Alessandro Savi

Alessandro Savi


Utente dal
17/1/2009


Totale commenti
500

  • Stop al progetto Macerata Accoglie
    «La città ha subito situazioni negative»

    1 - Ott 22, 2020 - 1:19 Vai al commento »
    Tra i commenti importati da Facebook ve ne sono almeno due che, guardando i due lati della questione, colgono perfettamente nel segno. Apparentemente antitetici, in realtà l'uno completa l'altro. Complimenti a Virginia Mazzoni e a Massimo Gentili.
  • Micucci rinuncia al ricorso:
    «Nel Pd siamo tutti colpevoli»

    2 - Ott 17, 2020 - 2:07 Vai al commento »
    Complimenti, Francesco. Bella lezione di umiltà.
  • Mandrelli è per un cambio generazionale:
    «Nel Pd fino a 40 anni sei un bambino,
    i giovani brillanti vanno recuperati»

    3 - Ott 9, 2020 - 1:43 Vai al commento »
    Quello di Bruno è un intervento che merita una discussione molto ampia e approfondita. Di certo è un contributo che imprime una direzione diversa all'analisi e che va, come spesso accaduto in questi anni, ben oltre le tante cose ovvie che siamo soliti ripetere. Mandrelli dovrebbe tornare ad essere una risorsa, non solo per il PD ma per l'intero centrosinistra maceratese. In questa fase il suo contributo potrebbe essere utilissimo, forse più che in un recente passato. Largo ai giovani, sostengo tutti coloro che Bruno ha citato perché hanno tutte le potenzialità per emergere e per preparare la riscossa ma, nel contempo, lo vedrei come figura ideale per la guida del PD nei prossimi anni. Come in una squadra di calcio affiatata, oggi più che mai c'è bisogno di una giusta sintesi tra esperienza e saggezza da un lato e passione dall'altro.
  • Colpo di coda Carancini, supera Micucci
    al riconteggio delle schede elettorali

    4 - Set 29, 2020 - 1:37 Vai al commento »
    Sembra che nella trascrizione di un verbale di una sezione elettorale di Macerata risultassero zero voti per l'ex sindaco mentre invece ne aveva ricevuti diversi. Temo che ci sarà una battaglia nel Pd perché Micucci dovrebbe chiedere a sua volta il riconteggio dei verbali e poi, forse, delle schede. Ma a me questa battaglia all'interno del Partito Democratico non interessa, la osservo da alleato ma non da persona direttamente coinvolta. Piuttosto sono curioso di capire quanto sia gradito ai cittadini maceratesi questo ribaltamento. Perché l'analisi della sconfitta del centrosinistra maceratese non può prescindere dalla valutazione che gli stessi maceratesi hanno espresso nei confronti di Romano Carancini e della sua giunta. Ci ho lavorato sopra, ho cercato di interpretare numeri e flussi ed ho partorito un documento piuttosto lungo che, proprio perché molto articolato, non è pubblicabile. Diciamo che adesso ho le idee più chiare.
  • «Le scene di ieri in Comune?
    Vigileremo che non accada più»

    5 - Set 27, 2020 - 3:21 Vai al commento »
    @Aldo Iacobini Signor Iacobini, faccio un ultimo tentativo poi mi arrendo. Il Vescovo Marconi ha inaugurato cinque anni fa una prassi: ogni candidato sindaco viene invitato ad un colloquio preliminare volto a capire - suppongo - quanto il suo programma collimi con quello del cristianesimo. Prassi a mio modo di vedere alquanto discutibile ma sicuramente legittima. Prima delle ultime elezioni tutti i candidati sindaci sono stati ricevuti dal Vescovo e, con lui, hanno discusso e si sono confrontati. Ritengo, ma posso anche sbagliare, che il Vescovo si sia fatto una idea e che abbia appoggiato il candidato che, più degli altri, lo abbia convinto. E fin qui - ribadisco ancora una volta - tutto è legittimo. Una volta vinte le elezioni, Parcaroli e Salvini si sono recati nuovamente dal Vescovo. Per fare cosa? Per ricevere una benedizione "speciale" o per festeggiare una vittoria? Lei capirà che, in un caso o nell'altro, questa sorta di "processione" dal comune fino a piazza Strambi è del tutto inusuale e, per certi versi, ambigua. Di sicuro, almeno a mia memoria, non è mai avvenuta in precedenza. E, purtroppo, non sono più giovanissimo. Cordiali saluti.
    6 - Set 26, 2020 - 12:49 Vai al commento »
    Per il sig. Iacobini: Se la mettiamo sull'opportunità, io ho sempre pensato alla politica come ad una cosa laica che dovrebbe prescindere dalle confessioni religiose. E' il famoso e sacrosanto concetto di laicità dello stato che dovrebbe vigere ovunque, non solo qui. Il nostro Vescovo tuttavia ritiene opportuno incontrare tutti i candidati sindaci prima di ogni tornata elettorale ed è liberissimo di farlo (anche se a me, dico la verità, questa cosa non piace affatto e se fossi candidato sindaco non credo che raccoglierei l'invito). Fin qui tutto bene. Il problema nasce quando il sindaco neo eletto si reca da lui insieme al leader del suo partito: ecco, questo non mi sembra "opportuno". A tal riguardo Cicarè giustamente si chiede: chi è stato il promotore dell'incontro? Il Vescovo o Parcaroli e Salvini? Lei capisce che, a seconda della risposta, la questione assume due valori e due "opportunità" ben diverse. Tutto qui.
    7 - Set 26, 2020 - 3:42 Vai al commento »
    Faccio rispettosamente notare ai commentatori disinformati che: - Alberto Cicarè non era il candidato sindaco del centrosinistra ma il candidato di una coalizione composta da "Potere al popolo" e "Strada comune". Tali forze politiche sono state sempre contrarie all'amministrazione Carancini e alternative rispetto alla coalizione che ha sostenuto Narciso Ricotta. Quindi non c'entrano nulla con il PD. - Cicarè, come tutti i candidati sindaci, ha raccolto l'invito del Vescovo (cosa ben diversa dall'andare dal Vescovo) e, a proposito dell'incontro dello stesso Vescovo con Salvini, si chiede legittimamente chi sia stato il promotore dell'incontro. Questo ad onor di cronaca e di verità. Precisando che chi scrive è un sostenitore di Ricotta e non di Cicarè.
  • Il Pd non cambia strada,
    i maceratesi la asfaltano:
    Parcaroli sbanca e ringrazia

    8 - Set 23, 2020 - 1:17 Vai al commento »
    Sì, caro Matteo. Hai fatto un'analisi lucida e in larghissima parte condivisibile. Rivendico a gran voce la purezza e l'onestà intellettuale di Narciso Ricotta che ha fatto il possibile e l'impossibile per sovvertire un risultato già compromesso in partenza vista la pesantissima eredità che portava in spalla. All'orizzonte vedo un solo errore che il centrosinistra non dovrebbe commettere: considerare la sconfitta come il frutto di un dato politico. Non è semplicemente così. Come tu hai ben evidenziato, ci sono elementi di natura amministrativa che dovranno essere posti al centro della riflessione. La destra ci ha impartito una lezione sonora. ha individuato un candidato che, pur non essendo ancora all'altezza dell'agone politico, ha rappresentato un elemento di novità e di rottura con il passato. Noi abbiamo fatto il contrario difendendo l'indifendibile e siamo stati puniti. Giusto così. Complimenti vivissimi all'avversario e auguri di buon lavoro a Sandro Parcaroli e a tutti i suoi futuri collaboratori.
  • La disfatta del centrosinistra
    ha nomi e cognomi
    E adesso tutti a casa

    9 - Set 22, 2020 - 0:12 Vai al commento »
    Bravissimo Fabrizio, hai ragione su tutta la linea. A questo punto aspettiamo domani lo spoglio delle comunali per completare la batosta.
  • Macerata è tante città
    Di Matteo Ricci, della pace e dell’arte

    10 - Set 17, 2020 - 1:50 Vai al commento »
    Macerata è "Città della Pace" da circa un quarto di secolo. In questo lasso di tempo non mi è mai capitato di leggere o ascoltare una sola domanda da parte dei miei concittadini inerente il perché di questa impegnativa intitolazione. Perché, dunque, "Città della Pace"? Nel 1795 Immanuel Kant scrisse un'opera di filosofia politica chiamata "Per la pace perpetua", un vero e proprio trattato di pace di natura filosofica, non giuridica. Trasse ispirazione dalla Pace di Basilea avvenuta nello stesso anno, una pace che era di fatto una tregua viste le enormi differenze ideologiche tra la Francia Rivoluzionaria e la Prussia. Da questo evento storico il filosofo trasse un progetto per la Pace Perpetua basato su di una visione illuministica (e, dunque, fortemente ottimistica) della storia. Kant partì da una riflessione antropologica che, a mano a mano, lo portò a sperare - in maniera molto rigorosa e argomentata - nella realizzazione di una pace perpetua tra tutti i popoli. Naturalmente ho semplificato fin quasi a raggiungere la banalità ma mi permetto di consigliare a tutti la lettura dell'opera perché è incredibilmente attuale. Nel 1995, in occasione del bicentenario dello scritto kantiano, il sottoscritto, imberbe consigliere comunale alla prima esperienza istituzionale, presentò una mozione in consiglio che, approvata, portò alla realizzazione di un convegno di respiro nazionale sulla "Pace perpetua" organizzato dai docenti della Facoltà di Filosofia dell'Università di Macerata. La nostra città è città della Pace in onore a Kant e alla sua opera. Siatene orgogliosi e non ironizzate con riflessioni e commenti inadeguati.
  • Magdi Allam a Macerata
    porta il suo “Stop Islam”
    «E’ incompatibile con il nostro diritto»

    11 - Set 4, 2020 - 1:38 Vai al commento »
    @ Roberta Angelelli Dio, Patria e Famiglia. A noi! @ Redazione Cronache Maceratesi Quanto è durato l'intervento del candidato sindaco Parcaroli? Chiedo per un amico curioso, non certo per me: visto il riassunto di una riga e mezza, immagino abbia letto un "pizzino" scritto da qualcun'altro su di un foglietto dei Baci Perugina. @ Magdi Allam Conosce papa Francesco?
  • Parcaroli regala porta-mascherine
    per la festa di San Giuliano

    12 - Ago 30, 2020 - 0:50 Vai al commento »
    La Politica è davvero una cosa del passato remoto...
  • «Taglio dei parlamentari? Non così
    Serve una seria riforma istituzionale»

    13 - Ago 28, 2020 - 1:35 Vai al commento »
    Pienamente d'accordo con Bruno. Come sempre.
  • Ricotta lancia “La nostra città”:
    «Nel centrodestra quasi tutti partiti,
    nel centrosinistra cittadinanza attiva»

    14 - Ago 25, 2020 - 0:20 Vai al commento »
    Una bella lista con un progetto politico serio e dibattuto a lungo. Di sicuro non è una di quelle liste nate all'ultimo minuto per portare acqua al mulino del candidato sindaco. Bravissimi!
  • «Sogno Aperitivi culturali tutto l’anno
    Servono più risorse per l’opera»

    15 - Ago 10, 2020 - 1:23 Vai al commento »
    Bravissima Cinzia, complimenti!
  • Ubi diventa Intesa Sanpaolo,
    nelle Marche oltre 40% di sportelli a Bper
    «Formalizziamo gli impegni»

    16 - Ago 9, 2020 - 0:12 Vai al commento »
    La cosa più bella che ho fatto, dopo il fallimento di Banca Marche, è stata quella di mandare a quel paese Ubi e di passare con la Banca della Provincia di Macerata. Rivoglio l'attenzione al territorio e le filiali nei paesini più piccoli.
  • I fratelli Centioni contro Ciarapica
    «Dal saluto romano a Forza Italia,
    ha tradito la parola data»

    17 - Ago 4, 2020 - 17:16 Vai al commento »
    Amici civitanovesi, a chi avete affidato Palazzo Sforza?
  • «L’abito glamour di Parcaroli
    non basta per nascondere i sovranisti»

    18 - Lug 20, 2020 - 2:25 Vai al commento »
    Il Centro di una volta faceva scelte di campo, a prescindere dai sondaggi. L'UDC oggi è come una banderuola al vento, come gli ignavi descritti da Dante. Onore a Tacconi e Pettinari che non si prestano a questo giochino.
  • Rata, sei giocatori in arrivo
    Continua la battaglia per l’Eccellenza

    19 - Lug 19, 2020 - 11:09 Vai al commento »
    Della possibilità di ospitare il Matelica a Macerata si parla da anni: la si può pensare come un'opportunità o come una scocciatura, ogni opinione è legittima. Di certo il tema è di gran lunga antecedente rispetto alle elezioni regionali dunque appare del tutto fuori luogo la polemica esternazione del legale della Maceratese in merito al PD e ai voti dell'entroterra. Sembra piuttosto una captatio benevelontiae da parte dell'avvocato/candidato, a sua volta in cerca di consensi per se stesso.
  • «Al Sacro Cuore norme Covid rispettate
    E l’ostia è il corpo di Cristo
    che non può essere infetto»

    20 - Lug 6, 2020 - 22:41 Vai al commento »
    Vale la pena ricordare come avvenne il contagio a Sala Consilina qualche mese fa. Tutto iniziò da ostie e calici poi il paese divenne zona rossa e tutta la valle del Sele venne blindata per settimane. Sdrammatizzo (o ci metto sopra il carico?) riportando i versi di una vecchia canzonetta dei Pooh (Inca) che descrive la spietata colonizzazione del Sudamerica da parte dei Conquistadores nel XVI secolo: "Notte di fortezza e fiamme d'oro Disse l'inca: uccidimi e vedrai, Vedrai con quei tuoi occhi di sparviero Il sole aprire ancora gli occhi miei. L'alba tra un po' spezzerà le tue armi Tu farmi del male non puoi! Ma quel sogno fu silenzio e cadde fragile Ed il cuore di smeraldo si fermò, Poi le spalle della notte s'incendiarono E quel sole il re del sole non svegliò. Le navi il soldato riempì, e con l' oro partì Col permesso di Dio." All'epoca, forse, tanta superstizione era giustificata.
  • Covid: è morto Graziano Pallotto,
    ex sindaco di Montecassiano

    21 - Mag 13, 2020 - 2:12 Vai al commento »
    Riposa in pace, Graziano. Un onore l'averti conosciuto.
  • Controllo della temperatura,
    mascherine e gel disinfettanti:
    Cucine Lube pronta per la riapertura

    22 - Apr 8, 2020 - 2:53 Vai al commento »
    Un sincerissimo "in bocca al lupo" a tutti i dipendenti della Lube. Forza e coraggio, si riparte ma con tutta la prudenza possibile. Buon lavoro in sicurezza.
  • Nicole Akonchong compie 18 anni:
    festa a sorpresa
    con i vicini in terrazza

    23 - Apr 5, 2020 - 1:51 Vai al commento »
    Tanti cari auguri Nicole! E un forte abbraccio a papà Johanes e mamma Cascia!
  • Il jogging del vicesindaco
    fa il giro d’Italia:

    «Spero di trovare un po’ di pace»

    24 - Apr 3, 2020 - 2:55 Vai al commento »
    Premessa: non lo giustifico ma provo a comprenderlo. A seguito delle restrizioni imposte dai vari DPCM, l'attività di jogging è stata proibita anche e soprattutto per evitare assembramenti di persone nei luoghi pubblici. I veri runners corrono in solitudine, soprattutto in montagna, in campagna, lontano dai luoghi in cui si può esibire fisici scultorei e approcciare donne che apprezzano tali attributi. Dal decreto in poi un italiano su due è diventato runner come d'incanto. Compresi i panzoni flaccidi. L'isolamento in casa spinge ai buoni propositi, ci mancherebbe. Ma, nella stragrande maggioranza dei casi, questi buoni propositi verranno meno non appena potremo tornare a vivere normalmente. Cosa ha fatto Ciarlantini? Quello che fa quasi tutti i giorni. Da vero sportivo qual'è ha cercato di tenersi in forma. Lo ha fatto perché lo ha sempre fatto, non si è improvvisato runner dalla sera alla mattina per eludere i divieti. Del resto chi percorre quasi trenta chilometri non è certamente un podista improvvisato. Ha sbagliato, ha pagato. Ha pagato la contravvenzione senza approfittare né del suo ruolo politico né del suo passato di carabiniere. Ha rassegnato le dimissioni da vicesindaco e - glielo consiglio - sperabilmente rassegnerà le sue dimissioni da consigliere comunale. Ma adesso lasciamolo in pace. E' uno sportivo autentico, non uno di quelli che si improvvisano tali solo per godere di un po' di tempo all'aria aperta.
  • Il grido di Fabio Giulianelli:
    «Urliamo la nostra rabbia
    Deve nascere una società più forte»

    25 - Mar 29, 2020 - 16:36 Vai al commento »
    Dai commenti degli opinionisti certificati e da quelli importati da Facebook emerge un dato importante: sembra che finalmente in molti abbiano compreso la totale inutilità delle cose che quest'uomo pensa, scrive e dice.
  • Morgoni duro su Giulianelli:
    «Parole imbarazzanti e scomposte»

    26 - Mar 24, 2020 - 23:03 Vai al commento »
    @ Iacobini Buonasera, il provvedimento che lei cita è semplicemente un atto dovuto per bloccare gli arrivi dalla Cina negli aeroporti italiani. E' stato infatti promulgato come forma cautelativa all'insorgere dell'epidemia in quel paese. So che la cosa sarà spiegata ben presto alla Camera perché nello stesso fraintendimento è caduta anche l'Onorevole Giorgia Meloni. Nel frattempo, nell'altro articolo, sono intervenute tutte le truppe cammellate della Lube e della Lega a suffragio del Grande Imprenditore Del Vaniloquio. Compreso un consulente direttore artistico dell'azienda. Mi aspetto uno schiaffo morale: l'acquisto di dieci respiratori e l'invio degli stessi in Lombardia.
    27 - Mar 24, 2020 - 19:50 Vai al commento »
    @ Signor Crescimbeni Nessuna polemica nemmeno da parte mia, ci mancherebbe. E non può immaginare quanto la capisco. A maggior ragione, tuttavia, certi interventi come quello del Sig. Giulianelli dovrebbero irritarla. A me ha suscitato una forte indignazione proprio perché non c'è traccia nel suo scritto della condizione degli artigiani, dei commercianti e delle tante categorie produttive che, se non hanno la possibilità di lavorare per un lungo periodo, rischiano (quelle sì) di finire sul lastrico. E' assurdo e stomachevole in un momento del genere vedere gente che vive in un mondo dorato piangere, lamentarsi, imprecare contro chi si sta facendo un mazzo tanto per salvaguardare la salute di tutti. Poi, è chiaro, si stanno scontando tagli assurdi fatti alla sanità, possono essere stati fatti mille errori ma, converrà con me, ciò che sta succedendo non era facile da prevedere. Buona fortuna. A lei e a tutti noi. Di vero cuore.
    28 - Mar 24, 2020 - 19:14 Vai al commento »
    @Signor Crescimbeni Solo per precisare, io non vivo proprio di politica perché sono un umilissimo consigliere comunale che percepisce, per il suo ruolo, meno di 1000 euro l'anno (non al mese, badi bene). Per il resto, vivo del mio lavoro (un misero stipendio da impiegato), faccio tanto volontariato e contribuisco, nel mio piccolissimo, ad aiutare chi ne ha bisogno. Mi permetto di risponderle solo perché è sceso a livello personale e si è permesso di farmi i conti in tasca. Ricordo a lei e a tutti gli altri sostenitori del personaggio del Bar dello sport che né il sottoscritto né il Senatore Morgoni hanno avviato alcuna polemica e che, al contrario, siamo infastiditi come tutti proprio da coloro che in un momento del genere si permettono di farlo. Confondere la causa con l'effetto è pura mistificazione.
  • Struggente messaggio
    del sindaco Catena:
    «Qui ho visto l’inferno in terra»

    29 - Mar 24, 2020 - 2:26 Vai al commento »
    Mi hai fatto piangere, Leonardo. Ti auguro tutto il bene del mondo, sei quasi fuori dall'incubo. Cerca ancora quella mano da stringere, sarà con te per tutta la vita. Un fortissimo abbraccio.
  • Coronavirus, convocati i capigruppo
    «Affrontiamo la situazione uniti»
    Sacchi: «Bando alle polemiche»

    30 - Mar 9, 2020 - 1:59 Vai al commento »
    Bravissimo Riccardo. Mi duole dare ragione a Renzi ma il tuo partito, in questo momento, rappresenta una vera garanzia di tenuta istituzionale. Siamo in piena emergenza soprattutto perché il nostro sistema sanitario rischia di implodere. Quindi uniamoci tutti per affrontare questa battaglia. Verrà il momento delle polemiche e delle rivendicazioni politiche ma oggi dobbiamo dare tutti insieme una dimostrazione di unità. La storia del nostro Paese ci dimostra che, nei momenti di emergenza, siamo un esempio di solidarietà. Quindi sospendiamo la campagna elettorale, auguriamoci uno slittamento della data del voto e dimostriamo di essere realmente degni del ruolo che rivestiamo.
  • Convitto, Monteverde: «Si farà il bando»
    Miliozzi: «Siano mantenute le promesse»

    31 - Gen 22, 2020 - 19:38 Vai al commento »
    Non voglio pensar male e confido nell'onestà intellettuale e politica che il Presidente della Provincia ha più volte dimostrato (nonostante i "balletti" del suo partito di riferimento), dunque sono portato a interpretare questa azione estemporanea della provincia stessa come una delle tantissime criticità provocate dalla pessima riforma di Renzi. Questo ente, in passato, ha avuto un ruolo importantissimo nella gestione diretta di alcuni servizi e nella gestione indiretta di altri, attraverso un lavoro di coordinamento che era e resta fondamentale nel (e per il) territorio. I problemi evidenziati dal vicesindaco e assessore Monteverde derivano proprio dall'annichilimento delle funzioni, dei compiti, dei mezzi e del personale della provincia. Nel periodo in cui sono stato assessore alle politiche sociali i tavoli di coordinamento, allora guidati dalla collega Clara Maccari, funzionavano alla perfezione e mai e poi mai sarebbe avvenuto ciò che sta avvenendo in questi giorni: provincia e comuni dialogavano costantemente e affrontavano i problemi prima che gli stessi divenissero emergenze. Oggi non è più così perché, di fatto, le province non esistono più. Detto questo, deve prevalere il buon senso di tutte le parti in causa: il comune deve velocizzare il più possibile il rientro del Convitto nella sede storica, la provincia deve trovare un accordo per lo spostamento temporaneo degli uffici del tribunale in altra sede. Guai anche solo a pensare di trasferire i bambini in una sede scolastica insicura o scarsamente sicura. Guai anche solo a pensare di tarpare le ali ad una scuola che rappresenta un esempio per l'intero territorio. Ripeto: deve prevalere il buon senso perché, se lo si vuole, si possono trovare mille soluzioni alternative rispetto a quella paventata in questi giorni.
  • La Lega stringe su Andrea Marchiori

    32 - Gen 13, 2020 - 1:58 Vai al commento »
    Secondo il mio umilissimo parere, non è questione inerente i leghisti della prima, della seconda o dell'ultima ora. Il vero problema della Lega è trovare persone credibili in un territorio dove, potenzialmente, potrebbero mietere messe di voti ma, al tempo stesso, difettano di radicamento di militanti (credibili, appunto). In tal senso quella di Andrea è la probabile figura spendibile all'interno di una coalizione in cui, verosimilmente, la Lega appare come la forza politica maggiormente accreditata ad esprimere il candidato sindaco, se non altro per i risultati conseguiti in occasione delle ultime competizioni elettorali. Essendo parte in causa e stando idealmente dalla parte opposta, dovrei farmi gli affari miei e pensare esclusivamente a costruire una seria alternativa di centro sinistra all'amministrazione uscente ma, pur lavorando in tale direzione, per la stima che nutro nei confronti di Andrea Marchiori, mi permetto questa invasione di campo: il Marchiori ante Lega ha sempre fatto una opposizione seria e ha sempre coltivato la sua intelligenza, il Marchiori post Lega è occasionalmente scaduto in interventi-spot tipici del salvinismo la cui superficialità non rende merito a persone colte, preparate e sensibili come lui. Marchiori è un moderato di centro destra e, come tale, è serio, credibile e spendibile. Personalmente è un mio avversario ma persona degna del massimo rispetto e della massima stima. Posso solo augurargli di portare la sua intelligenza e la sua preparazione all'interno di una forza politica impreparata e inadeguata ad amministrare questa città a causa di un palese e inadeguato radicamento nel territorio. Non a caso la Lega maceratese è guidata da personaggi che non conoscono minimamente Macerata.
  • «Gabrio, un grande amico
    e uomo di rara sensibilità»

    33 - Set 22, 2019 - 2:02 Vai al commento »
    Ciao Gabrio, ci siamo scontrati spesso perché accesi da autentica passione, cosa rara di questi tempi. Ti ricordo con affetto e stima. Condoglianze a Valerio, mio caro amico d'infanzia.
  • Pantanetti: «Carancini ha lavorato molto
    Alle primarie non ci sarà solo il Pd
    Nuova sfida? Macerata vero capoluogo»

    34 - Set 12, 2019 - 1:07 Vai al commento »
    La storia politica di Luciano si è più volte incrociata con la mia: siamo due inguaribili sostenitori della sinistra del centro sinistra. La sua sfida non era facile. Un ruolo super partes come quello di Presidente del Consiglio era un'impresa piuttosto complessa per chi, come lui, ha connotazioni ideologiche impegnative e, di sicuro, non moderate. Debbo complimentarmi - e lo faccio volentieri - per la capacità di sintesi, per l'equilibrio, per l'obiettività di giudizio. Per quanto mi riguarda, è uno dei migliori Presidenti del Consiglio Comunale con cui ho avuto la fortuna di lavorare in questo quarto di secolo di esperienza amministrativa.
  • Pd, Pasqualetti detta la linea
    La strategia dell’insabbiamento

    35 - Ago 9, 2019 - 12:33 Vai al commento »
    Piena solidarietà a Giuseppe anche da parte mia. Mi auguro esca un comunicato di pubbliche scuse da parte del Partito Democratico. Per quanto mi riguarda, da uomo di centro sinistra (ma mai iscritto al PD), esprimo una forte preoccupazione per il futuro di questa città: l'apologia di questa amministrazione, soprattutto in questi termini, renderà difficile un ampliamento della coalizione. Stimo infinitamente Renato Pasqualetti, ho spesso condiviso molte sue analisi ma stavolta, se è veramente opera sua, mi dissocio in quasi tutto.
  • Cantiere Macerata, l’estate dello slalom
    Lavori da via Mattei alle mura
    «Ma saranno più i vantaggi dei disagi»

    36 - Lug 5, 2019 - 16:47 Vai al commento »
    Ho smesso di scrivere di politica sui social da tempo ma, davvero, leggere Giuliano Meschini che critica l'amministrazione mi irrita e mi spinge a scrivere ancora una volta la verità. Più di quattro anni fa, il centrosinistra maceratese si divise sulla conferma o meno di Romano Carancini come candidato sindaco. In molti (io tra questi) chiesero a Bruno Mandrelli di sfidarlo alle primarie che lo stesso Mandrelli vinse al primo turno con un pugno di voti di differenza. Si dovette far ricorso al ballottaggio perché ci fu un terzo candidato - proprio Giuliano Meschini - che decise di partecipare alla competizione elettorale proprio per avvantaggiare Carancini in caso di sconfitta al primo turno. E così fu. Meschini venne eliminato e il ballottaggio tra Mandrelli e Carancini si concluse con la vittoria di quest'ultimo che poi, a sua volta, sconfisse Deborah Pantana al ballottaggio vero e proprio delle elezioni amministrative del 2015. Da amico di Carancini, il buon Meschini bussò a denari presso il sindaco il quale, com'è evidente, rispose picche. Morale della favola: se tu, caro Giuliano, non ti fossi candidato (se non ti fossi prestato a candidarti), oggi, con ogni probabilità, il sindaco di Macerata sarebbe Bruno Mandrelli. Quindi, cortesemente, evita di attaccare un'amministrazione che tu stesso, in maniera decisiva, hai contribuito a far nascere. E' una questione di dignità e di onestà intellettuale che una volta avevi e che oggi, evidentemente, hai perduto.
  • Maceratese, cronaca di un calvario
    finito al tribunale federale

    37 - Gen 31, 2019 - 19:48 Vai al commento »
    Gentilissimo sig. Caporaletti, per certi versi lei mi affascina. Scrive in un buon italiano, ha uno stile giornalistico piuttosto efficace (forse un po' datato ma non per questo meno avvincente), fa un uso sapiente dell'ironia senza quasi mai sconfinare nella volgarità. E'informatissimo, evidentemente ha molto tempo per leggere, non solo di sport. Tuttavia non mi è chiaro il passaggio che mi dedica che copio e incollo: "Alessandro Savi, politico di “lungo corso”, è riuscito nella sua carriera ad “anticipare i tempi”. Ne è la dimostrazione il commento riportato, con cui egli replica addirittura a un suo post successivo. Ai più il particolare sarà sfuggito, ma attenti lettori ce lo hanno segnalato e volentieri lo riproponiamo. Grazie!". Il "politico di lungo corso" mi fa onore (anche se i miei livelli sono quasi sempre stati locali quindi piuttosto bassi) poi però non capisco cosa intende quando scrive che ho anticipato i tempi. Il riferimento a Chopin è a sua volta riferito ad un altro lettore che, citando il musicista polacco, parlava impropriamente di violini e "sviolinate", strumento pressoché assente nelle sue composizioni. Il commento all'articolo di Scattolini (in cui mi complimentavo per la sua sincerità e per il suo coraggio) si riferisce al fatto che è stato uno dei pochissimi a trattare della sentenza della Sezione Disciplinare del Tribunale Federale della FIGC, rivangando un passato che non fa più comodo rivangare. Forse, signor Caporaletti, mi ha scambiato per un ruffiano? Nei confronti di Enrico che conosco da un secolo e che non si occupa di politica? Se può, cerchi di spiegare ad un uomo di media intelligenza come il sottoscritto. Perché - davvero - non l'ho proprio capita. Grazie. Un cordiale saluto
    38 - Gen 30, 2019 - 12:48 Vai al commento »
    Enrico Maria Scattolini è un raro esempio di intelligenza e di profondità di analisi. Lucido, preciso, implacabile anche a costo di andare controcorrente. Bravo Enrico.
  • «Un futuro migliore per Macerata»:
    patto a 5 mani nel centrodestra

    39 - Gen 19, 2019 - 20:49 Vai al commento »
    La stragrande maggioranza delle composizioni di Chopin (unica eccezione i due concerti) sono state scritte per il pianoforte solista, strumento di cui fu un virtuoso e grazie al quale si mantenne da vivere. Difficile quindi associarlo al violino e alle sviolinate peraltro tipiche della destra maceratese che, a più di un anno dalle elezioni, è sempre stata unita per poi dividersi sistematicamente al momento della scelta del candidato sindaco. Allo stato attuale delle cose, onestamente, una coalizione del genere con un buon candidato avrebbe notevolissime possibilità di vincere le elezioni.
  • La Lube si ferma sul più bello,
    Trento campione del mondo
    Giulianelli: «Provo vergogna»

    40 - Dic 3, 2018 - 0:59 Vai al commento »
    Un patron che si vergogna della propria squadra. Una società profondamente odiata nel mondo del volley. A Macerata si dice "poli stà cent'anno sotto un camì che puzzi sempre de contadì". Questa è la cifra della Lube. Una roba invereconda, mai integrata nel suo territorio ad eccezione di Treia, una società che si è sempre venduta al miglior offerente (vedi Palas a Civitanova Marche), che ha sempre anteposto interessi aziendali allo sport. E' vero, la Lube è eternamente seconda. Sotto ogni punto di vista. Da ultimo quello sportivo. Per quanto mi riguarda vale di più la vittoria della HR Maceratese contro la Sangiorgese che questa finale di pallavolo. Parola di chi ama la propria città ed il proprio territorio. Sarò provinciale ma resto orgoglioso della mia coerenza.
  • Processo a Oseghale,
    Carancini insultato:
    «Non abbiamo bisogno di ultrà»(Video)

    41 - Nov 26, 2018 - 22:36 Vai al commento »
    Mancavano gli inquisitori con il crocifisso in mano. Adesso Macerata è davvero al completo...
  • Fugge agli educatori,
    ritrovato il minorenne

    42 - Ott 5, 2018 - 8:30 Vai al commento »
    E' rientrato ieri sera
  • Corruzione sul regolamento dei chioschi,
    assolto l’ex consigliere Carelli

    43 - Set 12, 2018 - 15:52 Vai al commento »
    E' la seconda assoluzione su due per Luigi Carelli. Nel frattempo una persona onesta è stata moralmente distrutta come uomo, come professionista e come politico. Sapevo che sarebbe finita così. Auguro a Luigi tutto il bene del mondo.
  • HR Maceratese, il gruppo Corimac
    segue con interesse

    44 - Ago 19, 2018 - 3:20 Vai al commento »
    In realtà quello fu un campionato che rimarrà negli annali della storia biancorossa come uno dei più esaltanti. La Maceratese non sfiorò la serie B ma partecipò ai play-off e li perse contro una formazione che poi guadagnò la serie cadetta, allenata da Gennaro Gattuso, attualmente tecnico di una delle squadre più blasonate al mondo. Contro quel Pisa la Rata ottenne un buon pareggio in trasferta ed un altro pareggio in casa, in una delle ultime gare di campionato, nella quale lo stesso Gattuso impostò un catenaccio inguardabile per strappare un punticino all'Helvia Recina. Più in generale, quello fu un campionato in cui la Maceratese recitò un ruolo da assoluta protagonista: memorabili furono le due vittorie contro la Spal in casa (1-0) ed in trasferta (1-4), formazione che attualmente, con non molti rinforzi, milita nella massima serie. Di fronte a fatti incontrovertibili e dotati di evidenza apodittica, si possono fare due letture: una bizantina come quella di Caporaletti, l'altra - magari leggermente poetica - come quella di Scattolini. In ogni caso fu una stagione in cui la Rata toccò la serie B davvero molto da vicino.
  • Pamela, bufera sulla Contigiani
    «Si dimetta dal Consiglio delle donne»

    45 - Apr 16, 2018 - 22:28 Vai al commento »
    Il termine femminicidio o feminicidio è un neologismo che identifica i casi di omicidio doloso o preterintenzionale in cui una donna viene uccisa per motivi basati sul genere. (Wikipedia da "Senato della Repubblica, XVII Legislatura, Disegno di Legge n. 724"). Forse il semplice fatto di capire cosa si intende con questo termine può aiutare a dirimere la questione. Al netto delle indagini, cosa si sa ad oggi? Che Pamela è stata uccisa per "motivi basati sul genere"? Per ora non risulta affatto. Io, francamente, lascerei che la giustizia faccia il suo corso e terrei la politica lontana, lontanissima da questa triste vicenda. L'ho già fatto pubblicamente in Consiglio Comunale, lo scrivo anche qui: tutta la mia solidarietà alla famiglia della ragazza alla quale auguro (e mi auguro personalmente) di ottenere almeno giustizia. Chi ha ucciso Pamela deve pagare carissimo per l'inumano atto commesso. Scusatemi ma ho come l'impressione che noi che ci occupiamo di politica, alimentando le polemiche, è come se infierissimo sul dolore di una famiglia già pesantemente provata. Proviamo ad assumere un atteggiamento diverso, più riflessivo e meno impulsivo. Conosco Ninfa da una vita, è persona troppo seria e profonda per non essere stata toccata da questo tragico evento, mi sembra semplicemente una inutile battaglia di retroguardia chiederne le dimissioni dalla presidenza del Consiglio delle Donne.
  • «Presenze dimezzate in centro»,
    commercianti in Consiglio:
    «Non è più sostenibile»

    46 - Apr 10, 2018 - 18:41 Vai al commento »
    I dati sui cosiddetti "passaggi" in centro storico che ho letto in consiglio comunale non si riferiscono al solo mese di febbraio ma ad un periodo molto più lungo. Ad esempio: gennaio 2016 22.127 passaggi mentre gennaio 2018 solo 16.260; ottobre 2016 23.771, ottobre 2017 19.500; dicembre 2016 27.700, dicembre 2017 20.700. Sono numeri abbastanza inquietanti che confermano la crisi del centro storico intesa in senso ampio, non solo quella del commercio. Io sono favorevole alle pedonalizzazioni dei centri storici che debbono essere h24 nelle città più importanti (quelle in cui la presenza dei turisti è costante tutto l'anno) e più equilibrate in città come la nostra. Condivido il pensiero di Roberto Cherubini: non serve attaccare Carancini quando tre anni fa proprio lo stesso Meschini gli ha fatto un favore grandissimo: candidandosi, di fatto, gli ha consentito di vincere le primarie. Se non ci fosse stata questa sua candidatura da "terzo incomodo" del tutto inutile, Mandrelli avrebbe vinto le primarie al primo turno con 19 voti di vantaggio. E, credetemi, ieri non ci sarebbero state tutte quelle persone in consiglio a protestare. Attaccarlo oggi dopo avergli salvato la vita (politicamente parlando, sia chiaro) è patetico e disarmante.
  • Mauro Riccioni, candidato alla Camera
    con falce e martello

    47 - Gen 23, 2018 - 8:54 Vai al commento »
    In bocca al lupo, Mauro!
  • Rata, anno sabbatico? No grazie

    48 - Lug 25, 2017 - 18:13 Vai al commento »
    Io sono pienamente d'accordo con Scattolini. Un anno "sabbatico" significherebbe la morte definitiva dei colori biancorossi ad appena un quinquennio dal centenario della fondazione. Occorre tenere in vita la Maceratese, anche artificialmente. Ovvio che la strada che sta percorrendo Mosca sia la più auspicabile ma, in caso di fallimento (e da ciò che leggo oggi sembra piuttosto probabile), è necessario verificare ogni ipotesi (Helvia Recina?) immediatamente inferiore all'Eccellenza fino ad arrivare anche alla terza categoria. Da questo infimo livello calcistico si può in qualche modo ripartire, dal nulla no: cadrebbe un oblio pesantissimo e, purtroppo, irreversibile. Del resto abbiamo oramai verificato quanta inerzia e rassegnazione caratterizza questa città.
  • Tolentino, Romagnoli nuovo presidente
    Ai saluti mister Passarini

    49 - Giu 3, 2017 - 12:31 Vai al commento »
    Complimenti sinceri, caro Marco. La figura del presidente-tifoso è quasi del tutto scomparsa dal mondo del calcio. Questa esperienza ti farà bene e farà bene al calcio, non solo quello cremisi. In bocca al lupo.
  • Maceratese venduta
    a un imprenditore napoletano

    50 - Apr 26, 2017 - 23:28 Vai al commento »
    Pardon...la prima volevo dire. Gli sfascia carrozze, non la ditta seria
    51 - Apr 26, 2017 - 23:26 Vai al commento »
    Micucci...ovviamente è la seconda. La Maceratese è stata acquistata da una SRL di sfascia carrozze. Ma noi non molliamo, stai tranquillo. Abbiamo cacciato i romani, cacceremo anche i napoletani.
  • Maceratese, il ds Benassi aggredito:
    circondato e colpito con un pugno

    52 - Apr 19, 2017 - 1:39 Vai al commento »
    Piena solidarietà. E grazie per non aver sporto denuncia.
  • Fantauzzi e Macaluso: “Gettiamo la spugna
    per clima intimidatorio e ambiente ostile
    Sognavamo un nuovo Leicester a Macerata”

    53 - Mar 30, 2017 - 12:37 Vai al commento »
    Questa lettera aperta sarebbe da morire dal ridere se la situazione non fosse così drammatica. Arrivederci e grazie, amici romani. Ce ne faremo una ragione. A patto che il sogno sia proprio un addio, non un arrivederci.
  • Sivieri: “La cordata romana andrà avanti,
    la Maceratese sarà di loro proprietà”

    54 - Mar 26, 2017 - 22:17 Vai al commento »
    Una sola domanda alla cordata romana, prima di rientrare in città: quando pagherete gli stipendi ai calciatori? Martedì, mercoledì? Se intendete tergiversare su questo quesito è meglio che rimanete a Roma. Signor Sivieri, pongo una domanda anche a lei: perché sostiene di non aver dato nulla a Paoloni e all'avvocato Cofanelli quando l'avvocato Valori, nel corso della conferenza stampa di stamattina, ha affermato di aver consegnato i documenti contabili allo stesso Cofanelli 8/10 giorni fa proprio per farli valutare dallo stesso Paoloni? Infine, cortesemente, dica la verità sulla fidejussione relativa al canone dello stadio Helvia Recina. Mi risulta ci sia un "qualcosa" di firmato dalla ex presidente qualche tempo fa che dovrebbe garantirvi. O no? Sa qual'è la verità? Che Macerata è stata profondamente offesa e che non è più disposta a tollerare altre umiliazioni. Con ciò non voglio giustificare l'aggressione verbale di ieri sera ma semplicemente farvi capire che davvero non ne possiamo più di bugie, umiliazioni e brutte figure che stiamo facendo in giro per l'Italia. Meno male che la squadra è composta da veri professionisti che amano la maglia che indossano. Almeno loro dimostrano un sentimento in questa situazione assurda e grottesca che ci state facendo vivere.
  • Closing Maceratese a ore,
    Valori: “Progetto molto ambizioso,
    potranno entrare imprese locali”

