbero essere più obiettivi – dice Marzetti – oltre agli onori Vignoni dovrebbe rispondere anche degli oneri. Sono 45 giorni che aspetto una risposta quando da regolamento un consigliere dovrebbe avere ciò che chiede entro 3 giorni. Inoltrerò formale reclamo per l’inadempienza anche al prefetto».

ivo-costamagna-civitanovaDalla sponda opposta converge su Ciarapica anche Ivo Costamagna che si unisce alla richiesta di chiarezza formulata dal leader di Vince Civitanova sul caso assunzione all’anagrafe«Nonostante dal consigliere Ciarapica mi dividano cultura e militanza politica, non posso non rilevare come nel caso dell’assunzione, l’amministrazione in carica debba fornire risposte precise e convincenti. Questo in merito a tutte le circostanze relative all’assunzione in oggetto. La mia richiesta è coerente con quello che è stato uno dei pilastri fondanti dell’attuale coalizione che governa Civitanova: la trasparenza sulle assunzioni. Cinque anni fa abbiamo raccolto migliaia di firme, poi il Consiglio comunale ha deliberato una Commissione d’indagine ad hoc, io ci ho messo personalmente la faccia, non certo contro le singole persone, ma per una convinta critica politica ad assunzioni a parenti di primo grado che andavano almeno fatte conoscere e spiegate alla gente. Oggi non posso e non voglio comportarmi in modo diverso».

morresi-nicolettiRiorganizzazione della municipale al centro anche del programma del candidato sindaco Claudio Morresi che dopo l’incontro con i residenti del centro parla del progetto per la sicurezza in città. «Non ci sono bacchette magiche o proposte miracolose – dice Morresi – nessuno ha la soluzione in tasca, ma si possono comunque fare delle scelte e delle iniziative per migliorare la sicurezza». Morresi parla di sicurezza passiva raggiungibile grazie ad una maggiore illuminazione, specie nel borgo marinaro, telecamere che funzionino in prossimità dei locali più caldi e per i residenti del centro zona Donoma una ztl a tempo con permesso di transito solo ai residenti. Tra le iniziative di sicurezza attiva invece il candidato di Insieme per Civitanova propone l’armamento dei vigili grazie al quale è possibile il servizio notturno: «l’arma non deve essere considerata uno strumento di attacco, però è funzionale per permettere ai vigili di fare servizio di notte. Riorganizzeremo il corpo dei vigili urbani anche grazie al nucleo di sicurezza urbana come già altri comuni nel nord fanno dal 2010»

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X