Maceratese-Bucchi, il giorno dell’addio:
Giunti il favorito alla successione

LEGA PRO - Domani (martedì) alla Camera di Conciliazione dovrebbe chiudersi l'esperienza del tecnico in biancorosso. L'ex mister di Gualdo e Foligno in pole per la panchina
- caricamento letture
Cristian Bucchi e Maria Francesca Tardella

Cristian Bucchi e Maria Francesca Tardella

 

di Andrea Busiello

Domani (martedì) sarà il giorno della rescissione del contratto tra Cristian Bucchi e la Maceratese. Davanti alla Camera di Conciliazione dei Consulenti del Lavoro dovrebbe chiudersi l’esperienza del mister romano in biancorosso e poi iniziare quella al Perugia in serie B. Le parti sono praticamente d’accordo su tutto ma fino a quando non c’è nero su bianco non ci si può sbilanciare in termini ufficiali. Bucchi per svincolarsi dalla Maceratese rinuncerà agli emolumenti degli ultimi stipendi. Lui come i suoi collaboratori: soldi, circa 60mila euro, che la società risparmierà nel bilancio di questa stagione e andrà ad invetire nella prossima per costruire una formazione in grado di fare molto bene nel campionato di Lega Pro.

Federico Giunti

Federico Giunti

Una volta ufficializzato l’addio a Bucchi dovrebbe essere annunciato anche il nome del sostituto: il favorito numero uno alla successione del collega romano è Federico Giunti che nei giorni scorsi ha confermato l’interesse della Maceratese nei suoi confronti (leggi l’articolo). Giunti, gran centrocampista da giocatore, ha avuto esperienze sempre in serie D come tecnico: Castel Rigone, Gualdo e Foligno le squadre allenate e adesso sembrerebbe a un passo dall’esordio tra i professionisti (con Franco Gianangeli nel ruolo di vice). Anche Roberto Bordin è una pista da tenere in considerazione ma negli ultimi giorni le sue quotazioni sono scese. Più difficili le strade che porterebbero in biancorosso Trillini, Romaniello, Epifani o D’Angelo.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X