    55 - Mar 25, 2017 - 13:47 Vai al commento »
    Sto dicendo, signor Ricci, che l'avvocato Valori sta svolgendo ottimamente il suo lavoro favorendo l'interesse del suo cliente, tutto qui. Ci sono tante cose che non si sanno e tantissime altre che non si vogliono né sapere né capire.
    56 - Mar 25, 2017 - 12:50 Vai al commento »
    Non c'è nessun fallimento alle porte e nessuna scadenza per il 31 marzo. C'è piuttosto un imprenditore locale che vorrebbe acquistare la società e questa assurda e inspiegabile (per modo di dire) fretta lo sta solo allontanando. Sulle responsabilità della vecchia proprietà, caro Adriano, avremo modo di chiarirci a voce. Ho già scritto altri post al riguardo e la verità vera è quella che descrivono perfettamente sia Scattolini che Bommarito. Loro sanno come stanno le cose. Io credo piuttosto che questa vicenda abbia dato la stura ad un odio ingiustificato nei confronti di Mariella. Una sorta di vaso di Pandora che si è scoperchiato e che, in maniera del tutto irrazionale, ha liberato istinti più che ragionamenti sensati.
    57 - Mar 25, 2017 - 1:34 Vai al commento »
    Gianfranco...e basta, su, daje...togliti 'sto anello dal naso. Apri gli occhi e torna tra noi. Basta, offendi la tua intelligenza e la nostra. Sveglia!
  • Rata, il ballo delle responsabilità
    e la certezza delle carte bollate

    58 - Mar 7, 2017 - 0:07 Vai al commento »
    Caro Enrico, attendo il tuo articolo con ansia ogni lunedì. Per chi sa leggere tra le righe è un nettare, un rosolio. Non so chi sia questo industriale del circondario, mi auguro che ci sia davvero e che, soprattutto, abbia voglia di avvicinarsi alla Maceratese per dare una mano ad una società in cui, più che parlare di calcio, si parla di carte bollate e di debiti. Prendo atto che l'opinione pubblica è oramai schierata con l'attuale proprietà e contro quella passata. Ieri ho ascoltato cori provenienti dalla curva che mi hanno fatto venire la pelle d'oca. Di sdegno, ovviamente, non di emozione come invece era (quasi) sempre avvenuto in passato. Due anni fa i tifosi della Samb esposero uno striscione vergognoso, noi ieri ci siamo abbassati a quello stesso livello. E'un'omofobia che non sopporto e, francamente, pensavo (sbagliando) che non ci riguardasse. Poi mi piacerebbe che qualcuno mi spiegasse i cori contro Nascimbeni. E'una famiglia che ha fatto solo il bene della Rata, che ha aiutato la Maceratese da sempre. Il punto riconquistato con le loro battaglie legali non vale nulla? O vale di più quello perso perché non sono stati pagati gli stipendi accampando scuse assurde per giustificare tale mancato pagamento? Ho apprezzato molto il passaggio del tuo articolo in cui scrivi che è incomprensibile attribuire tutte le responsabilità a chi ha fatto molto per la Maceratese e assolvere, nel contempo, chi è arrivato da poco. Però temo che anche questa tua considerazione cadrà nel vuoto, quello stesso vuoto che è tipico di chi, piuttosto che affrontare le questioni complesse, preferisce semplificarle e comportarsi di conseguenza.
  • I legali della Tardella:
    “Nessun debito occultato,
    i conti del club erano in ordine”

    59 - Mar 3, 2017 - 12:39 Vai al commento »
    Provo a fare una sintesi di quanto avvenuto in questo periodo in casa Maceratese Spalletta ha acquisito la SS Maceratese la quale aveva una situazione debitoria di circa 350.000 euro. Il prezzo concordato tra le parti per l’acquisizione della società era di 700.000 euro ma la metà di questa somma è stata scontata proprio perché Spalletta avrebbe dovuto utilizzarla per sanare la situazione debitoria. Spalletta emette una fedejussione attraverso la quale pagare Tardella. Oggi il primo lamenta nuovi debiti, diversi da quelli riscontrati nella fase di controllo dei libri contabili e, di conseguenza, denuncia Tardella e chiede lo stop della fidejussione. La risposta dei legali della ex presidente, Giancarlo e Massimo Nascimbeni, è durissima, chiarissima ma poco sintetica. Provo a riassumerla perché temo che molti lettori siano stati scoraggiati dalla lunghezza del testo e, di conseguenza, non abbiano perfettamente compreso: 1- C’è stata una due diligence (in italiano “dovuta diligenza” cioè un’attività di investigazione e di approfondimento di dati e di informazioni relative all’oggetto di una trattativa) durata tre mesi alla quale né Tardella né i suoi legali hanno mai preso parte. 2- La fidejussione depositata dalla Maceratese di Spalletta in sostituzione di quella depositata da Tardella è avvenuta con un mese di ritardo ed è ancora al vaglio degli organi di verifica della Lega Pro. 3- Il pagamento degli stipendi di settembre e ottobre 2016 (a carico ovviamente di Spalletta) non è avvenuto con risorse dello stesso ma attingendo dal credito goduto dalla Maceratese presso il suo “conto” in Lega Pro. Credito che era maturato nel corso della gestione Tardella. 4- Il pignoramento effettuato dall’albergo “Il giardino” di Pioraco era già noto a Spalletta in quanto emerso, come tutti gli altri debiti, in occasione della due diligence. 5- La fidejussione che Spalletta non vorrebbe onorare è stata emessa da un ente diverso da quelli previsti nell’atto di vendita. C’è addirittura il sospetto che tale fidejussione sia “farlocca” ed inesigibile. Tutto ciò sarà chiarito il prossimo 8 marzo. 6- Nel rogito definitivo è scritto che, ove sussistessero debiti immediatamente esigibili estranei ai patti di trasferimento delle quote, Tardella dovrà farsene carico. 7- Tra i “nuovi” debiti annunciati da Spalletta c’è quello relativo all’impianto di Collevario. Lo stesso, tuttavia, risale al 2014, c’è una causa in corso, non c’è ancora alcuna sentenza e, di conseguenza, Spalletta non dovrà affrontare il pagamento di questo debito né oggi né mai visto che, qualora il tribunale dovesse dar torto a Tardella, sarebbe la stessa Tardella e non la Maceratese a pagare. 8- Stesso ragionamento riguarderebbe i debiti della Maceratese nei confronti del Comune di Macerata per l’utilizzo dello stadio. Il 31 agosto 2016 Tardella si è recata a Milano per sottoscrivere una fidejussione di 60.000 euro con la Vittoria Assicurazioni a favore del comune per pagare l’utilizzo dell’Helvia Recina nella stagione attuale. Anche tale operazione era stata verificata e approvata nel corso della due diligence. Spalletta non ha versato la quota di 30.000 euro, qualora invece lo avesse fatto, sarebbe la stessa Vittoria Assicurazioni a far fronte al pagamento. 9- Villa Tardella non è stata dichiarata inagibile a causa del sisma. Società e giocatori ospitati hanno abbandonato la struttura senza riconsegnare le chiavi. Spalletta non ha pagato nessun canone di affitto né le utenze (regolarmente pagate, invece, da Tardella). 10- L’altro “nuovo” debito sopraggiunto sarebbe, secondo Spalletta, il consumo idrico dello stadio di Collevario - derivato da un guasto dell’impianto accertato da APM – il quale non sembrerebbe essere a carico della Maceratese ma, appunto, della stessa APM. 11- I premi di preparazione (cioè somme che le squadre dilettantistiche dovrebbero ricevere dalla Maceratese quando cedono i loro giovani) non possono essere definiti come ulteriori “nuovi” debiti per due motivi: a) perché tutti i contratti sono muniti di rinuncia da parte delle società cedenti gli stessi giocatori; b) perché, se anche non fosse così, tale credito non è ancora determinato nel suo ammontare né prontamente esigibile. Di conseguenza Spalletta non può dire che anche questa incombenza rientra tra quelle che gli hanno impedito di pagare gli stipendi.
  • Rata, la società che si sottrae al confronto
    e la trattativa con imprenditori romani

    60 - Feb 28, 2017 - 15:22 Vai al commento »
    Carlo, Tardella risponderà quando Spalletta chiarirà in cosa consistono questi "nuovi" debiti. Finora ha parlato solo del campo di Collevario, cioè di una cosa sula quale non è stata emessa ancora nessuna sentenza, quindi l'unico esempio che ha fatto è una palese cazzata. Se tu vieni da me e mi dici che ti debbo dei soldi, la prima che devi fare è spiegarmi perché. spiegarmi il motivo per cui io ti sono debitore. Non sono certo io a dovermi giustificare per primo. O no? In secondo luogo, visto che i debiti erano già scalati dalla quota di acquisto della società, perché non sono stati pagati? Qui non si pagano né debiti, né stipendi. Questa è la sola verità.
    61 - Feb 27, 2017 - 22:36 Vai al commento »
    L'imprenditore romano (così come quello svizzero o siciliano o proveniente da qualsiasi parte del mondo che non sia il nostro territorio) verrà qui solo per farsi i c...i propri. Probabilmente nel fondo del barile c'è rimasto ancora qualcosa da raschiare. Poi arrivederci e grazie. Oramai la situazione è chiara, anzi chiarissima. Poi c'è chi vuole capirla e chi proprio non la vuole capire. Ci hanno rivestito di menzogne, hanno gettato costantemente fumo negli occhi della tifoseria e della città illudendo quasi tutti. Adesso però non è il momento di perdere tempo nel tentativo di capire quale percentuale di colpa sia ascrivibile a Tizio o a Caio. Siamo su di una nave che sta affondando e l'unico pensiero deve essere quello di far scendere in mare le scialuppe di salvataggio, non quello di capire se la colpa del naufragio è del capitano o del suo vice per stabilire se prendere a schiaffi l'uno o l'altro. Enrico ha scritto tante cose giuste ed una somma verità: la palla adesso deve passare al Sindaco ed ai tifosi. Questi ultimi debbono necessariamente riattivarsi come nel 2008 quando riuscirono a dare una grossa mano alla Maceratese di Ulissi che era allo sbando; il primo deve prendere in mano la situazione, pretendere chiarezza (illuminante l'articolo di ieri pubblicato dal Carlino) e mettere spalle al muro l'attuale proprietà (magari facendosi aiutare da Massimo Paci che, avendo in mano il 5% delle quote societarie, può dire come effettivamente stanno le cose) per poi far ricorso a tutti i suoi contatti nel mondo delle imprese locali e convincerli a prendere in mano la gestione della Rata. In questa impresa dovrebbe avere il pieno, totale, incondizionato appoggio di tutto il Consiglio Comunale senza distinzioni di sorta e di colore. Un appoggio anche da parte di quei consiglieri che non seguono la Rata o che ritengono che la stessa sia affare esclusivo di "malati" pallonari. Ovviamente Spalletta - che continuo a reputare una persona completamente al di fuori dell'ambiente calcistico trovatasi a gestire una cosa molto più complessa di come se l'aspettava - se ne dovrebbe tornare in Svizzera senza chiedere nulla in cambio e mollare tutto. Ma non ai romani, sia chiaro, solo ad un gruppo di 7/8 imprenditori locali animati dalla voglia di rianimare la Maceratese. Se questi ci sono, bene. Altrimenti è meglio lasciar perdere: la gente di fuori ha sempre e solo fatto i c...i propri. Le sole persone che hanno fatto il bene della Maceratese sono maceratesi.
  • Spalletta, prestanome o protagonista?
    La Maceratese siculo-svizzera
    rischia davvero grosso

    62 - Mar 1, 2017 - 0:16 Vai al commento »
    Adriano (Gabriele, io ti ho sempre chiamato Adriano), sai quanto ti stimo e quanto apprezzo la tua intelligenza. Proprio per questo ti dico accoratamente che, da tifoso della Rata, dovresti liberarti da alcuni pregiudizi. L'avvocato Bommarito è una persona innamorata della nostra città, un libero pensatore che ama sviscerare sempre ogni situazione "delicata" per poi offrire il suo punto di vista a tutti i maceratesi. In questa vicenda non conta essere tifosi della Maceratese, conta il solo fatto di essere attenti a tutto ciò che riguarda questa città. Per quanto riguarda l'aspetto sportivo è ovvio che la Rata rappresenta il vertice cittadino dunque è altrettanto ovvio che ci sia un interesse da parte sua. Così come è altrettanto ovvio che, prima di scrivere un articolo così importante, lo stesso Bommarito abbia assunto informazioni che aspettano solo di essere smentite. Vedrai che ciò non accadrà, vedrai che questa robaccia che gira intorno alla Rata sarà presto evidenziata per ciò che è: una autentica vergogna ed un autentico scandalo. Con affetto, caro Adriano. Ti voglio impegnato anima e cuore per dare una mano.
    63 - Feb 27, 2017 - 20:06 Vai al commento »
    Finalmente qualcuno ha avuto il coraggio di dire come probabilmente stanno le cose. Il dato di fatto, per chi ha la Maceratese nel cuore, è che la favola è finita. A questo punto, visto che si deve morire, è meglio staccare le macchine che ci tengono artificialmente in vita. Simpatica questa cosa dei "nuovi debiti sopraggiunti". Quali debiti, signori miei? Fateci almeno un esempio che non sia quello della querelle con Sirolesi per il campo di Collevario: a quei tempi la Maceratese militava nei dilettanti ed era una ASD, non una SRL dunque la questione non riguarda la Maceratese ma Maria Francesca Tardella in quanto persona fisica. Ed infatti ancora non è stata emessa sentenza, ancora non si sa se aveva ragione Sirolesi o se aveva ragione Tardella. Dunque l'unico esempio dei cosiddetti "nuovi debiti" è una colossale menzogna.
  • Maceratese, tre sberle a Mantova

    64 - Feb 27, 2017 - 15:32 Vai al commento »
    Per quanto mi riguarda, le prossime 11 partite saranno altrettante amichevoli. Possiamo vincerle o perderle tutte, non cambierebbe nulla ai fini della classifica e, soprattutto, per il campionato che disputeremo il prossimo anno. La bella favola è finita qui, stiamo tenendo artificialmente un morto in vita.
  • La Maceratese torna a vincere in casa:
    un autogol stende il Lumezzane

    65 - Dic 14, 2016 - 23:47 Vai al commento »
    Io lascerei perdere queste schermaglie con i pescivendoli. La storia (anche quella calcistica) è fatta di corsi e di ricorsi, oggi a te e domani a me. Leggere queste battute e controbattute mi sembra spesso una perdita di tempo. Micucci almeno è ironico e autoironico oltre che piacevole, l'altro sembra davvero una sorta di giornalista sportivo mancato che è costretto a scrivere di calcio perché dalle sue parti c'è tutto meno che quello. Oggi siamo noi a godere (si fa per dire...), in passato hanno goduto loro che facevano su e giù dalla C1 alla C2 mentre noi eravamo sempre lì a masticare amaro e ad ingoiare rospi come quello del 1980/81. Piuttosto concentriamoci sui nostri problemi perché ne abbiamo tanti, in primis una media di presenze allo stadio che è vergognosa. Siamo veramente scarsi ma paradossalmente ci sono società e squadre che sono peggio di noi. Quindi la salvezza è possibile. A patto che la città si svegli ed inizi a pensare alla Lega Pro come ad un patrimonio da non disperdere perché, una volta perduta, questa categoria sarà difficilissimo riconquistarla. Le squadre invincibili capitano una volta ogni cinquant'anni ed io la prossima non avrò la fortuna di vederla. Sveglia Macerata e sveglia maceratesi! Non perdete tempo con i pescivendoli e venite allo stadio. Lì ci vogliono i veri leoni, non davanti ad una tastiera.
  • Spalletta-Maceratese,
    impegno importante
    con il mirino alla serie B

    66 - Nov 25, 2016 - 22:04 Vai al commento »
    Non gridare, Ferroni. Siamo tra gente pacata. Interessantissimo il commento di Micucci, forse non ha tutti i torti.
    67 - Nov 24, 2016 - 22:28 Vai al commento »
    Intanto è doveroso (oltre che sentitissimo) un ringraziamento a Maria Francesca Tardella. Con lei abbiamo sempre e soltanto vinto. Sono stati anni meravigliosi e i momenti difficili (che sempre si accompagnano alle belle favole) saranno nel tempo dimenticati per lasciar posto ai bei ricordi e ai fatti che, come sempre e al di là delle chiacchiere e dei risentimenti personali, parlano chiaro: dalla (quasi) Promozione al sogno della serie B dello scorso anno. Che altro dire se non grazie a chi ha lavorato come un mulo per pura passione e senso di appartenenza ad una comunità? Passando all'analisi dell'amico Peppe Bommarito, non posso far altro che esprimere una quasi totale condivisione (il "quasi" è riferito all'ammontare dei debiti della S.S. Maceratese Srl che ritengo distante dalla realtà): consueta lucidità, approfondimento, sintesi e disincanto (virtù, quest'ultima, che fa difetto a molti). Le domande che Bommarito si pone sono le stesse che mi pongo anch'io. Una in particolare: cosa può spingere un imprenditore siculo-svizzero ad acquistare la Maceratese? L'amore nei confronti della "sua" terra? Quale "sua" terra? Le potenzialità inespresse della Macerata calcistica? Ma per piacere... Io che, per natura, sono un ingenuo ed un romantico non riesco a non pensare ai tanti Bonsignore, Rovelli, Auriemma, Malavolta, Ulissi (anche se nei confronti di quest'ultimo ho sempre provato simpatia e rispettato il suo amore sincero per i colori biancorossi). Spero solo di sbagliare, mi auguro che questi signori siano animati da uno spirito filantropico e che riescano per davvero, nel giro di qualche anno, a regalarci quel sogno impossibile che si chiama serie B. Ma - lo ripeto - sono ingenuo e romantico. Complimenti a Peppe Bommarito ed un caloroso "in bocca al lupo" al neo-presidente Filippo Spalletta. Mi stupisca, presidente!!!
  • Dopo il sisma vive in roulotte:
    “Scaldo l’acqua in pentola per lavarmi”

    68 - Nov 13, 2016 - 23:40 Vai al commento »
    Daje Maurizio!!! Chiamami per qualsiasi cosa. Anche per lavare i panni o per venire a cena da me. Un abbraccio
  • L’ex sindaco ha detto sì,
    nozze con l’arcobaleno
    per Claudio ed Emanuele

    69 - Set 27, 2016 - 23:22 Vai al commento »
    Tanti cari auguri, Claudio. Appena passo dalle tue parti ti vengo a trovare, faremo un bel brindisi con Emanuele. Finalmente alla luce del sole. Ti auguro tutta la felicità che meriti!
  • Lutto per la scomparsa
    del professor Giuseppe Galli

    70 - Set 9, 2016 - 22:14 Vai al commento »
    Grazie Prof! Essermi laureato con lei è un onore. Condoglianze sincere alla famiglia.
  • Tardella, consigliere o presidente?

    71 - Giu 29, 2016 - 22:23 Vai al commento »
    E' veramente difficile quando si parla di una realtà che si conosce come le proprie tasche star zitti e non intervenire. L'argomento, poi, non mi pare così denso di conflitti d'interesse e, in fondo, si trattava di un semplice ordine del giorno. Per chi non lo sapesse, questo atto "invita l'Amministrazione a..." a differenza della mozione che "IMPEGNA l'Amministrazione a...". Poi la stessa amministrazione, 99 volte su 100, non essendo impegnata a far nulla, gli ordini del giorno li butta nel cesso. Mi pare che stiamo costruendo un caso su di un'autentica stupidaggine.
  • Bucchi-Maceratese, divorzio vicino

    72 - Giu 2, 2016 - 23:40 Vai al commento »
    Con Epifani si vedrebbe un buon calcio. Spero sia lui il prossimo allenatore della Rata.
  • Sandro Teloni guida la cordata locale
    interessata all’acquisto della Maceratese

    73 - Mag 18, 2016 - 22:26 Vai al commento »
    Ho notizie completamente diverse, infatti...
  • “Pioraco in love”, il Comune
    ospita le nozze simboliche

    74 - Mag 11, 2016 - 23:23 Vai al commento »
    Mi permetto un'analisi che va un pochino oltre le ideologie. Oggi in Parlamento è avvenuto un fatto importante, si può essere d'accordo o contrari ma sempre di una svolta si tratta: il sì sulle unioni civili sarà a tutti gli effetti una legge dello Stato. Pioraco si pone come istituzione simbolica, non si sbilancia più di tanto ma mette a disposizione la sua straordinaria bellezza per celebrare ogni tipo di unione in una sala bellissima e, più in generale, in un contesto che, a mio avviso, è il più bello di tutta la regione. Il paese, dopo la crisi dell'industria cartaia, è in fortissima recessione. Il turismo è limitato al solo mese di agosto. D'inverno Pioraco offre solo la sua straordinaria bellezza ma non ci sono attrattive di alcun genere che spingano i turisti a visitarlo. Leggetevi le statistiche e la parabola discendente dei residenti: inesorabile da diversi anni. C'è un gran bisogno di idee, non di ideologie. Pena la desertificazione del paese. Vogliamo o no prendere in considerazione, ad esempio, la possibilità della realizzazione di una pista di pattinaggio sul ghiaccio nella zona del palas? Mi rendo conto che si tratterebbe di rinunciare ad un prato bellissimo ma bisogna pensare al futuro del paese se lo si ama davvero. In alternativa si potrebbe provare ad incentivare una sorta di "Pioraco d'inverno" con una pista di ghiaccio sintetico sopra l'attuale pista di pattinaggio e, contestualmente, un mercatino natalizio di proporzioni addirittura superiori rispetto a quello che si fa in estate. Ho proposto un progetto complesso all'attuale amministrazione, un progetto da approfondire insieme. Non ho chiesto un solo euro in cambio perché IO AMO PIORACO. L'idea dell'attuale amministrazione mi pare buona anche se, personalmente, penserei più in grande ed avrei il coraggio di approntare un progetto di ampio respiro per il rilancio del paese. Occorre in questa fase superare localismi, provincialismi ed ideologismi per rilanciare un luogo straordinario che rischia l'estinzione. Meditate piorachesi, meditate...
    75 - Mag 10, 2016 - 23:45 Vai al commento »
    Avanti Pioraco mia! Bel segnale turistico e di civiltà.
  • Bucchi ha un appuntamento
    all’Helvia Recina

    76 - Mag 9, 2016 - 22:40 Vai al commento »
    Concordo con Valentini, come sempre: D'Anna e Carotti sono giocatori fondamentali. Per rendersene conto basta fare una semplice considerazione aritmetica: provate a sommare i punti ottenuti con questi due in campi e i punti ottenuti senza. Il dato è veramente inequivocabile.
  • Addio ad Antonio Gismondi,
    presidente di Nuova Salvambiente

    77 - Mag 3, 2016 - 22:39 Vai al commento »
    E' passato appena un giorno dalla scomparsa del compagno Andrea Latini e se ne va un altro pezzo della nostra storia. Ciao compagno Antonio, onorato di essere stato al tuo fianco in Consiglio Comunale. Un abbraccio forte alla famiglia.
  • Maceratese tra il grigiore di Arezzo
    e il ripartire da zero a fine anno

    78 - Mag 4, 2016 - 0:18 Vai al commento »
    In questi botta e risposta tra Micucci e Valentini (ovviamente sto con quest'ultimo), emerge un dato di fatto positivo: la Lube ha sfruttato sia Macerata che Civitanova ma il cuore degli sportivi non si conquista con i denari. Meglio le spade e i bastoni che le coppe e gli ori. I soldi possono molto ma il cuore si conquista con l'appartenenza. Meglio così: i mercenari faranno meglio in futuro a restare a casa. Lube Treia e Treia sia.
  • Tardella: Da oggi si programma il futuro
    Bucchi: Tutti insieme per un sogno

    79 - Mar 6, 2016 - 15:00 Vai al commento »
    NB: Pisa non arriva neppure a 90.000 abitanti. Poco più del doppio dei nostri. La differenza tra noi e tanti altri è che noi la serie B la sfioriamo ogni 50 anni. Ecco perché dovrebbe esserci più entusiasmo. Evidentemente ci piacciono talmente tanto i derby con Citanò, Fano. Jesi eccetera che non vediamo l'ora di tornare a disputarli...
    80 - Mar 5, 2016 - 23:10 Vai al commento »
    A salvezza ormai praticamente raggiunta, mi tolgo qualche sassolino dalla scarpa. Feliziani ha ragione: a Macerata la logica del “io l’avio ditto” è imperante. Si gode più degli insuccessi altrui che dei successi propri. Quando, tuttavia, gli insuccessi altrui non arrivano e – anzi! – si costruiscono cose straordinarie, si resta chiusi in casa a rosicare. Forse è così dappertutto, non so, ma certamente questa è una città popolata in gran parte da “quilli che l’avia ditto”. La presidente ha perfettamente ragione: con 800 paganti si fa la Promozione, non la Lega Pro. Tanto peggio se questi 800 paganti si registrano contro una squadra che fino a pochissimi anni fa era in serie A. Da cosa dipende questa scarsa affluenza? La crisi economica? No, ci sono 5 euro di differenza tra il prezzo del biglietto di quest’anno e quello dell’anno scorso. Le difficoltà nel raggiungere lo stadio e le stringenti misure di sicurezza? Si, secondo me questo è un forte deterrente soprattutto per la popolazione meno giovane che è costretta a fare una trafila più simile a quella dell’organizzazione di un’operazione di guerra che di una partita di calcio. Rispetto a questo, si può fare ben poco: non è bastato un comportamento esemplare della tifoseria nel corso di tanti anni per convincere chi di dovere che i sostenitori della Rata non sono delinquenti ma persone civili e corrette. Qualche tempo fa ho provato a sensibilizzare il consiglio comunale con un ordine del giorno in materia ma mi hanno seguito in quattro gatti: ovvio, no? E chi si mette contro il “potere”???. L’unica soluzione è pubblicizzare ed efficientare il bus navetta promosso dagli “Amici della Rata”: qualche decina di spettatori in più dovrebbe portarli. Un’analisi approfondita l’ha offerta Mario Stoccuto nelle pagine di “Cuore Biancorosso”, invito tutti a leggerla con attenzione. Le divisioni (reali o occasionali) tra tribuna e curva? Boh, francamente conosco poco e male e non me la sento di esprimermi. Dico solo che sostenere la squadra da via Panfilo non aiuta né la squadra né la società né il calcio maceratese. Voglio soffermarmi su di un altro aspetto che poi è quello che molti ritengono centrale, secondo me a torto: la mancata riconferma di Magi e degli “Invincibili” dello scorso anno. Chi li rimpiange (e magari non viene allo stadio proprio per questo) secondo me è vicino al delirio. Potrei in qualche modo capire se la Maceratese si barcamenasse in fondo alla classifica insieme al Savona e alla Lupa Roma ma la squadra E’TERZA IN CLASSIFICA e, da neopromossa, sta LOTTANDO PER I PLAY-OFF, non per i play-out. Sono cinquant’anni che il calcio maceratese non raggiunge certe vette, ma siamo fuori di testa??? Quanti degli “Invincibili” oggi disputano un campionato di Lega Pro? E’la società a non aver confermato Magi o piuttosto lui ad aver fatto scelte diverse forse per paura di “bruciarsi” con un budget poverissimo? L’ho detto e scritto in ogni dove: non finirò mai di ringraziare quella squadra e quell’allenatore per averci regalato questo sogno ma – adesso che questo sogno è diventato realtà – è delirante viverlo davanti ad un PC o non viverlo affatto. In ogni caso, giocatori e tecnici passano: restano le società, le maglie, i colori. Le bandiere nel calcio sono sempre di meno. I Rivera, i Baresi, i Totti si sono estinti o si stanno – purtroppo – definitivamente estinguendo. Ognuno fa le proprie scelte in base alla propria convenienza, è triste ma è vero. Quindi, ripeto, chi non viene allo stadio perché voleva confermati gli Invincibili probabilmente voleva una squadra impantanata nel fondo della classifica. Io, francamente, “non mi lego a questa schiera, morrò pecora nera” (Guccini, Canzone di notte n.2). Ultima questione: “non vengo allo stadio perché mi è antipatica la Tardella”. Sulle simpatie o antipatie personali non si può disquisire più di tanto. Tuttavia, questa motivazione mi ricorda tanto coloro che, in politica, votano i candidati sulla base del canone antipatia/simpatia o bellezza/bruttezza e non sulla base delle idee, delle proposte, dei fatti. Qui i fatti dicono una cosa soltanto: in un lustro siamo passati dal giocare su campetti indecenti contro squadre semi-parrocchiali ad affrontare compagini come il Siena, la Spal e il Pisa. Adesso fate voi: state a casa perché è più comodo, perché non ci sono più gli Invincibili, perché la Tardella vi è antipatica, perché i tifosi della gradinata hanno una “filosofia” (sic!) diversa da quelli della curva. Io oggi sono rimasto a casa per malattia ed ho sofferto le pene dell’inferno perché sono consapevole che un momento come questo – se continueremo ad essere in 800 paganti – non potrò più riviverlo. Se la media è quella di mezzo secolo alla volta, i miei 46 anni non me lo consentiranno.
  • Maceratese, buon punto a Teramo

    81 - Feb 28, 2016 - 23:59 Vai al commento »
    Concordo con Carlo come (quasi) sempre: è un punto di platino nella trasferta più difficile di questo girone di ritorno. Leggete le statistiche e guardate quanti punti ha fatto il Teramo in casa. Abbiamo giocato male? Si. Non abbiamo fatto un tiro in porta? Si. Abbiamo preso un punto in un campo difficilissimo? Si. E questo è ciò che conta. Tutto il resto è noia.
  • Maceratese-Ancona, 49 anni dopo:
    da Giammarinaro a Bucchi
    per scrivere la storia

    82 - Feb 16, 2016 - 23:49 Vai al commento »
    Io lo immagino come un ossessivo-compulsivo che passa la vita davanti ad un PC a studiare Macerata e la Maceratese, uno che vive per noi ossessionato dai complessi di inferiorità. In effetti ne sa più lui della nostra città e della nostra squadra rispetto a tantissimi altri concittadini maceratesi. Ha sciorinato mezza carriera politica del sottoscritto con una dovizia di particolari che non ricordavo neanch'io. Boh...Contento lui!
  • Togni vuole vincere:
    “Maceratese sei la mia seconda vita”

    83 - Gen 28, 2016 - 23:56 Vai al commento »
    Il prossimo anno Togni a Citanò. Ammesso e non concesso che non schiattate per l'ennesima volta. Mi sa che questo è peggio di quello dell'anno scorso... Che pozza pioe fino a domattina...
  • Maceratese, quattro sberle
    dal Savona fanalino di coda

    84 - Gen 25, 2016 - 23:37 Vai al commento »
    Bisogna riconoscere a Caporaletti una scienza approfondita della Lega Pro. Non posso inveire né infierire sulla condizione della sua squadra e della sua società, sarebbe davvero come sparare sulla croce rossa. Tuttavia è davvero sorprendente come l'odiato cugino sia capace di discettare su tutto ciò che riguarda Macerata, dal calcio alla politica. E'proprio vero: a Citanò vivono per noi. E'un costante complesso di inferiorità che li porta ad approfondire tutto ciò che riguarda il capoluogo. La storia, la cultura, il prestigio di fronte ad una pochezza disarmante che - oggi di gran voga - trasforma le città moderne e prive di tutto in centri di interesse che sono l'emblema della superficiailtà e della vacuità tipiche di questa recessione. Quant'è bella Macerata caro Caporaletti! E quant'è orrenda la tua...
  • Sette partite, una vittoria
    E il problema Helvia Recina

    85 - Gen 19, 2016 - 23:06 Vai al commento »
    Rivoglio l'Eccellenza. La sola categoria che la mia adorata Macerata, calcisticamente parlando, merita. Al derby con l'Helvia Recina avrebbero assistito certamente più spettatori. Vivo in una città in cui i gufi sono più degli abitanti: una città triste, incapace di gioire e di far festa, incapace di esaltarsi, incapace di sostenere qualsiasi cosa esuli dalla normalità. Meglio essere protagonisti in un campionato di infima categoria che comprimari in uno di categoria superiore. Questa è la mentalità dei maceratesi. Chi c'ha lo pà non c'ha li denti, vero Caporaletti? Cosa daresti per essere terzo in Lega Pro?
  • Sfogo Tardella:
    “Prestazione da 3a categoria”
    Doppio colpo in arrivo: Togni e Sabato

    86 - Gen 10, 2016 - 0:19 Vai al commento »
    Gabriele, c'ero anch'io. Sì, li abbiamo chiusi nella loro metà campo, Senza preoccuparli più di tanto ma la partita nel secondo tempo l'abbiamo fatta solo noi. Con mezza squadra ferma ai box per infortuni e squalifiche.
  • Civitanovese, che scoppola!
    L’Helvia Recina vince 3 a 0
    e fa suo il “derbino”

    87 - Gen 10, 2016 - 0:13 Vai al commento »
    Piango dalle risate....questi a Macerata non vincono neppure contro una qualsiasi delle squadre dei campionati amatoriali. Onore a mister Lattanzi e a tutti i suoi giocatori, in particolare i tanti maceratesi che compongono la sua rosa. Ridicoli, ridicoli, ridicoli..............ah ah ah!!! Davvero mi viene da piangere dalle risate!!!!!!! Tozzi Borsoi, Morbiducci, Margarita, Carteri, Shiba...una squadra costruita per vincere la serie D che prende tre pere!!! Non ne posso più........................................................................!!!!!!!!!!!!!!
  • “Quo vado?” Sara Giannini:
    Teresa Lambertucci attacca sull’incarico

    88 - Gen 6, 2016 - 0:40 Vai al commento »
    A prescindere dai torti e dalle ragioni, una volta c'era il centralismo democratico. Un grande valore perduto miseramente in un politica che non c'è più. Eravamo un treno che faceva mille fermate prima di partire per ascoltare tutti. Poi, una volta partiti, non ci si fermava più. E chi tirava il freno d'emergenza veniva giustamente sbattuto fuori. Quella era La Politica. Oggi c'è solo un teatrino. Teresa e Sara sono due bravissime persone che vengono, in un modo o nell'altro, da quella cultura. Le invito amichevolmente a deporre l'ascia di guerra e a far riferimento al loro glorioso passato più che al misero presente e all'ancor più misero futuro della nostra politica.
  • Maceratese, i gladiatori di Bucchi
    prossimi a sostituire
    gli “Invincibili” di Magi

    89 - Dic 15, 2015 - 22:59 Vai al commento »
    Caro Enrico, il mio umile appunto non era riferito a te ma ai tanti detrattori esperti "de lu pallò" ma che, con il calcio, c'entrano poco o nulla. Ho letto critiche di orrendi pallonari che contestavano persino la cessione di Saitta e l'acquisto di Forte. Inorridisco di fronte a certi deliri, tutto qui. Viva gli invincibili e viva i gladiatori!
    90 - Dic 14, 2015 - 23:55 Vai al commento »
    Non scrivo da tempo su questo sito. Lo faccio in questa occasione per rappresentare tre cose velocemente. Inizio dalla meno importante: nonostante abbia uno stile da consumato giornalista sportivo e i suoi interventi siano corretti dal punto di vista di quella lingua quasi morta che è l'italiano, ho smesso di leggere Caporaletti per mancanza di tempo. Invito i tifosi biancorossi a fare altrettanto, a guardare e passare senza curarsi di un Narciso che, come tutti i Narcisi, è semplicemente insopportabile. L'indifferenza è la miglior arma possibile per combattere certa gente che adora se stessa e che, per elevare la propria statura, non ha altri mezzi oltre a quelli di abbassare il livello altrui. Chiamiamolo "sua Eccellenza" ed ignoriamolo, Noi Siamo Maceratesi. Condivido l'appellativo proposto dal mio amico Enrico per definire la squadra di Bucchi: gladiatori. Da non contrapporre agli Invincibili dello scorso anno, ci mancherebbe. Non potrò mai dimenticare l'umanità di D'Antoni, lo stoicismo di capitan Romano, la grinta infinita di Garaffoni, la classe di Croce e Ferri Marini. I gladiatori sono gladiatori, non invincibili. Infatti hanno già perso due partite (Rimini e Tuttocuoio) in 15 gare disputate finora. La Macerata calcistica li ricorderà per sempre ed esprimerà nei loro confronti una gratitudine immensa. Mi chiedo, tuttavia, se in una sorta un podio ideale della storia della Maceratese, alloggeranno nel gradino più alto gli "invincibili" o i "gladiatori". Mi chiedo se l'impresa più alta sia quella di vincere un campionato dilettantistico o quella di essere dopo 15 giornate al secondo posto di un campionato professionistico. Io sono convinto che gli "invincibili" oggi sarebbero in zona play out. Ma, allo stesso tempo, sono altrettanto convinto che il paragone sia improponibile per una profonda disomogeneità delle categorie nelle quali sono state impegnate le due squadre: quella di ieri e quella di oggi. La realtà vera, incontrovertibile è una soltanto: la Rata è seconda in classifica a due punti dalla vetta. Gli obiettivi di inizio stagione stanno cambiando: siamo quasi salvi e possiamo puntare a toglierci qualche bella soddisfazione. Lo avreste mai creduto? Io no di certo. Allora diamo atto, una volta per tutte, di un dato di fatto: questa società è vincente, punto e basta. E smettiamola di fare paragoni tra "gladiatori" e "invincibili". La SS Maceratese per l'ennesima volta da un lustro a questa parte ha avuto ragione.
  • La protesta dei rifugiati:
    “Il cibo non è fresco e nessuno ci cura”

    91 - Dic 10, 2015 - 23:53 Vai al commento »
    La superficialità disarma l'intelligenza
  • Addio a Giovanni Meriggi
    E’ stato vice sindaco di Macerata

    92 - Ott 27, 2015 - 23:26 Vai al commento »
    E'stato vice sindaco nel corso della mia prima esperienza in Consiglio Comunale. Lo ascoltavo con grande ammirazione. Le più sentite condoglianze alla famiglia. Riposi in pace.
  • Provinciale di Sforzacosta,
    il cantiere verso la chiusura

    93 - Ott 21, 2015 - 22:16 Vai al commento »
    Mai visti lavori tanto lenti in vita mia...
  • Canesin gela la Maceratese
    “Non ci sono soldi per gli spogliatoi”

    94 - Ott 15, 2015 - 22:50 Vai al commento »
    Quanto sarebbe bello annunciare solo il nome dei giocatori e far gridare alla gradinata il cognome...Ma in quel settore non si sente nulla. Ha ragione Umberto, almeno in questa parte del suo intervento. In merito al resto, non mi esprimo. Capisco le difficoltà economiche dell'amministrazione ma non conosco le regole dettate dalla Lega Pro che, in ogni caso, sono state recepite con una rigidità che a me pare sia al di fuori di ogni misura. Non faccio altro che ascoltare le lamentele degli sportivi che si recano allo stadio, difficile andare avanti in queste condizioni. Occorrerebbe una sorta di azzeramento e ripartire da capo con tanto buonsenso.
  • Torresi si è dimesso
    dalla carica di vice sindaco

    95 - Ott 6, 2015 - 22:32 Vai al commento »
    Un bravissimo amministratore coerente e onesto. Dimissioni in linea con la sua personalità. Pieno sostegno a Giovanni Torresi, uomo tutto d'un pezzo.
  • Il sogno di Igor:
    festeggia i 18 anni con la Maceratese

    96 - Ott 6, 2015 - 22:36 Vai al commento »
    Campioni tutti. I ragazzi, i giocatori, la società, la presidente Tardella che ha dimostrato ancora una volta la sua grande sensibilità nei confronti del sociale. E campioni anche Beata Corte per il grande lavoro svolto in questi mesi di attività.
  • Morto Pietro Ingrao
    Comi: “Insostituibile riferimento”

    97 - Set 27, 2015 - 23:18 Vai al commento »
    Oltre le divisioni storiche, onore a Pietro Ingrao. Onore all'uomo e al compagno. Lui e Cossutta gli unici testimoni VERI del comunismo italiano di questi anni.
  • Nascimbeni, allo stadio dopo 26 anni
    “Teniamoci stretta la presidenza Tardella”

    98 - Set 22, 2015 - 22:10 Vai al commento »
    Un grandissimo piacere vedere l'avvocato allo stadio e stringergli la mano. Ogni tanto passato e presente si incontrano e talvolta sono capaci di guardare insieme verso il futuro. Grazie di vero cuore avvocato, è un onore per me scrivere pagine nello stesso giornale.
  • Sorpresa Potenza Picena,
    arriva Eclizietta

    99 - Set 17, 2015 - 22:20 Vai al commento »
    Un grande in bocca al lupo, caro Francesco. E adesso pensiamo a far crescere tuo fratello Giacomo che ha i numeri per diventare un buon giocatore.
  • Helvia Recina, esame da “prof”
    Grande attesa per Maceratese-Savona

    100 - Set 11, 2015 - 22:38 Vai al commento »
    Francesco Virdis non è il figlio di Pietro Paolo Virdis.
  • Calcio maceratese in lutto
    E’ morto Bruno Battista

    101 - Ago 27, 2015 - 1:01 Vai al commento »
    Ciao Bruno, hai rappresentato la parte più bella del calcio. Un forte abbraccio a Francesco e a tutti i suoi familiari.
  • Fernando Gattari,
    il ricordo non si spegne

