Spacca lancia i candidati di Forza Italia
e attacca il Pd:
“Vogliono dividere le Marche”

ELEZIONI - Il governatore uscente a Macerata per presentare gli azzurri delle regionali. "Con FI alleanza naturale nata sul programma. Sarà un referendum tra noi e loro che vogliono smembrare la regione in tre parti". Poi risponde al ministro Boschi: "Ha perso un'occasione". Gli fa da spalla il coordinatore forzista Remigio Ceroni: "Dovevamo allargare la coalizione e abbiamo trovato un interlocutore credibile"
- caricamento letture
Da sinistra: Deborah Pantana, Barbara Cacciolari, Enzo Marangoni, Fabio Pistarelli, Remigio Ceroni, Gian Mario Spacca, Francesca Falchi e Ottavio Brini

Da sinistra: Deborah Pantana, Barbara Cacciolari, Enzo Marangoni, Fabio Pistarelli, Remigio Ceroni, Gian Mario Spacca, Francesca Falchi e Ottavio Brini

Gian Mario Spacca_Foto LB

Il governatore uscente Gian Mario Spacca ha presentato i candidati maceratesi di FI

 

di Claudio Ricci

«Il Pd ha preso una grande ubriacatura con il risultato delle europee del 2014. Da lì la burocrazia del partito ha voluto ingerire sull’amministrazione regionale creando di fatto uno scollamento dai problemi reali della comunità regionale. Anche per questo oggi abbraccio l’alleanza con Forza Italia». Continua senza esclusione di colpi la zuffa elettorale tra il governatore uscente, Gian Mario Spacca e il Pd, in vista delle elezioni regionali del 31 maggio. L’ennesimo colpo all’ex partito il presidente lo sferra in occasione della presentazione dei candidati al consiglio regionale di Forza Italia della provincia di Macerata. Quattro uomini e due donne guidati dall’imprenditrice di Castelraimondo, Barbara Cacciolari, a cui seguono in ordine di lista, i consiglieri uscenti Enzo Marangoni (di Recanati) ed Ottavio Brini (di Civitanova), l’ ex assessore provinciale di Sant’Angelo in Pontano, Simone Livi, l’ex consigliere regionale Fabio Pistarelli (di Macerata) e la giovane esordiente civitanovese, già miss Marche, Francesca Falchi. Alla presentazione ufficiale, benedetta dal coordinatore regionale Remigio Ceroni e dal presidente Spacca che si è tenuta oggi nella sede azzurra di via Garibaldi a Macerata, è intervenuta anche la candidata alle comunali, Deborah Pantana.

I candidati alla Regione Barbara Cacciolari, Enzo Marangoni e Fabio Pistarelli

I candidati alla Regione Barbara Cacciolari, Enzo Marangoni e Fabio Pistarelli

«L’alleanza tra Marche 2020, FI e Democrazia Cristiana è avvenuta in maniera assolutamente naturale – spiega Spacca – sulla spinta dell’impulso all’impresa che è alla base del nostro programma. Un impulso imprescindibile per tornare a produrre reddito e pensare a tutte le altre emergenze delle Marche, come sanità e spesa per il sociale. Purtroppo il Pd sta mettendo un Opa (offerta di pubblico acquisto ndr) sulla regione e quello del 31 maggio sarà un referendum tra noi e loro. Un referendum tra il nostro sistema policentrico e il loro sistema metropolitano che gravita su Pesaro, la città con più tesserati Pd delle Marche. Bisognerà decidere tra noi che lottiamo per le Marche unite e loro che assecondano lo smembramento in tre parti, divise tra Emilia, Umbria e Abruzzo. Purtroppo nell’ultimo anno la vera opposizione è stata quella interna alla mia giunta, con la sinistra che mi ha ostacolato sulle grandi opere come la Quadrilatero, oppure quando mi hanno chiuso fuori dalla sede del Pd, dove si stava parlando della riforma sanitaria, con tanto di cartello appeso fuori con scritto: “La presenza di Spacca non è gradita”».

Remigio Ceroni_Foto LB

Il coordinatore regionale di FI, Remigio Ceroni

Una stoccata poi al ministro Maria Elena Boschi che ieri durante la convention del Pd ha criticato il cambio di casacca di Spacca (leggi l’articolo). «Il ministro Boschi ha perso una grande occasione: parlare concretamente di cosa il suo Governo abbia fatto per la nostra regione. Ma sarebbe stata costretta a parlare solo dei tagli del Governo alle regioni e alle autonomie locali. Tagli alla scuola, alla sanità, alle politiche sociali, alle emergenze dettate dalle calamità naturali e quindi il ministro Boschi ha preferito più semplicemente concentrarsi per l’ennesima volta sulla vicenda terzo mandato del presidente della Regione. Il solo argomento che sembra interessare il Pd in questo referendum elettorale». Ad avvalorare le dichiarazioni dell’ex avversario politico ci pensa il coordinatore reginale Remigio Ceroni: «Si prevede che FI possa arrivare al 20-25% dei voti alle prossime regionali. Abbiamo quindi cercato di allargare la nostra coalizione, tenendo conto anche delle scelte confuse di Lega Nord e Fratelli d’Italia. Sulla base di alcuni punti programmatici abbiamo trovato in Spacca un interlocutore credibile. Il candidato presidente deve essere autorevole e in grado di orientare le scelte e le risorse. Se oggi le Marche si trovano in difficoltà è per colpa del Pd che ha gestito male i due assessorati più importanti , del Bilancio e della Sanità. Credo allora che sia giunto il momento di cambiare pagina su argomenti che riteniamo fondamentali per il bene della nostra Regione».

(foto di Lucrezia Benfatto)

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X