    102 - Lug 8, 2015 - 22:02 Vai al commento »
    Tra i tanti ricordi di Nando, ne ho uno che mi torna in mente con cadenza regolare. E'uno sguardo, un'espressione di delusione e divertimento al tempo stesso. Lui era in porta (mancava il portiere titolare e Nando se la cavava piuttosto bene tra i pali) io l'ultimo difensore, c'è stato mi pare un cross e l'attaccante avversario aveva segnato con un tiro al volo, forse con un colpo di testa. Nando in uscita aveva travolto anche me e ci siamo trovati a terra, l'uno sopra l'altro, con la palla che rotolava in rete. Mi aveva guardato sorridendo come per dire "quanti ne prendiamo stasera?" Ogni volta che penso a Nando, chissà perché, mi torna in mente questa sua espressione. Se il mondo fosse pieno di persone come lui, sarebbe veramente perfetto.
  • Pagare le tasse con la manodopera
    A Visso arriva il baratto amministrativo

    103 - Giu 17, 2015 - 22:46 Vai al commento »
    In questo momento storico è necessario il pragmatismo più della filosofia. Il decreto "Sblocca Italia" - se interpretato nella giusta maniera - consente ai cittadini organizzati in associazioni di prendersi cura del loro territorio e di valorizzarlo. A mio avviso, si prendono almeno tre piccioni con una fava: 1- i cittadini, soprattutto i pensionati, possono avere un motivo in più per tornare attivi (meno TV e meno carte al bar, l'attività fisica entro certi limiti fa bene) 2- la cura del territorio accresce il senso della cittadinanza 3- si risparmia qualcosina (ma non è questo il fine ultimo). Io dico "bravo" a Giuliano Pazzaglini. Era un punto del programma di Macerata Capoluogo poi inserito anche nel programma di Carancini. Speriamo che il nostro primo cittadino segua il suo collega vissano. in questa lodevole iniziativa.
  • Romano Carancini (59,11%)
    di nuovo sindaco,
    Pantana si ferma al 40,89%

    104 - Giu 15, 2015 - 0:07 Vai al commento »
    Auguri di buon lavoro, Romano. Congratulazioni.
  • Il consiglio comunale cambia volto
    Tanti i bocciati dalle urne
    Fuori anche la donna più votata

    105 - Giu 3, 2015 - 0:39 Vai al commento »
    Scusatemi ma c'è un errore. Io non sono mai stato assessore in Comune. Solo in Provincia dal 2004 al 2009. Grazie.
  • Vigile urbano stroncato a 63 anni,
    addio a Graziano Colotti

    106 - Mag 26, 2015 - 23:08 Vai al commento »
    Un'altra persona speciale ci ha lasciato. Un abbraccio fortissimo alla famiglia. Ciao Graziano, salutami Gian Mario e tutti gli altri amici. Compreso mio suocero.
  • Giorgi: “Due anni con 11 deleghe pesanti,
    ora la ripresa con Marche 2020″

    107 - Mag 26, 2015 - 23:14 Vai al commento »
    Mi limito a scrivere che gli elettori di centro destra hanno alternative più credibili. A cominciare da Francesco Massi. Questa persona non merita un solo voto nella provincia di Macerata. Ha nel suo DNA il tradimento e l'opportunismo. Votate chi volete ma non votate Paola Giorgi. Unica indagata per TRUFFA come giustamente fa notare Sparapani. E mi fermo qui per non dire di peggio.............Per carità, cittadini maceratesi, non votatela!!!
  • Manzi: “Il centrodestra evoca il fascismo”
    Menghi prepara il terreno a Salvini
    e denuncia: “In corso sondaggi telefonici”

    108 - Mag 24, 2015 - 22:29 Vai al commento »
    C'ero anch'io, insieme alla dottoressa Tardella. Passavamo per puro caso e siamo arrivati a comizio oramai concluso da diversi minuti. Tanto per precisare...
  • Spacca lancia i candidati di Forza Italia
    e attacca il Pd:
    “Vogliono dividere le Marche”

    109 - Mag 12, 2015 - 0:58 Vai al commento »
    Qui uno dovrebbe fare un'analisi. Ma l'unica cosa che viene fuori è un conato di vomito. Soprattutto nei confronti di Paola Giorgi, indagata per truffa. Avrebbe dichiarato il proprio domicilio a Matelica piuttosto che in Ancona. Per racimolare qualche centinaio di euro in più di rimborso spese. Aspetto la sentenza. E mi auguro sia esemplare. Certa gente piuttosto che candidarsi dovrebbe scegliere l'eremitaggio e l'ascetismo. Un suggerimento per la Procura: andate a verificare con quale macchina e con quale documento la Giorgi si sarebbe recata da Matelica ad Ancona ogni giorno......................
  • Elezioni: più liste e più candidati
    ma con meno posti disponibili

    110 - Mag 10, 2015 - 1:31 Vai al commento »
    Chiedo perdono a Giancarlo ma Macerata Capoluogo - che candida a sindaco Mariella Tardella - non è vicina alla parità di genere...al contrario, candidando 16 donne e 16 uomini, la parità di genere l'ha raggiunta prima di tutti gli altri.
  • Chiude la libreria Mondadori
    “Affondati da troppa concorrenza”

    111 - Mag 8, 2015 - 22:32 Vai al commento »
    Mi dispiace veramente moltissimo. Un grosso in bocca al lupo a Valentina e Marco, due amici.
  • Marche 2020 in regione
    Idea Macerata in città
    Sancito il patto Spacca-Pantana

    112 - Mag 5, 2015 - 22:39 Vai al commento »
    #iononvotopaolagiorgi sarà lo slogan della mia campagna elettorale per quanto riguarda le regionali. sarà un mantra. sarà ciò che ripeterò fino all'ossessione ai cittadini maceratesi, una ad uno, casa per casa. con dovizia di particolari. spiegando dettagliatamente perché questa persona non può essere votata. da Macerata a Matelica, da Camerino a Pioraco. Votate chi vi pare ma non votate questa persona.
  • La Rata si affaccia dal Comune
    La piazza esulta, fischi al sindaco

    113 - Mag 4, 2015 - 22:20 Vai al commento »
    @ Gianfranco Cerasi nessuna prova tecnica di apparentamento, semplice rispetto per le istituzioni che anch'io, almeno fino al 31 maggio, rappresento. Saluti.
    114 - Mag 3, 2015 - 23:54 Vai al commento »
    Non mi associo assolutamente ai fischi al Sindaco. Posso testimoniare che è stato proprio lui, in prima persona, a cercare il microfono e l'impianto voce per consentire gli interventi in piazza. E'il primo cittadino e rappresenta la città anche nei momenti di gioia come questo.
  • 1100 tifosi biancorossi a San Benedetto
    Maceratese, appuntamento con la storia

    115 - Apr 26, 2015 - 0:21 Vai al commento »
    @ Giuseppe Capriotti, ne sono certo che al "Riviera" non si passeggia. Però mi pare che recentemente qualcuno lo abbia fatto. Vis Pesaro e Chieti le ricordano qualcosa? Mi sembra 7 pere in due partite, o sbaglio?
  • Maceratese, già venduti 500 biglietti
    Kouko: “A San Benedetto sarà
    come giocare in casa”

    116 - Apr 24, 2015 - 23:39 Vai al commento »
    Superati gli 800 tagliandi. E c'è ancora domani... Colgo l'occasione per augurare buona LIBERAZIONE a tutti.
  • La Tardella apre a nuovi ingressi:
    “Con me gente preparata ad affrontare
    un mondo nuovo”

    117 - Apr 21, 2015 - 0:05 Vai al commento »
    Nessuna squalifica del campo alla Samb. E'stranamente uscito in largo anticipo il comunicato della LND. Possiamo andare al Riviera delle Palme senza nessun problema. Macerata è chiamata a dimostrare il suo attaccamento alla maglia e alla città. FORZA RAGAZZI!
  • Maceratese da sballo, Lega Pro a un passo
    D’Antoni-gol al 91′, battuta la Recanatese

    118 - Apr 19, 2015 - 22:38 Vai al commento »
    Come volevasi dimostrare: bombe carta e fumogeni in campo a Matelica, quindi il Riviera delle Palme sarà squalificato per domenica prossima. Samb-Rata a porte chiuse. Loro giocheranno tranquilli senza l'assillo dei loro tifosi, noi senza l'apporto decisivo dei nostri. Questo è il calcio secondo i sambenedettesi. Non vado oltre se no mi becco una querela ma avrei voglia di dire tutto ciò che penso di loro.
    119 - Apr 19, 2015 - 20:17 Vai al commento »
    Si Ranzuglia, c'é sta sotto di sicuro qualcosa: il caratere d'ì una scuadra che c'i crede fino allo ultimo secondo. Passando a cose serie, non vedo l'ora di guardarmi il servizio da Teramo per capire come ha fatto il San Nicolò a beccare quattro gol in dieci minuti. Qualcuno sa qualcosa di Matelica? E'vero che i tifosi della Samb hanno fatto esplodere diverse bombe carta per farsi squalificare il campo?
  • Ecco la squadra
    di Area Popolare-Marche 2020

    120 - Apr 20, 2015 - 23:22 Vai al commento »
    Massimo rispetto per Francesco Massi. Abbiamo idee diverse ma resta sempre una bravissima persona. E' su di lui che Marche 2020 dovrebbe far convergere i suoi voti nel maceratese. Farò la mia battaglia per il mio candidato che è ovviamente nel centro sinistra, ma cercherò di far votare per Massi tutti gli elettori di centro destra che non riuscirò a convincere a votare altrove.
  • La Maceratese a Castelfidardo
    vince e canta:
    “Torneremo in serie C”

    121 - Apr 13, 2015 - 0:25 Vai al commento »
    Bellissima analisi di Ciccarelli ma anch'io sui voti non mi riconosco. In particolare su quelli di Petti e Perfetti: due giganti davvero. E non dimentichiamo che Petti è un terzino, non un centrale. Adesso è vietato abbassare la guardia e pensare di aver già vinto questo campionato. Testa bassa, solita umiltà, solita concentrazione. Grazie a tutti e, in particolare, a quei meravigliosi 700 malati che hanno spinto i ragazzi alla vittoria dal primo all'ultimo minuto. Certe partite si vincono anche grazie a loro. GRAZIE GRAZIE GRAZIE!!!
  • Patron Patitucci si sente male
    Civitanovese, saltano i rimborsi

    122 - Apr 9, 2015 - 0:42 Vai al commento »
    Ripeto: un bellu mmoccatò e tutto va a posto...così fate spazio a Cerolini. Che schifo 'sta gente!
  • Canil dà un calcio ai rumors
    “Maceratese? No, grazie”

    123 - Apr 4, 2015 - 1:26 Vai al commento »
    Confermo quanto sostenuto da Sergio: in caso di parità si andrà allo spareggio. Non esiste la possibilità di ricorrere alla classifica avulsa se due sole squadre arrivano appaiate. Quattro vittorie. Questo è ciò che dobbiamo fare per vincere il campionato. Come ho scritto ieri sera, gli altri passeggiano dove noi sputiamo sangue. Adesso riposo poi mentalità giusta: per noi saranno tutte finali mentre il Fano continuerà a passeggiare contro 4 meretrici su 5.
  • Villanova spinge la Maceratese in paradiso
    Matelica steso all’ultimo minuto

    124 - Apr 2, 2015 - 23:32 Vai al commento »
    La gara è stata decisamente condizionata dal forte vento in molti degli episodi salienti, per il resto il risultato è moderatamente giusto ma abbiamo rischiato grosso. Paghiamo un po' di stanchezza, a questo punto della stagione è normale e speriamo che questa pausa pasquale, se ben gestita, possa essere utilizzata per riposarsi e staccare la spina per qualche giorno. Guai a pensare che è fatta, non è affatto così. Noi dobbiamo sputare sangue in ogni campo mentre il Fano passeggia. Le uniche squadre che giocheranno "correttamente" saranno le pericolanti e noi, da questo punto di vista, abbiamo il calendario più difficile: Castelfidardo, Recanatese, Agnonese. Guardate il Campobasso: contro di noi gioca la partita della vita poi perde in casa con la Samb. E la Jesina? Vince 1-0 poi nel secondo tempo ne prende quattro. La vera gara difficile per il Fano è quella interna con la Vis Pesaro quindi noi dobbiamo vincerne 4 su 5 per stare tranquilli. Il campionato è - più o meno volutamente - falsato da mille elementi che sono tutti contrari alla Maceratese. Un'ultima considerazione: i matelicesi all'andata si erano lamentati per i 12 euro del biglietto; ebbene, dal loro settore hanno visto una partita di calcio da una posizione confortevole, degna di un campionato di serie D. Oggi noi abbiamo pagato 10 euro per vedere una partita lungo una rete di recinzione. Io praticamente ero all'altezza della bandierina del calcio d'angolo. Si può disputare un campionato interregionale come questo e offrire - a 10 euro! - una visibilità inferiore a quella del campo sportivo di Sforzacosta? Lo stadio di Matelica è assolutamente inadeguato per le tifoserie ospiti. Ma quanto ca..o vi costa una struttura prefabbricata da almeno 300 posti? Non ho mai assistito ad una partita di calcio da una tale posizione. Ripeto: nemmeno in terza categoria si verificano certe condizioni!
  • Maceratese, mister Magi teme il Fano
    “Ha un calendario più facile”

    125 - Mar 30, 2015 - 21:45 Vai al commento »
    Inauguriamo - da "certificati" - i primi commenti sulla Rata. Anzitutto complimenti a CM, questo spazio sarà sicuramente meno commentato ma resteranno le persone intelligenti, i commenti di persone responsabili mentre quelli degli idioti che insultano per il puro gusto di farlo torneranno al bar dello sport. Per quanto mi riguarda, due imbecilli sono stati già querelati, vedremo come andranno le cose e, soprattutto, vedremo se si riuscirà a fare un po' di beneficenza con i soldi di questi leoni da tastiera. Tornando a noi, ovviamente sono un pochino preoccupato. Lo ero quando avevamo 8 punti in più, non potrei non esserlo ora. Però conosco questa squadra e so che è costituita da uomini veri e non da mercenari come, in gran parte, erano quelli dell'anno scorso. Magi dovrà lavorare sulla "testa" dei ragazzi per prepararli alla sfida delicatissima di giovedi prossimo. Se vinciamo a Matelica siamo a buon punto. Non sarà facile vista la rivalità (unilaterale per dire il vero) ma dobbiamo preparare questa gara come una gara decisiva. Prendiamo permessi dal lavoro, ferie, malattie...tutto quello che volete ma stringiamoci attorno a questi ragazzi che hanno bisogno di noi. Giovedì vorrei sentire il nome di Kouko gridato da tutta la tifoseria: Daniel, più di tutti gli altri, deve sapere che è uno di noi!
  • Maceratese sciupona,
    col Chieti solo un pari

    126 - Mar 29, 2015 - 22:00 Vai al commento »
    Io questo calo fisico non l'ho visto proprio. Nel primo tempo abbiamo giocato molto bene creando parecchie occasioni. Nel secondo tempo è scesa in campo una squadra diversa sotto l'aspetto mentale più che fisico. Abbiamo giocato male fin dal 55° peccando moltissimo di lucidità, con lanci lunghi alla "viva il parroco" e con una serie di errori clamorosi persino nei disimpegni più elementari. Non ho condiviso né compreso la doppia sostituzione perché, pur non giocando benissimo, Ferri Marini e D'Antoni erano comunque sempre pericolosi, in ogni caso almeno Ferri lo avrei lasciato in campo ancora un po'. Stress da primato, probabilmente. Adesso il mister deve lavorare soprattutto sulla testa dei ragazzi. Ci arriveremo lo stesso a coronare il grande sogno ma ci sarà un po' da soffrire nelle prossime settimane.
  • Non ci sono i soldi per lavare le maglie
    Salta l’allenamento della Civitanovese

    127 - Mar 26, 2015 - 2:34 Vai al commento »
    Andate a cercarli a casa, pigliateli pè le recchie e portateli in mezzo al campo domenica prossima a forza di calci in culo...merdacce che non sono altro!!! Che schifo
  • Maceratese, ascolta il Magi-pensiero
    “Punto utile per la stretta finale”

    128 - Mar 23, 2015 - 23:52 Vai al commento »
    Ebbene sì...ho fatto una tabella la settimana scorsa. Avevo previsto 2 sconfitte per la Rata (Campobasso e SBT) e due pareggi (Chieti o Giulianova e Matelica) più quattro vittorie. Per il Fano due pareggi (a scelta tra San Nicolò, Jesi e Chieti) e sei vittorie. Secondo i miei calcoli, avremmo matematicamente vinto il campionato battendo l'Agnonese alla penultima giornata. Per ora abbiamo un punto in più rispetto al pronostico. Se pensate che porto sfiga toccatevi le palline. PS: domenica arriva il Chieti che segna tanto ma incassa altrettanto. Se non arriviamo a 2000 spettatori meritiamo la serie D a vita. Poi non lamentiamoci, per cortesia...............
  • Crisi Civitanovese,
    calciatori a rischio sfratto

    129 - Mar 19, 2015 - 21:30 Vai al commento »
    Un bellu "moccatò" quando ripassa dalle parti de Citanò, no eh?
  • Negozio a fuoco, la titolare è in Nigeria:
    “Non abbiamo dato fastidio a nessuno,
    non so come farò a riaprire”

    130 - Mar 15, 2015 - 23:41 Vai al commento »
    Freden, ti chiedo scusa a nome di tutti i maceratesi dotati di un minimo di senno e di intelligenza. Purtroppo anche qui - come in ogni paese cosiddetto civilizzato - ci sono idioti che non meritano neppure di essere considerati come cittadini italiani. Mi auguro che tu riesca a rimettere in piedi la tua attività e, soprattutto, la tua dignità offesa da uno o più imbecilli. Mi aspetto una dichiarazione pubblica di solidarietà dal Sindaco e dall'Amministrazione Comunale di Macerata. Vai avanti e non ti arrendere di fronte ad un vero e proprio episodio di criminalità di cui Macerata intera dovrebbe vergognarsi.
  • I Comunisti avranno un candidato sindaco
    Lattanzi: “Sel è una costola di Carancini”

    131 - Mar 15, 2015 - 19:49 Vai al commento »
    "occupare posti pubblici non si sa come"...ma non si vergogna?
    132 - Mar 15, 2015 - 18:43 Vai al commento »
    @Francesco Saveri I suoi interventi sono di un populismo fastidiosissimo. Lei è uno dei tanti che scrivono per il solo gusto di coprire di fango e diffamare persone che neppure conosce. Tanto per evitare possibili illazioni, com'è ormai noto, non seguirò Michele per la prima volta dopo più di vent'anni trascorso fianco a fianco in politica. Eccole il curriculum di "uno che non ha fatto nulla nella sua vita": Lattanzi si è laureato con 110 e lode all'Università di Macerata, ha studiato e ha vinto un concorso all'ASUR alla fine degli anni '90 (quindi prima di essere nominato assessore nella giunta Meschini) e a tutt'oggi svolge il suo lavoro di impiegato amministrativo gestendo l'ufficio del recupero crediti nella nostra area vasta. Durante gli studi universitari, il fine settimana lavorava come cameriere servendo ai tavoli durante le cerimonie. E'stato consigliere comunale dal 93 al 97 (amministrazione Maulo), dal 97 al 99 (Menghi) e dal 2000 al 2015 (Carancini); nel decennio di amministrazione Meschini (2000-2010) è stato un ottimo assessore ai servizi sociali. Da più di dieci anni è compagno di Mara e padre di Eleonora e Edoardo. Certo, non ha mai vinto il Premio Strega e non è mai stato insignito di lauree ad honorem o premi nobel ma mi pare che il suo curriculum sia di tutto rispetto. E lei, Saveri, cosa fa nella sua vita oltre a diffamare gli altri?
  • La Civitanovese si ferma
    Da domenica non si gioca più

    133 - Mar 12, 2015 - 23:00 Vai al commento »
    Sabato scorso ero al campo di Collevario dove giocava la juniores della Civitanovese. E' stato molto bello vedere la dott.ssa Tardella entrare nello spogliatoio dei ragazzi della Maceratese per parlare con loro e, pochi minuti dopo, fare altrettanto con i ragazzi, i dirigenti e lo staff della Civitanovese per esprimere piena solidarietà. Sono solo parole, certo. Parole che non risolvono alcun problema. Ma, in ogni caso, sintomo di una grande sportività che travalica il campanilismo. Mi dispiace, davvero. Fate pressing, un pressing asfissiante sull'amministrazione comunale. Fatevi sentire con ogni mezzo civile.
  • Bruno Mandrelli dopo la sconfitta:
    “Battuto ma emersa volontà di cambiare
    Massoneria? Inopportuna per i candidati”

    134 - Mar 11, 2015 - 1:17 Vai al commento »
    L'analisi di Bruno è quella di un signore della politica. Per quanto mi riguarda, sono sempre più orgoglioso di averlo sostenuto perché le esperienze come quella appena vissuta ti fanno aumentare di spessore, ti fanno capire quanto sia importante star vicino a gente che ti può insegnare qualcosa di importante. Ho imparato più in un mese di campagna elettorale che in cinque anni di amministrazione.
  • Magi contro Jaconi,
    l’allievo batte il maestro

    135 - Mar 12, 2015 - 20:18 Vai al commento »
    @saveri posso sapere perché ce l'ha con me? non sono curioso per natura ma, visto che non ho il piacere di conoscerla personalmente, non riesco proprio a capire il motivo di tanto astio. Buona serata anche a lei.
  • Addio a Gilberto Tartarelli,
    colonna del tifo della Maceratese

    136 - Mar 7, 2015 - 1:03 Vai al commento »
    Un uomo splendido. Le più sentite condoglianze ai familiari, Riposa in pace, uomo ombra.
  • Giuliano Meschini sceglie Carancini
    “Rispecchia di più i nostri valori”

    137 - Mar 4, 2015 - 15:18 Vai al commento »
    @Tamara davvero non riesco a comprendere ciò che scrivi e perché. Forse perché io sto con uno e tu con l'altro? Se è così non fai onore alla tua intelligenza. E mi dispiacerebbe moltissimo incrinare il nostro cordiale rapporto solo per questo. Pensavo di essermi chiarito con te sulle vicende di cinque anni fa, avevi anche riconosciuto di non aver pienamente compreso le dinamiche delle assegnazioni degli assessorati di Romano e, di conseguenza, mi avevi chiesto scusa. In ogni caso, rispondo alle questioni da te sollevate (anche se, come ti ho scritto più di una volta, preferirei farlo a voce). Il vero problema che abbiamo vissuto in questo quinquennio è stata la mancanza di dialogo con gran parte dell'amministrazione tanto che - pur stando in maggioranza - ho dovuto presentare diverse mozioni per vedere realizzato quanto proposto. Tutto ciò sotto il bombardamento della minoranza che, giustamente, mi attaccava chiedendo il perché fossi costretto a presentare mozioni quando sarebbe stato sufficiente rivolgermi direttamente alla giunta. Pensa che, nonostante le mozioni "impegnino" l'amministrazione a realizzare quanto richiesto dal consiglio, solo in un caso ciò è avvenuto davvero (l'asfalto del parcheggio della struttura di Collevario) per il resto, nisba. Chiami un assessore cento volte e non ti risponde mai. Ovviamente neppure richiama. Ho fatto l'assessore anch'io, cara Tamara, e non mi sono mai permesso certi comportamenti. Tutti i consiglieri provinciali del quinquennio 2004/2009 te lo possono confermare. Di maggioranza e di minoranza. Sulle questioni urbanistiche, ti posso dire semplicemente che mi interessano poco e sono poco competente in materia essendomi sempre occupato di servizi sociali, cultura e sport. In ogni caso, l'amico Romano le ha votate tutte nel decennio in cui è stato capogruppo prima dei DS poi del PD. Le mie critiche all'amministrazione le trovi tutte scritte nell'altro articolo di CM. Puoi condividerle o meno, ci mancherebbe però, per cortesia, parliamo di politica e non di vissuti personali o presunte vendette da consumare. Lo stesso Romano può dirti che, su quella vicenda, ci siamo chiariti ampiamente pochi giorni dopo le sue scelte in occasione di una lunghissima e serena chiacchierata al campo dei pini cinque anni fa. Quindi non c'è nessuna questione personale: lui è un amico e spero continui ad esserlo anche dopo questa battaglia che ci vede contrapposti. La questione è solo politica. Purtroppo o per fortuna, a seconda dei punti di vista. Ti saluto cordialmente e spero di rivederti presto. In bocca al lupo per la tua lista.
    138 - Mar 3, 2015 - 23:02 Vai al commento »
    @ Tamara Mi spiace che scrivi certe cose. Ho già detto a Mandrelli che non voglio assolutamente nulla. Sto solo facendo una campagna di civiltà. Tutto qui. @ Aquila rappresento una lista civica che si chiama "Macerata capoluogo". Troverà delucidazioni in un altro articolo su CM, sopra a questo. Saluti.
    139 - Mar 3, 2015 - 22:59 Vai al commento »
    Gentilissimo signor Fusari, non è lei che "capisce poco" di politica ma la politica che, a volte, non si fa capire. Il terzo candidato era strumentale, finalizzato ad ottenere quei consensi degli elettori non allineati con i due competitor principali. I 216 voti di Meschini sono in parte di questi elettori e in parte di suoi amici che lo stesso Meschini ha portato a votare. Ovvio che Giuliano non li ha controllati tutti ma solo una parte. Ed è stata proprio la parte "non controllata" a fare la differenza e a determinare la necessità del ballottaggio. Grazie allo stesso ballottaggio, Carancini ha la possibilità di ripartire da zero e di rifarsi. Spero di essere riuscito a farmi capire. Un precisazione: io non ho scritto che Carancini è isolato; se rilegge bene ho scritto che Carancini in questi cinque anni si è isolato insieme ad alcuni assessori e consiglieri costituendo una sorta di gruppo chiuso al consiglio, alle forze politiche e alla città. Le sue scelte ci sono sempre state presentate come scelte già fatte che il consiglio era chiamato semplicemente a ratificare. In una parola: un uomo solo al comando, quasi un podestà. La saluto cordialmente.
    140 - Mar 3, 2015 - 22:30 Vai al commento »
    Diciamo le cose come stanno senza prenderci (e prendere i cittadini) per il sedere: questa mossa era programmata da tempo, la presentazione di Meschini come terzo candidato era concordata con Carancini (per avere una seconda chance attraverso il ballottaggio in caso di sconfitta alle primarie, sconfitta che poi è arrivata) quindi, vi prego, non offendete le intelligenze dei lettori. Non avrei scommesso un centesimo sulla possibilità di un'alleanza di Meschini con Mandrelli al secondo turno. Quindi, caro Giuliano, era meglio se ti limitavi a dire che "Carancini garantisce una prospettiva politica all'IDV" senza tanti giri di parole sui programmi e sui contenuti. Adesso aspetto con ansia il nostro Romano affermare ancora che lui è il nuovo e gli altri il vecchio. Ciò che avete fatto con questa manovra da filibustieri, i politici di cinquant'anni fa non la avrebbero neppure pensata.
  • Ignazio Messina sostiene Meschini:
    “Sarà il sindaco dei più deboli”
    Micozzi richiama Carancini al fair play

    141 - Feb 26, 2015 - 21:34 Vai al commento »
    @prodest il suo intervento è l'emblema della superficialità di chi scrive e sentenzia senza conoscere nulla. Quando mai Mandrelli sarebbe stato craxiano, per di più delfino di Craxi? Sa che era l'esatto contrario e che toccò proprio a lui, negli anni 80, in pieno craxismo, a farsi portavoce di una mozione congressuale di opposizione all'interno del partito? Non è sempre necessario scrivere e commentare, soprattutto quando non si conoscono i fatti. Su Maulo concordo parzialmente con lei.
  • Sorpresa nelle cassette postali:
    il giornale del Comune
    a tre giorni dal voto

    142 - Feb 26, 2015 - 22:54 Vai al commento »
    @Stefano Blanchi Caro Stefano, amico e compagno di mille battaglie, ti auguro un futuro brillante. Sei la faccia pulita di questa politica, sei preparato come pochi ed hai dalla tua una freschezza straordinaria unita ad una appartenenza ad una storia meravigliosa. Che il futuro ti sorrida, lo meriti ampiamente.
  • Civitanovese sciupona
    Buttati via tre punti
    col Castelfidardo

    143 - Feb 24, 2015 - 2:31 Vai al commento »
    Mauri70 potresti contattarmi su FB? Grazie
  • Civitanovese, colletta dei tifosi
    per pagare i giocatori

    144 - Feb 19, 2015 - 21:57 Vai al commento »
    Facemmo anche noi così ai tempi del nostro "fallimento pilotato". Complimenti alla tifoseria Civitanovese. Spero non si limiti al gesto simbolico ma che sia davvero un sostegno a questi ragazzi. Fate manifesti, comunicati stampa, portate quanta più gente possibile allo stadio perché ci sono FAMIGLIE con BAMBINI in difficoltà. Se riuscirete ad aprire un conto corrente o qualcosa di simile, verserò anch'io il mio contributo. Di nuovo complimenti e in bocca al lupo.
  • Maceratese, questa è la strada giusta
    per scrivere una pagina di storia

    145 - Feb 16, 2015 - 22:28 Vai al commento »
    @Carlo Ho fatto una ricerca in rete e non ho trovato nulla. Buona notte e sogni d'oro. Tra qualche settimana ci sveglieremo in lega pro...
  • Civitanovese, guai senza fine
    “Adesso rischiamo pure lo sfratto”

    146 - Feb 16, 2015 - 17:22 Vai al commento »
    Dopo la bella impresa di ieri, oggi non vola una mosca. Ferrini e compagni - giustamente! - si sfogano perché stanno vivendo un dramma personale profondo. Ci sono famiglie che vivono con i rimborsi promessi, ci sono bambini piccoli, c'è una dignità umana da difendere ad ogni costo. Leggevo ieri sul Carlino dell'ipotesi di un fallimento "pilotato" che a me, francamente, pare l'unica soluzione possibile. Qualche anno fa, dopo la fuga di Umberto Ulissi (che ho sempre considerato un raggirato così come temo sia il vostro Patitucci) dalla Maceratese, si fece esattamente così: Paci e Mosca, una volta certi dell'abbandono di Ulissi, portarono avanti la squadra (ridotta ad un gruppetto di ragazzini della juniores) nel campionato in corso che terminò con una "onorevole" retrocessione in Eccellenza. Poi si ripartì da quella categoria con questi due imprenditori maceratesi. Le cose non andarono subito bene (anzi, rischiammo addirittura la Promozione...) poi venne Mariella che ci ha portato dove siamo oggi. E' chiaro che, al punto in cui si trova oggi la Civitanovese, l'unica soluzione è quella di convincere l'attuale proprietà a cedere (naturalmente a gratis) la società ad un pool di imprenditori locali che ne garantiscano la sopravvivenza. In tal senso, l'amministrazione comunale potrebbe far molto e credo ne abbia tutto l'interesse. Non mi permetto di darvi suggerimenti, vi dico solo quello che farei io: organizzerei una delegazione della tifoseria (no teste calde, Mauri70 e gente come lui andrebbero benissimo) e chiederei un incontro con il Sindaco e Patitucci per trovare una soluzione condivisa. Magari dolorosa, ma condivisa. Se Patitucci fosse disponibile a mollare, l'ammministrazione potrebbe convocare le 3/4 imprese più vicine e convincerle a rilevare la società. So che le stesse imprese locali sono restie ad assumersi una responsabilità del genere anche a causa del fatto che la tifoseria rossoblù è particolarmente "calda", dunque temono problemi in caso di fallimento del progetto. In tal senso, dunque, serve una seria assunzione di precise responsabilità e garanzie anche da parte della tifoseria. A Macerata, anni fa e in una situazione simile alla vostra, ognuno dimostrò grande maturità e responsabilità: dai tifosi (che addirittura organizzarono collette per pagare i rimborsi e la nafta del pullman), all'amministrazione comunale, alle forze imprenditoriali (che da voi sono in numero nettamente maggiore), Scusate l'intrusione ma, come già scritto in altre occasioni, preferisco battervi sul campo di gioco e non vedervi sparire.
  • Civitanovese, Bresciani spiega l’addio
    “La proprietà è venuta meno
    agli impegni presi”

    147 - Feb 15, 2015 - 0:08 Vai al commento »
    Temo che sia costui il vero artefice di tutta questa situazione. Mi sa che Patitucci è stato messo in mezzo come l'ennesimo presidente che non sa nulla di calcio e che si affida a certi volponi. A costo di falsare il torneo è meglio per tutti che Civitanova Marche e la Civitanovese ripartano PULITE da livelli più bassi. Meglio 100 piccoli imprenditori del luogo che pochi banditi.
  • Civitanovese, un altro ribaltone
    Sospesi dall’incarico dopo 24 ore
    allenatore e amministratore delegato

    148 - Feb 13, 2015 - 13:50 Vai al commento »
    Ma questo è peggio di tutti i banditi che abbiamo avuto a Macerata messi insieme!!!
  • Spese pazze in Regione
    “Ecco come e perché
    abbiamo usato i soldi”

    149 - Feb 13, 2015 - 0:54 Vai al commento »
    La questione conferma quanto sostengo da tempo: chi si occupa di politica a livello comunale e provinciale percepisce briciole mentre il, livello regionale è decisamente esagerato. 1000 euro l'anno per i consiglieri comunali e provinciali, decine di migliaia di euro per gli omologhi a livello regionale. Comprendo la diversità dell'impegno ma continuo a ritenere esagerati i compensi dei miei colleghi in Regione. Urge una riforma seria dei compensi della politica, Non è possibile infatti che ci sia gente che, per occuparsi della cosa pubblica, ci rimette soldi propri e, nel contempo, ci sia gente che si arricchisce truffando lo Stato. Sia chiaro: parlo di truffa e non di peculato. Speriamo si arrivi fino in fondo.
  • Epurazione Civitanovese
    Ai saluti Mecomonaco,
    Bresciani e Muscariello

    150 - Feb 12, 2015 - 22:52 Vai al commento »
    Mi pare evidente che, d'ora in avanti, questa squadra falserà il campionato. Ricordo che domenica ci sarà Samb-Civitanovese e che prossimamente i rossoblù incontreranno il Fano in casa. Urge una serie riforma della LND. In caso contrario i campionati saranno delle autentiche prese per il culo a causa di banditi che si fanno beffe di società, piazze e tifoserie storiche. Ripeto: non ve posso vedè ma solidarizzo con voi. In bocca al lupo.
  • Rata in lutto,
    morto il tifoso Silvio Rinaldelli

    151 - Feb 9, 2015 - 23:45 Vai al commento »
    Ciao Silvio, non sapevo nulla della tua malattia. Salutami babbo, di sicuro state già parlando della nostra amata Maceratese.
  • Civitanovese nel caos, patron Patitucci
    “Valuto la cessione della società”

    152 - Feb 10, 2015 - 0:04 Vai al commento »
    Leggendo la lunga lettera del presidente Patitucci, soprattutto i passaggi inerenti la trasparenza del bilancio, io coglierei l'opportunità. Se fossi un tifoso rossoblù lo incontrerei, proverei a discuterci, cercherei di capire come realmente stanno le cose. Cercherei di capire se è realmente un bandito o se, causa inesperienza, si è trovato in mezzo ad un gioco pericoloso. Non so perché ma quest'uomo, diversamente rispetto al DG e al DS, mi pare in buona fede. O quantomeno, non in mala fede. Ha chiesto le dimissioni di Bresciani e Muscariello, potrebbe provare a ripartire con soggetti più "trasparenti", magari proprio di Civitanova Marche. Io chiederei un incontro con l'assessore Balboni e, per suo tramite, con lo stesso Patitucci. Proverei ad organizzare una delegazione di 7/8 tifosi storici (non necessariamente ultras) che seguono la squadra da sempre e con la testa sulle spalle, gente che sa leggere un bilancio e le sue pieghe. E' esattamente ciò che ho provato a fare qualche anno fa a Macerata, prima di arrendermi definitivamente. Poi è arrivata Mariella, per fortuna. Ché se aspettavamo la Lube...hai voglia a fare i derby con Madonna del Monte e la Robur. In bocca al lupo, davvero. Vorrei continuare ad umiliarvi sul campo, non in tribunale. Un caro saluto a Mauri70, prima o poi riuscirò ad offrirti un caffè...
  • Carro armato Maceratese,
    quattro sberle al Termoli

    153 - Feb 8, 2015 - 23:10 Vai al commento »
    Fino a qualche settimana fa temevo, più di tutti, la Civitanovese. Bellissima squadra, indubbiamente. Ma a livello societario, oramai è assodato, in preda a dei delinquenti. Condivido le parole di Verdolini quando parla di "supremo rispetto" nei confronti della città e della tifoseria da parte di un gruppo di banditi che sta prendendo per il culo tutto l'ambiente. Ricordo ai miei compaesani che la stessa situazione l'abbiamo vissuta anche noi non molto tempo fa. Poi, anche e soprattutto grazie a Mariella, siamo passati dalla promozione (sfiorata solo grazie alla Vis Pesaro...ricordate la gara contro il Real Metauro?) al primo posto della serie D e ad un passo dalla Lega Pro. Io vorrei che la Civitanovese divenisse lo zimbello della categoria per demeriti calcistici, non societari. Quindi non posso far altro che solidarizzare con i miei nemici pesciaroli CONTRO OGNI BANDITO che prende per il culo una passione perché, alla fine, chi ci rimette è solo chi nutre questa passione. In una parola: il tifoso. Detto questo, pongo una domanda che ci riguarda direttamente: chi ha avuto ragione in ogni decisione presa? Alla luce di tutto ciò che è successo in questo quinquennio, chi ha costruito questa meravigliosa creatura? Certo... il grandissimo Beppe Magi, l'umile ma fondamentale Gagliardini che non ha sbagliato una mossa, tutto lo staff, dal DG a chi fa le pulizie negli spogliatoi e lava le magliette. Io credo che Mariella non abbia sbagliato una sola mossa, un solo passaggio. Ce lo dicono da Citanò e ancora c'è qualcuno che a Macerata non riesce ad ammetterlo. La prima persona da ringraziare è lei, siamo sinceri! Saluti dal capoluogo e dalla capolista!
  • Tifoso ferito allo stadio,
    amputate tre dita
    La Procura ha aperto un’indagine

    154 - Gen 27, 2015 - 0:22 Vai al commento »
    In bocca al lupo Daniele. E grazie a tutti i tifosi che hanno espresso solidarietà. Ce la farai, stai tranquillo.
  • Maceratese-Civitanovese
    e il giallo dell’assegno

    155 - Gen 27, 2015 - 0:55 Vai al commento »
    Caro Mauri70, per l'ennesima volta ti riconosco obiettività e sportività ma ci sono due cose del tuo commento che non condivido. La prima, di natura calcistica, riguarda il passaggio inerente il pareggio che, a tuo dire, non sarebbe stato un furto. Poi però precisi subito che sei un tifoso con i paraocchi, esattamente come me. Ieri ho portato alcuni miei amici di Pioraco al derby e, a fine partita, la prima cosa che ho chiesto loro è stata esattamente questa: "Avevo un'ansia della madonna e non sono obiettivo quando parlo della Rata ma ditemi, secondo voi che siete osservatori esterni, abbiamo meritato?" La risposta è stata affermativa, con ampia gestualità. Placata l'ansia e stabilizzata la produzione di adrenalina, ho rivisto il filmato su TVRS e oggi su youtube (mi perdonerai, spero, il reiterato godimento) contando i tiri in porta e le occasioni da gol di entrambe le squadre. Prova a fare altrettanto e ti convincerai che questa vittoria è meritatissima in quantità e in qualità. Tutto ciò a differenza della gara di andata la quale - quella sì - se fosse terminata in parità sarebbe stato più giusto. Per ora siamo più gruppo, più squadra anche se, dal punto di vista dei singoli, Maceratese e Civitanovese si equivalgono (fortissime entrambe). L'altro aspetto, di natura extra calcistica, riguarda il caso dell'assegno. Come tu ben sai (mi permetto il "tu" perché qui di solito tratto del "lei" chi mi sta sulle balle), proprio gli stessi civitanovesi non nutrono una particolare fiducia nei confronti della propria società. Dopo la nota stampa dei vostri calciatori e dello staff tecnico in cui hanno denunciato il mancato pagamento dei rimborsi, l'ammissione da parte di Patitucci delle difficoltà economiche della società, l'allontanamento di Mecomonaco, l'annuncio dell'ingaggio di Battistini in una conferenza stampa poi annullata, il ritorno di Mecomonaco ... ecco, forse qualche timore sulla copertura dell'assegno con firma illeggibile e non intestato alla Civitanovese Calcio è più che legittimo. O no? In ogni caso, speriamo vada tutto bene. E auguriamoci che queste polemiche extra calcistiche si spengano nei prossimi giorni. Grazie per i tanti messaggi di solidarietà a Daniele Elia. Per quanto possa odiarvi - da un punto di vista esclusivamente sportivo e campanilistico, s'intende - vi riconosco una grande sensibilità che vi fa onore. Saluti dalla capolista e dal capoluogo! (non ti incazzare, dai!!!)
  • Il derby si tinge ancora di biancorosso
    Maceratese sempre più capolista
    La Civitanovese scivola all’Helvia Recina

    156 - Gen 25, 2015 - 23:36 Vai al commento »
    Solo il calcio regala emozioni come quelle vissute oggi all'HR. O, meglio, solo il calcio dilettantistico, quello di provincia, quello dove non circolano i milioni ma solo tanta passione. Due bellissime squadre, è indubbio. E due bellissime tifoserie, di categoria superiore. Speriamo - tutti insieme - che Daniele si rimetta presto, che l'intervento chirurgico vada bene e che possa tornare ad avere una vita come (o quasi) quella che ha vissuto finora. Sul campo la Rata ha dimostrato di essere superiore per il fantastico gruppo che è stato creato e per il gioco che sa esprimere. Nella Civitanovese grandi individualità (Degano e Amodeo su tutti) ma poco gioco tanto che le poche occasioni avute sono arrivate quasi sempre da calci piazzati. Ad eccezione della prima parte del secondo tempo, mi pare che la Maceratese abbia dominato la gara e meritato pienamente la vittoria. Stucchevoli i commenti pubblicati sulla pagina FB di TVRS e letti durante "Le Marche nel pallone": è veramente da scemi attaccarsi all'arbitraggio per giustificare una sconfitta quando lo stesso Mecomonaco lo ha elogiato. Anzi, per dire la verità il gol di Amodeo mi è parso viziato da un fuorigioco (ero in linea). Sui rigori non mi pronuncio perché ero in una posizione tale da non poter giudicare la decisione dell'arbitro. Ultima nota sugli striscioni degli ospiti: non mi piacciono gli attacchi personali, per quanto mi riguarda quello sul Gay Pride era di pessimo gusto. Per non parlare di quello sul presidente coi baffi...se l'assegno di Patitucci è un cabrio (spero di no) lunga vita ai baffi e vergogna infinita ai buffi e ai banditi che umiliano colori e tifoserie storiche che, per quanto vi possa cordialmente odiare, meritano comunque solo rispetto.
  • Gli scoppia un petardo in mano
    Un ferito grave durante il derby

    157 - Gen 25, 2015 - 23:07 Vai al commento »
    In bocca al lupo, Daniele. Ti siamo tutti vicini. Quoto anche le virgole dello scritto di Brambatti, Savarese e Marco. Quest'ultimo in particolare perché scrive da Civitanova Marche con parole sincere. Grazie.
  • Spacca: “Presto fondi per lo sport”
    Giorgi: “Perchè Torresi non rinuncia all’indennità?”

    158 - Gen 25, 2015 - 22:33 Vai al commento »
    Non entro nella questione relativa all'azzeramento dei capitoli di bilancio ed al ripristino degli stessi con la variazione di bilancio, è cosa che ci può stare da un punto di vista meramente amministrativo e contabile. Mi piacerebbe però sapere se corrisponde a verità quanto scrive Torresi sul mantenimento del capitolo relativo alla comunicazione. Se sì, infatti, per quale meccanismo contabile proprio QUEL capitolo di spesa non è stato toccato dai tagli? Recentemente ho polemizzato con il centro destra maceratese proprio perché alcuni esponenti di tale coalizione hanno voluto convocare una riunione della commissione urbanistica (che costa poco, ma costa...) con un ordine del giorno inutile, da mera propaganda elettorale...ecco, non vorrei che gli 800 mila euro possano servire proprio nei prossimi giorni alle stesse finalità. Sarebbe veramente increscioso. Sul botta e risposta tra l'assessore regionale Paola Giorgi e l'assessore provinciale Torresi, francamente, credo abbia ragione quest'ultimo. Un assessore provinciale non arriva a percepire 2000 euro netti al mese mentre in Regione circolano cifre infinitamente superiori. Non sono abituato a parlare di costi della politica, credo che su tale questione si faccia molta demagogia e si scada nel populismo più becero tuttavia, in questo caso specifico, è come se Paperon De Paperoni invitasse Paperino ad una vita più sobria...
  • Torresi: “Zero euro allo sport per disabili
    e 800mila per la comunicazione di Spacca”

    159 - Gen 23, 2015 - 23:53 Vai al commento »
    Caro Giovanni, condivido anche le virgole del tuo intervento. Grazie per questa notizia.
  • Derby, tifosi sorvegliati speciali

    160 - Gen 24, 2015 - 15:05 Vai al commento »
    Gentilissimo signor Servec, il suo intervento suscita una seria riflessione di natura filosofica e politica. Peccato si parlasse di sport, l'unico argomento di cui scrivo su queste pagine. Da anni, infatti, proprio per non essere attaccato da chi, come lei, non ha neanche il coraggio di firmarsi con nome e cognome, ho deciso di non scrivere mai più di questioni politiche e amministrative. Tuttavia il suo intervento è diverso dagli altri: durissimo, di una gravità inaudita. Parassita io? Se le interessa posso dirle che ho iniziato a lavorare già durante l'università (forse lei il venerdi, sabato e domenica usciva/esce con i suoi amici per divertirsi mentre io facevo il cameriere per pagarmi gli studi) e, appena un mese dopo la laurea, ho iniziato a lavorare. Da allora, per fortuna, non ho mai smesso. Sa quanto percepisce un consigliere comunale come me? Proprio ieri ho ricevuto la busta paga del Comune di Macerata: sono circa 170 euro per i mesi di novembre, dicembre e gennaio. In sostanza, non arriviamo a percepire 1000 euro l'anno di gettoni di presenza. Si vive di politica con una somma del genere, secondo lei? La invito a chiedermi scusa pubblicamente e a firmare tali scuse con il suo nome e cognome per il seguente passaggio del suo intervento " lei in realtà non sa cosa vuol dire lavorare, fa il politico e quindi non ha mai lavorato, ma vissuto da parassita alle spalle della società".
    161 - Gen 23, 2015 - 23:57 Vai al commento »
    @pise Lei ha ragione. Tuttavia dovrebbe chiedersi il perché. Forse risiede nel fatto che nel calcio le squadre hanno il nome della città e non dello sponsor? Forse perché, almeno a certi livelli dilettantistici, certe sfide hanno il sapore del campanilismo civico e non quello delle sfide tra aziende milionarie?Veda un po' lei...
  • Il derby visto dai mister
    Magi: “Gara non decisiva”
    Mecomonaco: “Pensiamo solo al campo”

    162 - Gen 23, 2015 - 23:59 Vai al commento »
    0-0 se non vince il Fano per me va benissimo!!!
  • Incredibile Civitanovese,
    Battistini rifiuta all’ultimo
    e la società riprende Mecomonaco

    163 - Gen 21, 2015 - 11:31 Vai al commento »
    Io non sono così sicuro di vincere, figuriamoci di vincere facile facile...Non so cosa stia succedendo a Civitanova, posso solo immaginarlo, ma sono certo che la squadra darà il suo "tutto" in una partita così importante e così sentita dalla tifoseria e dalla città. Poi, dopo il derby, probabilmente succederà un patatrac a meno che Patitucci non abbia i soldi necessari a corrispondere almeno una parte dei rimborsi a giocatori e staff tecnico. Certo, non è facile giocare in un clima così pesante e con la preoccupazione, soprattutto per i giocatori meno giovani, di mantenere una famiglia e magari dei figli. In ogni caso vedrete che, almeno per 90 minuti, tutto ciò verrà messo tra parentesi. Sarà partita vera con tutte le insidie che un derby necessariamente comporta. Partita da tripla, ne sono sicuro.
  • Bianchini, corsa in Consiglio regionale:
    “Bene Marcolini, è una garanzia”
    Su Macerata: “Il Pd si svegli, pronti 2 nomi”

    164 - Gen 20, 2015 - 23:32 Vai al commento »
    Massimiliano è una gran brava persona. Di politica, a certi livelli, non campa nessuno perché le indennità fanno davvero ridere. Ridimensioniamo il tutto e valorizziamo le passioni che sono il sale della vita.
  • Lutto a Macerata,
    è morto l’elettricista Bucalà

    165 - Gen 20, 2015 - 23:16 Vai al commento »
    Riposa in pace Carlo. Sentite condoglianze ai familiari.
  • La Civitanovese non coglie l’occasione
    Solo un pari con la Vis Pesaro

    166 - Gen 18, 2015 - 23:31 Vai al commento »
    Cerchiamo di essere obiettivi, almeno cerchiamo di farlo in una campionato così bello: i due rigori di Fano erano ineccepibili (ero lì, nella posizione ideale). Nel primo caso, D'Antoni ha alzato la palla proprio per farla toccare dalla mano di Borrelli che, guarda caso, si è lasciato cadere in terra come per dire "che cazzata che ho fatto"; nel secondo caso, Villanova ha fatto praticamente lo stesso gioco (non so se volontariamente o meno) ma, di certo, il giocatore del Fano la ha toccata nettamente con la mano. In merito all'espulsione del loro numero 4, Belkaid stava ripartendo e aveva una prateria di fronte quando il fanese lo ha atterrato in maniera plateale. Era già ammonito e l'espulsione era sacrosanta. Piuttosto guardate il primo rigore e chiedetevi se non era da ripetere: Ginestra, al momento del tiro, era più di un metro davanti alla linea di porta!!! Buon derby a tutti. Vi aspettiamo all'HR!
  • Maceratese, undici metri maledetti
    Due rigori falliti, a Fano finisce in parità

    167 - Gen 18, 2015 - 22:15 Vai al commento »
    Io avrei firmato per un pareggio a Fano mentre davo per scontate le vittorie di Civitanovese e Samb. I rigori falliti lasciano l'amaro in bocca ma concentriamoci sull'obiettivo finale rispetto al quale la classifica ci dice che è passata una domenica terribile, almeno sulla carta, è tutto è rimasto come una settimana fa. Non culliamo illusioni per domenica prossima: anche senza rimborsi, i giocatori della Civitanovese daranno il massimo e faranno la partita della vita quindi concentrazione altissima. Avanti pistacoppi!
  • L’Inter vuole Melchiorri
    Parte la trattativa col Pescara

    168 - Gen 14, 2015 - 22:44 Vai al commento »
    Campanilismi tra tifosi di squadroni che nulla hanno a che fare con le realtà territoriali in cui viviamo. Con la Maceratese prima in classifica e che lotta tutte le domeniche per raggiungere la Lega Pro, osanniamo Inter, Milan, Juve eccetera? Ma andiamo allo stadio e spegniamo questa merda di televisione, una volta per tutte. Io tifo per Fede a prescindere dallo squadrone in cui andrà a giocare. E' una persona meravigliosa e un calciatore di grande spessore. E'maceratese ed è innamorato della squadra della sua città. Serve altro? Su chi scrive "chi se ne frega" stendo un velo pietoso. E' lo stesso che, dopo essersi candidato al Consiglio Comunale e non essere stato eletto, scriveva (riferendosi agli eletti) che avevano "belle facce di bronzo". L'invidia è una brutta bestia. Forza Federico! Vai e dimostra quanto sei grande!!!
  • I tifosi del Matelica:
    “La nostra provincia è CM”

    169 - Gen 13, 2015 - 14:30 Vai al commento »
    @ giuseppe brambatti e si che tu, di sfumature, te ne intendi!!!! @matelica e citanò amicizia tra tifoserie simili...
  • Ruggito Matelica, sberla alla Civitanovese

    170 - Gen 13, 2015 - 20:13 Vai al commento »
    L'unica vittima di certi banditi è sempre il tifoso che vive il calcio solo con la passione, senza fare calcoli. Le notizie alle quali fa riferimento Marco sono giunte anche a me e, se corrispondono alla realtà, spiegano i ripetuti appelli del DG e del DS agli sportivi. "Venite allo stadio, ci rafforziamo, vinciamo il campionato!"...Certo, più gente va allo stadio più il malloppo aumenta. Prima della solita fuga. Se le notizie sono vere (e sottolineo il "se") certa gente merita solo la galera.
    171 - Gen 13, 2015 - 0:51 Vai al commento »
    @Caporaletti Noi Fano, Samb, Campobasso e Matelica in trasferta. Solo con Citanò è in casa. Voi Samb, Campobasso, Matelica (già persa) e Maceratese in trasferta. In caso solo con il Fano. C'è qualche differenza tra il calendario della Rata e il vostro?
  • La Maceratese tenta la fuga
    Celano strapazzato all’Helvia Recina

    172 - Gen 11, 2015 - 23:52 Vai al commento »
    Andiamoci piano e attenuiamo l'entusiasmo. Abbiamo vinto 3 a 0 ma la squadra non è ancora del tutto uscita dal recente periodo di appannamento. Anche oggi, contro una squadra modestissima, la gara è stata equilibrata per quasi un'ora, almeno fino al raddoppio di Ferri Marini. Secondo me ci sono diverse ombre oltre alle luci. Adesso ci toccano non due, ma tre gare difficilissime perché anche la trasferta di Termoli - fino a poche settimane fa una passeggiata - sarà temibilissima. Profilo basso e attenzione alle quotazioni delle scommesse perché, si sa, bisogna pur vivere. Sarebbe interessante sapere le quote non tanto dell'"uno" di Matelica di oggi quanto piuttosto dell'"over", del risultato secco, magari proprio del 3-0. Potrebbe essere illuminante per decifrare le prossime gare. Cerco di convincere mio figlio a non tifare gli squadroni, a limitarsi al calcio locale che è, in linea teorica, più "pulito" di quello ad alti livelli. Ancora non può capire certe cose ma, quando le capirà, probabilmente si allontanerà anche dal calcio dilettantistico. Questi spettacoli di bassissimo livello fanno male a tutti. Anche se, in ogni caso, accrescono la stima nei confronti di chi - come la gloriosa Società Sportiva Maceratese - onora con l'onestà e la sportività il suo militare in queste categorie. Onore, dunque, alla nostra società. Poi si vince o si perde, l'importante è sempre essere onesti ed essere in regola nei confronti di chiunque. Avanti vecchio (e onesto) cuore biancorosso.
  • Il nuovo palas infiamma Giulianelli:
    “A Civitanova la politica del fare,
    a Macerata quella del dire”

    173 - Dic 27, 2014 - 22:21 Vai al commento »
    Un vero signore, complimenti vivissimi. Ecco perchè mi dicono che, nell'ambiente del volley, la Lube è antipatica a tutti. Treia era e Treia rimane. A vita.
  • D’Antoni, il bomber che si ispira a Ibra
    “Maceratese, darò l’anima per vincere”

    174 - Dic 27, 2014 - 2:14 Vai al commento »
    Signor Caporaletti, pensi che bello se D'Antoni realizzasse una bella doppietta proprio contro di voi, il 25 gennaio prossimo! Immagino che il nostro bomber la cercherebbe tra gli spettatori per mandarla calorosamente a quel paese!!!! E basta, su! Smettete di vivere per noi! Concentratevi sulla vostra squadra, peraltro fortissima. Non avete alcun bisogno di questa ossessione...State sereni, alla fine vincerà il migliore.
  • Spacca e Solazzi nel mirino dei terroristi neri
    Il presidente del consiglio regionale:
    “Spaventoso, viaggiamo senza scorta”

    175 - Dic 27, 2014 - 10:57 Vai al commento »
    Non c'è alcun bisogno di rispondere a commenti FASCISTI di vigliacchi nascosti dietro ad un nickname. Il terrorismo - nero, rosso, di stato o di qualsivoglia natura - è sempre da condannare. Si studi la storia, si cerchi su wikipedia il nome di un certo GUIDO ROSSA e si impari. Dalla storia e dalle persone che la storia l'hanno fatta. Senza nascondersi dietro gli pseudonimi. I leoni da tastiera sono le persone più deprecabili che esistano. Si abbia il coraggio di firmare queste oscenità FASCISTE e VIGLIACCHE. Ribadisco la mia piena e incondizionata solidarietà a Gian Mario Spacca e Vittoriano Solazzi. Ci unisce un'idea di democrazia che dovrebbe essere il comune denominatore di qualsiasi idea e di qualsiasi azione politica.
    176 - Dic 24, 2014 - 9:39 Vai al commento »
    La classe politica non ritenuta all'altezza si distrugge alle urne e solo alle urne. E certa gente dovrebbe farsi qualche domanda prima di scrivere che le potenziali vittime dovrebbero farsi domande sul perché è finita in una lista del genere. Piena solidarietà a Gian Mario Spacca e Vittoriano Solazzi. Che questo becero disegno eversivo sia stroncato sul nascere ed estirpato definitivamente.
  • Bimbo morto a 4 anni, il pediatra:
    “Era malato dalla nascita”
    Dolore all’asilo, annullata la festa di Natale

    177 - Dic 23, 2014 - 0:47 Vai al commento »
    Ciao cucciolino bellissimo. Ti stringo forte forte, tesoro mio!
  • Maceratese, rimonta al cardiopalma
    Ad Agnone decisivo Kouko al 95′

    178 - Dic 21, 2014 - 20:40 Vai al commento »
    “…la banda di Mecomonaco non trova una prestazione grandiosa, ma un Degano formidabile (…) padroni di casa bloccati e contratti a centrocampo (…) ospiti all’assedio (…) ospiti vicini al pari intorno al 20° della ripresa” E daje, su! Oggi è andata bene a tutte e due. Non parlate di culo e di favori alla Maceratese. Se continua così sarà una stagione memorabile, meglio del 80/81. Il solo cruccio è la questura, l’unica che potrebbe rovinarci un derby che si preannuncia come uno dei più belli della storia.
  • Mazzata inaspettata sulla Maceratese
    1500 euro di multa alla società

    179 - Dic 17, 2014 - 20:11 Vai al commento »
    Occorre necessariamente fare ricorso contro questo provvedimento scandaloso. Chiedere le registrazioni come prova quindi sputtanare definitivamente questa manica di corrotti. Mi viene voglia di dire basta con questo calcio malato ma farei solo il loro gioco. VERGOGNA!!!
  • L’assessore Valentini contro la Questura
    I consiglieri lo accusano,
    Carancini prende le distanze

    180 - Dic 19, 2014 - 10:07 Vai al commento »
    @Gianfranco Mi pare che la "supercazzola prematurata" e il "come fosse antani" lo stai facendo tu, caro Gianfranco. Concordo con te sulla necessità di introdurre tali misure anche in Italia ma, in riferimento alla prevendita nominativa di domenica scorsa (hic et nunc), non essendo previsti all'HR posti numerati, la stessa prevendita è inutile ed ha un solo scopo: fare in modo che allo stadio vada meno gente possibile. Vorrei una risposta dalla Questura su questo tema, non sulla filosofia (che comunque resta sempre la madre di tutte le scienze e non la disciplina del tutto e del contrario del tutto). In merito ad Enzo, ripeto quanto sostenuto in precedenza: proprio perché è un amministratore ha tutti i diritti (direi anche tutti i "doveri") di criticare tali decisioni di enti terzi che influiscono sulla vita della città che amministra. Deve farlo senza utilizzare quei termini "forti" - sono d'accordo con te - ma DEVE farlo.
    181 - Dic 17, 2014 - 20:08 Vai al commento »
    @ Gianfranco Senza tanti giri di parole: 1- non ci sono i seggiolini né i posti numerati, ognuno può sedersi dove vuole. Quindi è irrintracciabile sia Mario Rossi che Franco Bianchi. Ergo il biglietto nominativo non serve a nulla se non a scoraggiare la gente ad andare allo stadio. 2- I termini utilizzati sono "coglioni fascisti" in riferimento al corteo di Forza Nuova ergo il calcio e il tifo non c'entrano nulla. In ogni caso concordi con me sull'inopportunità dei soli termini e non sul giudizio di Enzo in merito alle restrizioni del Questore: trattasi di giudizio di natura politica con due termini sbagliati. Lo si "processi" per i termini sbagliati, non per aver espresso un opinione. Scusa ma ho studiato filosofia e i sillogismi erano il mio pane quotidiano...
    182 - Dic 17, 2014 - 16:06 Vai al commento »
    @ Cerasi e Negro Nessuna filosofia e nessunissima polemica, solo analisi dei fatti. Senza scomodare alcun pensatore, possiamo dire che non si dovrebbe mai parlare di verità assolute ma di fatti che, in quanto tali, sono soggetti alle interpretazioni e ai giudizi degli individui. Cosa ha fatto Valentini? Ha osservato un fatto (le misure di sicurezza predisposte da Questura e Prefettura) e lo ha interpretato esprimendo un giudizio (tali misure sono troppo restrittive e inefficaci al fine di prevenire disordini). E' il suo punto di vista (che, personalmente, condivido) ma anche il punto di vista di un amministratore perché Valentini è un assessore e, se preoccupato di qualcosa che può danneggiare (o potrebbe non essere efficace rispetto a) un evento che avviene nella città in cui amministra, ha tutto il diritto di evidenziarlo. Magari senza utilizzare termini offensivi come "coglione" e "fascista" che poi, per quanto mi riguarda, è l'unica cosa che gli contesto. Ad evento avvenuto, cosa possiamo dire? Che aveva torto? Direi proprio di no perché, a chi ritiene vero il contrario, chiedo a cosa serve chiudere i botteghini, fare la prevendita nominale dei biglietti e tutto il resto se poi, all'ingresso allo stadio, nessuno confronta la carta d'identità dello spettatore con il suo biglietto nominale. Per non parlare dei tifosi ospiti che entrano allo stadio con bombe carta e fumogeni e del tifoso della maceratese che viene tranquillamente lasciato libero di scavalcare la recinzione e di fare il kamikaze. Vivo su Marte?
    183 - Dic 16, 2014 - 23:15 Vai al commento »
    @ Gianfranco Secondo me non è affatto intervenuto come tifoso ma come amministratore. Un amministratore giustamente preoccupato per come è stato gestito l'ordine pubblico in un evento sportivo avvenuto nella propria città. Non mi pare di aver letto nel suo post alcun "Forza Rata" o "Samb merda" o altre amenità del genere. Posso solo rimproverargli un linguaggio troppo "colorito", tutto qui. Per il resto, nella sostanza condivido. Non bisogna mai aver paura di dire la verità, caro Gianfranco. MAI.
    184 - Dic 15, 2014 - 22:40 Vai al commento »
    Scusa Gianfranco, cosa avrebbe detto di non vero?
    185 - Dic 15, 2014 - 21:49 Vai al commento »
    Facebook e gli altri social sono luoghi in cui ognuno di noi comunica emozioni e rabbie di un momento, spesso senza nemmeno pensarci troppo. Peraltro le disposizioni di Questura e Polizia hanno oggettivamente infastidito mezza città, su questo non ci piove. Normale che abbiano infastidito anche Valentini, tifosissimo della Maceratese e padre di un bambino prima ancora che assessore. Francamente, non riesco a capire questa gogna mediatica nei confronti di una persona che ha espresso un sentimento comune a tantissimi maceratesi. Non se lo può permettere? E perché? Commette forse un reato di lesa maestà? Non si può forse criticare l'operato di questura e prefettura? E dove sta scritto? Oggi, ad esempio, abbiamo depositato in segreteria del consiglio un ordine del giorno a firma del sottoscritto, di Borgiani, Lattanzi, Ciarlantini, Nascimbeni e Morresi in cui invitiamo il Sindaco ad adoperarsi affinché ci sia più rispetto nei confronti degli sportivi e dei cittadini maceratesi che intendono semplicemente assistere ad una partita di calcio. Nello stesso, ci permettiamo di cercare soluzioni più equilibrate per garantire l'ordine pubblico e la sicurezza in occasione delle gare interne della Maceratese. In maniera pacata e garbata, ci mancherebbe. Però il concetto di fondo resta. Ed è lo stesso Sollevato da Valentini. Lui lo ha fatto in maniera più diretta e meno elegante ma la sostanza è identica: basta con queste restrizioni assurde che fanno solo il male dello sport cittadino. Equilibrio e razionalità nelle scelte. Non siamo né a Verona, né a Bergamo né a Napoli. Macerata è una città civile così come lo è la tifoseria della Maceratese, civiltà dimostrata con i fatti e non con le parole. Si investano risorse, piuttosto, per controllare e perquisire in maniera più capillare 1300 banditi che lanciano bombe carta e razzi in direzione di una gradinata piena di famiglie e di bambini. Facile prendersela con Enzo, no?
  • Maceratese, il pomeriggio dell’Helvia Recina da burrascoso ad esaltante

    186 - Dic 16, 2014 - 0:07 Vai al commento »
    Yassine sta dimostrando di essere cresciuto moltissimo, è ancora giovane ed ha margini di crescita. Quest'anno ci ha tolto le castagne dal fuoco in diverse situazioni difficili, ieri ha praticamente cambiato la partita a nostro favore. Sono felicissimo della sua scelta di rimanere perché sarà utile per vincere il campionato. I nostri centrocampisti titolari sono Croce e Romano, insieme a De Grazia.Poi c'è Belka pronto a sostituirli. Serve solo un under di grande valore là in mezzo per rimpiazzare Lattanzi che Magi (non so perché) non ha mai visto. Aggiungere una punta centrale è necessario ma è altrettanto necessario che sia un UOMO non un mercenario perché, qualora il suo innesto dovesse turbare l'ambiente, è meglio rimanere con quelli che abbiamo. Sono d'accordo con Gagliardini: qualificare la rosa e non quantificarla.
  • Scavalca la recinzione, denunciato
    tifoso della Maceratese
    Belkaid sul piede di partenza

    187 - Dic 14, 2014 - 21:04 Vai al commento »
    Secondo Paolucci non abbiamo dimostrato di essere superiori alla Samb. Lo siamo stati nettamente sia in campo che sugli spalti. Squadra mediocre che non vincerà mai il campionato ma, soprattutto, un pubblico di banditi che dovrebbero solo vergognarsi. Lanciare bengala e bombe carta in un settore dove ci sono famiglie con i bambini è di una vigliaccheria impressionante. Questa è gente alla quale si dovrebbe vietare tutte le trasferte invece di rompere sistematicamente le palle a chi si comporta civilmente. Ieri ho scritto che li rispettavo, da oggi il mio rispetto è definitivamente cancellato.
  • Espugnato il Recchioni
    La Civitanovese rincorre la vetta

    188 - Dic 14, 2014 - 23:59 Vai al commento »
    Aspettiamo le canoniche 48 ore per capire chi intende rafforzarsi per vincere il campionato e per capire se ci sono società in difficoltà. Per ora, il girone dice questo: Rata e Citanò sono sopra tutte le altre ma occhio al Fano e al Campobasso. Poi potrebbe rientrare il Matelica se Canil farà una campagna acquisti roboante anche se, al momento, sembra una mera smobilitazione. Altre non ne vedo. La Samb vista oggi è poca cosa. Chieti e le altre hanno uno svantaggio che appare come irrecuperabile. Si prospetta un girone di ritorno al cardiopalma con le due squadre della provincia di Macerata a contendersi lo scettro. Non è bellissimo? Secondo me, si. Ovviamente spero che sia la Rata a vincere ma, in ogni caso, potrebbe trattarsi di uno di quei campionati da passare alla storia. Dopo aver visto i filmati concordo con Mauri70: rigori ineccepibili per Citanò ed espulsioni altrettanto ineccepibili per la Samb. La spiegazione di tutto questo: Citanò ha un attacco invidiabile che porta la squadra sempre in area di rigore avversaria, la Rata ha attaccanti che, non appena gli concedi un metro, li fermi solo con fallacci punibili con i cartellini. Ecco spiegata la ragione dei rigori e delle espulsioni. Oltre ogni rivalità si dovrebbe sempre essere obiettivi. E Mauri70 lo è. Quindi onore all'obiettività del cugino pesciarolo.
  • Maceratese, quanto sei bella
    All’Helvia Recina si balla la Samb(a)

    189 - Dic 14, 2014 - 20:29 Vai al commento »
    Vergognoso, semplicemente vergognoso. E si che basterebbe fare una seria perquisizione invece di inventarsi le 100 stronzate che ogni settimana ci tocca di subire. Adesso mi aspetto diffide per i nostri e nessuna punizione per quei banditi sambini. Tanto le cose nella giustizia sportiva vanno esattamente al contrario di come dovrebbero andare. Domani chiederò le dimissioni del questore in consiglio comunale. Non servirà a nulla ma è necessario che questa città si svegli.
  • Maceratese-Samb, Helvia Recina blindato
    Savi: “Si fa di tutto per non far andare
    la gente allo stadio”

    190 - Dic 14, 2014 - 0:00 Vai al commento »
    Forse sarebbe stato meno vigliacca un'ordinanza di coprifuoco a Macerata per domani dalle ore 14 alle 17. Dietro l'ipocrisia consueta, dietro il classico "lo facciamo per voi, per la vostra incolumità" si è riusciti a trasformare una festa di sport in una sorta di lutto cittadino attraverso un terrorismo psicologico di portata medievale. Sarebbe stato bellissimo se la città avesse risposto "presente" in massa, se fossero stati venduti 3000 tagliandi nonostante tutto e nonostante tutti. Domani, numericamente, saremo come loro. E questa, per me, è già una sconfitta. San Benedetto del Tronto ha risposto alle restrizioni acquistando in massa i biglietti messi a loro disposizione in pochissime ore. Noi no, noi abbiamo ceduto senza batter ciglio. Onore ai tifosi avversari di cui conoscevamo già l'attaccamento alla maglia e alla città. Non mi sono simpatici ma li rispetto profondamente. Spero che almeno la squadra reagisca alla grande e che dimostri alla città di essere superiore ad ogni meschinità: sia quella di chi è deputato alla sicurezza, sia quella di chi, per pigrizia o provincialismo, ha deciso di stare in poltrona a guardare gli squadroni recitare il loro misero teatrino domenicale fatto di finzione, ori e coppe. Proviamo almeno uno scatto di orgoglio cantando tutti insieme, dalla curva alla tribuna, i nostri cori e il nostro amore per la squadra della nostra città. Perché NOI SIAMO MACERATESI!!!
    191 - Dic 13, 2014 - 16:50 Vai al commento »
    @Valerio Lapponi Non sono assessore in Comune, non lo sono mai stato. Ho fatto l'assessore in Provincia dal 2004 al 2009. Presso il Comune di Macerata sono un semplice consigliere che, in questi anni, ha sostenuto la Maceratese in ogni modo possibile. Ma, anche ammesso che fossi assessore o addirittura sindaco della città, non potrei far nulla perché la sicurezza negli stadi è compito della Prefettura e della Questura. Le preannuncio, comunque, che depositeremo una mozione in Consiglio Comunale lunedì prossimo (esponenti di maggioranza e minoranza insieme) per sollevare il problema sperando che chi di competenza comprenda che Macerata non è né Napoli né Reggio Calabria. Ci vediamo domani alla partita. Comprato il biglietto?
  • Maceratese, in porta arriva Saitta
    Da San Benedetto 1200 tifosi

    192 - Dic 12, 2014 - 22:39 Vai al commento »
    @ Daniele Falcetta Un giorno ti dirò cosa mi ha combinato Settecase...
    193 - Dic 11, 2014 - 23:51 Vai al commento »
    Ok Morrovalle è un feudo rossoblu. Ce ne faremo una ragione. Avanti pistacoppi, tutti a comprare il biglietto!!!
    194 - Dic 11, 2014 - 20:19 Vai al commento »
    Leonfrortese, la squadra di Settecase...chi lo ricorda vince una caramella!
  • Civitanovese senza tifosi a Fermo
    Amodeo non si muove

    195 - Dic 12, 2014 - 0:03 Vai al commento »
    Bigoni è un ottimo giocatore. Mi impressionò favorevolmente ai tempi del Tolentino. L'altro proprio non lo conosco. La permanenza di Amodeo è il vero colpo di mercato degli odiati cugini. Speriamo che non vietino la tresferta in occasione del derby, sarebbe veramente tristissimo. Quasi da fare un gemellagio di una settimana per protestare tutti insieme ......
  • La Maceratese abbandona il suo capitano
    Mattia Benfatto ceduto a sorpresa

    196 - Dic 11, 2014 - 20:24 Vai al commento »
    Esiste la querela per zittire certa gente che non ha il coraggio di firmarsi con nome e cognome e utilizza nomi falsi per insultare a destra e a manca.
    197 - Dic 11, 2014 - 0:07 Vai al commento »
    Altra cosa: qualcuno può dispiacersi di simboli che se ne vanno, qualcun'altro no. Perché i simboli, gli esempi esistono solo in società serie. Meglio dolersi di simboli che se ne vanno piuttosto che non averne affatto e non dolersi mai. La solita metafora dell'albatro di Baudelaire. Bellissimo quando vola, goffo quando cammina. Su di un peschereccio diviene addirittura ridicolo.
    198 - Dic 10, 2014 - 23:03 Vai al commento »
    Ho notizie di un divorzio sereno, senza alcun dramma. E' ovvio che ne sono dispiaciuto, Mattia è una bravissima persona, un ragazzo d'altri tempi per spessore umano e morale prima ancora che calcistico. Credo sia stata concordata una destinazione temporanea, spero una sorta di parcheggio che gli consenta di giocare e crescere ancora per poi ritrovarlo in futuro con la sua "seconda pelle" che è la casacca biancorossa. Il post di Biondi mi fa sorridere perché non tiene minimamente in considerazione il mercato in entrata che, sicuramente, farà registrare ingressi di indiscutibile valore. Arriveranno portiere, esterno alto d'attacco, centrocampista centrale e punta. Biondi pensi a Citanò e agli scherzi dei loro amici amici sambenedettesi relativamente alle operazioni di mercato. Pensi pure alla credibilità di cui godono alcuni membri della sua società.
  • “Bice ha la sua famiglia alle spalle
    Grazie per la solidarietà”

    199 - Dic 10, 2014 - 0:05 Vai al commento »
    Grande Bice e grande la sua famiglia. Domenica ti vengo a prendere a casa poi andiamo all'HR insieme. Aspetto solo un tuo cenno o quello delle tue splendide figlie! Ok?
  • Il vademecum su nomi e cognomi,
    ecco le regole di Cronache

    200 - Dic 9, 2014 - 22:04 Vai al commento »
    Benissimo! E'cosa che speravo da tempo. CM ne perderà in quantità ma ne guadagnerà nettamente in qualità. Ottimo pezzo di Ginella, complimenti sincerissimi!!!
  • Matelica, altro addio in attacco:
    svincolato Cristian Pazzi

    201 - Dic 8, 2014 - 21:52 Vai al commento »
    Anche perché lo insultiamo dal primo all'ultimo minuto in ogni partita. Vero Adrià?
  • Silenzio stampa e ammonizioni “scientifiche”

    202 - Dic 9, 2014 - 22:00 Vai al commento »
    Anche il "noto che lei sia carente", Roberto Carlos è da matita rossa... Scherzo, ovviamente!!!
    203 - Dic 8, 2014 - 22:28 Vai al commento »
    Ero presente anch'io a Recanati. Come, del resto, tutti quelli che si permettono di scrivere commenti ed esprimere giudizi ad eccezione del signor Biondi che non c'era ma commenta sapientemente e saccentemente. Addirittura ancor prima di vedere la semplice sintesi della gara su TVRS. Ricorda una bellissima canzone di Rino Gaetano il cui testo, se non ricordo male, dice "mio fratello è figlio unico perché (...) non ha mai criticato un film senza prima vederlo". Purtroppo il caso di Biondi è l'esatto contrario. Tornando a noi (che è meglio), il silenzio stampa forse nasce da un consiglio che mi sono permesso di dare alla dottoressa a fine gara. Le ho detto di stare attenta a ciò che avrebbe detto nelle interviste perché temevo pesanti ripercussioni. Mi ha risposto con una frase che non ho ben capito a causa della ressa che c'era intorno a noi ma dallo sguardo ho compreso che era preoccupata anche lei. Di qui la scelta - saggia se limitata ai prossimi giorni - delle bocche cucite. L'arbitraggio è stato scandaloso e più ci penso e più mi convinco che non sia stato affatto ininfluente sul risultato. L'ammonizione di Croce era premeditata perché, fino a quel momento, il direttore di gara aveva mantenuto una linea, per così dire "all'inglese" non punendo con sacrosanti cartellini gialli interventi pesantissimi dei giocatori giallorossi. Chi - come Biondi - ha visto solo la sintesi può definire il giallo a Croce come giusto, chi c'era può solo pensare alla premeditazione. In almeno altre 5/6 occasioni i falli dei recanatesi erano punibili con cartellini che, nel caso del loro numero 8 in particolare, avrebbero comportato espulsioni indiscutibili. Emblematico il caso di De Grazia che subisce due falli nella stessa azione poi viene ammonito perché, dopo aver perso la palla, impreca con lo sguardo rivolto dalla parte opposta all'arbitro. E' un po' quanto avvenuto recentemente a Fano in occasione della gara con la Civitanovese: guardando il filmato non si riesce a comprendere la rabbia dei giocatori e dei dirigenti fanesi ma, vista la veemenza delle loro protesto, probabilmente qualche ragione la avevano. Non voglio discutere della mediocrità dei direttori di gara, è argomento che non mi interessa e, francamente, ritengo che alla fine tale mediocrità si compensi per tutti. Ma la presenza allo stadio di "Mister Rolex" unitamente all'arbitraggio scandaloso mi induce al pessimismo. Noi però dobbiamo essere più "cattivi" e più convinti dei nostri mezzi perché, come scrive il buon Enrico, certe partite bisognerebbe chiuderle dopo un quarto d'ora vista la nettissima superiorità dimostrata fino alla metà del primo tempo. Da quel momento in poi abbiamo arretrato il baricentro e il gol, indipendentemente dalla malafede dell'arbitro, sarebbe arrivato comunque.
  • Mezzo passo falso della Maceratese
    Recanatese, punto d’oro nel derby

    204 - Dic 8, 2014 - 21:50 Vai al commento »
    @Cognigni Spiegati meglio, per cortesia. Cosa è dove è successo?
    205 - Dic 8, 2014 - 0:11 Vai al commento »
    Per Carlo e Angelo. Nel mio post mi riferisco esclusivamente alla disamina di Angelo. Una disamina che parte da un commento e non dalla visione della gara di Recanati. Per la cronaca, commento postato diverse ore prima dei servizi di TVRS. Ironizzavo semplicemente sul fatto che Angelo, senza vedere la partita (di sicuro era al polisportivo a vedere la sua Civitanovese), commentava la gara di Recanati senza averla vista. Tutto qui. Saluti a entrambi.
    206 - Dic 7, 2014 - 21:41 Vai al commento »
    Il problema, caro Carlo, è che LUI la partita non l'ha proprio vista. In pratica ha commentato il commento del giornalista!!!
    207 - Dic 7, 2014 - 19:05 Vai al commento »
    Mi scusi, Biondi: lei era a Recanati oggi? Come fa a dire che la Recanatese ha sfiorato la vittoria e tutte le altre amenità?
  • L’avvocato Renato Coltorti nuovo presidente di Camera penale

    208 - Dic 4, 2014 - 23:57 Vai al commento »
    Congratulazioni all'avvocato Coltorti che ha tutta la mia stima. Un sentito augurio di buon lavoro.
  • Illusione Lube,
    rimonta vincente del Belgorod

    209 - Dic 5, 2014 - 22:44 Vai al commento »
    Bene, signor Mucci. L'attacco alla persona ha avuto il merito - almeno quello! - di far emergere dall'anonimato l'ennesimo nickname. A breve CM non consentirà più questa vigliaccheria e - per carità, non mi riferisco a lei - tanti deficienti non avranno più il coraggio di insultare gli altri nascondendosi dietro al nick. Mi perdoni, è una battaglia (che ritengo) di civiltà che sto conducendo da anni perché credo fermamente nel fatto che ognuno di noi debba assumersi fino in fondo le responsabilità di ciò che va scrivendo nei vari blog. La mia è stata una provocazione nei suoi confronti che ha sortito l'effetto sperato. Il post sulla presenza di Kouko e Ferri Marini era ovviamente uno scherzo, una semplice battuta. Anzi, le dico chiaramente che condivido ciò che lei stesso scrive quando parla di "scambi" sportivi che sono auspicabilissimi. Il problema sta tutto nel fatto che si tratta di scambi unilaterali visto che la Lube Volley non nutre alcun interesse nei confronti di Macerata e, più in generale, nei confronti dello sport. La squadra di pallavolo esiste solo per reclamizzare le cucine. Una mera operazione di marketing. Ricambio i "best regards". Buon tutto. Alessandro
    210 - Dic 5, 2014 - 0:09 Vai al commento »
    @Michele A me l'oscar per il commento più ottuso, a lei quello della vigliaccheria (per aver scritto senza metterci nome e cognome) e quello della piaggeria nei confronti di una azienda che sfrutta lo sport solo ed esclusivamente per farsi pubblicità. Lei - così come i pochissimi (rimasti) estimatori di questa azienda che nulla ha a che vedere con lo sport e con la città di Macerata - meritate solo il Palas civitanovese e la denominazione Lube Treia. Con tutta la promiscuità che ne consegue. Applauda pure, signor Michele. Applauda ironicamente. Sappia però che il sottoscritto ha il coraggio di commentare mettendoci nome, cognome e faccia. E si assume la piena responsabilità di ogni commento, anche il più ottuso come lei dice. Perchè non fa altrettanto? Perchè, prima di giudicare ottusi i commenti degli altri, non ha il coraggio di identificarsi? Ripeto: io ottuso, lei sommamente vigliacco e servile.
    211 - Dic 4, 2014 - 0:29 Vai al commento »
    A proposito: cosa ci fanno Kouko e Ferri Marini? Via dal Palas, per carità! Che non finisca per portar male anche alla Maceratese!!!!!!!!!
    212 - Dic 4, 2014 - 0:27 Vai al commento »
    Già, temo che ormai il Fontescodella porti sfortuna. Mi auguro che Civitanova appronti il prima possibile il nuovo palasport così la Lube risorgerà presto. Forza Lube! Via da questa città il prima possibile. Ormai è assodato che Macerata porta male.
  • Pd, ultimi tentativi per Marcolini
    E la Pantana prepara l’esercito elettorale

    213 - Dic 4, 2014 - 14:39 Vai al commento »
    @pierluigi marinozzi Chiedo scusa, da dove vengono le cifre che scrive? Lei crede davvero che un consigliere comunale percepisca 20.000 euro l'anno? Guardi che non arriva neanche alla decima parte, forse addirittura alla ventesima parte di quella somma. I consiglieri comunali percepiscono un gettone di presenza che si aggira intorno ai 50 euro a seduta; si fanno mediamente 2 sedute mensili ad eccezione del periodo estivo. Quindi siamo intorno ai 1000 euro all'anno che, personalmente, ritengo ridicoli. Concorda con me che, visto il tempo investito, per quella cifra la politica si fa solo per passione?
  • Marianovic o Amodeo, la Maceratese punta il mirino sul centravanti

    214 - Dic 3, 2014 - 21:51 Vai al commento »
    @Angelo Biondi https://www.cronachemaceratesi.it/2014/12/03/maceratese-mercato-in-ebollizione-pedalino-a-un-passo-capparuccia-ai-saluti/599826/ Tra due settimane vedremo chi è cresciuto e chi no. La signorilità di Mauri70, nel frattempo, cresce sempre di più. Che non sia di Citanò? Scherzo, ovviamente............Saluti.
    215 - Dic 2, 2014 - 0:53 Vai al commento »
    Carissimo Enrico, l'appuntamento settimanale con la tua disamina è quanto di più atteso da noi sportivi maceratesi. Personalmente, non vedo l'ora di gustare i tuoi articoli il lunedì sera perché sono ricchi di giornalismo "vecchia maniera" e di intelligenza, saggezza calcistica, umana e culturale. A Macerata siamo fortunati ad avere un cronista (ed un opinionista) del tuo calibro. Mi permetto alcune considerazioni. Un portiere '96 serve come il pane. Non tanto per sostituire Fatone (che, a mio modo di vedere è bravissimo e farà strada) quanto per avere un'alternativa che non ci costringa (vedasi la gara contro la Fermana) a rivoluzionare l'assetto della squadra nel caso di una sua assenza. Indubbiamente il vantaggio di un "over" in più tra i giocatori di movimento è fondamentale ma, altrettanto fondamentale, è una valida alternativa al titolare. Renzi? Va benissimo anche se potrà giocare solo a gennaio. Noi, comunque, abbiamo Francesco Fatone che è un bravissimo portiere che può solo crescere. Oltre a Renzi, mi concentrerei sul sostituto under degli esterni nel 4-3-3 di Magi, sostituto imprescindibile dopo il ritorno di Storani a Civitanova. Inoltre proverei ad acquistare una prima punta di peso liberando Bartolini verso una squadra che potrà concedergli gli spazi che merita. Tutto ciò senza cedere D'Antoni che può giocare indifferentemente sulle fasce o al centro del tridente. 2/3 acquisti contro 2/3 cessioni senza stravolgere gli equilibri del bilancio societario al quale, giustamente, la dottoressa Tardella guarda attentamente. Attenzione che, tanto per essere didascalici, caratterizza la differenza principale tra la nostra società e le tante altre pagliacciate presenti in questo campionato. In merito alla questione Civitanovese che tu, tra le righe, evidenzi: l'intervista di Ferrini su TVRS è eloquente. Se non ci fossero stati problemi, non avrebbe nemmeno citato i piccoli ritardi nel pagamento degli stipendi. A ciò si aggiunge tutta una serie di proclami sulla stampa da parte di Bresciani e della società rossoblù. Non siamo nati ieri, caro Enrico: quando si dichiara in ogni dove che tutto è a posto, è molto probabile che non lo sia affatto. Detto questo - pur non augurando disgrazie agli altri dopo un nostro recente disgraziato passato - mi sento di dire che siamo fortunati. Abbiamo una presidente innamorata del calcio e dei nostri colori. Una presidente attenta al bilancio, che non fa il passo più lungo della gamba. Una presidente che non rientra nella moda attuale dei fanfaroni che popolano queste categorie. Mi fa piacere che, domenica dopo domenica, la Macerata sportiva ne sta prendendo atto. A mio modo di vedere, le polemiche relative alla scorsa stagione stanno pian piano entrando nel cassetto dei ricordi e stanno per essere sostituite da un rapporto di stima sempre più consolidato tra società e tifoseria. Condizione fondamentale per puntare davvero al ritorno tra i professionisti. Un caro saluto, carissimo Enrico.
  • Lube, a Trento
    la prima sconfitta in campionato

    216 - Dic 1, 2014 - 0:34 Vai al commento »
    Oggi è stata veramente una bellissima domenica..................
  • Maceratese, bella e spietata
    Poker al Castelfidardo
    (e alla Civitanovese)

    217 - Dic 1, 2014 - 13:55 Vai al commento »
    Mobili ci ha fatto giocare ed è andato tutto bene. Domenica molto probabilmente Amaolo non commetterà lo stesso errore e sarà più difficile. Restiamo con i piedi per terra, è ancora lunga e sarà piena di insidie. E’innegabile il fatto che finalmente abbiamo un gruppo affiatato: società, DS, allenatore e ragazzi sono tutti sulla stessa lunghezza d’onda e questo mi rende fiducioso anche in previsione del momento in cui arriveranno i problemi perché – lo sappiamo benissimo – prima o poi vivremo una fase di appannamento come capita a tutti nell’arco di un campionato composto da 34 partite. E’stata una bella domenica, questo è assodato. Abbiamo stravinto e straconvinto, Citanò ha vissuto una giornata infernale, i loro maledetti amici di San Benedetto pure. Il Campobasso appare ridimensionato e il Matelica ha faticato non poco per vincere una partita contro una formazione ridotta in 10 uomini, il Giulianova, costruita per ottenere una semplice salvezza. Torno per un istante sulla Civitanovese, sperando che Mauri70 non se la prenda: Ferrini (a proposito, auguri di pronta guarigione) ha ammesso qualcosa nel corso dell’intervista su “Le Marche nel pallone” circa il pagamento degli stipendi; ha parlato di semplici ritardi definendoli come un “fatto normale” di questi tempi per poi affrettarsi a ribadire la serietà del progetto societario e l’impegno della stessa società nel risolvere le debitorie situazioni pregresse. La debacle rossoblù avvenuta proprio il giorno prima della riapertura del mercato, non mi sembra proprio una normale battuta di arresto dopo una striscia di sette vittorie consecutive. Lo dico sinceramente: sogno un testa a testa tra noi e loro fino alla fine della stagione, ovviamente sperando in una nostra vittoria finale. Aspettiamo i prossimi 10/15 giorni per capire. Saranno decisivi.
  • Civitanovese, figuraccia a Jesi
    La vetta si allontana

    218 - Dic 1, 2014 - 0:32 Vai al commento »
    Chiedo scusa, volevo commentare il nostro articolo e non questo.
    219 - Dic 1, 2014 - 0:25 Vai al commento »
    Già, proprio un altro pianeta rispetto a noi che abbiamo sistematicamente più del doppio delle vostre presenze allo stadio. Proprio un altro pianeta...
    220 - Dic 1, 2014 - 0:14 Vai al commento »
    Oggi Mobili ci ha fatto giocare ed è andato tutto bene. Domenica molto probabilmente Amaolo non commetterà lo stesso errore e sarà più difficile. Restiamo con i piedi per terra, è ancora lunga e sarà piena di insidie. E'innegabile il fatto che finalmente abbiamo un gruppo affiatato: società, DS, allenatore e ragazzi sono tutti sulla stessa lunghezza d'onda e questo mi rende fiducioso anche in previsione del momento in cui arriveranno i problemi perché - lo sappiamo benissimo - prima o poi vivremo una fase di appannamento come capita a tutti nell'arco di un campionato composto da 34 partite. E'stata una bella domenica, questo è assodato. Abbiamo stravinto e straconvinto, Citanò ha vissuto una giornata infernale, i loro maledetti amici di San Benedetto pure. Il Campobasso appare ridimensionato e il Matelica ha faticato non poco per vincere una partita contro una formazione ridotta in 10 uomini, il Giulianova, costruita per ottenere una semplice salvezza. Torno per un istante sulla Civitanovese, sperando che Mauri70 non se la prenda: Ferrini (a proposito, auguri di pronta guarigione) ha ammesso qualcosa nel corso dell'intervista su "Le Marche nel pallone" circa il pagamento degli stipendi; ha parlato di semplici ritardi definendoli come un "fatto normale" di questi tempi per poi affrettarsi a ribadire la serietà del progetto societario e l'impegno della stessa società nel risolvere le debitorie situazioni pregresse. La debacle rossoblù avvenuta proprio il giorno prima della riapertura del mercato, non mi sembra proprio una normale battuta di arresto dopo una striscia di sette vittorie consecutive. Lo dico sinceramente: sogno un testa a testa tra noi e loro fino alla fine della stagione, ovviamente sperando in una nostra vittoria finale. Aspettiamo i prossimi 10/15 giorni per capire. Saranno decisivi.
  • Maceratese, problemi col Castelfidardo
    Un turno di stop per Romano,
    D’Alessio e Garaffoni

    221 - Nov 27, 2014 - 0:18 Vai al commento »
    Questa cosa delle mani rosse e verdi io non la capirò mai. Qualcuno mi deve spiegare come si possano mettere due manine rosse su di un post come quello di Ferramondo che si limita a fare una domanda... Certo che bisogna essere davvero idioti patentati. Mah! per fortuna che tra poco finirà questa vigliaccata dell'anonimato e, anche qui, tornerà il concetto di responsabilità di ciò che si scrive e si dice.
    222 - Nov 26, 2014 - 19:24 Vai al commento »
    Secondo me Lari, Capparuccia e Belkaid. Immagino con quanta sicurezza giocheranno Fatone e D'Antoni dopo aver letto questa notizia... Io non potrei mai fare il giornalista, per il bene della Maceratese e dei giocatori non scriverei mai dei rumors di mercato.
  • Tardella: “Noi antisportivi?
    Minacciata dalla signora Canil”

    223 - Nov 24, 2014 - 16:01 Vai al commento »
    Bravissima Mariella!
  • Maceratese, pari col cuore
    Rocambolesca rimonta sul Matelica

    224 - Nov 24, 2014 - 16:24 Vai al commento »
    L'avevo scritto e lo ribadisco: Mauri70 è un gran signore, complimenti per la sportività e l'obiettività. Ricambio con le stesse virtù e sottolineo che, in questa fase, è la Civitanovese l'avversaria della Maceratese; per i valori espressi in questo primo "terzo" di campionato, noi e loro siamo le squadre più forti. Dopo dicembre cambierà tutto? Potrebbe darsi ma potrebbe anche non cambiare nulla. Fin qui condivido il ragionamento di Mauri che non fa un a piega: il ciclo difficile lo hanno avuto prima loro e adesso è toccato a noi, normale che si perdano punti con avversarie costruite per vincere il campionato. Si profila, inoltre, una Bojano-bis grazie a un Termoli che si è iscritto a forza alla serie D pur non avendo i mezzi per farlo. Molto probabile il ripetersi delle stesse nefandezze dello scorso anno quando quella società schierò la juniores o, addirittura, non si presentò al campo di gioco. Gli 8 punti conquistati dai molisani potrebbero essere gli ultimi in questa stagione che risulterebbe, ancora una volta, falsata. Così come avvenne due anni fa quando la Sambenedettese vinse il campionato poi fallì. C'è forse la necessità di una seria riforma anche nel campionato nazionale dilettanti, oggi tornato quarta serie?
    225 - Nov 23, 2014 - 21:39 Vai al commento »
    Il giornalista fa semplicemente il conto dei biglietti venduti e della quota abbonati.
    226 - Nov 23, 2014 - 18:57 Vai al commento »
    Forse l'articolo di Andrea è un po' troppo "buonista" però occorre tener conto di alcune cose: 1- il Matelica ha delle individualità di grande spessore che possono risolvere le partite in qualsiasi momento (si veda il gol di Mandorino), sul gioco stendo un velo pietoso perchè oggi non l'ho mai visto; 2- La Rata ha giocato male nel primo tempo e, più in generale, oggi si sono visti errori pacchiani anche sui disimpegni più semplici. Quest'anno è la prima volta che vedo simili ingenuità. 3- L'arbitraggio di oggi è stato disastroso. Non per errori particolarmente evidenti (forse il rigore su Bartolini c'era mentre sull'espulsione di D'Alessio non mi pronuncio perchè l'ho vista da posizione sfavorevolissima) ma perchè ha consentito ai giocatori del Matelica di picchiare come fabbri dal primo all'ultimo minuto. Noi, ogni fallo un cartellino. Ed è grottesco il fatto che una squadra di fabbri termini la gara in 11 mentre quella che ha preso più botte la finisca in 9. 4- Questo pari, oggi, è oro colato. Significa che la squadra ha carattere e grinta (ricordate i mercenari dello scorso anno?) e riporta il morale alle stelle in vista di due partite solo apparentemente più abbordabili.
  • Primarie Pd, avvocati contro
    Perfetti sfida Carancini:
    “La novità sono io”

    227 - Nov 23, 2014 - 23:24 Vai al commento »
    L'ultimo intervento di Tamara è condivisibile al 100%. Cronache Maceratesi, prezioso strumento di confronto e di informazione, a breve dovrebbe cancellare tutti i nickname e, senza di essi, dovrebbe finalmente tornare il valore della "responsabilità". Ognuno deve essere responsabile di ciò che scrive. Nascondersi dietro i nick, come scrive Tamara, è odiosamente ipocrita. Forse i commenti saranno quantitativamente minori ma certamente se ne guadagnerà in qualità. Era ora.........
  • Maceratese, l’orgoglio di capitan Romano
    “Fiero di indossare questa fascia”

    228 - Nov 20, 2014 - 23:28 Vai al commento »
    Forza Capitano! Ti schernisci ma, senza di te, siamo diversi. Aspettiamo una grande reazione dopo la beffa di domenica scorsa. Voglio vederti dare tutto, come sempre. Forza!!!
  • Maceratese, la beffa nei titoli di coda
    Il Chieti in nove pareggia al 92′

    229 - Nov 17, 2014 - 23:15 Vai al commento »
    @Marco. Scuse accettate. Anche se formali e non sostanziali. Non sono lacrime di coccodrillo, non ho lacrime da asciugare. Testa a testa tra noi e voi? Magari! Sono perfettamente consapevole dei limiti della mia squadra e, davvero, ce ne sono diversi. Alla fine vincerà il migliore, come sempre. Vuoi un "in bocca al lupo"? No, mi dispiace, non te lo faccio. Non ti nascondo il fatto che mi piacerebbe vincere pur non essendo il migliore. Mi capisci, vero? @Mauri70 Sei un Signore. Complimenti per la sportività. La tua squadra è forte, vince da un mese e mezzo. E'quella che temo di più, non lo nascondo. Per me è Citanò l'avversaria della Rata, non la Samb. Poi a dicembre vedremo davvero chi punta alla C e chi no. A noi manca una punta centrale ed un centrocampista che possano sostituire i titolari in caso di indisponibilità. Auguri.
    230 - Nov 17, 2014 - 20:16 Vai al commento »
    @Marco Vedi Marco qual'è la differenza tra me e te? Io scrivo di calcio e scrivo di cose che so per certe. Tu attacchi la mia persona e quella di Ferramondo insinuando cose non vere. Mi ricordi i bambini dell'età di mio figlio che, quando si sentono con le spalle al muro, offendono tirando in ballo cose che non c'entrano nulla con l'argomento in discussione. Io non ho mai leccato il culo a nessuno in vita mia e mai lo farò, puoi starne certo. La presidente della mia squadra è una persona che stimo anche (e non solo) per la passione che mette nel calcio. Dopo tanti mercenari, finalmente la Maceratese ha un presidente che vive a Macerata e non mi sembra una cosa da poco. Sul pagamento degli stipendi, ripeto, ho notizie più che fondate. E ti assicuro che la cosa non mi fa affatto piacere perché ci siamo passati anche noi non troppo tempo fa. Per quanto ti riguarda, impara dal tuo concittadino Mauri70. Soprattutto l'educazione e la pacatezza, virtù di non secondaria importanza. Poi se scrivi su Civitanova Live siamo tutti più contenti.
    231 - Nov 16, 2014 - 22:29 Vai al commento »
    ...fino a domattina, da San Marone fino a Fontespina...
    232 - Nov 16, 2014 - 22:08 Vai al commento »
    Scusa Veritas (mi permetto il "tu" perché non posso dare del "lei"ad un nick) ma perché non scrivete su Civitanova Live invece che qui? E, soprattutto, perché commentate gli articoli della Maceratese e non i vostri? Altra cosa: cosa faceva Bresciani in mezzo al campo visto che è squalificato fino al 24 dicembre? Infine: perché venerdì scorso la tua società non ha pagato gli stipendi? Ne hai di motivi per pensare ai fatti tuoi piuttosto che ai nostri...
    233 - Nov 16, 2014 - 19:22 Vai al commento »
    Singolare il fatto che i civitanovesi commentano gli articoli sulla Rata piuttosto che quelli sulla loro squadra. Una sorta di complesso di inferiorità?
  • Maceratese stratosferica,
    il sogno Lega Pro è meno lontano

    234 - Nov 11, 2014 - 22:52 Vai al commento »
    Proprio ieri ne parlavo con un mio amico che stimo moltissimo, sia come persona che come direttore sportivo: la Civitanovese è una bella realtà, purtroppo. Noto una differenza tra le due società: nel capoluogo non si fanno proclami in merito ad eventuali rafforzamenti della rosa a disposizione di Magi, a Citanò si organizza addirittura una conferenza stampa per annunciare i rinforzi dicembrini mettendo però in relazione (mi sbaglio?) gli stessi rinforzi con l'aspettativa di una partecipazione più copiosa da parte della città all'evento sportivo della domenica. Non so se c'è un rapporto di causa ed effetto tra questi due elementi, questi due contenuti rappresentati dalla società di fronte alla stampa. Se sì, credo sia un tentativo da parte del presidente di cercare una motivazione rispetto ad un eventuale non-rafforzamento, in caso contrario una Civitanovese già forte diverrebbe ancora più forte e temibile. Ripeto: purtroppo per noi. Continuo a non pensare alla Samb come avversaria più quotata: non mi piacciono le squadre che vincono 3 a 2 dopo esser state sotto di due gol così come non mi piacciono le squadre che perdono dopo aver messo la partita nella classica "ghiacciaia": è sintomo di scarso equilibrio, di scarsa serenità, di scarsa personalità. Preferisco - almeno in queste categorie - le squadre "quadrate" che subiscono poche reti. Sono quelle che assicurano maggiore e migliore costanza di rendimento. E la Rata è un esempio da questo punto di vista. Detto questo, non perderei il mio tempo con tabelle che lasciano ancora il tempo che trovano dopo appena un quarto di campionato. Aspetterei il mercato dicembrino per valutare chi punta davvero alla serie C e chi no. Al momento posso solo dire che conosco la solidità della società biancorossa mentre quella civitanovese, essendo del tutto nuova, è ancora da dimostrare. Vedremo. Sarebbe bellissimo, in ogni caso, un testa a testa tra noi e loro. Ovviamente con noi a salire di categoria e loro a mangiarsi le palle. Ma, dopo sole 10 partite, siamo ancora nel campo delle congetture.
  • Maceratese di un altro pianeta
    Umiliato il Campobasso

    235 - Nov 9, 2014 - 20:24 Vai al commento »
    Onore ai tifosi del Campobasso. Belle persone, lo hanno dimostrato anche oggi. Primo esame del "terribile trittico" superato a pieni voti. Tra due settimane sapremo chi siamo davvero e se potremo lottare fino alla fine per vincere questo campionato. A vederla oggi, la squadra è di un altro pianeta. Ma aspettiamo, non scriviamo smargiassate e teniamo i piedi per terra. Citanò e Samb, almeno per ora, tengono il passo. A proposito: che fine ha fatto quello che scriveva sempre l'anno scorso criticando tutto e tutti? Non ricordo più come si chiama...
  • La Maceratese tenta il colpo,
    nel mirino bomber Amodeo

    236 - Nov 4, 2014 - 14:21 Vai al commento »
    Non posso permettermi di giudicare la Civitanovese perché l'ho vista solo in occasione del derby. Quel giorno ricordo di aver pensato che, se non avessimo presi tre punti contro quella squadra di morti, saremmo arrivati al massimo a metà classifica. Poi, finito il difficile ciclo iniziale, adesso Citanò è lì a cinque punti dalla vetta quindi, dopo un quarto di campionato disputato, significa che è una buona squadra. E'chiaro che qualche perplessità sulla tenuta societaria è pienamente legittima dopo le pagliacciate dello scorso anno. Poi magari questa società e questo presidente continueranno a pagare gli stipendi come hanno fatto finora e dimostreranno serietà e attaccamento ai colori. Onestamente non credo che Amodeo possa trasferirsi a Macerata dove - è innegabile - manca una prima punta, un ariete dell'area di rigore. D'Antoni è bravissimo ma preferisce giocare più come esterno che come centrale. Così anche gli altri, ad eccezioni di Bartolini che però non mi sembra all'altezza. Vedremo cosa succederà nelle prossime tre settimane quando dovremo affrontare Campobasso, Chieti e Matelica, compagini che la Civitanovese ha già affrontato. Se dopo questo trittico siamo ancora lassù, significherà che siamo davvero forti.
  • Macerata in lutto,
    si è spento l’ex sindaco Maulo

    237 - Nov 2, 2014 - 0:52 Vai al commento »
    Sono legato a Gian Mario da tanti ricordi. Il primo, il più forte, riguarda l'esperienza di Città Solidale vissuta insieme più di vent'anni fa. Era il 1993, l'anno della mia prima candidatura in Consiglio Comunale. Fu una vittoria insperata e, contestualmente, la mia prima volta nell'assise cittadina. Avevo 24 anni, ero un ragazzino con una voglia matta di cambiare lo stato di cose esistente. La sera del ballottaggio ero rappresentante di lista presso il seggio di Villa Potenza. Mi accorsi subito che le cose si stavano mettendo bene e che, visto il predominio anche in quel feudo democristiano, probabilmente l'intera città aveva risposto positivamente al nostro progetto. Raccolsi i dati e corsi presso la sede del nostro movimento dove trovai un Gian Mario emozionato, felicissimo, con un sorriso radioso che non scorderò mai. Ci abbracciamo a lungo poi partimmo da via Morbiducci sfilando per le vie del centro, fino ad arrivare al municipio dove esplose la festa. Vivemmo quattro anni intensi e, dal mio punto di vista, amministrammo bene la città. Qualche errore dettato dall'inesperienza c'è stato di sicuro ma, complessivamente, sono stati anni contrassegnati da un grande fervore amministrativo e da un grande coraggio. A fine mandato, quando Rifondazione Comunista si assunse la responsabilità di schierarsi contro il sindaco uscente, decisi di non rinnovare la tessera di quel partito e votai PDS esprimendo la mia preferenza per Gian Mario che ricevette circa 700 consensi personali, un vero e proprio record, direi meritatissimo. Seguirono cinque anni difficili nel corso del primo mandato Meschini ed altri cinque - più sereni - vissuti in qualità di Presidente del Consiglio dal 2005 al 2010, un incarico svolto in maniera impeccabile, da gran signore della politica e dell'amministrazione. Il ricordo che ho di Gian Mario in quest'ultimo quinquennio è principalmente il ricordo di un nonno innamorato del nipotino Mattia, compagno di scuola di mio figlio. Sempre pronto a parlar di politica, ma con l'occhio vigile rivolto al dolcissimo nipotino. Lo sguardo rivolto al futuro e il rimpianto nei confronti di un passato che non tornerà più, travolto da un oggi che - insieme - apprezziamo sempre meno. Un passato carico di valori, di ideali che, giorno dopo giorno, appaiono sempre più lontani e sfocati. Ciao Sindaco, ciao Amico Mio, ciao Uomo tutto d'un pezzo. Ti porterò sempre nel cuore così come - oggi - porto nel cuore tua moglie, le tue figlie e il carissimo Mattia. Riposa in pace e continua a darci qualche consiglio, ovunque tu sia. Se puoi, dai un bacio al mia amato babbo che stampò i tuoi manifesti elettorali nel 1993 e che, con grande orgoglio, ne portò uno a casa per farmelo vedere in anteprima. Alessandro
  • D’Antoni-gol, Maceratese in fuga

    238 - Ott 19, 2014 - 23:02 Vai al commento »
    Sta girando tutto per il verso giusto, almeno in campo. Abbiamo una difesa eccezionale e i campionati, in queste categorie, si vincono principalmente grazie a questo. A centrocampo abbiamo molte soluzioni, tutte di grande qualità. Davanti, quando tornerà Kouko e Ferri Marini saprà dimostrare tutto il suo valore, saremo altrettanto tosti. Tutta la squadra è determinata, ha fame di vittorie, ha un carattere che non vedevo da moltissimi anni. Siamo anche un pochino fortunati. Tutto ciò, messo insieme, sembra rappresentare il preludio ad una stagione da incorniciare che potrebbe concludersi con il ritorno tra i professionisti agognato da una vita. Tuttavia c'è qualcosa che non va. E questo qualcosa che non va potrebbe essere l'elemento determinante per ridimensionare questo sogno che - dapprima timidamente ed oggi sempre più nitido - si sta affacciando nell'immaginario collettivo. Ho una sola ricetta: il dialogo, la chiarezza, l'onestà intellettuale. L'abbandono dei social per comunicare, il ritorno alla comunicazione più vera, diretta, spontanea, che non si presta ad interpretazioni fallaci. Basterebbero due telefonate e un minimo di umiltà per mettere l'ultimo tassello e ricostruire un clima positivo e propositivo. Anche perché tutto questo aiuterebbe la squadra, la società e la tifoseria a centrare un traguardo che porterebbe Macerata al centro dell'attenzione sportiva nazionale. Chiudete gli occhi e provate a immaginare.......poi domandatevi: ne vale la pena? Io dico di sì.
  • Marina Santucci: “A Macerata
    lavorano solo gli amici degli amici”

    239 - Ott 5, 2014 - 9:40 Vai al commento »
    Mi scusi signor Rossi ma proprio non riesco a comprendere ciò che scrive. La Tardella ha realizzato un impianto sportivo che tornerà al Comune. Il bene pubblico è tutelato come non mai. Sta delirando? Tra le tante polemiche da bar sport che si possono fare, lei ha scelto quella più assurda. Ma non si vergogna di scrivere queste assurdità?
    240 - Ott 3, 2014 - 22:55 Vai al commento »
    @Marco Rossi Certo, signor Rossi, 28.000 euro per asfaltare il campo sportivo di Collevario si potevano risparmiare. Se la giunta avesse deciso di risparmiarli, centinaia di genitori avrebbero continuato a portare i loro bambini a giocare a calcio in una palude senza protestare per le invereconde condizioni di quel parcheggio che non ha precedenti in nessuno degli impianti sportivi della città. La invito cordialmente - prima dell'inizio dei lavori - a recarsi nei pressi dell'impianto sportivo in questione durante un giorno di pioggia. Vedendo la situazione di persona, probabilmente smetterà di scrivere cose assurde, degne delle chiacchiere tra servette di mercato. Cordialmente Alessandro Savi
  • Croce tiene in ansia la Maceratese
    Petardi fatali, 600 euro di multa

    241 - Ott 1, 2014 - 23:13 Vai al commento »
    Una doverosa premessa: grazie a questi magnifici ragazzi della curva che ogni domenica si fanno il mazzo per organizzare coreografie e sostenere la squadra. In talune occasioni (come, ad esempio, a Citanò) sono stati proprio questi tifosi a spingere la squadra alla vittoria, aiutandola con il loro calore a superare momenti difficili nel corso delle partite e incoraggiando sempre i giocatori, dal primo all'ultimo minuto. Anch'io considero uno scemo quello che ha acceso il petardo ma, prima di quel gesto, c'era stata una evidente provocazione da parte della tifoseria termolese. Tifoseria che - non possiamo ignorarlo - qualche tempo fa si è macchiata di un episodio di inaudita infamia: ha aggredito un pullman di tifosi biancorossi e poi, dopo averle buscate, si è giustificata con l'opinione pubblica affermando che i maceratesi avevano aggredito precedentemente una bambina. Una infamia senza limiti. In ogni caso, lasciamo questi petardi a casa o nei negozi che li vendono perché così facciamo solo del male alla società e ridimensioniamo le nostre legittime ambizioni di vertice. Sulla "questione curva". Io credo che debba essere chiusa, definitivamente. Scrive uno che in curva ci è cresciuto e ci ha vissuto emozioni inenarrabili. Tuttavia, oggi, rimanere in quel fosso è diventata una mera questione di "liturgia", priva di ogni fondamento razionale. Lo spettacolo offerto domenica - come sostiene Ferramondo - è stato davvero misero non perché erano pochi i sostenitori ma, semplicemente, perché lo stesso numero di sostenitori collocati in gradinata o in tribuna produce un effetto 100 volte superiore. E' vero: sembravano di più i termolesi dei nostri. Mi sento di fare un appello a questi ragazzi: basta con quel fosso ridicolo. Attendiamo tempi migliori per proporre una riqualificazione alla curva e, nel frattempo, chiediamo un incontro con il sindaco e con la dottoressa Tardella per trovare una soluzione che consenta alla tifoseria di spostarsi in un altro settore che consenta davvero - tutte le domeniche - di portare i nostri ragazzi alla vittoria. Mi rendo conto di scomodare un gigante per un nonnulla ma, in questi casi, mi torna sempre in mente Max Weber che, esattamente un secolo fa, distingueva l'etica dei principi dall'etica della responsabilità: restare attaccati ad un feticcio in nome di un principio, di una "liturgia" è davvero poco responsabile e, in questo caso, assolutamente inutile. Quando gridiamo tutti insieme "Noi siamo maceratesi" riempiendoci di orgoglio, facciamo in modo che lo sentano tutti. Sia la voce che l'orgoglio.
  • Chiude la cartoleria
    Franceschetti Leopardi
    dopo 80 anni di attività e 5 generazioni

    242 - Set 29, 2014 - 23:44 Vai al commento »
    Mi dispiace moltissimo. Era la mia vetrina preferita, piena di oggetti bellissimi molti dei quali, per me, irraggiungibili ma pur sempre bellissimi. Se ne va anche una competenza più unica che rara. In questi tempi vince lo stock, la massificazione e la superficialità.
  • POKERATA

    243 - Set 28, 2014 - 20:22 Vai al commento »
    Altra nota dolente l'infortunio di Croce. Speriamo non sia nulla di grave, è il faro del nostro gioco ed è praticamente insostituibile
  • Lube, “andata” a Macerata
    Carancini: “Resti con noi
    tutta la stagione”

    244 - Set 25, 2014 - 15:18 Vai al commento »
    @Ivano Tacconi Carissimo Ivano, io non entro minimamente nel merito della "azienda" Lube. In un comunicato stampa di qualche mese fa, lo stesso Albino Massaccesi forzò le mie parole tentando di legare le mie critiche verso la società sportiva anche all'azienda. Leggendo i post dei lettori, non mi pare che qualcuno abbia attaccato l'azienda quanto piuttosto - quasi tutti! - la Lube Volley. Personalmente non riesco a stimare chi utilizza lo sport per farsi pubblicità praticandolo nelle strutture pubbliche e chiedendo - anzi, pretendendo - uno sperpero insensato del denaro della collettività. Sul Palas hai ragione tu: all'epoca delle vacche grasse forse sarebbe stato meglio avere più ambizione, pensare più in grande, realizzare una struttura più consona al capoluogo. Ma oggi questa abbiamo e questa si utilizza. E se la Maceratese salisse di categoria e l'anno prossimo disputasse il campionato di serie C, cosa faremmo? Smantelliamo l'Helvia Recina e ne costruiamo uno nuovo con i soldi dei cittadini?
    245 - Set 24, 2014 - 22:10 Vai al commento »
    Condivido le parole del Sindaco e quelle dell'assessore allo sport. Un rappresentante delle istituzioni deve rispettare le leggi, le norme, le disposizioni e quant'altro senza lasciar spazio alle considerazioni personali. Io che sono venti gradini al di sotto del sindaco e dell'assessore, pur avendo un ruolo istituzionale, dico pubblicamente che la Lube Volley è la società sportiva più arrogante d'Italia e che meriterebbe un enorme lucchetto di acciaio ai cancelli del Fontescodella. Purtroppo (e sottolineo purtroppo) non si può fare. In ogni caso, auguri per la stagione che sta per iniziare.
  • Maceratese, la gioia della Tardella
    “Dedico il derby ai nostri tifosi”

    246 - Set 22, 2014 - 22:17 Vai al commento »
    La soddisfazione che Mariella esprime in questa intervista l'ho letta nei suoi occhi ieri pomeriggio all'Helvia Recina, quando abbiamo ringraziato i giocatori uno per uno al loro ritorno da Civitanova. Non voglio offendere nessuno ma ho la netta sensazione che lo scorso anno nello spogliatoio c'era una banda di briganti (uno è quello che ci ha mandato a quel paese ieri, aveva la maglia rossoblu) mentre quest'anno, per contro, c'è un gruppo di uomini. Non è un caso se, quando è tornato Di Fabio, parte dei tanti problemi che avevamo sia stata risolta e parte di quei briganti sia stata messa in un angolo. Favo è stato il mister che ho meno apprezzato da quando seguo la Rata, non tanto per le qualità tecniche (sicuramente notevoli) quanto piuttosto per quelle umane: spocchioso, incapace di unire, pieno di "fisse" incomprensibili. E'troppo presto per esprimere giudizi, per pensare di poter lottare per il titolo ma, in ogni caso, vedo una squadra, un ambiente completamente diverso. E questo è sicuramente un bene. Avanti così mantenendo la sacrosanta umiltà che Magi predica costantemente.
  • Civitanovese: che papera!
    Il derby è della Maceratese

    247 - Set 21, 2014 - 23:04 Vai al commento »
    Leggo commenti molto più "cavallereschi" rispetto allo scorso anno. Mi piace pensare che ciò sia dovuto allo striscione dei civitanovesi dedicato al nostro caro Marco Principi. Odiarsi sempre. Ma con rispetto. Forza vecchio cuore biancorosso.
  • Orioli: “Il nostro programma è pronto, uniamo centro e periferia”

    248 - Set 16, 2014 - 22:12 Vai al commento »
    Manca un piccolo dettaglio: con quali fondi?
  • Addio a “Jaja” Jader Pojaghi,
    l’ultima partigiana

    249 - Lug 24, 2014 - 21:50 Vai al commento »
    Un forte abbraccio a Barbara. L'esempio di Jader resti tra noi, sarà un prezioso compagno di viaggio.
  • Lutto per Anna Menghi,
    è morto il padre Luciano

    250 - Lug 19, 2014 - 1:44 Vai al commento »
    Cara Anna, apprendo solo in questo momento la notizia. Ti mando un abbraccio. Alessandro
  • Matelica scatenato sul mercato
    Dalla Maceratese arriva Ambrosini

    251 - Lug 2, 2014 - 22:45 Vai al commento »
    @ angelo biondi ha ragione Dav. Finiamo a parlare di politica anche quando non c'entra nulla. Le va un incontro in campo neutro (Trodica, ad esempio) così ne parliamo personalmente? Sarei lieto di offrirle un caffè e raccontarle molte cose. Ci sta? Diamo un esempio su questo forum che ci si può incontrare e parlare oltre a scriversi? Io lo cerco da tempo, con molti frequentatori di CM. Attendo risposta. Cordialmente, Alessandro.
    252 - Lug 1, 2014 - 22:35 Vai al commento »
    Signor Biondi, stiamo parlando di calcio. Potrei scriverle che il mio orizzonte è sempre stato il centro sinistra, che ho sempre lavorato per questa coalizione, che non potrei mai stare con chi si isola dal centro sinistra come hanno fatto i Comunisti Italiani e l'IDV, che il sottoscritto ha sempre mantenuto questa coerenza politica. Ma sarebbero parole sprecate per uno come lei. Posso assicurarle che continuerò a lavorare NEL centro sinistra e PER il centro sinistra, al contrario del deserto culturale e politico di cui lei parla. Nessun dio-pallone va confuso con la politica. Tanto più che il mio dio-pallone non prevede squadre di serie A (che non seguo affatto) ma solo la mia amata Maceratese che seguo da più di trent'anni. Al contrario del suo mentore Saveri. Mi faccia il piacere...
    253 - Lug 1, 2014 - 11:33 Vai al commento »
    Benissimo, Signor Saveri, passiamo alle cose serie. Stendo un velo pietoso sulla materia grigia e sulla lingua insalivata e le chiedo: 1- quali previsioni ha azzeccato uno come lei che ha sempre e solo criticato la dirigenza della Maceratese? Anch'io ho espresso le mie critiche nei confronti di alcune scelte ma ho avuto il coraggio di farlo a voce, occhi negli occhi, alla dottoressa Tardella. Se è vero che lei viene sempre allo stadio potrebbe fare altrettanto visto che la presidente è sempre seduta nello stesso posto. Perchè non lo ha mai fatto e, anzi, continua a nascondersi dietro un nick che puzza di falso lontano un chilometro? Chi è che non ha personalità, io o lei? 2- è stata una stagione tormentata, è vero. Però si è conclusa con lo stesso piazzamento dell'anno precedente, quando tutti gridavano al miracolo. L'errore principale è stato quello di partire con grandi proclami fin dall'estate, quando si disse chiaramente di puntare a vincere il campionato. Quest'anno tale errore, almeno finora, non è stato commesso: silenzio totale fino a questo momento poi, spero, parleranno i fatti. Fa bene la dottoressa a dare in pasto poca roba a quelli che, come lei, sono sola capaci di criticare a prescindere. 3- cosa le fa pensare che la Tardella sia impegnata con la campagna elettorale? Quali liste avrebbe al suo fianco? Quale coalizione formerebbe? Signor Saveri, le cose bisognerebbe conoscerle prima di sparare cazzate sul web perchè, in caso contrario, si diventa ridicoli. Certo, la Tardella è stata cercata da più soggetti nell'ambito della politica maceratese ma, se lei leggesse di più, capirebbe che al momento tale ipotesi non sta in piedi. Anche perché - dettaglio non del tutto trascurabile - è stata la stessa Tardella a dichiarare di non essere interessata ad alcuna candidatura. Saluti
    254 - Lug 1, 2014 - 0:03 Vai al commento »
    Finalmente ritorna Saveri con le sue solite sparate da Bar dello Sport! Un grandissimo, davvero un grandissimo! Uno che sa davvero tutto della Tardella e della Maceratese, veramente aggiornatissimo. La poltrona al Comune...ah! ah! ah! Proprio quello che ci vuole in queste serate estive! Dopo l'eliminazione dal mondiale dell'Italia, certi commenti esilaranti tirano su il morale. Grazie, sei davvero divertente!
  • Cattafesta rifiuta la Maceratese
    “Non tradirei mai la tifoseria
    della Civitanovese”

    255 - Giu 28, 2014 - 0:42 Vai al commento »
    Cala da ssu pajà, pischellino!
  • Maceratese, il silenzio è assordante

    256 - Giu 20, 2014 - 15:43 Vai al commento »
    Credo che la dottoressa Tardella sia l'unico presidente di una squadra di calcio dalla promozione in su il cui numero di telefono - privato! - sia a disposizione di mezza cittadinanza. Dopo ogni partita le arrivano sms di complimenti (in caso di vittoria) o di critiche (in caso di sconfitta). Recentemente, un tifoso la ha chiamata per avere notizie della Maceratese senza che lei sapesse nemmeno chi fosse l'interlocutore. Da qualche mese neppure il sottoscritto - il quale ha allacciato con Mariella un rapporto di sincera amicizia - si permette di chiederle nulla a proposito di giocatori, tecnico, staff, obiettivi di mercato e quant'altro. Mi dispiace sinceramente per la stampa (che fa il suo dovere e, nel caso della squadra principale della città, anche il suo "piacere" per certi versi...) ma questo riserbo lo ritengo sacrosanto nei confronti: 1- di alcuni tifosi, spesso occasionali, invadenti fino all'inverosimile 2- dei dirigenti 3- dei vecchi giocatori che debbono decidere se restare o andar via 4- dei nuovi giocatori che debbono decidere se firmare o meno 5- del direttore generale che li sta trattando Si era creato, negli anni passati, un clima da "tarallucci e vino" che, tutto sommato, non è stato minimamente ripagato da alcune persone e non ha nemmeno giovato alla squadra. Se i rapporti tra i tifosi e la società sono buoni, tanto meglio. Ma è bene che la società faccia la società e la tifoseria faccia la tifoseria. Ruoli distinti e nessuna invasione di campo.
  • Lube: “Fiduciosi per il Palas a Civitanova,
    al Fontescodella giocheranno le giovanili”

    257 - Giu 13, 2014 - 23:40 Vai al commento »
    Quando, mesi fa, scatenai una polemica contro questa società arrogante e opportunista che, di fatto, gestiva il Palas senza una convenzione firmata, qualcuno mi insultò pesantemente. L'ho scritto quando era impopolare scriverlo, lo ribadisco oggi, in una fase in cui molti si sono resi conto realmente di cosa sia la Lube Volley: al posto del Sindaco e della Giunta Comunale di Macerata chiuderei definitivamente la struttura a questa società e concentrerei i miei sforzi nel cercarne un'altra (o più di una) in grado di gestire il Fontescodella in maniera serena e realmente aperta alle esigenze della città. So per certo che Carancini non lo farà mai, probabilmente perchè è più "signore" del sottoscritto nonostante tutti gli insulti e le pubbliche umiliazioni ricevute da questi "signori" treiesi. Dio, che tristezza...
  • Carelli lascia il Pd e si difende:
    “Chioschi ampliati
    per regolare la situazione”

    258 - Giu 13, 2014 - 1:29 Vai al commento »
    Caro Luigi, sappi che ti sono vicino. E tale vicinanza la esprimo qui, su queste pagine, pubblicamente senza nascondermi. Anche se può risultare sconveniente, lo faccio ugualmente perché i rapporti umani vengono SEMPRE prima di quelli politici e/o istituzionali. Sono certo che questa incresciosa situazione sarà chiarita, spero il prima possibile. Con affetto Alessandro
  • Palas, i lavori partono dall’alto
    La Lube risponde “ni grazie”
    a Porto San Giorgio

    259 - Giu 8, 2014 - 0:07 Vai al commento »
    Come Babilonia... Non riuscirei mai ad appassionarmi ad una squadra gestita da una tale società. Via il nome Macerata da questa roba, Lube Treia va benissimo.
  • Dalla Vis Macerata all’Ascoli
    Giammarco Polizzi spicca il volo

    260 - Giu 2, 2014 - 0:27 Vai al commento »
    In questo Paese, di tanto in tanto, vanno avanti coloro che meritano davvero. In bocca al lupo, amico mio!
  • Il muretto del consigliere Carelli,
    la procura chiede il rinvio a giudizio

    261 - Mag 22, 2014 - 7:47 Vai al commento »
    @ Bellini Non ci sono emolumenti per i presidenti di commissione.
  • Maceratese sconfitta a Termoli
    La stagione si chiude a testa alta

    262 - Mag 12, 2014 - 0:26 Vai al commento »
    Dimenticavo: grazie a Guido Di Fabio, allenatore d'altri tempi per serietà, professionalità, umanità. Macerata non ti dimenticherà mai!
    263 - Mag 12, 2014 - 0:12 Vai al commento »
    Ogni commento ha la sua dignità e la sua ragion d'essere e mi pare che, ad eccezione del solito soggetto al quale auguro un virus ineliminabile nel PC, tutti siano orientati a costruire più che a distruggere. Un quarto posto in campionato significa necessariamente aver disputato una buona stagione: sostenere il contrario, tanto per fare un esempio stupido, sarebbe l'equivalente di uno sputo sul piazzamento della Fiorentina in serie A. Ovvio, qui non ci sono ingressi in Europa League né milioni di euro di premio ma resta comunque la soddisfazione per aver confermato la stagione dello scorso anno, senza un giocatore come Federico Melchiorri. Sono stati commessi diversi errori, anche questo è innegabile. Il primo dei quali, a mio avviso, è stato quello relativo ad una campagna acquisti scriteriata condotta la scorsa estate durante la quale ci si è mossi con una leggerezza inquietante, specialmente per quanto riguarda gli under. Mi è capitato di ascoltare alcune telefonate della presidente (non perchè lo volessi, semplicemente perchè mi trovavo ad un metro da lei) in cui la stessa sollecitava i contatti con alcuni giovani promesse che, puntualmente, si sono confermate realtà di grandissimo spessore. L'errore principale (e causa di quasi tutti gli altri) è stato proprio questo e, stavolta, non dobbiamo assolutamente ripeterlo: occorre dotarsi subito di un nuovo allenatore e di un nuovo, capace, direttore sportivo per anticipare le altre squadre sui movimenti di mercato, in particolare per quanto riguarda i fuoriquota. Penso, ad esempio, a Lori, Cognigni, Jachetta, Osso e tanti altri che non siamo riusciti ad intercettare. Partiamo dai giovani, prima i nostri poi quelli degli altri.
  • Maceratese, per la prossima stagione cominciano a schiarirsi le idee

    264 - Mag 5, 2014 - 22:38 Vai al commento »
    Propongo il Decano come Presidente Onorario! Del resto ce l'ha anche la Lube, perchè non la Rata?
  • A Sarnano il centro sinistra si spacca

    265 - Apr 15, 2014 - 23:39 Vai al commento »
    Da cittadino della provincia di Macerata e da innamorato delle nostre montagne mi permetto, sommessamente ma accoratamente, di rivolgere un appello agli amici e compagni del centro sinistra sarnanese.  Il professor Pennesi è persona limpida, onesta, specchiata e capace. Già in passato il suo nome circolava nell'ambito politico locale ma, per diversi motivi, non se ne fece nulla.  La sua disponibilità è una risorsa, probabilmente un'occasione irripetibile per vincere e per dare a Sarnano un'occasione per spiccare il volo dopo anni di grigiore amministrativo. Chi ama Sarnano superi ogni diatriba politica e si compatti intorno al nome e alla figura di una persona veramente seria che, con umiltà, si è messa a disposizione della coalizione di centro sinistra. Ho questa impressione: o con lui oppure all'opposizione per altri vent'anni. 
  • Il consiglio comunale
    e i circhi con animali

    266 - Apr 13, 2014 - 2:03 Vai al commento »
    Gentilissimo dottor Liuti, Onorato, anzitutto, della sua attenzione. Mi permetta tuttavia alcune doverose precisazioni, in nome di una chiarezza che ritengo essenziale. In primis, la mia critica al PD maceratese non è – ovviamente! – scaturita dal singolo, contingente comportamento del gruppo consiliare democratico nella seduta di qualche settimana fa: sarebbe quantomeno riduttivo, infatti, criticare il PD riferendosi esclusivamente ad un voto contrario ad una mozione (non ordine del giorno come da lei erroneamente riportato). La mia critica, affidata peraltro a Facebook, partiva da quel dato per estendersi alla sua stessa e più ampia riflessione: più che un partito, il PD sembra una sorta di federazione di forze politiche ognuna delle quali avente una propria identità spesso configgente con quella di tutte le altre. Il risultato di tale ambiguità è sotto gli occhi di tutti: impossibilitato a scegliere, il PD non sceglie; impossibilitato a dirigere, il PD non dirige; impossibilitato ad orientare, il PD non orienta. Sa qual è la prima riflessione che ho fatto, dottor Liuti, dopo quanto avvenuto in Consiglio? Ai tempi di Carancini e Ciaffi (rispettivamente capigruppo di DS e Margherita) la mia mozione, magari emendata, sarebbe stata approvata. Io sono assolutamente certo che una sintesi l’avremmo trovata, tutti insieme, serenamente e senza nessuno scontro perché la “vecchia” politica – quella dei tempi in cui c’erano ancora i partiti – lavorava costantemente per trovare punti di incontro almeno all’interno della sua maggioranza. Paradossalmente, tutte quelle anime che oggi compongono il PD, divise, riuscivano ad essere più unitarie rispetto ad oggi che sono - purtroppo solo apparentemente - unite sotto la stessa sigla e lo stesso simbolo. In sintesi, dottor Liuti, il mio sfogo partiva da un dato contingente per estendersi, a titolo di mera esemplificazione, ad un quadro più ampio, oserei dire generale. La povertà del PD odierno – ma, ripeto, di tutta la politica dei nostri giorni – finisce addirittura per sfociare in un mare di arroganza, addirittura di snobismo che è tipico di chi, forse consapevole dei propri limiti, oppone la “preziosità” del suo tempo di fronte a temi che riguardano la vita quotidiana dei cittadini. E’ il caso dell’altra mozione – che lei cita – rivolta a destinare un’area inutilizzata del Parco del Campo Sportivo della Vittoria allo “sguinzagliamento” dei cani. Ha presente lo spazio chiuso dietro la gradinata del campo sportivo? Sa che lo stesso spazio è destinato alla tifoseria ospite (!!!) in occasione degli incontri di calcio della AC Vis Macerata (due ore ogni due settimane per otto mesi l’anno)? Ebbene, quel prezioso rettangolo di terra potrebbe risolvere le tante diatribe sorte in questi anni tra proprietari di cani e fruitori del parco stesso, principalmente famiglie e bambini che lamentano la difficile convivenza con i quattrozampe. Tale mozione mi è stata suggerita proprio da un gruppo di persone che frequentano il parco dunque, per così dire, viene “dal basso” e rappresenta un’esigenza di parte della cittadinanza che era mio dovere rappresentare. Per la cronaca, la mozione non è stata “rifiutata” (come lei erroneamente scrive) ma approvata quasi all’unanimità pur tra i mugugni di alcuni colleghi “luminari” della scienza che imprecavano per la “pochezza” dei temi trattati e per la perdita del loro preziosissimo tempo (intervenuti, però, a lungo, addirittura due o tre volte durante la discussione, l’emendamento e la dichiarazione di voto). Tornando ai circhi e alla mia “fede” animalista, le basti sapere che da almeno trent’anni mi batto per i diritti degli animali: già nel lontano 1994 mi feci promotore di un ordine del giorno approvato dall’allora maggioranza che sosteneva la giunta Maulo e, qualche anno più tardi, insieme alla collega consigliera Vitaliana Vitaletti Bianchini, riuscimmo ad inserire un passaggio nello Statuto Comunale di Macerata avente un preciso riferimento all’impegno del Comune nella tutela dei diritti degli animali stessi. La mozione aveva lo scopo di disciplinare l’attendamento di quei circhi che sfruttano animali per proporre spettacoli che io ritengo altamente diseducativi: lei ritiene davvero che un elefante che si inginocchia davanti ad un bambino o una tigre che salta su di uno sgabello contribuisca ad educare i nostri figli al rispetto dell’ambiente? E’chiaro, dottor Liuti, il mio intento non consisteva certamente nel contrastare ciò che la legge italiana consente ma, se lei avesse letto attentamente la mia mozione (dubito, francamente, che lo abbia fatto), si sarebbe accorto che la stessa, frutto di un lungo e paziente lavoro, avrebbe offerto un modello per tutti quei comuni italiani che, impegnati in tal senso, si sono visti respingere dai TAR ogni iniziativa intrapresa. La mozione richiedeva un minimo sforzo e un minimo atto di coraggio: se così fosse stato, Macerata si sarebbe configurata come apripista verso una cultura diversa, come un comune autenticamente proteso verso i diritti degli animali. Così non è stato a causa della miopia e dell’incapacità del PD di fare sintesi (sa che lo stesso Sindaco non ha votato contro la mozione?) ma, stia pur tranquillo dottor Liuti, che continuerò tale battaglia all’interno della commissione preposta per far sì che, finalmente, anche Macerata, disciplini l’attendamento dei responsabili di tali atrocità nel suo territorio di competenza.  Da ultimo la questione più odiosa del suo articolo che tradisce – me lo permetta – una disinformazione inquietante: quella relativa alla coerenza. Vede, dottor Liuti, io non posso pretendere che lei conosca per filo e per segno la militanza di tutti coloro che si occupano di politica nella nostra città però, prima di esprimere giudizi trancianti come quello espresso nei miei confronti, dovrebbe informarsi perché, oggi più che mai, dare aria ai denti è un peccato mortale soprattutto per un giornalista. Io non sono stato eletto con Italia dei Valori. Sono un convinto militante del centro sinistra, uno di quelli che ritiene migliore anche la peggior coalizione di centro sinistra rispetto alla miglior coalizione di centro destra. Vanto (e non rinnegherò mai) una militanza quasi trentennale nel PCI e nei suoi “derivati” (Rifondazione e Comunisti Italiani) ai quali ho dedicato gran parte della mia vita. Quando queste forze politiche sono uscite dall’alveo del centro sinistra (prima il PdCI poi la stessa IdV), da persona COERENTE, io sono rimasto dentro. E, nonostante tutte le ambiguità della mia cara coalizione, continuerò a sostenerla e a cercare di migliorarla anche attraverso una critica – come quella da me esternata – che ha il solo scopo di renderla più forte e compatta. Non è un circo, mi creda, ma pura passione civile.   Tanta cordialità e tanta stima.   Alessandro Savi   
  • Maceratese, presa di posizione dei tifosi
    “Restrizioni assurde,
    non andremo a Recanati”

    267 - Apr 4, 2014 - 22:39 Vai al commento »
    Obbedisco e resto a casa. A malincuore ma è necessario lanciare un segnale di forte protesta verso chi ci tratta da delinquenti. Questa è l'ennesima decisione scandalosa, sconcertante e offensiva nei confronti di una tifoseria sempre corretta. Simili provvedimenti per Recanatese-Maceratese sono un vero e proprio insulto sia per Macerata che per Recanati. Vergognatevi.  
  • Tardella: “Faremo i playoff alla grande”
    Di Fabio: “Non abbiamo mollato”

    268 - Mar 23, 2014 - 21:30 Vai al commento »
    Si, Saveri. Lei ha visto un'altra partita o è entrato a 10 minuti dalla fine. Meglio la Lube, forse la pallavolo è più consona ai suoi gusti e alle sue capacità di analisi. 
  • L’Ancona dilaga alla fine
    Maceratese, sconfitta con onore

    269 - Mar 23, 2014 - 20:10 Vai al commento »
    Lo stesso Schiavoni, in tribuna, non ha avuto il coraggio di replicare ad un tifoso biancorosso che gli ha fatto i complimenti per la sportività della sua squadra dopo il quarto gol, limitandosi ad annuire e a dare ragione a chi lo ha criticato.  Non voglio parlare di calcio (chi era presente allo stadio ha visto una partita il cui risultato è inversamente proporzionale al gioco espresso dalle due squadre), mi basta solo evidenziare come lo striscione in onore di Marco Mei esposto dalla curva locale  si contrapponga al becero atteggiamento degli anconetani, fortissimi giocatori ma debolissimi uomini.   
  • Scuola Anna Frank e circhi animeranno il Consiglio comunale

    270 - Mar 23, 2014 - 0:26 Vai al commento »
    @Principi chieda ai 500 concittadini che hanno firmato una petizione su questo argomento se si tratta o meno di una battaglia di civiltà.   
  • Maceratese, tutto nel finale
    Micidiale uno-due all’Amiternina

    271 - Mar 16, 2014 - 23:35 Vai al commento »
    Il mio pensiero in estrema sintesi: 1- Complimenti e onore ai tifosi presenti in Abruzzo; 2- mi dicono che si è trattato di una vittoria ottenuta con il cuore e l'orgoglio, qualità scomparse con Favo e riapparse con Di Fabio: probabilmente il "professore" dei miei c... avrebbe perso anche oggi 3- possiamo fare un bel finale di campionato ed arrivare ai play off (tutt'altro che inutili, anzi!) dalla seconda posizione 4- che fine ha fatto Saveri? E' in silenzio stampa fino alla prossima sconfitta?
  • Maceratese, 7 gol e merenda al Bojano
    La Tardella ci ripensa:
    “Ho deciso di rimanere”

    272 - Mar 9, 2014 - 22:21 Vai al commento »
    Leggendo il commento di ARMATA  mi è venuta la pelle d'oca e dal mio cuore è affiorato lo stesso grido che ogni domenica esprimo con tutto me stesso: NOI SIAMO MACERATESI! Questo significa amare la Rata, questo significa essere sempre propositivi e mai disfattisti, questo significa essere tifosi: ripartire insieme, far tesoro degli errori che TUTTI abbiamo commesso e lavorare per portare la nostra squadra dove merita. Grande Armata, non so chi sei ma "te voglio vè"!!!
  • Maceratese, il ritorno di Guido Di Fabio
    “Adesso 9 partite col coltello tra i denti”

    273 - Mar 5, 2014 - 22:28 Vai al commento »
    Condivido in toto le parole dell'amico Andrea Marchiori. Siamo divisi da idee politiche divergenti ma la grande passione per il calcio cittadino ci unisce anche se, tanti anni fa (credo si tratti di un epoca in cui c'erano ancora i tirannosauri), lo stesso calcio cittadino (Lui Robur, io Invicta) ci contrappose fortemente... Scherzi a parte, Andrea ha ragione. Di Fabio ha dato e ha ricevuto molto da Macerata. Considero Favo un pochino più "tecnico" di Guido ma, allo stesso tempo, del tutto incapace di fronteggiare le situazioni difficili, di gestire lo spogliatoio e di motivare il gruppo (si veda l'Ancona dello scorso anno). Una sorta di "professore" poco portato alla comunicazione e all'empatia con i suoi alunni. Di Fabio, per contro, ha sempre dimostrato il contrario. Con lui la Maceratese è stata un gruppo solido e compatto, magari esprimendosi a volte in maniera non consona al suo effettivo potenziale ma con una grinta ed una solidità invidiate da tutti. In questa fase il suo ritorno era la cosa più naturale, più ovvia. Al contrario delle sue dichiarazioni, per il bene della Maceratese mi auguro che abbia rivincite da cercare. Non per dimostrare qualcosa contro qualcuno, semplicemente per avere motivazioni più toste e caricare la squadra a dovere. Oggi ha a disposizione una rosa ben più forte di quella avuta ad inizio campionato quando, secondo me, lui stesso e Cicchi sbagliarono totalmente la campagna acquisti. Sistemi la difesa (Arcolai e Benfatto con quest'ultimo capitano e bandiera biancorossa)  e conceda la possibilità ai ragazzi del nostro settore giovanile di avere un punto di riferimento, un esempio in prima squadra da raggiungere.  Le sue capacità di gestione del gruppo potrebbero fare la differenza in questo scorcio di campionato. In bocca al lupo, mister!
  • Lutto a Macerata
    E’ morto Claudio Cuppoletti

    274 - Feb 9, 2014 - 21:40 Vai al commento »
    Falli ride a tutti. Ciao amico mio!
  • Rabbia Civitanovese, l’Ancona vince
    con il minimo sforzo

    275 - Gen 26, 2014 - 19:33 Vai al commento »
    A bocca aperta dopo un gesto così bello. Sinceramente, grazie.
  • Malore dopo il derby,
    muore storico tifoso

    276 - Gen 20, 2014 - 18:42 Vai al commento »
    Forza Alessandra e forza Marco. Non ci sono altre parole.
  • Annuncio choc della Tardella
    “A fine anno lascerò la Maceratese”

    277 - Gen 11, 2014 - 17:08 Vai al commento »
    Signor Salvi. lei definisce civile l'intervento n.38? Così come tutti gli altri in cui si appella con il maschile e con il femminile una persona? Qui non si tratta di pareri contrari, ma di semplice rispetto. Quello che anche a lei, evidentemente, manca del tutto.
    278 - Gen 11, 2014 - 16:46 Vai al commento »
    Quoto Jack Rayan anche nella punteggiatura e invito la redazione di CM a non pubblicare i commenti di chi, come il signor Francesco Saveri, è capace solamente di offendere. Nemmeno al bar dello sport ci si può permettere di definire gli altri come "pecoroni assudditati dai soldi" senza prendere due schiaffi o una querela. Basta con questo delirio, per cortesia intervenite.
    279 - Gen 10, 2014 - 21:33 Vai al commento »
    Comprendo l'amarezza e lo scoramento oltre ad esprimere la mia personale solidarietà alla dottoressa Tardella. A questo punto faccia pure quanto annunciato, del resto dopo tale dichiarazione c'era una coda di gente lunga un chilometro fuori dalla sede della Maceratese. Tutti a spintonarsi e a gridare "la prendo io la societa!", "No, c'ero prima io!" eccetera. Adesso si tratta solo di scegliere il migliore che, in ogni caso, resterà tre anni poi se ne andrà. La storia vissuta qualche anno fa con Monachesi non ha proprio insegnato nulla... La storia siamo noi, nessuno si senta offeso, siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo. La storia siamo noi, attenzione, nessuno si senta escluso. La storia siamo noi, siamo noi queste onde nel mare, questo rumore che rompe il silenzio, questo silenzio così duro da masticare. E poi ti dicono "Tutti sono uguali, tutti rubano alla stessa maniera". Ma è solo un modo per convincerti a restare chiuso dentro casa quando viene la sera. Però la storia non si ferma davvero davanti a un portone, la storia entra dentro le stanze, le brucia, la storia dà torto e dà ragione. La storia siamo noi, siamo noi che scriviamo le lettere, siamo noi che abbiamo tutto da vincere, tutto da perdere. E poi la gente, (perchè è la gente che fa la storia) quando si tratta di scegliere e di andare, te la ritrovi tutta con gli occhi aperti, che sanno benissimo cosa fare. Quelli che hanno letto milioni di libri e quelli che non sanno nemmeno parlare, ed è per questo che la storia dà i brividi, perchè nessuno la può fermare. La storia siamo noi, siamo noi padri e figli, siamo noi, bella ciao, che partiamo. La storia non ha nascondigli, la storia non passa la mano. La storia siamo noi, siamo noi questo piatto di grano. Francesco De Gregori
  • Maceratese irriconoscibile
    In 11 contro 8 pareggia col Termoli

    280 - Gen 6, 2014 - 1:23 Vai al commento »
    La discussione è veramente ricca e stimolante, rarissimo leggere così tanti commenti ad un servizio inerente la Maceratese (derby con Citanò esclusi). Forse il numero dei post è direttamente proporzionale al numero degli spettatori, oggi sicuramente più dignitoso rispetto ad altre occasioni: in tal caso, ben vengano tutti, anche quelli che ti lasciano l’amaro in bocca. Ben vengano i critici, i tecnici, i tifosi da due/tre partite a stagione e quelli che se le fanno tutte (trasferte comprese). Ben vengano quelli che scrivono tanto per esprimere un “Forza Rata” e quelli che analizzano le partite dal primo all’ultimo minuto. Gli unici che, a mio modestissimo parere, non sono (o non dovrebbero essere) i benvenuti sono quelli che proprio non riescono a pensare neanche un nanosecondo prima di smanettare sulla tastiera e ci deliziano (si fa per dire) con giochi di parole che potrebbero risultare vagamente (si fa per dire anche qui) offensivi: il riferimento alle battute sul genere (lui/lei) non è puramente casuale e si commenta da solo come, del resto, le tante manine verdi che ne attestano condivisione. Passo alla partita, è meglio. Abbiamo pareggiato giocando in superiorità numerica per oltre un’ora. Tale superiorità è divenuta schiacciante negli ultimi 35 minuti e addirittura imbarazzante nell’ultimo quarto d’ora (qualcuno stava addirittura ripensando a Salernitana-Nocerina…). Chi scrive che partite del genere si dovrebbero vincere sempre, ha ragioni da vendere così come ha ragione l’ottimo Valentini quando sostiene che i cross e i lanci non erano l’arma migliore per sfondare l’eccellente retroguardia del Termoli. Ci sono partite in cui tutto va storto, oggi questa è stata la nostra sorte. Qualcuno ricorda la partita in casa con la Recanatese dello scorso anno? Oggi è andata esattamente così: Patania ha fatto il Paniccià, la difesa molisana (soprattutto i due straordinari centrali) ha fatto il resto. La nettissima superiorità numerica, però, ha legittimato qualche fischio che, per quanto mi riguarda, non drammatizzerei troppo: fa parte del calcio ed è un diritto di chi paga il biglietto esprimere civilmente il proprio disappunto e la propria delusione. Io li ho applauditi comunque, almeno per tributarne l’impegno che mi pare non sia mai venuto meno per tutta la durata della gara. Ciò che mi ha dato fastidio, piuttosto, è stato l’atteggiamento di Cavaliere a fine partita: non sono riuscito a comprendere una sola parola, ma mi è parso alquanto arrabbiato e, dalla mimica, era chiaro che avesse qualcosa da dire ai tifosi della tribuna.   Due settimane fa avevo lasciato un commento piuttosto critico nei confronti della prestazione dei nostri contro l’Isernia: se avevo ragione nella mia analisi, significa evidentemente che stiamo attraversando un periodo negativo rispetto al quale l’allontanamento (o le dimissioni) di Bacchi c’entrano poco. Di conseguenza, parlare di un ambiente turbato da questo avvenimento mi pare poco sensato, caro Phil: piuttosto ho la sensazione che l’ambiente sia poco disteso fin dall’inizio della stagione e, in tal senso, i macroscopici errori commessi in fase di campagna acquisti estiva hanno di sicuro il loro peso specifico. Qui si potrebbe aprire una parentesi amplissima (perché Marani va al Carpi per essere “girato” ad un’altra squadra di serie D? Perché lo si rimpiazza con un portiere del ’93 che, giocoforza, tiene fuori Romanski fino a convincerlo ad andarsene? Perché è stato preso Borrelli sapendo che non avrebbe mai giocato nel suo ruolo? Perché…) ma mi fermo qui, voglio arrivare al punto, al “perché” che mi interessa maggiormente: perché perseguiamo il male della Maceratese? Sia chiaro: non mi riferisco alle critiche alla squadra o al tecnico - questi passano prima o poi – ma alla società. Troppo facile ricordare che, non molto tempo fa, fu solo grazie alla vittoria della Vis Pesaro se riuscimmo ad evitare la retrocessione in Promozione: ci siamo resi conto davvero del progetto che sta nascendo a Macerata? Avete mai visto la struttura che è nata a Collevario? C’è qualcuno di voi che porta i propri figli ad imparare a giocare al calcio in quella struttura? Avete notato il livello tecnico/umano/educativo degli allenatori e dello staff del settore giovanile? Avete mai pensato all’investimento che è stato fatto, al lungo termine, alla prospettiva futura dello stesso? Qualcuno ha tenuto in debita considerazione la regolarità (anzi, addirittura l’anticipo!!!) nel pagamento dei rimborsi dei giocatori? I conti in ordine, la serietà, il prestigio, il buon nome della Maceratese sono elementi di poco conto? Le vicende civitanovesi, quelle abruzzesi e molisane non insegnano nulla? Io non voglio “beatificare” Mariella (lo testimoniano le mie attestazioni di stima consegnate a queste pagine che non sono mai arrivate all’”idolatria” o, peggio, al cosiddetto “lecchinaggio”) ma, più semplicemente, rappresentarle riconoscenza per quanto sta facendo per la Maceratese che – lo sottolineo ancora – non è soltanto la prima squadra ma un intero, complessivo progetto (quanto hai ragione, Massimiliano68…) che riguarda i nostri figli e il nostro futuro. Non posso dar torto a Vittorio: il ruolo pubblico ti espone a particolare attenzione e le scelte che fai non possono e non debbono tener conto delle eventuali antipatie e delle critiche che ricevi: quando però si arriva a scrivere che è meglio che lasci il posto ad altri, addirittura “insieme ai (tuoi) politici leccapiedi”, credo si passi nettamente il segno (chi sarebbero poi questi politici leccapiedi? Non mi pare che la Tardella abbia usato il guanto di velluto nei confronti dell’amministrazione comunale, o no?). C’è un limite a tutto. Anche quando si parla al Bar dello Sport. Figuriamoci quando si scrive su un quotidiano online. A costo di venire considerato poco democratico, sottolineo con forza la necessità di darsi una regolata, di evitare di abbandonarsi ad orgasmi tastieristici e di riflettere maggiormente (io per primo che in passato mi sono lasciato travolgere dalla rabbia dopo l’ultimo derby perso a Civitanova) prima di premere il tasto di invio. Dopo Monachesi vennero Auriemma, Rovelli e tanti altri affaristi che avevano a cuore solo il proprio tornaconto personale: venne la serie D poi l’Eccellenza, vennero lunghissimi anni di travaglio in cui allo stadio quasi ci si salutava uno per uno, vennero le peggiori figuracce della nostra Rata, derisa e sbeffeggiata in tanti campi, persino quelli rionali. Dopo la Tardella? Non sarà il caso di provare a rispondere a questa domanda prima di premere il tasto “invio”?
  • Maceratese, ritorno alla vittoria
    Mariella, ritorno allo stadio

    281 - Dic 23, 2013 - 10:50 Vai al commento »
    @massimiliano68 chiedo perdono!
    282 - Dic 23, 2013 - 0:35 Vai al commento »
    No, caro coca cola, non la chiudo qui. Innanzitutto per dirle che il "fosso" è un nomignolo affibbiato alla curva proprio da chi la frequenta (qualcuno la chiamava così già vent'anni fa, quando la frequentavo anch'io) proprio per indicarne la scomodità e la pessima acustica che la caratterizzano. Non scriva (o non lasci intendere), per cortesia, che il sottoscritto manca di rispetto ai ragazzi della curva sia perchè sono più convinto di lei del fatto che sono quelli che sostengono maggiormente la squadra sia perchè è piena di tantissimi amici che si fanno il mazzo per la Maceratese, qualcuno addirittura da più di trent'anni. So bene che siamo al terzo posto in classifica e che, se la squadra dovesse finire la stagione tra le prime cinque, sarebbe comunque un gran successo. Ciò non toglie che la prestazione di oggi - così come quella di sabato scorso - mi preoccupi per il proseguo del campionato, soprattutto in vista del terribile mese di gennaio che ci aspetta (Termoli, Fermo, Civitanovese e Celano). Le ripeto: il 90% delle persone presenti oggi allo stadio ha visto una partita diversa da quella che ha visto lei. E, lo assicuro, nessuno di questi è un criticone o uno sfascista. Sono innamorato della Rata al punto che non tifo nessun altra squadra (condivido lo slogan "ma quale serie A, tifa la squadra della tua città!") quindi, immagino, remiamo tutti dalla stessa parte ma cerchiamo di rispettare le opinioni altrui senza bollarle come provenienti da chi il calcio non lo "capisce". Per non rivolgersi a questo qua sopra che, addirittura, parla di pregiudizi...
    283 - Dic 22, 2013 - 22:07 Vai al commento »
    @ Coca cola Certo che ero allo stadio, come sempre da trent'anni a questa parte. Non so se capisco qualcosa di calcio, so che lo pratico ancora oggi nonostante la veneranda età e i tanti acciacchi...ma tant'è...era scritto che dovessi prendermi anche questa... Mi permetto di darle un consiglio, si legga la cronaca live qui su CM: troverà senz'altro le bellissime giocate odierne di Conti, Romano e Borrelli. Mi conforta l'aver visto la partita insieme ad altre persone (tutte d'accordo nel giudicare negativa la prestazione della Rata fino al rigore del 2-0) altrimenti il suo punto di vista mi avrebbe fatto cadere in depressione e convinto a cambiare sport e seguire la Lube. Questione Belkaid: sulla forma fisica, visto che il ragazzo fa anche l'allenatore dei ragazzini, probabilmente ha ragione lei. Sul fatto che oggi non abbia corso o non abbia cercato il pallone mi viene da pensare che forse sia proprio lei ad aver visto un'altra gara o ad aver bisogno degli occhiali (se era in curva la capisco, dal fosso la partita si vede decisamente male). Ha battuto due corner: sul primo abbiamo sfiorato il gol (se non sbaglio), sul secondo ha segnato Benfatto (e qui non sbaglio di sicuro). Su quelle che lei definisce "critiche gratuite" stendo un velo pietoso...
    284 - Dic 22, 2013 - 20:00 Vai al commento »
    Il ritorno di Mariella allo stadio mi ha colto di sorpresa: è stata una grandissima, inaspettata gioia per tutti i (pochi, ahimè...) presenti. Per lei è sicuramente la fine di un incubo, per tutti la sospensione di una condanna che più ingiusta non si può. Sulla Rata - mi spiace - vado un po' controcorrente. Avevamo di fronte un avversario sicuramente grintoso ma modestissimo, una squadra zeppa di under con il solo Panico a rappresentare la compagine che aveva iniziato la stagione. E siamo stati brutti, bruttissimi fino al rigore del 2-0 tanto che, sinceramente, ho temuto che potesse scapparci la beffa. Passaggi elementari sbagliati, errori a ripetizione, pochissima profondità e, soprattutto, nessun tiro in porta ad eccezione del gol. Bene la difesa (ma di fronte avevano praticamente il nulla), a centrocampo tanta sostanza da parte di Perfetti ma sia Conti che Romano oggi sono stati inguardabili. Borrelli, infine, è in crisi profonda, non gli riescono neppure le cose più elementari. Dopo il secondo gol di Ambrosini, ovviamente tutto è diventato più facile ma prima di allora la prestazione dei nostri è stata assolutamente negativa. Mi auguro che l'approccio alla gara abbia risentito del valore dell'avversario perchè - ne sono convinto - se avessimo affrontato una squadra leggermente più attrezzata oggi saremmo stati puniti pesantemente. Complimenti a Belkaid, ottima prestazione. Forse è il caso di iniziare ad utilizzare maggiormente quei giocatori che ci mettono il cuore e la grinta come lo stesso Belkaid, Benfatto e Perfetti.
  • Palas, convenzione Lube-Comune
    “Sarà valida fino a giugno 2014”

    285 - Dic 19, 2013 - 18:14 Vai al commento »
    Gentilissimo Carlo, oltre a condividere anche le virgole del suo scritto, mi permetto di correggere la cifra da lei menzionata: un palas del tutto nuovo avrebbe un costo nettamente superiore, dagli 8 ai 10 milioni di euro mentre le ipotesi dell'ampliamento del Fontescodella (rispetto alle quali la Lube ha prima affermato di contribuire alle spese poi, con un incredibile dietrofront, lo ha negato facendo passare per matto il sindaco) partono dai 2 milioni in su. Un cordialissimo saluto.
  • Ufficiale: Cristian Pazzi è dell’Ancona

    286 - Dic 13, 2013 - 22:02 Vai al commento »
    Un esempio di umiltà...
  • La società non paga i rimborsi
    Civitanovese nel caos, salta l’allenamento

    287 - Dic 13, 2013 - 20:38 Vai al commento »
    Pur con tutti i suoi limiti, mi sa che Antonelli era un gran signore rispetto a questo Di Stefano. Se questa crisi non rientra, il campionato risulterà definitivamente falsato. Dopo Bojano, Isernia, probabilmente Sulmona, se anche la Civitanovese dovesse "scoppiare" il girone sarà trasformato in un'autentica barzelletta. Dire "io lo avevo detto" è sempre la consolazione degli sciocchi, di certo erano tante le nuvole che offuscavano il cielo della riviera già dalla scorsa estate. Sarà perchè l'ho vissuto pochi anni fa ma io il fallimento non lo auguro a nessuno. Neppure agli odiati cugini.
  • A vent’anni da “Città Solidale”

    288 - Dic 4, 2013 - 22:22 Vai al commento »
    Gentilissimo Cherubini, due domande se me lo concede. Quali sarebbero le casacche da me cambiate? Se si escludono le scissioni, ho cambiato una volta soltanto e, almeno credo, per motivi più che validi. Il passaggio PCI-Rifondazione è stato il risultato di una scissione che ha riguardato tanti compagni così come quello da Rifondazione ai Comunisti Italiani. L'unica casacca cambiata è rappresentata da Italia dei Valori, altro partito oggi scomparso. Tanto che oggi, in consiglio comunale, faccio parte del gruppo autonomo. Se magari si informasse meglio prima di scrivere, eviterebbe di fare paragoni imbarazzanti come quello con Ibrahimovic. Se ha letto bene, il mio post è semplicemente un ricordo di una esperienza amministrativa passata (quella attuale non la commento più da tempo) che ho contributo a far nascere e a far crescere. Una esperienza che ricordo sempre con grande piacere (quindi la penso esattamente come lei) tanto che, proprio per quelle disgraziate scelte di alcune forze politiche nel lontano 1997 (ciò che lei chiama "partitocrazia"), sono uscito da Rifondazione per aderire al PdCI l'anno successivo. Per essere ancora più chiaro, lasciai Rifondazione proprio a causa della sua scelta di non ricandidare Gian Mario Maulo. Io non ho la pretesa di spiegare la politica a nessuno, spero non vorrà togliermi il diritto di contribuire ad arricchire una memoria storica con ricordi personali: questo era l'unico intento del sottoscritto. Non riesco proprio a comprendere il motivo di tale acredine vieppiù dimostrata da lei nei miei confronti. Saluti.
    289 - Dic 4, 2013 - 17:37 Vai al commento »
    Carissimo Placido, "è un'altra storia" in senso temporale, un altro capitolo della storia di Macerata, successivo a quello di Città Solidale. Ognuno valuta le cose con il proprio metro di giudizio, è chiaro e inevitabile: per me quell'esperienza non fu negativa nè tantomeno propedeutica ad errori commessi successivamente. Fu di certo un'esperienza di "rottura" con il passato: certi schematismi saltarono, altri e nuovi si consolidarono, altri ancora si riproposero ma - lo ripeto - se ci fosse stato un seguito probabilmente si sarebbe riusciti ad aggiustare il tiro rispetto ad alcuni eccessi e ad alcuni errori. Non voglio ripetere quanto scritto da Maulo, certe conquiste di allora sono sotto gli occhi di tutti. Possono essere criticate ma disconosciute proprio no. Nel 1997 vinse il centro destra con Anna sindaco. Chi c'era in giunta? Forza Italia, l'allora UDC (come si chiamava? CDU?), Destra di Popolo (?), Alleanza Nazionale, insomma tutto lo schieramento! Quindi non scandalizzarti se scrivo che vinse il centro destra! Poi le cose andarono come sappiamo tutti: la giunta, dopo diversi rimpasti, si affrancò dai partiti dello schieramento e divenne un soggetto del tutto disancorato dal consiglio e dalla maggioranza che avrebbe dovuto sostenerla. Alcune battaglie condotte da te e da Anna meriterebbero di essere riviste e, magari!, addirittura riprese. Ciò non toglie che la responsabilità della caduta di quell'amministrazione sia da ascrivere allo stesso centro destra che vi tolse il sostegno; il centro sinistra, assecondando quella crisi, si limitò a fare semplicemente il suo dovere. Un caro saluto, al prossimo svapo!
    290 - Dic 4, 2013 - 14:30 Vai al commento »
    E’difficile giudicare con obiettività un’esperienza, un vissuto quando ti ha assorbito una fase della vita vent’anni or sono. Si rischia di cadere nel cosiddetto “reducismo” o, ancor peggio, di confondere/contaminare quella esperienza oggettiva con lo stato d’animo personalissimo con il quale la stessa ti ha accompagnato. Nel mio caso specifico, si trattava della mia “prima volta” in consiglio comunale, a soli 24 anni. Eravamo in cinque nel gruppo di Rifondazione Comunista: accanto a me il capogruppo Carlo Migliorelli, l’indimenticato e indimenticabile Fabrizio “Just” Giustozzi, il giovanissimo (credo uno dei più giovani consiglieri eletti della storia maceratese) Michele Lattanzi e il non ancora quarantenne Luciano Borgiani. Ricordo quel ballottaggio come fosse ieri: agli slogan decisamente populisti di Masino Ercoli (che allora rappresentava il passato, quel pentapartito da sempre al governo della città) opponemmo, con Gian Mario Maulo, una discussione articolata sul programma, sulle cose da fare per rilanciare Macerata. Davide contro Golia, per certi versi, tanto che la consapevolezza della sconfitta aleggiava nelle coscienze di molti di noi anche se… Debbo ammettere che chi ci credeva più di tutti era proprio Gian Mario: ad ogni incontro cresceva sempre più e, tra gaffes madornali di altri candidati e la sicumera tipicamente democristiana (anzi, Popolare) di quegli anni, acquistava simpatia e credibilità. Tangentopoli fece il resto spazzando via i partiti della “Prima Repubblica” e assegnando a quella nostra sinistra (PDS, PRC, la Rete e la lista civica Città dell’Uomo) il consenso necessario per governare la città. Forse fu proprio la vittoria inaspettata (in tanti, quella domenica sera, esclamarono “e adesso che facciamo?”) a darci quell’entusiasmo, quell’allegria, quel gusto di lavorare insieme di cui parla Gian Mario, di certo tante cose buone riuscimmo a farle in un clima di scetticismo generale ma, al tempo stesso, di grandi aspettative nei confronti di una compagine di governo costituita in gran parte da esordienti. Maulo ha elencato tante delle cose costruite insieme in quei quattro anni, dal mio punto di vista vorrei sottolineare ulteriormente come quell’esperienza amministrativa segnò il destino dei servizi sociali maceratesi: è vero, si passò dal mero concetto di assistenza a quello del servizio vero e proprio inteso come diritto e non come concessione, quasi come si trattasse di carità o benevolenza. Dal 1997 in poi le amministrazioni che seguirono (Menghi, Meschini, Carancini) dovettero rapportarsi con un’altra “cultura” dei servizi sociali, quella cultura che oggi fa di Macerata una delle città più avanzate in Italia per la quantità e la qualità dei servizi erogati. Tutto andò nel migliore dei modi? No, assolutamente. Lo stesso Gian Mario lo ammette. Pagammo sicuramente l’inesperienza, a volte un eccessiva radicalità (come nel caso della repentina e severissima pedonalizzazione del centro storico) ma, tutto sommato, si trattò di una buona esperienza di governo che avrebbe meritato maggior fiducia da parte delle forze politiche. A livello nazionale, i rapporti tra PDS e Rifondazione, soprattutto a causa del massimalismo di Bertinotti, si erano raffreddati e, di lì a poco, proprio l’allora segretario del PRC sancì la fine dell’esperienza dell’Ulivo inaugurando la fase delle “due sinistre”. Anche a Macerata i rapporti tra i due partiti iniziarono a deteriorarsi e Rifondazione, probabilmente cadendo in un “trappolone” ordito proprio dal PDS, divenne il partito “anti Maulo”, di fatto sancendo la fine di “Città Solidale”. In quel 1997, principalmente per quel motivo, non rinnovai la tessera e, quasi “anticipando” la scissione dei Comunisti Italiani che puntualmente avvenne nel ’98, assistetti dall’esterno alla vittoria del centro destra guidato da Anna Menghi. Ma questa è già un’altra storia…  
  • Il Sulmona è allo sbando:
    “Contro la Maceratese
    la nostra ultima partita”

    291 - Nov 28, 2013 - 17:09 Vai al commento »
    Se ci pensate bene, la condizione del Sulmona è molto simile a quella da noi vissuta qualche anno fa, proprio in serie D sotto la gestione Ulissi. Anche noi partimmo con una buona rosa, disputammo alcune buone partite poi successe il finimondo e tutti i giocatori più forti, appena arrivato il mese di dicembre, si svincolarono. La Maceratese disputò gran parte della stagione con la juniores (senza mai subire grandinate di gol come invece sta avvenendo a Bojano) per poi rinforzarsi nel girone di ritorno grazie all'impegno di Mosca e Paci che acquistarono alcuni giocatori che ci consentirono di concludere degnamente il campionato sfiorando addirittura i play out. Certo, è cosa molto fastidiosa oggi il dover affrontare un Sulmona che - almeno nelle intenzioni - annuncia di voler onorare fino in fondo l'impegno assunto con i tifosi e la città per l'ultima volta proprio contro di noi... Così come è avvenuto qualche settimana fa a Bojano che, solo per pochi giorni, sembrava aver risolto tutti i problemi societari per poi ripiombare nella crisi più nera dopo averci fatto sputare sangue per ottenere i tre punti. Forse la soluzione più semplice è proprio quella proposta da vandesfroos che, tra il serio ed il faceto, cita una pratica sicuramente molto diffusa anche in questi campionati, soprattutto al cospetto di squadre e giocatori in gravi difficoltà economiche...Ma non è questo lo stile-Rata dunque non ci resta che confidare nella voglia di riscatto dei nostri magari facilitata da un clima di smobilitazione generale che, aldilà delle intenzioni, a Sulmona dovrebbe regnare sovrano.
  • Palas, Savi a Massaccesi:
    “Lube privilegiata, nessun insulto”

    292 - Ott 11, 2013 - 20:22 Vai al commento »
    Spettabile Lube Volley Innanzitutto ho scritto e ribadisco che le mie informazioni sono state acquisite attraverso una interrogazione in Consiglio Comunale dove alla stessa ha risposto, in nome dell’amministrazione, un assessore e non l’addetto alle pulizie. Di conseguenza, non c’è nessun tentativo di alterare la realtà dei fatti né di indirizzare l’opinione pubblica verso posizioni di comodo: l’assessore allo sport Alferio Canesin riferisce che la Lube Volley NON HA SOTTOSCRITTO per il terzo anno consecutivo la convenzione con il Comune di Macerata, prassi invece seguita da tutte le altre società sportive maceratesi che gestiscono impianti pubblici. Perché ciò non è avvenuto? Ripeto: forse perché ritenete gli 85.000 euro un contributo (io mi ostino a definirlo tale) inadeguato? Questa domanda resta senza risposta. Tutti i soggetti citati come fruitori del Fontescodella – cerchiamo di non prenderci in giro almeno in questo – sono fruitori occasionali (citate addirittura le feste di carnevale e le convention bancarie riferite a Banca Marche, istituto bancario che ha legato il suo nome al vostro) i quali hanno accesso alla struttura solo quando e se la stessa non è utilizzata dalla Lube (e questo, sia chiaro, può essere anche legittimo). Più in generale però, fa specie l’accostamento del dorato mondo del professionismo sportivo (con le ricche sponsorizzazioni, i diritti televisivi e quant’altro) a quello della società dilettantistica di pallavolo femminile e al liceo scientifico come se questi ultimi avessero le stesse esigenze della Lube Volley ma tant’è… Veniamo agli oneri e alle utenze. Queste ultime, riferite all’anno 2012, ammontano a 110.000 euro e per il 2013 non saranno inferiori. Credete davvero che l’utilizzo del Fontescodella da parte dei fruitori occasionali comporti spese di tal guisa? Ma, soprattutto, non ritenete sbilanciato a vostro favore gli oneri della gestione della struttura? Io credo, piuttosto, che il giro di affari che ruota attorno alla pallavolo professionistica – anche grazie all’uso del palasport – avrebbe richiesto ben altro corrispettivo che i semplici oneri di custodia e di pulizia della struttura stessa. Parliamoci chiaro, una volta per tutte: l’amministrazione comunale, probabilmente sentendosi in colpa per non aver saputo dare una risposta a OGNI vostra esigenza, ha cercato di favorirvi il più possibile sotto l’aspetto della gestione del Fontescodella: questo è il mio pensiero. L’ultima parte del vostro comunicato apre una discussione che è veramente difficile da affrontare in poche righe: in parole povere, voi sostenete che “il palasport è una materia che riguarda il pubblico, e l’eventuale intervento del privato sarebbe dunque fine a se stesso”. Questo passaggio io lo interpreto così:  al pubblico gli oneri di costruire e mantenere  i  palasport,  alla AS Lube Volley srl società a di capitali e quindi con fini di lucro, che opera nel mondo del professionismo, gli onori e i profitti pagando però l’utilizzo delle strutture sportive come le società dilettantistiche. Benissimo. Ognuno ha una propria filosofia, nello sport come nella vita. Non mi resta che augurarvi in bocca al lupo per la stagione che è appena iniziata e per il vostro futuro a Civitanova Marche. Cordialmente Alessandro Savi PS: mi pare sia stata la Lube Volley a chiedere un confronto pubblico, o sbaglio? Se non sbaglio ritengo debba essere la stessa Lube a fare la richiesta di convocazione della IV Commissione Consiliare alla segreteria del consiglio comunale o alla presidente della stessa commissione. Per quanto mi riguarda, ribadisco la disponibilità a rinunciare al gettone di presenza in modo tale da non gravare ulteriormente sul bilancio del Comune di Macerata.   
  • Maceratese, con un Borrelli così sognare è lecito

    293 - Ott 7, 2013 - 21:24 Vai al commento »
    La somma algebrica è uno degli appuntamenti settimanali che aspetto con più curiosità. Oggi più che ieri (magari l'altro ieri) quando c'era una rubrica in TV chiamata "Biancorossoblù" (brrrr...).  Giornalismo d'altri tempi, sempre di grandissimo spessore. E pensare che c'è qualcuno che, nella carta stampata, utilizza i post di CM per scrivere articoli (altro brrrrrrrr...). Caro Enrico, la tua pensione è ancora lontana, vero?
  • La Maceratese tra una sostituzione sbagliata e l’enigma Ionni

    294 - Ott 1, 2013 - 0:55 Vai al commento »
    Gli scritti di Enrico Scattolini e di Phil Vannucci sono i miei preferiti perchè sprizzano passione biancorossa da tutti i pori e sono ricchi di gustosissime informazioni alle quali molti di noi, per ovvie ragioni, non riescono ad accedere. Una correzione a testa: il gol di Cognigni, caro Enrico, non era in fuorigioco. L'arbitro era in linea e, fermando il filmato al momento del lancio, si vede chiaramente che l'attaccante del Matelica era in posizione regolare. Per quanto riguarda Favo, caro Phil, mi pare che il Teramo ammazza-campionato sia storia più antica rispetto alla scorsa stagione quando l'Ancona era considerata la favorita per la vittoria finale (scrivo "mi pare" perchè potrei tranquillamente sbagliarmi, in tal caso chiedo venia). Per quanto riguarda il resto, l'analisi di Enrico non mi pare così peregrina, anzi. Il vero problema, a mio avviso, sta nel fatto che questa squadra è stata allestita malissimo: Non conosco le "limitazioni" (eventuali) che Cicchi ha avuto dalla società nello scegliere sia under che over, il dato di fatto è che abbiamo inutili doppioni in alcuni ruoli e, nel contempo, altri ruoli risultano scoperti o coperti da giocatori che non sono all'altezza. Perfetti schierato come terzino fa riflettere o no? Un portiere under - ma del '93 - che tiene necessariamente fuori Romanski ha senso o no? A tutto ciò si aggiunga una difesa ballerina come non mai con un Arcolai irriconoscibile, un Santini che pare la brutta copia di quello dell'anno scorso a Pesaro e, più in generale, un intero reparto che sembra non fidarsi affatto dell'estremo difensore. Lo ripeto da settimane: è assolutamente necessario intervenire sulla difesa più che sull'attacco. La sicurezza, la disinvoltura delle squadre parte da quel reparto. Se traballa la difesa tutta la squadra ne risente. Tanto più che adesso in mediana, mi pare di poter dire che siamo a postissimo e che, anzi, ci sono diversi centrocampisti da sfoltire. Sistemiamo prima la retroguardia poi pensiamo all'attacco: la rimonta di Matelica serva da lezione a tutti. Saluti
  • Maceratese umiliata a Civitanova Rossoblù, vittoria e vetta

    295 - Set 16, 2013 - 23:55 Vai al commento »
    Ognuno è orgoglioso della propria storia, delle proprie radici, della propria cultura: io sono Maceratese e me ne vanto. Non ho mai rinnegato la mia città, le mie origini, il mio essere maceratese e, anzi!, l’ho sempre esaltato di fronte a qualsiasi persona e in qualsiasi contesto. Non è un caso che il sottoscritto sia l’unico “politico” a firmarsi con nome e cognome. Sono uno di quei maceratesi che “je se slarga la vocca solo a nominalla” Anche quando ero assessore, signor Tesei. Non lo sono più da quasi cinque anni, è un’esperienza che risale al periodo in cui il Presidente della Provincia era Giulio Silenzi, il vostro vice-sindaco, un politico ed un uomo che stimo e stimerò sempre moltissimo. Ma, le assicuro, quando lo ero, gli unici problemi che ho avuto hanno riguardato la passata amministrazione della sua città. Mi creda, signor Tesei: è stato davvero difficile rapportarsi con quella amministrazione che, per pura e semplice contrapposizione politica (e ideologica), non ha aderito a progetti importanti nel campo dei servizi sociali e ha spacciato per proprie alcune iniziative che partivano dalla provincia. Spero che, almeno rispetto a questo, la pensiamo alla stessa maniera visto che, con il suo voto, ha contrastato quella amministrazione e sostenuto il suo attuale Sindaco, gran brava persona. Ma, a prescindere dalla politica, sappia signor Tesei che io non sono affatto a caccia di voti dei “pistacoppi”, questa è l’ultima delle mie preoccupazioni. L’ho dimostrato ampiamente, in più di una occasione. A Macerata sanno perfettamente come e quanto mi sono speso pubblicamente per aiutare la società nei tanti (purtroppo) momenti difficili vissuti nel nostro recente passato.  Nel mio piccolo, ho dato un contributo, di certo meno importante rispetto a quello che ha dato il vostro attuale assessore allo sport che ha contribuito in maniera determinante alla soluzione della crisi che ha attanagliato la vostra Civitanovese. Il mio commento era semplicemente ironico, il suo è semplicemente offensivo. Mi definisce imbecille e buffone: potrei querelarla ma non lo farei mai perché lei, contrariamente a tanti altri buffoni ed imbecilli, ha il coraggio di firmarsi con nome e cognome. E per questo la rispetto e la stimo. Ripeto: la mia era solo ironia. Di certo meno offensiva rispetto a tanti insulti volgari e volgarissimi che sono volati su questa pagina. Ho ricevuto “manine rosse” anche dalla mia città, da avversari politici ma anche da tutti coloro che non hanno colto l’ironia del mio scritto. E me ne dolgo ma, nel contempo, non me faccio un cruccio perché non debbo dimostrare niente a nessuno. Sia ben chiaro: NON DEBBO DIMOSTRARE NIENTE A NESSUNO. LO DICO E LO SCRIVO A TESTA ALTA perchè seguo la mia amatissima Rata da più di trent’anni, perché ogni volta sarò presente a Civitanova, nelle trasferte che potrò permettermi, allo stadio Helvia Recina (sempre) per sostenere la squadra della città che amo visceralmente e perchè, con sommo orgoglio e con la pelle d’oca, griderò: NOI SIAMO MACERATESI! Di nuovo, complimenti per la partita, per l’allenatore e per la squadra.  
    296 - Set 15, 2013 - 23:09 Vai al commento »
    Mai pensato che a Civitanova siano tutti ignoranti. Tuttavia, a giudicare dai vostri striscioni almeno fino all'anno scorso, probabilmente qualcuno della vostra tifoseria lo è o lo era. In ogni caso, la mia era solo ironia (siete anche un pochino permalosi?). Complimenti per la vittoria, meritatissima. Per quanto riguarda il tifo, chi ci definisce ridicoli forse è solo invidioso di fronte ad una tifoseria che, sullo 0-3, non ha mai smesso di incitare la propria squadra e di comunicarvi quanto vi odia. Saluti.
    297 - Set 15, 2013 - 21:24 Vai al commento »
    La notizia più clamorosa di questa domenica: a civitanova hanno imparato a scrivere non solo in un italiano quasi corretto ma addirittura in inglese. Lo striscione "Wish you were here" ne rappresenta l'esempio lampante. Pero', forse, chi lo ha scritto aveva in casa il vecchio album dei Pink Floyd e lo ha copiato. Bella notizia, davvero. La cultura della provincia sta facendo notevoli progressi persino a Civitanova Marche.
  • Caso Lube, Corvatta: “Nessuno scippo”
    Canesin: “Noi, dispiaciuti e all’oscuro”

    298 - Ago 1, 2013 - 22:00 Vai al commento »
    Sono pronto a scommettere che se non ci fosse stata la chiamata del sindaco Tommaso Corvatta a Carancini, l'amministrazione comunale di Macerata sarebbe stata tenuta all'oscuro di tutto. Conosco Tommaso, so che i valori dell'onestà e della correttezza fanno parte, da sempre, della sua persona e, ancora una volta, lo ha dimostrato pubblicamente. Mi permetto di esprimere alcune perplessità sulla spesa preventivata e mi permetto anche di consigliare all'amministrazione comunale di Civitanova di farsi aiutare dalla Lube nel finanziamento dell'opera così come avviene in tante parti del nostro Paese per squadre di volley e basket che, com'è noto, portano il nome di imprese private prima ancora di quello delle città. Metà per uno non farebbe male a nessuno, soprattutto non farebbe male al bilancio comunale di Civitanova Marche con particolare riferimento ai servizi sociali. Del resto, Canesin ha tutte le ragione del mondo quando afferma che qualora la Lube fosse stata disponibile a dare una mano al Comune di Macerata, probabilmente il palas sarebbe stato ampliato in pochissimo tempo. Auguri alla Lube e auguri a Civitanova Marche. Personalmente non mi straccio le vesti nè mi cospargo il capo di cenere.
  • Savi: “Turismo, lanciamolo anche on line”

    299 - Lug 29, 2013 - 22:03 Vai al commento »
    Maurizio, non chiedo tanto, ci mancherebbe! Solo il piccolissimo sforzo di completare i siti dei comuni e di pubblicizzare in essi le tante iniziative del territorio. Sarebbe un buon inizio, non ti pare? Un caro saluto.
  • Ricorso respinto, sparisce la Sambenedettese

    300 - Lug 28, 2013 - 2:35 Vai al commento »
    Caro Fede Rossoblu, hai ragioni da vendere quando scrivi che la tifoseria di SBT è la prima vittima di ciò che è avvenuto. Tuttavia è meglio che ti informi (non dai tuoi amici civitanovesi) quando parli di occasionalità riferendoti alla Maceratese. Discorso lungo, lunghissimo ma semplicemente assurdo se definisci i tifosi biancorossi come "occasionali". Basta con questa storia, davvero basta. E' una caxxata pazzesca che fa imbestialire tutti. Soprattuto dopo quello che abbiamo vissuto a Macerata. Il rispetto c'è solo se è reciproco. In bocca al lupo.
    301 - Lug 26, 2013 - 13:34 Vai al commento »
    Ci sono tanti aspetti in questa vicenda che non mi appaiono del tutto chiari. In ogni caso ha ragione la Tardella: occorre fare qualcosa per impedire il ripetersi di campionati falsati come quello della stagione scorsa. Tutti sono buoni, Spadoni compreso, a costruire squadroni in questa categoria: i cartellini sono di proprietà dei giocatori e, per acquistarli, non si sborsa un euro limitandosi a garantire loro il cosiddetto "rimborso spese". Poi, come ha fatto la Samb, già dal mese di ottobre si smettono di pagare gli stipendi, si promettono mari e monti ai giocatori stessi, si continua a non pagarli, si vincono i campionati e, due mesi dopo, ovviamente, non ci sono i soldi necessari per iscriversi al campionato professionistico. Il problema andrebbe risolto a monte, con maggiore chiarezza, attuando il meccanismo della fidejussione che dovrebbe essere tale da garantire il pagamento degli stipendi ai giocatori fin dall'inizio del campionato. Altrimenti non ti iscrivi neppure e lasci giocare quelle società che hanno la possibilità di farlo e che, con serietà, rispettano sempre gli impegni presi. Sia chiaro, è sempre un dispiacere quando una squadra marchigiana finisce nei guai ma, in questo caso, forse c'era bisogno di una vera lezione che stemperi l'insopportabile boria di certe società e di certe piazze.
  • Melchiorri è un giocatore del Padova
    “Ho realizzato un sogno”

    302 - Lug 13, 2013 - 1:19 Vai al commento »
    Caro Federico, la tua è una duplice vittoria: approdano in serie B un bravissimo calciatore ed un uomo di alto livello che rappresenterà Macerata nel calcio che conta. Complimenti, caro Fede. Meriti questa avventura così come avventure analoghe meritarono altri simboli del calcio maceratese quali Giovanni Pagliari e Moreno Morbiducci. Come presidente de "La Sportiva", ti auguro un futuro radioso a nome di tutti i soci nella speranza che, tra tantissimi anni, tornerai a Macerata per chiudere la tua carriera nella tua città, quella città che ti ama e che è orgogliosa di testimoniare la sua presenza in serie B. In qualità di consigliere comunale, mi sento di interpretare un sentimento comune in seno al Consiglio Comunale di Macerata che si stringe intorno a te e ai tuoi nuovi, diversi colori biancorossi. Ognuno di noi tiferà Padova il prossimo anno. In bocca al lupo, bomber!
  • Un Cavaliere per la Maceratese
    Carminucci vicino, Russo ai saluti

    303 - Lug 8, 2013 - 23:02 Vai al commento »
    Boh... Mi auguro sia stato preso per preparare il tè nell'intervallo
  • Gabor, lo storico
    che amava Macerata

    304 - Lug 7, 2013 - 2:06 Vai al commento »
    Innanzitutto condoglianze vere, sentite, profonde alla famiglia e a tutti coloro che lo hanno amato e stimato. Poi complimenti a Maurizio per aver disegnato questo ritratto dalle tinte forti ma vere e, per certi versi, bellissime. Infine alcune considerazioni personali. Ho appena finito di rileggere "L'osteria dei Pettorossi" e, seppur rabbrividendo di tanto in tanto per la ricorrenza dell'espressione "camerata", non ho potuto fare a meno di apprezzarne l'originalità, la passione, l'amore grandissimo che ha legato Gabor al nostro territorio e alla nostra cultura. Recentemente, in occasione del 25 aprile, ci siamo "spizzicati" proprio su queste pagine ma, come scrive Maurizio, è inevitabile, soprattutto per chi vive le proprie idee con passione e intransigenza. Lui di destra, io antifascista fino al midollo, non posso fare a meno di esprimere un pensiero d'affetto e di stima. La sua scomparsa mi ricorda inevitabilmente quella di un'altra grande persona alla quale ho voluto un bene profondo: Mario Crucianelli. Che questa nostra adorata terra marchigiana ti accolga, caro Gabor, e ti restituisca l'amore che le hai tributato in ogni momento della tua vita.
  • Danilo Stefani, dalla serie A ai dilettanti
    “Ho ancora tanta voglia di calcio”

    305 - Giu 24, 2013 - 22:45 Vai al commento »
    Oltre ad essere un grande calciatore e un serio professionista, Danilo è anche una persona squisita. Mi sono sempre chiesto perchè da alcuni anni è lontano da Macerata e dalle squadre del territorio. Per quanto mi riguarda, lo vedrei benissimo con i coloro biancorossi. In ogni caso, in bocca al lupo Danilo!
  • “Buon viaggio signor sindaco”

    306 - Mag 31, 2013 - 0:53 Vai al commento »
    Ciao Luigi, non molti giorni fa, in occasione di quella cena insieme, ti ho ascoltato a bocca aperta. Trasmetti il tuo coraggio, la tua lealtà, la tua intraprendenza a chi verrà dopo di te. La nostra montagna ,come tu hai sempre sostenuto, ha risorse inifinite che dobbiamo sfruttare per crescere insieme. Grazie per tutto ciò che hai fatto. Un grande abbraccio alla famiglia. 
  • Piazza Mazzini guarda Matera
    Cicchi: “Non sarà l’ultima partita”

    307 - Mag 17, 2013 - 21:43 Vai al commento »
    Un caro saluto a Giuseppe Casamassima e a tutti gli amici di Matera che ci hanno contattato su questo e su altri siti. E'un vero peccato la squalifica del vostro campo, sarebbe stata l'occasione per conoscerci e, vista la comune amicizia con Trani, magari stringere un rapporto tra tifoserie. Cio'che scrivete sui nostri e sui vostri siti non fa che confermare la vostra correttezza e ospitalità. La prossima volta che ci capiterà di incontrarci sarà in Lega Pro, si tratta solo di aspettare. O noi, o voi. Anche se io, ovviamente, spero che sarete voi ad aspettarci.
  • La Maceratese asfalta il San Cesareo
    Mercoledì sfida in casa la Vis Pesaro

    308 - Mag 13, 2013 - 1:04 Vai al commento »
    Abbiamo battuto per la terza volta in tre partite la squadra che è stata quasi sempre in testa al campionato, un campionato che ha iniziato a perdere proprio quando li abbiamo sconfitti in casa loro qualche settimana fa. Ci è andata bene anche per quanto riguarda il prossimo avversario: non faccio alcuna valutazione sul valore di Termoli e Vis Pesaro (sono entrambe forti) ma il fatto di poter disputare la finale in casa rappresenterà un grosso vantaggio sia perché avremo a disposizione due risultati su tre, sia perché i nostri potranno contare sul solito sostegno del pubblico che, per contro, in trasferta e di mercoledì, non sarebbe stato come sempre caloroso e determinante. Io penso che abbiamo fatto già molto, ciò che arriverà d’ora in avanti sarà grasso che cola.   Aspettiamoci una partita diversa mercoledi prossimo. Il San Cesareo era cotto, ha provato nel primo tempo ad imporre il suo gioco (e in parte c’è riuscito poi, dopo l’infortunio di Siclari, è scomparso) per sciogliersi nel secondo di fronte ad una immensa Maceratese. La Vis è una squadra giovane, fresca, in piena forma. Servirà la migliore Rata e la migliore curva. Auguri di pronta guarigione agli amici biancorossi coinvolti nel terribile incidente: eravamo dietro di loro e lo scenario è stato davvero agghiacciante.
  • Recanatese-Samb: maxi rissa in campo
    per un rigore concesso al 97′

    309 - Mag 6, 2013 - 23:57 Vai al commento »
    Per tutti i sambenedettesi che scrivono su CM, due semplici domande: 1- perchè il vostro bomber Cristian Pazzi - che a Macerata conosciamo bene - non si decide a salire tra i professionisti? Ne avrebbe le qualita, o no? 2- perchè vi ostinate a parlare di blasone se  i vostri giocatori, recentemente, si sono rifiutati di allenarsi a causa del mancato pagamento dei rimborsi? Il blasone lo si rinnova stagione per stagione, partita per partita, lo si deve rinnovare continuamente dimostrando uno stile ed una serietà che proprio non vi appartengono. Poi, per carità, le dissertazioni storiche sono interessantissime ma restano i fatti calcistici (dato che si parla di calcio) e, rispetto a quelli, non mi pare che la Samb brilli per correttezza. Avete chiesto di spostare la gara con la Recanatese a Civitanova Marche, piagnucolando come vostra abitudine: ciò è semplicemente ridicolo perchè, in realtà, la richiesta era quella di disputare in casa (insieme ai vostri amici civitanovesi) una gara in trasferta. Ma un pochina di vergogna, proprio no?  detto questo, vi auguro un radioso futuro tra i professionisti nella consapevolezza, però, che lì sarà un po' più difficile il giochino di accalappiare giocatori con la scusa del blasone e poi non pagare gli stipendi. Alla faccia dei diritti dei lavoratori!
  • Guerra aperta tra Ancona e Maceratese:
    I dorici: “Aggredito un nostro ragazzo”
    La Tardella: “Sono stata minacciata”

    310 - Mag 3, 2013 - 22:08 Vai al commento »
    @Tommaso Si, hai proprio ragione. E' veramente difficile però far "rimettere i piedi per terra" a ragazzini bombardati di calcio tutti i giorni, dalla mattina alla sera. E, lo ripeto, soprattutto ai genitori anch'essi bombardati ed esaltati più dei figli. Mi sa che Paolo Ponzelli ha colto nel segno quando afferma che i nostri genitori erano più sereni di noi. Io sono stato un calciatore mediocre, lo ammetto. Però, anche stando in panchina, era tutto bello ugualmente: gli allenamenti, il ritrovo prima della gara, i festeggiamenti o i musi lunghi - a volte le lacrime - dopo la stessa. Poi si andava tutti a fare le "vasche" e lo "struscio" lungo il corso della Repubblica e tutto finiva lì, senza grandi drammi. Ricordo i derby con la Robur, con la Giorgiana o con Santa Croce, ci si sfotteva a lungo ma non c'erano tutte quelle stronzate di oggi. Anzi, gli esaltati, quelli che si credevano fenomeni venivano quasi automaticamente isolati dal gruppo. Ricordo e ricorderò sempre il mio primo allenatore, Peppe Sileoni: un grande, una sorta di secondo padre per tutti noi. Era un insegnante di educazione fisica e, prima ancora del calcio, si dedicava alla crescita ed allo sviluppo del nostro corpo. Ci ha insegnato la lealtà, l'amicizia, il rispetto reciproco ancor prima del calcio. Non l'ho mai dimenticato e quando, alcuni anni fa, ho avuto modo di rivederlo a distanza di più di trent'anni, mi sono tornate in mente, indelebili, le sue parole e i suoi insegnamenti. Sembro un reduce, me ne rendo conto, ma allora le cose erano davvero molto più belle e più sane. Un caro saluto, Tommaso. A quando una nuova, bella chiacchierata?
    311 - Mag 3, 2013 - 17:26 Vai al commento »
      @ ansio litico non devi ringraziarmi per il tono amichevole e garbato, ci mancherebbe altro. La mia risposta a Gianfranco di qualche giorno fa (meno garbata, hai ragione...) era semplicemente conseguente ad un atteggiamento che mi provoca fastidio perchè sistematicamente contrassegnato da dietrologie e dal cosiddetto, insopportabile “benaltrismo” (non ricordo chi ha coniato questo termine per indicare quelli che dicono sempre “ci vuol ben altro...” e poi non propongono mai nulla). Non ho la pretesa di convincerti scrivendo poche righe (ti rinnovo l'invito ad incontrarci), tuttavia cerco di risponderti sui punti che hai evidenziato: 1- Sul campanilismo, siamo nella totale soggettività. Io amo la mia città, pur con tutte le sue contraddizioni e i suoi problemi. Contraddizioni e problemi che esistono ovunque e che, spesso, sono ben più gravi altrove. Da ciò che scrivi, sembra che ti stai organizzando per andartene: ti auguro buona fortuna e di trovare ciò che cerchi. Io spero di rimanere sempre nella città in cui sono nato e spero di poter continuare ad andare allo stadio la domenica a tifare la mia Maceratese nonostante quella che tu definisci “infima” categoria: è la mia squadra e continuerei a sostenerla anche se la categoria fosse ancora più infima. 2- La contraddizione c'è, è innegabile. Da un lato c'è il calcio, lo sport, lo stare insieme in un gruppo. Dall'altro lato c'è il fanatismo, le aspettative esagerate dei genitori (ma, talvolta, anche degli allenatori, dei dirigenti e dei presidenti), l'emulazione da parte dei ragazzini di tutti quei fenomeni che la TV ti propina a tutte le ore. Io sono stato fortunato perchè ho sempre avuto come tecnici veri e propri maestri di vita: Peppe Sileoni, Sergio Morresi, Mauro Scoponi, Giancarlo Coppari, Sergio Macellari, Ennio Cherubini sono stati gli allenatori – ma soprattutto le persone - che mi hanno fatto star bene in un gruppo dove sono nate vere amicizie e mi hanno aiutato a crescere in un sistema di valori che ancora oggi ho come punto di riferimento. Alcuni ragazzini non hanno oggi la stessa fortuna che ho avuto io in passato ma, in questi casi, è compito dei genitori portare via il proprio figlio da un ambiente caratterizzato da una eccessiva competitività, da un allenatore che fa giocare solo i più bravi, da dirigenti che non insegnano la lealtà nel calcio e, di conseguenza, nella vita. Per quanto riguarda la vicenda della dott.ssa Tardella, mi pare che il contributo di Sergio faccia luce sulla partita in questione e contribuisca a darmi ragione: spesso i genitori dei giovani calciatori sono la rovina dei figli. Se la vicenda sarà affrontata in tribunale staremo a vedere chi ha provocato e chi ha reagito: in ogni caso, per come conosco la Tardella, la reputo lontana anni luce da comportamenti di tal guisa. 3- Sul fenomeno calcio, concepito nella sua interezza, temo tu abbia ragione, temo sia impossibile tornare al sano equilibrio di trenta/quaranta anni fa quando si aspettava la domenica sera per vedere la sintesi di una partita di serie A sul secondo canale della RAI. Oggi non passa un giorno senza una partita: ci sono gli anticipi, i posticipi, i recuperi, le coppe (con tanto di anticipi e posticipi anche lì), il gossip e tutto il resto. Tutto questo – a me come a te – fa letteralmente schifo. Fa schifo l'asservimento di uno sport alle esigenze televisive, fa schifo il calcio ridotto tristemente a business. Ecco perchè non seguo la serie A e le grandi squadre. Ecco perchè preferisco i campionati “infimi” dove c'è quasi sempre più agonismo ma anche più semplicità, più onestà, più genuinità. La Maceratese ha dato vita ad una scuola calcio che, a breve, saprà valorizzare i giovani del territorio tornando ad essere un punto di riferimento provinciale, ha un personale tecnico di alto livello (visita il sito, se vuoi:http://www.ssmaceratese.it/scuola-calcio/lo-staff-della-scuola), proprio in questi giorni è partito il trofeo Velox dedicato ai giovani e giunto alla 36esima edizione. Potrei continuare citando la bellissima esperienza del nostro baby portiere Riccardo Marani, protagonista al Torneo di Viareggio e neo-convocato in Nazionale così come di altri giovanissimi (Francesco Romanski, ad esempio) seguiti da club di categorie importanti. Se Maria Francesca Tardella dovesse “mollare”, Macerata rischierebbe di perdere tutto questo: ecco perchè abbiamo deciso di parlare di calcio in Consiglio Comunale e di votare all'unanimità un ordine del giorno rivolto a sostenere sia la Maceratese che le altre società sportive presenti in città. Tale atto – lo ripeto ancora una volta – è stato approvato all'unanimità anche da colleghi che, come te e per le stesse tue ragioni (che in larga parte condivido), non amano il calcio ma che, al tempo stesso, non possono non riconoscere l'importanza di questo sport soprattutto in riferimento ai settori giovanili. Di Berlusconi e delle cause del suo successo in occasione della recente tornata elettorale ne parliamo un'altra volta – magari a voce – altrimenti oggi pomeriggio non combino più nulla. Di nuovo tanta cordialità Alessandro
    312 - Mag 3, 2013 - 1:22 Vai al commento »
    @ ansio litico Sono un appassionato di calcio locale, non seguo la serie A, la Champions League e quant'altro ma semplicemente la squadra della mia città che ritengo essere patrimonio collettivo dei maceratesi tutti perchè ha una storia quasi secolare, porta il nome della città (non di aziende private o istituti di credito, per intenderci) e la rappresenta - calcisticamente parlando, s'intende! - negli stadi di mezza Italia. Intorno alla Maceratese ci sono molti appassionati: alcuni la considerano "la" ragione di vita (sono le esagerazioni di cui tu stesso parli), altri, più sobriamente, un aspetto della vita stessa che insiste sulla cosiddetta "anima passionale" che non è meno importante di quella cosiddetta "razionale".  Più in generale, ritengo che il calcio - come tutti gli sport di squadra - svolgano un ruolo sociale importantissimo: i bambini che praticano sport crescono più sani, vengono tenuti lontani dai pericoli della strada, vivono all'interno di un sistema di valori che è antitetico rispetto a condotte di vita non altrettanto sane. C''è stato un appassionato dibattito negli anni settanta proprio all'interno del PCI su questo tema e le conclusioni coincisero in parte con le tue (relativizzare, ridimensionare lo straparlare di calcio in tutte le salse e in tutti i contesti), in parte con le mie (la funzione sociale dello sport). Tu rappresenti una profonda verità che io condivido in toto: basta calcio in TV dal lunedì alla domenica! Basta con il gossip sulle fidanzate di Balotelli o i peli del sedere di Messi! Basta con lo sport miliardario e con i calciatori strapagati quando c'è gente che quelle somme non le vedrebbe neppure vivendo 10 volte. Ma non puoi fare di tutta l'erba un fascio. Secondo la mia modesta opinione, confortata dal pensiero etico di Aristotele, occorrerebbe trovare un giusto equilibrio e tornare ai sani valori dello sport, in particolare del calcio, sottraendo ad esso quell'esasperazione che conduce inevitabilmente a fatti come quelli che abbiamo letto nell'articolo che stiamo insieme commentando. Ho ascoltato - inorridendo - genitori di ragazzini di 14 anni incitare il proprio figlio a "rompere le gambe" dell'avversario. Ho ascoltato padri e madri gridare "figlio di..." ai coetanei dei propri figli. In questo senso ti dico che la rovina dei giovani calciatori sono gli stessi genitori. In merito all'ordine del giorno. Nessun tono trionfalistico, ci mancherebbe. Se ti ho dato questa impressione, credimi, è una impressione errata. Semplicemente si è trattato di un sostegno alla Maceratese da parte dell'assise cittadina che ha "sprecato" venti minuti per approvarlo per poi passare alle cose più importanti alle quali fai riferimento. Quell'ordine del giorno, votato all'unanimità, ha un significato ben preciso: il consiglio comunale riconosce il valore sociale e l'importanza della squadra cittadina, apprezza l'operato della sua presidente, si impegna nel sostenerla in questa difficile congiuntura economica coinvolgendo le risorse imprenditoriali del territorio. In merito alla ricerca della visibilità da parte mia, ti invito ad una riflessione: mi sembri ben informato, quindi saprai certamente che faccio parte del gruppo dei cinque/sei consiglieri di maggioranza che non sono del tutto "allineati" con l'operato dell'amministrazione comunale. Ebbene: questa posizione politica potrebbe essere fonte di enorme visibilità, se solo lo volessi. Pensa ai tanti luoghi comuni che potrei cavalcare sfruttando quel sacrosanto sentimento di rabbia diffusa che alberga, oggi più che mai, nell'anima di tantissimi cittadini. Ti risulta che lo abbia mai fatto? Non stimo Matteo Renzi e Beppe Grillo proprio per questo motivo, non sarò certo io quello che cerca (o cercherà) di captare il consenso usando l'antipolitica o la visibilità fine a se stessa. Il tuo post, comunque, ha un senso e in parte lo condivido appieno. Se ti va, troviamoci per un caffè insieme, avremo modo di approfondire direttamente e spiegarci meglio. Tempo fa, replicando ad un articolo di Liuti, scrissi che luoghi come questo hanno un senso compiuto solo se favoriscono incontri tra persone reali e non tra dita che battono su di una tastiera: proviamo a fare questa piccola "rivoluzione" proprio io e te, ne sarei lusingato. Chiamami (il mio numero di telefono lo trovi nell'elenco) o vienimi a trovare in consiglio comunale, proviamo insieme a dare l'esempio: magari ognuno resterà convinto sostenitore delle proprie tesi ma almeno ci saremo guardati negli occhi e avremo discusso davvero. Un cordiale saluto. Alessandro  
    313 - Mag 2, 2013 - 21:19 Vai al commento »
    La rovina dei giovani calciatori sono i genitori che li montano all'inverosimile invece di dar loro quattro schiaffi quando ce n'è bisogno...Si gioca per divertirsi, non per diventare tanti piccoli Maradona. Le aspettative dei genitori sono esagerate e i comportamenti scorretti sono quasi sempre legittimati dai genitori stessi, proprio come in questo caso.
  • Il Consiglio comunale vota un ordine del giorno per sostenere la Maceratese

    314 - Mag 1, 2013 - 1:40 Vai al commento »
    Caro Gianfranco, il tuo scritto incarna perfettamente lo spirito del movimento in cui militi secondo il quale tutto ciò che fa la politica è, nella migliore delle ipotesi, aria fritta quando non è corruzione, scandalo, ruberìa, inciucio eccetera, eccetera, eccetera. Debbo dire la verità: ho imparato stoicamente a sopportare l'antipolitica, mi sono oramai rassegnato, a soli 44 anni, ad essere da voi considerato come una sorta di dinosauro in via di estinzione in quanto appartenente ad una classe politica che reputate superata e, fino a prova contraria, corrotta in tutti i suoi gangli. Lo accetto quasi sempre. Ma ogni tanto mi girano le palle, come stasera. E allora, proprio perchè mi girano le palle, vorrei dirti alcune cose: - parliamo di calcio, non di massimi sistemi. Cosa avremmo dovuto fare: un Consiglio Comunale aperto alla cittadinanza? Proclamare una giornata di lutto cittadino? Una interrogazione parlamentare? Suggerite VOI, proponete VOI. Ma, vi prego, con il 25% dei consensi a livello nazionale e con il 30% dei consensi a livello locale sarebbe decisamente più maturo, da parte vostra, uscire pubblicamente con una proposta concreta per aiutare la SS Maceratese. Decisamente mi sono rotto le palle di ascoltare i vostri sermoni che sono, nella maggioranza dei casi, privi di proposte concrete e pieni, strapieni, esageratamente strapieni di dietrologie. - un intero Consiglio Comunale che vota un Ordine del Giorno all'unanimità è un fatto raro, ne converrai. Forse tutto questo non avrà, politicamente, un risvolto concreto. Ma non credi che, semplicemente parlandone, si sia dato un segnale forte alle forze imprenditoriali del territorio? Non credi che l'espressione unanime dell'assise cittadina possa essere di aiuto alla dottoressa Tardella e alla SS Maceratese? Sai che non è stato così semplice raggiungere l'unanimità? Tu dici che è un teatrino, io credo invece che si tratti di mediazione, sintesi, ragionamento. - tra meno di due anni in Consiglio Comunale sarà rappresentato il M5S che spazzerà via la "vecchia" politica. Benissimo, non aspetto altro. Solo mi piacerebbe avere a che fare con un soggetto in grado di dialogare costruttivamente, in grado di assumere quelle responsabilità che un quarto di elettori gli hanno assegnato. Elettori che, verosimilmente, lottano per un reale cambiamento dello stato di cose esistente e non per consacrare la classica figura dell'eroe romantico che, dall'alto della sua statura, si permette di giudicare tutto e tutti senza assumersi una sola responsabilità. Comodo, no? - proprio perchè parli di coscienze salve, di ipocrisie, di teatrini, di farse, prova a venire allo stadio anche tu, se il calcio ti interessa. Non ti ho mai visto all'Helvia Recina. E' un ambiente che frequento da più di trent'anni tra gradinata, curva e, oggi, tribuna. Sempre pagando il biglietto o sottoscrivendo abbonamenti. Anche i dieci euro domenicali possono aiutare la società. Se, invece, la Maceratese non ti interessa affatto prova ad astenerti dalla sindrome compulsiva di commentare tutto e tutti, scendi dal piedistallo e prova a rispettare il lavoro di chi, mosso da autentica passione, preferisce dare una mano, umilmente, senza grandi pretese e, soprattutto, senza alcun tornaconto personale. Saluti fraterni, come si diceva una volta.  
  • Mariella si commuove ma non si muove

    315 - Apr 29, 2013 - 22:27 Vai al commento »
    Una volta tanto la politica maceratese ha risposto "presente": ordine del giorno approvato all'UNANIMITA' dopo proficua discussione con contributi di tutti. Praticamente tutti i partiti lo hanno sottoscritto (ad eccezione di quelli che, al momento della consegna dell'OdG non erano ancora presenti) e tutti lo hanno votato. Il primo obiettivo, quello di dar voce alle istanze della dottoressa Tardella, è stato raggiunto. Adesso rimbocchiamoci tutti le maniche.
  • Civitanova si riprende il 25 aprile
    “Basta tabù sul ventennio”

    316 - Apr 25, 2013 - 23:15 Vai al commento »
    "C'era una parte che stava nel giusto ed una che stava nel torto..." In queste parole del sindaco Tommaso Corvatta sta l'essenza del 25 aprile, festa nazionale dedicata alla Liberazione del nostro Paese dal giogo nazi-fascista. Il revisionismo storico dilagante sta riuscendo a negare l'innegabile, a rovesciare la verità storica, a riabilitare i carnefici e dileggiare le vittime. Simone 1309: sei un puro e semplice idiota, peccato che in questo nostro Paese esiste un reato, l'apologia di fascismo, che non viene mai punito altrimenti ti avrei già denunciato. Vergognati e rifletti (se ne sei capace) sul fatto che la libertà di scrivere nefandezze come le tue la devi a persone che hanno dato la propria vita per costruire un Italia libera, quella stessa Italia che dà la possibilità ad un imbecille come te di esprimersi liberamente. Abbi almeno il coraggio di firmarti con il vero nome perchè tale vigliaccheria raddoppia la tua imbecillità. Complimenti, di vero cuore, al sindaco Corvatta ed a tutti coloro che hanno pensato e reso possibile questa celebrazione a Civitanova Marche.
  • Controlli al mercato, tentano la fuga
    e feriscono anziana e carabiniere

    317 - Apr 10, 2013 - 23:17 Vai al commento »
    E' proprio vero! Proprio stamattina ero indeciso se comprare una borsa originale Prada oppure una imitazione venduta da un immigrato. Ci ho pensato a lungo poi ho optato per quella taroccata risparmiando moltissimo. Poi, leggendo qui sopra, ho pensato a quanti ricconi che possono permettersi la Prada originale potrebbero seguire il mio cattivo esempio. Adesso sono pentito, non lo farò mai più. La prossima volta andrò da Coltorti e, crepi l'avarizia, darò il mio contributo all'economia italiana.
  • Istituiamo un numero verde “Sos Crisi”

    318 - Apr 6, 2013 - 0:54 Vai al commento »
    Gentilissimo dott. Bravi, la provincia non ha compiti specifici in materia di prevenzione ma, nell'ambito dei servizi sociali, la legge 328/2000 assegna precise competenze in materia di "coordinamento" degli stessi. Molto semplicemente, tale ente deve mettere in rete tutto ciò che esiste nel territorio e farlo funzionare nel migliore dei modi possibili, superando localismi e culti dell'orticello di varia natura. Nel concreto, se la provincia nota l'assenza o la carenza di un servizio deve (dovrebbe) porre in essere tutte le condizioni possibili per crearlo cercando di mettere d'accordo tutti gli attori presenti nel territorio (Comuni, Comunità Montane, Ambiti Territoriali Sociali, Privato sociale). Nel quinquennio 2004-2009 realizzammo un progetto innovativo chiamato "Anziani non più soli" (il famoso 118 sociale) che, in caso di vittoria alle elezioni del 2009, contavamo di mettere a regime superando la fase sperimentale, fino a farlo diventare una vera e propria istituzione provinciale. C'era un numero verde, c'erano operatori formati in grado di fornire sia una parola di conforto, sia una risposta ben precisa sul piano istituzionale. Purtroppo vinse Capponi che cancellò tale progetto insieme a tutti gli altri varati dalla giunta Silenzi. Questo perchè per l'ex presidente della provincia i servizi sociali non contavano assolutamente nulla. Oggi come oggi, in tempi ben più difficili rispetto a quelli di qualche anno fa, quel numero verde sarebbe risultato ancora più utile e, per certi versi, più "ecumenico". LO avremmo potuto utilizzare proprio come lei suggerisce. Sarebbe bastata un minimo di lungimiranza in più per mantenerlo attivo:oggi avremmo uno strumento in più per dare un sostegno alle tante famiglie che vivono situazioni di assoluta difficoltà. Mi permetta una dichiarazione "forte": il suicidio di oggi è, in realtà, un omicidio. Un omicidio la cui responsabilità grava, in gran parte, sul governo Monti e sul ministro Fornero colpevoli di aver creato l'ennesima categoria di disperati: quelli che sono senza lavoro e senza pensione. Cordialmente. Alessandro Savi 
  • Ancona-Civitanovese, biglietti del settore ospiti
    non verranno venduti il giorno del match

    319 - Feb 10, 2013 - 0:46 Vai al commento »
    Quanto rumore per nulla...
  • Monsignor Giuliodori verso Milano
    Omelia contro le unioni gay

    320 - Feb 3, 2013 - 23:20 Vai al commento »
    "Il matrimonio ha un senso dove nasce la vita..." Giuliodori si scusi pubblicamente nei confronti delle coppie che non possono avere figli e smetta di fare politica una volta per tutte. Impari da tutti quei preti che non hanno fatto e non faranno mai carriera perchè, seguendo le indicazioni di Cristo, stanno dedicando la propria vita agli ultimi. Sono pochi ma tra qualche tempo saranno gli unici a godere del rispetto delle persone e ad avere un seguito. Mi auguro che la notizia sia vera: se questo professionista della comunicazione se ne andrà dal nostro territorio sarà un bene per tutti. Non sarà difficile, per chi lo sostituirà, distinguersi per la sostanza ed allontanarsi dall'apparenza che ha contraddistinto la sua "legislatura" in questi anni.
  • Maceratese, naufragio a Civitanova
    I rossoblù trionfano nel derby

    321 - Gen 20, 2013 - 22:50 Vai al commento »
    Caro Mirko Cognigni cari (odiati) cugini, è passato un quarto di secolo dall’ultima vostra vittoria sul campo. Siete a meno 14, temperatura molto rigida che legittima la necessità di scaldarsi le dita pestandole velocemente senza riflettere sulla tastiera di un computer, su un sito che porta il nome del capoluogo di provincia. Chi sono i ridicoli? Noi che veniamo dall’Eccellenza o voi, piuttosto, che siete reduci da un campionato di alto livello ed oggi fate 200 paganti ogni domenica? Chi è il “tifoso occasionale”? Il civitanovese che in un derby fa poco più di mille presenze o il maceratese che ne fa altrettante, penultimo in classifica in serie D, con un presidente latitante, una società allo sbando e una banda di ragazzini di 15-16 anni in campo? Forse non sai che quei “tifosi occasionali”, in quella stagione si organizzarono in un’associazione, raccolsero fondi, organizzarono decine di iniziative, sostennero la squadra e quel che era rimasto della società, brindarono con i ragazzini all’ultima giornata di campionato, a retrocessione ormai sancita per ringraziarli per l’attaccamento ai colori e alla maglia. Sono questi i tifosi occasionali? Io credo che, se oggi la Maceratese naviga nei primissimi posti della graduatoria della serie D girone F, lo si deve principalmente proprio alla sua tifoseria che ha sempre dimostrato un amore viscerale nei confronti della maglia e della storia biancorossa. Poi, naturalmente, ciò è avvenuto grazie alla nostra amatissima presidente e alla nostra società ma tengo a ricordare che, senza l’apporto determinante dell’associazione “La Sportiva” in quei recentissimi tempi bui, oggi sicuramente non saremmo quella splendida realtà che avete avuto modo di ammirare nella tribuna di fronte a voi. Di fronte a tanto amore e a tanto orgoglio, dovreste solo inchinarvi. Oggi avete vinto. Avete una squadra che è ben poca cosa, ma noi, oggi, siamo stati nettamente inferiori. Dunque, la vittoria è nettamente meritata. Ma la storia, si sa, è un’altra cosa.  
    322 - Gen 20, 2013 - 20:12 Vai al commento »
    Adesso basta applaudirli sempre e comunque. O tirano fuori le palle o fischi e insulti ogni domenica. Civitanovese (pochissima roba) caricata a mille da un pubblico che non è abituata a vedere e che non vedrà più fino all'anno prossimo, Rata con atteggiamento indegno di una tifoseria come questa.
  • Comincia la mobilitazione dei tifosi
    Civitanova e Macerata preparano il derby

    323 - Gen 17, 2013 - 22:12 Vai al commento »
    Lo so Daniele ma in presenza di minacce provenienti da utenti celati dietro uno pseudonimo si deve per forza denunciare la testata che poi, ovviamente, trasferisce il tutto a chi ha commesso il reato.
    324 - Gen 17, 2013 - 21:53 Vai al commento »
    @ redazione di CM Posso permettermi un consiglio? Filtrate bene queste discussioni, ci sono tutti gli estremi per denunce di reati penali come ad esempio le minacce e l'intimidazione. Poi, visto che Lucky boy inciterà la sua squadra dal suo settore senza poter entrare nel nostro, ovviamente non succederà nulla. Ma è meglio piantarla, è meglio per tutti. @Lucky boy Piantala, dammi retta.
  • Corvatta: “Riceverò Donna Assunta
    Peroni ha peccato di inesperienza”

    325 - Gen 15, 2013 - 0:31 Vai al commento »
    Almirante è stato un personaggio importantissimo nella storia italiana del ‘900, sia nel periodo fascista che nell’Italia Repubblicana. Fascisti e revisionisti citano spesso alcuni fatti storici volti a mitigare la sua crudeltà e il suo feroce razzismo (la temporanea clandestinità presso un amico di famiglia ebreo precedentemente risparmiato dai rastrellamenti) nonché la sua presunta anima “popolare” (viaggiava in terza classe), il suo volto “umano”, la sua ideologia di destra estrema ma senz’altro “sociale” quasi come quel “sociale” fosse sinonimo di “socialista”. In realtà, Almirante fu tra i firmatari del Manifesto della Razza nel 1938. Testo che, secondo la testimonianza di Galeazzo Ciano fu scritto quasi interamente da Mussolini. Alla faccia di tutti i revisionisti che sostengono la tesi antistorica di un “Duce” assolutamente non razzista, quel testo, unitamente alla ben nota collaborazione di Almirante ad una rivista di chiara matrice antisemita, rappresenta uno dei momenti più bui della storia del nostro Paese. Dopo l’armistizio, Almirante fu tra i protagonisti della RSI. Uomo di grandissima cultura, fu Capo di Gabinetto del Minculpop e, in quel ruolo, fu protagonista di diverse vicende, alcune poco chiare, altre chiarissime: tra queste ultime, la sua firma in un manifesto datato aprile ’44 in cui veniva sancita la fucilazione per tutti i partigiani latitanti. Proprio in quel periodo e in quelle zone (Piemonte e Toscana, soprattutto a Grosseto) avvennero autentici atti barbarici commessi nei confronti degli eroi della Resistenza. A Massa Marittima, in provincia di Grosseto, vennero barbaramente trucidati 83 minatori nel giugno del 1944. Tornando alla triste attualità, l’assessore Peroni è stato protagonista di un gesto di cattivo gusto. Non si getta mai la storia, nemmeno simbolicamente, nel cestino dell’immondizia. Con la storia si fanno sempre i conti, non la si cancella. Nella storia si vive e la memoria si mantiene sempre accesa perché, senza di essa, non c’è un futuro. Ma, mi chiedo, chi ha sbagliato per primo? Peroni protagonista di un gesto condannabile o la precedente giunta di destra protagonista di una provocazione gravissima? Sia chiaro: non una provocazione gravissima semplicemente nei confronti della città di Civitanova Marche, ma una provocazione nei confronti dell’intero popolo italiano di cui ogni città rappresenta l’essenza più vera, più reale, più tangibile, più – per così dire – “quotidiana”. Io, al posto di Corvatta, avrei fatto così: eliminazione di via Almirante come prima delibera di giunta senza grandi discussioni e senza gesti eclatanti e provocatori: una pratica da sbrigare in dieci minuti senza dare l’impressione che l’amministrazione comunale perde tempo con la toponomastica. In altrettanti dieci minuti avrei dedicato quella via ad un esponente della cultura italiana in grado di mettere d’accordo chiunque non per compromesso ma per la sua reale, effettiva statura storica. Poi sotto, al lavoro sulle questioni che riguardano la vita reale dei cittadini civitanovesi senza quella macchia storica che oltraggiava Civitanova e tutto il popolo italiano.
  • La Maceratese “ingabbia” l’Astrea
    e vince in 9 contro 11

    326 - Dic 30, 2012 - 19:34 Vai al commento »
    L'ottimo Ciccarelli dovrebbe correggere il titolo del pezzo: La Maceratese "ingabbia" l'Astrea e vince in 9 contro 12. Il dodicesimo, ovviamente, è un arbitro in evidente malafede. Stavolta non ci sono "incapacità" che tengano, c'è una ben precisa volontà di penalizzare la Rata che è stata messa nelle condizioni di non vincere oggi, quindi"chirurgicamente" decimata in vista della trasferta di Ancona. In più di trent'anni di calcio, non ho mai visto all'opera un arbitro più venduto di quello di oggi. Nel primo tempo, tante decisioni sbagliate ma nessun gesto clamoroso poi, nel secondo tempo, dopo l'espulsione di Luisi abbiamo assistito ad un vergogna senza precedenti. Qualcuno mi ha detto che Carboni è stato uno sciocco a commettere quel fallo così evidente ma io mi sento solo di giustificarlo perchè il clima, a quel punto della gara era rovente e i nervi possono saltare facilmente di fronte ad un arbitraggio scandaloso e ad un avversario tra i più scorretti tra quelli incontrati finora.  La "vergogna di stato" Astrea e quel venduto del signor Xausa sono veramente da voltastomaco.  
  • La cosa più buona del 2012?
    La favola vera del cane Rocco

    327 - Dic 30, 2012 - 0:39 Vai al commento »
    Caro Giancarlo, condivido anche le virgole. Che Rocco rappresenti i nostri buoni propositi per il nuovo anno. Auguri a Rocco, alla sua famiglia e a tutti noi.
  • Anonimi e poltronari

    328 - Dic 27, 2012 - 23:38 Vai al commento »
    Cara Tamara, torno su questa vicenda per l’ultima volta. Per quanto ti riguarda è la terza dopo CM e Facebook. Delle due l’una: o mi spiego male o sei tu che proprio non vuoi capire. Il problema non sta nel fatto di aver confuso il nome di Pantanetti con quello di Lattanzi quanto piuttosto quello di aver usato un’espressione orrenda (“scannati”) riferita a me e ad un compagno di partito, come se tutta la diatriba che hai citato nei link pubblicati fosse stata un questione personale relativamente al posto di assessore. E’qui che offendi. E lo fai in maniera sicuramente involontaria ma estremamente dannosa soprattutto perché – lo ripeto – ti avevo già spiegato come stavano le cose.   Procedo per punti: -         alle ultime elezioni il PdCI e Rifondazione si presentarono “federati”, vale a dire con un’unica lista pur restando due partiti distinti, ognuno con i propri organismi e i propri iscritti. A quel tempo Rifondazione era ridotta ai minimi termini mentre il PdCI era un partito in salute. Ricordo ancora l’assessore Pantanetti (PRC) quando, stupitosi della nostre continue riunioni in quella fase delicatissima, diceva “noi facciamo presto a decidere, praticamente siamo solo in due!”. -         La lista era composta per ¾ da esponenti del PdCI, l’organizzazione della stessa lista e della campagna elettorale era tutta a carico del PdCI, i voti raccolti (complessivamente più del 7%, un risultato straordinario) dai candidati dei due partiti aveva un rapporto di circa 1 a 4: un voto al candidato del PRC e 4 al candidato del PdCI. Puoi andare tranquillamente a controllare: http://www.comune.macerata.it/Engine/RAServeFile.php/f/2010_com_liste_preferenze1.pdf Noterai subito, scorrendo i primi sei candidati con più voti (Lattanzi 245, Savi 178, Pantanetti 86, Borgiani 75, Blanchi 45, Giglioni 33) che cinque di essi erano in quota al PdCI. Non scendo al di sotto di questa quota perché i voti presi dagli altri candidati sono veramente pochissimi. Complessivamente le preferenze furono quasi 700 per i candidati del PdCI e circa 200 per quelli di RC. -         i due partiti consegnarono al Sindaco una rosa di tre nomi a testa. Visti i rapporti di forza, un sindaco minimamente lungimirante avrebbe scelto un nome tra quelli proposti dal PdCI, non certamente uno di Rifondazione anche perché, se avesse nominato Pantanetti assessore (cosa che poi ha fatto), si sarebbe ritrovato con lo stesso assessore di un partito (RC) e l’intero gruppo consiliare (Lattanzi, Savi, Borgiani e il subentrato Blanchi) tutto composto da esponenti di un altro partito ( il PdCI). -         Il Sindaco scelse Pantanetti. Libera e legittima scelta, ci mancherebbe. Ma politicamente assurda e incomprensibile. E per questo, ovviamente, ci arrabbiammo moltissimo. Visto che eravamo il secondo partito della coalizione dopo il PD e visto, soprattutto, che il PD poteva vantare Sindaco, vice-sindaco, assessore allo sport e assessore al bilancio (i 4/9 della Giunta), puntammo ad ottenere almeno la Presidenza del Consiglio Comunale. Candidammo Lattanzi il quale ottenne i soli nostri 4 voti: il PD si era preso anche quella apicalità!   All’interno del partito, in molti proposero di uscire dalla maggioranza e la cosa sarebbe stata forse naturale, visto come eravamo stati trattati. Prevalse la linea della responsabilità (di cui il sottoscritto fu, fin dal principio, uno degli esponenti principali) ma non potemmo fare a meno di manifestare in Consiglio Comunale il nostro dissenso sciogliendo immediatamente la Federazione e dichiarando che Pantanetti non ci rappresentava. D’altra parte come poteva essere diversamente con 4 consiglieri del PdCI e nessuna visibilità?   A questo punto puoi dire ciò che vuoi: che eravamo una banda di poltronari, che non abbiamo accettato una libera scelta del Sindaco, che abbiamo fatto un gran casino per un posto in giunta. Il populismo sarebbe dalla tua parte ma sei una persona intelligente tanto da capire che il futuro di una forza politica dipende anche (non solo ma soprattutto) dalla visibilità che esso ha nelle istituzioni, da quanto riesce ad incidere nelle scelte dell’amministrazione, da quanto “pesa” non soltanto in Consiglio ma anche nell’esecutivo.   Ciò che non puoi dire è che io e un altro compagno di partito ci siamo scannati per un posto in Giunta. Semplicemente perché le cose non sono andate in questo modo e perché, dicendo questo, getti infamia sul sottoscritto, su Lattanzi e su tutti gli altri.     Piuttosto noi ci siamo “scannati” con il Sindaco (autore di una scelta ottusa) e con il PD (responsabile di essersi comportato come l’asso pigliatutto e di essere, probabilmente, l’unico partito in Italia a vantare Sindaco, vice Sindaco, Presidente del Consiglio e due assessori).   Qualsiasi altro nome pescato nella lista dei candidati del PdCI sarebbe andato bene. Di fronte a tale scelta non avremmo opposto nessuna polemica. Quando il Sindaco ha scelto Pantanetti e poi il PD ci ha negato anche la possibilità di ottenere la Presidenza del Consiglio, giustamente abbiamo sollevato il polverone che tu hai citato e linkato.   Ma – e questo ci tengo a sottolinearlo – non ci sono mai stati contrasti tra noi su chi avrebbe svolto l’incarico che, in maniera sacrosanta, chiedevamo al Sindaco e al partito di maggioranza relativa.   Tu parli di “errore di memoria” ma le cose che scrivi sono ben più gravi di un semplice errore di tal guisa. Quando scrivi che io e Lattanzi (o Pantanetti o chi ti pare) ci siamo scannati ci fai passare per arrivisti, carrieristi, persone che pur di avere un posto in Giunta sono disposte a tutto.   E, così facendo, visto che siamo rappresentanti delle istituzioni, ci crei un danno.   Dici che non fai altro che “ricordare fatti accaduti” ma, in realtà, racconti la tua personalissima interpretazione di fatti accaduti. E, facendola passare per “verità storica”, crei un altro danno.   Da ultimo, rispondo alla questioni da te sollevate:   In merito agli accordi interni. In seno alla Federazione della Sinistra (che già oggi non esiste più), nel clima rovente di quei giorni, si era raggiunto un accordo rivolto quantomeno a confrontarsi vicendevolmente rispetto alle scelte del Sindaco. La cosa, come tu sai e come ti ho già spiegato, non è avvenuta. E questo è un dato di fatto.   In merito al nono assessore. Il Sindaco non ha mai parlato di un nono assessore. Ha semplicemente detto che si sarebbe impegnato a risolvere il suo problema con il PdCI tentando ogni strada. Tutto qui. Se alludi al fatto che la nona porta sarebbe stata aperta appositamente per me, ti sbagli di grosso: a quel punto avevo già capito che io, con questa “nuova storia”, non c’entravo e non volevo entrarci per nessuna ragione al mondo.   Io, cara Tamara, faccio parte di storie più vecchie e faccio riferimento ad una politica che oggi non esiste quasi più. Purtroppo per tutti noi, non solo per me.   Spero di aver fatto chiarezza una volta per tutte su questa vicenda. Ti saluto, ti auguro un anno splendido e torno nel mio ruolo sperando che l’appello rivolto ai lettori di CM di uscire dall’anonimato susciti qualche riflessione.   Alessandro
  • Crisi: chiude la Grafiche Ciocca
    Ventuno famiglie senza stipendio

    329 - Dic 1, 2012 - 0:53 Vai al commento »
    Il mio caro babbo ha lavorato 40 anni in questa azienda, per lui era una seconda famiglia. Voglio esprimere tutta la mia solidarietà ai dipendenti delle Grafiche Ciocca, alle loro famiglie e anche all'amico Edoardo che conosco bene. Posso immaginare il suo dolore e la sua angoscia di fronte a questo dramma rispetto al quale ogni parola è inutile.
  • La Maceratese si arrende alla Samb
    e scivola dal primo al sesto posto

    330 - Ott 15, 2012 - 20:16 Vai al commento »
    Leggendo il commento di Ghento avevo avuto un minuto di "tenerezza" nei confronti di un odiato cugino che, tuttavia, aveva scritto parole giuste. Finalmente - mi ero detto - un pensiero sensato, conciliante, insolitamente quasi in italiano corretto (vista la provenienza). Beh! - pensavo - il demonio non è poi così brutto come lo si dipinge... Poi, dopo una sola mezz'ora, il soggetto torna in sè e scrive la più clamorosa delle assurdità. Suggerisco di guardare in casa propria e di fare una sana autocritica. Se capita a Macerata, oltre ad ammirare una città piena di storia e di cultura, ne approfitti per rendere omaggio ad una tifoseria dalla quale lei ha solo da imparare. Quattro gatti addirittura divisi...e vi permettete di criticare i tifosi biancorossi?  
    331 - Ott 14, 2012 - 23:21 Vai al commento »
    Negli anni 80 certi personaggi uscivano molto tardi dagli spogliatoi e solo dopo aver fatto un secondo shampoo che non profumava nè di tiglio nè di lavanda. La Maceratese vista oggi avrebbe probabilmente perso ugualmente contro una Samb che si è dimostrata superiore. Tuttavia mi sarebbe piaciuto vedere come sarebbe andata a finire se il gol di Capparuccia fosse stato convalidato, se Arcolai non fosse stato espulso in maniera ridicola su "una chiara occasione da gol" che esiste solo nella mente distorta dell'arbitro livornese, se non ci fosse stato un accanimento vistoso nei confronti dei biancorossi (vedi Carboni, inseguito e ammonito dall'arbitro), se a Melchiorri, ogni volta che tentava di liberarsi dal suo marcatore, non fosse stato fischiato sistematicamente il fallo, se i giocatori avversari (anche sul 3-0 e in superiorità numerica) non avessero costantemente simulato falli inesistenti con lo scopo di avvantaggiarsi con altre espulsioni o ammonizioni. Questa è la sportività osannata da tanti di voi benpensanti? Eravate davvero presenti allo stadio? O avete visto solo la sintesi su TVRS? La mia è pura e semplice curiosità: come sarebbe finita questa partita se fosse stata giocata in condizioni normali?
  • Ladri in pizzeria
    Rubati 2500 euro

    332 - Ott 13, 2012 - 0:38 Vai al commento »
    Piena solidarietà agli amici Paolo e Rachele da chi ha già vissuto recentemente un'esperienza analoga. All'happy hour ci sarò anch'io, è il modo più intelligente per sconfiggere la paura e per dare un segnale importante a chi di dovere. Complimenti ragazzi!
  • Matrimonio in maschera
    al Comune di Macerata

    333 - Feb 20, 2012 - 0:49 Vai al commento »
    Raramente mi è capitato di partecipare ad una festa più bella di quella di Luca e Serena, auguro agli sposi un futuro grandioso, lontani da queste polemiche e più forti di ogni invidia. Ci sono state, ci sono e ci saranno sempre persone pronte a denigrare ogni cosa che esce dagli "schemi" tradizionali, l'importante è non curarsi di loro ma guardare e passargli oltre... Un abbraccio, mio capitano! Un abbraccio, cara Serena!
  • E’ morta la mamma di Maria Francesca Tardella

    334 - Feb 17, 2012 - 23:53 Vai al commento »
    Sentite condoglianza Presidente
  • Il calcio è fermo:
    scendono in campo i tifosi

    335 - Feb 11, 2012 - 1:15 Vai al commento »
    Sinceramente complimenti!
  • La Pro loco di Piediripa piange
    la scomparsa di Pio Tacconi

    336 - Gen 1, 2012 - 23:43 Vai al commento »
    Mi unisco al cordoglio di tutti, Pio era davvero una gran brava persona che lascerà un vuoto incolmabile. Grazie per tutto ciò che hai fatto in tanti anni di vita appassionata, interamente dedicata al territorio. Condoglianze vivissime alla famiglia.
  • E’ morto Marcello Sgattoni
    Il custode dei libri antichi

    337 - Dic 27, 2011 - 22:19 Vai al commento »
    Ciao Marcello, se ne va con te un altro pezzo della storia di questa città. Alla famiglia le più sentite condoglianze.
  • La Maceratese rinforza il centrocampo
    Dalla Sambenedettese arriva Biancucci

    338 - Nov 24, 2011 - 19:58 Vai al commento »
    Premesso che sono soddisfattissimo di ogni colpo di mercato della Maceratese, faccio una semplice costatazione: a destra Piergallini e Romanski; al centro Carboni, Bucci, Giandomenico, Olivieri (e Rosi all'occorrenza oltre ad Arcolai); a sinistra Eclizietta (e ancora Rosi). Poi arriva questo ragazzo di cui si dice un gran bene. Non saranno un pò troppi 10 centrocampisti? Io credo che ci sia più bisogno di una punta, di un uomo d'area di rigore vero, di uno che butta dentro una palla su tre di quelle che la squadra riesce a creare. Domenica scorsa, in realtà, è mancato principalmente un giocatore con queste caratteristiche. O sbaglio?
  • Grcic si opera in Croazia
    La Maceratese tornerà sul mercato

    339 - Nov 4, 2011 - 22:17 Vai al commento »
    In bocca al lupo, Tommy!
  • Maceratese, cogli l’attimo

    340 - Ott 25, 2011 - 22:06 Vai al commento »
    Caro Luigi, a me pare soprattutto che Arcolai giochi megli a centrocampo che in difesa...
  • Altri 1000 euro di multa
    per la Maceratese

    341 - Ott 20, 2011 - 16:27 Vai al commento »
    Confermo anch'io, i petardi sono, in realtà, le solite miccette esplose dal solito tifoso che è sempre nella parte centrale della tribuna (quindi lontano dal settore riservato ai tifosi della ex curva). Cori razzisti assolutamente no, a parte qualche "buh" isolato proveniente da un altro solito (e idiota) tifoso che si rivolgeva a Sanda. Qualche "pu...na" rivolto alla assistente dell'arbitro, in effetti, c'è stato. Ma se, ogni volta e per tutte le società, dovessero arrivare multe per episodi di questa portata, sarebbe meglio fornire anche un bavaglio ad ogni tifoso allegato al biglietto e seguire la partita in assoluto silenzio, come si fa alla messa. Ma basta!
  • Savi (Idv): “Tre istituti comprensivi
    sono la scelta migliore “

    342 - Ott 14, 2011 - 22:03 Vai al commento »
    Di solito non replico ma, proprio perchè ritengo la scuola un tema centrale, ricordo che: - occorre rispettare la legge dello stato - occorre conoscere il numero degli studenti maceratesi e di quelli civitanovesi - occorre avere nero su bianco dalla provincia prima di scriverlo in delibera (e, comunque, qualora tale investimento arrivasse, la stessa delibera prevede la possibilità di realizzarlo) - le scuole hanno tutte espresso un parere e tali pareri indicano a larga maggioranza di preferire la soluzione a tre dirigenze - non è una questione di soldi (da togliere allo Sferisterio o a qualsiasi altra cosa) ma, ripeto, del rispetto di una legge dello stato mal recepita dalla regione Marche. Quindi, secondo lei, caro misterioso jack rayan, un comune ha la facoltà di opporsi o non rispettare una legge? Se sì, mi indichi la strada. Potrebbe tornare utile per il futuro, magari per evitare manovre lacrime e sangue dell'attuale governo. Grazie
  • Congresso provinciale Pdci: Pieroni confermato segretario

    343 - Ott 11, 2011 - 23:56 Vai al commento »
    Buon lavoro, grande Peppe! Rallegramenti per la riconferma. La stima è immutata e, anzi, accresciuta. L'amicizia spero sia sempre più forte nonostante le nostre strade siano diverse. Ti abbraccio forte forte e ti saluto fraternamente.
  • Tragico incidente stradale
    Muore il primario del Pronto soccorso

    344 - Lug 15, 2011 - 0:02 Vai al commento »
    Concordo con Fabio. Vi sono persone che, nascoste dall'anonimato e, ancora di più, dall'anonimato dei pollici giù e su, fanno esprimere veramente sdegno. Chi si sente di rappresentare pubblicamente un sentimento di cordoglio dovrebbe essere tutelato anche dai gestori di questo forum - persone che stimo come professionisti e come uomini o donne -ma che dovrebbero evitare espressioni di inciviltà dettate solo da simpatie o antipatie personali. La democrazia è la cosa più bella di questo mondo ma quando diventa indecente e, come in questo caso, occasione per sfoggiare atteggiamenti inqualificabili, andrebbe limitata alle persone civili e degne del rispetto di tutti. Condoglianze, di vero cuore, alla famiglia del dottor Esposito. E vergogna, di altrettanto vero cuore, ai tanti incivili che si permettono di giudicare i sentimenti altrui.
  • I giocatori dell’Invicta Macerata
    si ritrovano dopo 31 anni

    345 - Giu 15, 2011 - 0:09 Vai al commento »
    Un caro saluto a tutti gli "eroi" della grandissima Invicta. E' la società in cui sono cresciuto e alla quale, ancora oggi, ripenso con una struggente nostalgia. Ricordo la nostra squadra che, compatta, si recava la domenica mattina a veder giocare "la seconda", quelli più grandi di noi che rappresentavano una sorta di punto di arrivo. Penso ai miei compagni di squadra, alla formazione di quegli anni: Corrado Giustozzi e Marco Coppari (portieri), Stefano e Marco Fratini, "Minz" Gabrielli, Aleandro Scuffia, Paolo Tacconi (difensori), "Lolo" Urbani, Gianluca Baldoni, Daniele Baldelli, Francesco Zeffiretti, Paolo Ciccarelli, Gino Benigni (centrocampisti), Luca Ricciotti, Flaviano Luciani che segnò un gol ai "Pini" dopo che la palla era rimasta incastrata tra i rami di un albero sopra la porta! Il presidente Luciano Pingi e, tra i dirigenti e gli allenatori, il grande Peppe Sileoni, Mauro Scoponi, Giancarlo Coppari, Mario Calvigioni, Peppe Piergiacomi, Ennio Morichetta, Ennio Cherubini...oltre ai recentemente scomparsi babbo Nello e Sergio Morresi. Quanti ne ho scordati? Tantissimi, di sicuro. Perchè non ritrovarci anche noi? Se qualcuno legge CM, mi aiuti ad organizzare una analoga iniziativa.
  • Macerata piange la scomparsa
    di Maurizio Speranza

    346 - Giu 10, 2011 - 1:06 Vai al commento »
    Abbraccio forte papà Luigi e tutta la famiglia di Maurizio.
  • La Maceratese esonera Sabbatini
    Torna in panchina Pierantoni

    347 - Mar 7, 2011 - 16:52 Vai al commento »
    E cosa potevamo chiedere di più? Con l'esperienza che ha, Pierantoni ci porterà alla salvezza! In questi casi occorre affidarsi a gente esperta, che conosce bene la categoria, che sa motivare la squadra. Adesso, finalmente, vedremo la Maceratese giocare al calcio. Peccato che restano poche partite altrimenti l'obiettivo dei play-off si poteva centrare. Domenica resto a casa con la famiglia e fino al giorno dopo non voglio nemmeno conoscere il risultato. Così...tanto per scaramanzia. Pijiamocela a ride che è mejo...
  • Harakiri Maceratese, da 2-0 a 2-3
    La Fortitudo espugna l’Helvia Recina

    348 - Mar 6, 2011 - 19:16 Vai al commento »
    Per gestire un due a zero non serve la maturità, basta non essere dei senza-palle come, purtroppo, è questa squadra. Salvarsi, con queste puttanelle, è praticamente impossibile. PS la prossima volta che vedo Bonsignore in campo o vado via io o mi faccio arrestare per invasione di campo. Basta!
  • Si rifiutano di condividere
    l’appartamento con il nuovo compagno
    Belkaid e Nwanze via dalla Maceratese

    349 - Feb 15, 2011 - 22:38 Vai al commento »
    Non ho mai scritto una sola parola rivolta a criticare la società sia perchè preferisco dire le cose in faccia alle persone che conosco sia perchè ritengo gli errori commessi principalmente come frutto di inesperienza. Una sola cosa mi infastidisce e non poco: il fatto che il signor Sampino abbia ancora voce in capitolo in questa compagine dopo i recenti disastri commessi. Capisco l'amicizia personale ma insistere su di una persona che ha fallito tutto ciò che era "fallibile" è veramente troppo. Non si tratta di trovare un capro espiatorio o di deminizzare una persona, ma ci sono troppi elementi che mi portano a considerare quella del signor Sampino come una presenza fastidiosa per chiunque intendesse provare a costruire a Macerata qualcosa di realmente importante. Venendo alla polemica odierna, ho l'impressione che nei confronti dei due ragazzi siano state utilizzati pesi e misure diversi rispetto ad altri compagni di squadra. Non ha senso, infatti, mettere vicino il caso di Romagnoli o di Armellini a quello di Nwanze e Belkaid. Questi ultimi si sono comportati male? Può darsi. Ma nessuno di loro, tanto per fare un esempio, a 40 anni suonati si è permesso di picchiare un ragazzino della squadra avversaria come fece Armellini nei confronti di Melchiorri (salvo poi chiedergli scusa solo dopo aver firmato il contratto con il Tolentino). Ci sono altri modi per "punire" gli indisciplinati senza ricorrere a soluzioni drastiche come questa che, di fatto, mette i due ragazzi in mezzo ad una strada. Uno è nigeriano, l'altro marocchino e non mi risulta che abbiano altri mezzi di sostentamento oltre al calcio. Ovviamente - a differenza di Romagnoli, Armellini e di tutti gli altri italiani - non possono nemmeno tornare da mamma e papà con la stessa semplicità dei nostri connazionali. Ebbene, io non valuto minimamente l'aspetto sprortivo, calcistico della vicenda: mi limito a valutare quello umano. E sotto questo punto di vista sono profondamente addolorato e deluso rispetto alla scelta della società che, da quanto mi risulta, ha praticamente sbattuto la porta in faccia ai ragazzi senza minimamente preoccuparsi del loro destino. Possiamo anche retrocedere in Promozione, poi in prima categoria, addirittura chiudere bottega anche nel modo più indecoroso: col tempo, riuscirei (riusciremmo) a rialzare la testa e a riconquistare le categorie che la Macerata calcistica merita. La cosa che mi allontanerebbe definitivamente dallo stadio e mi costringerebbe a ripudiare questi colori e questa passione è il dover prendere atto di un'ingiustizia, di una scelta di comodo, della riparazione agli errori commessi nel mercato con un atto profondamente disumano. Spero proprio di sbagliarmi e, conoscendo il Presidente e molti dirigenti della società, diciamo che "sono sicuro di sbagliarmi" ma aspetto una motivata smentita. Aggiungo che mi metto a disposizione, in qualità di rappresentante istituzionale, per dare una mano a Nwanze e Belkaid.
  • Ok in Commissione
    per il sostegno
    alle osterie

    350 - Mar 7, 2011 - 21:53 Vai al commento »
    Complimenti a Gabor, auspico una approvazione convinta da parte della Regione Marche e mi rendo disponibile a realizzare una proposta analoga in Consiglio Comunale di Macerata. Se vuoi, contattami che ne parliamo a voce. alessandro.savi@libero.it
  • Harakiri Maceratese
    L’Ancona ringrazia

    351 - Feb 6, 2011 - 20:17 Vai al commento »
    Oggi, per un quarto d'ora, ho provato a contare le palle perse, i passaggi sbagliati e i rilanci stile "mela a lu porcu": non scrivo le cifre, preferisco tenerle per me perchè sono imbarazzanti. La sola annotazione che mi limito a fare è questa: in cinque minuti abbiamo sprecato più palloni noi che l'avversario in tutta la partita. Dicono che è la tensione, lo stato di non tranquillità vissuto dai giocatori. Io dico invece che, oltre a questo, ci sono dei limiti impressionanti nella costruzione del gioco dettati dall'assenza di un centrale degno di questo nome. Tuttavia quando manca la tecnica si dovrebbe sopperire con l'orgoglio, la grinta, il senso di appartenenza ad una squadra che rappresenta una città con un minimo di blasone, di storia, di rispettabilità. Questa squadra non ha neanche questo, salvo pochissime eccezioni. Vedere ventenni trotterellare, difensori che, invece di colpire di sciabola, affrontano gente del calibro di Genchi e Santoni con il fioretto è imbarazzante. Mai come in queste settimane mi sono vergognato di tifare Maceratese.
  • FULGhorrOR MACERATESE
    Quattro “pappine” dall’Atletico Piceno

    352 - Gen 31, 2011 - 20:28 Vai al commento »
    Facciamo così: Enrico contro Glauco, Luigi arbitra, vi stringete la mano domenica prossima allo stadio ed è tutto finito. Promesso da entrambi?
    353 - Gen 30, 2011 - 23:26 Vai al commento »
    Oggi sono rimasto senza parole, letteralmente basito dal comportamento della squadra. Questo è il punto più basso della storia biancorossa degli ultimi vent'anni. O svolta immediata, da mercoledì, oppure schierare la juniores e tirare i remi in barca a fine campionato. Non stiamo offendendo un blasone ma la dignità. Vergogna.
  • La Maceratese si prende qualche giorno
    per decidere le sorti di mister Pierantoni

    354 - Gen 11, 2011 - 10:51 Vai al commento »
    Spiace anche a me, signora Tardella, sentire le critiche a Paci che reputo una persona degna di stima. Però provi a mettersi nei nostri panni: questa squadra, salvo episodi sporadici, non ha mai giocato a calcio; le poche vittorie sono state quasi sempre frutto del caso o di episodi fortunosi; la squadra, in casa, gioca coperta come se affrontasse ogni domenica il Barcellona; sono stati spesi soldi per acquistare giocatori importanti per non sfruttare minimamente le loro caratteristiche. Io credo, onestamente, che la società dovrebbe provare a dare una svolta a questo campionato e, se mi permette, anche al futuro cercando fin d'ora un tecnico preparato, navigato e autorevole invece di continuare a "scommettere" su allenatori che non hanno ancora dimostrato nulla. Tolentino e Recanati docet. Un caro saluto.
  • Scuole aperte a Macerata: è polemica
    Pantanetti: “Il piano anti-neve ha funzionato”

    355 - Dic 19, 2010 - 1:28 Vai al commento »
    Il tratturo è un largo sentiero erboso, pietroso o in terra battuta, sempre a fondo naturale, originatosi dal passaggio e dal calpestio degli armenti. Di norma la misura della larghezza della sede del tracciato viario è di 111 metri, corrispondenti a sessanta passi napoletani. Il suo tragitto segna la direttrice principale del complesso sistema reticolare dei percorsi che si snodano e si diramano in sentieri minori costituiti dai tratturelli, bretelle che univano tra loro i tratturi principali, dai bracci e dai riposi. Questi percorsi erano utilizzati dai pastori per compiere la transumanza, ossia per trasferire con cadenza stagionale le greggi da un pascolo all'altro. (da Wikipedia) Ho il sospetto che l'amico Tommaso intendesse questo con il termine "tratturi"
  • GIORGIO MESCHINI
    IL “DESAPARECIDO”

    356 - Dic 8, 2010 - 1:49 Vai al commento »
    Saluto Giorgio Meschini con affetto, amicizia e stima. In questi mesi ha impartito una lezione di stile all'intera classe politica maceratese, me compreso. Mi sento di ringraziarlo pubblicamente, come uomo e come politico, per la sobrietà, la serietà, l'impegno, le capacità ed il rispetto nei confronti di tutti. Ciò che manca oggi è ciò che Giorgio ha saputo garantire per dieci lunghi anni: la capacità di sintesi e la conseguente armonia. In bocca al lupo, di vero cuore.
  • Maceratese: i giocatori
    sono con Pierantoni
    La società rifiuta le dimissioni

    357 - Nov 9, 2010 - 23:52 Vai al commento »
    Benissimo. Ne prendiamo atto. I giocatori sono gli unici responsabili di questa ennesima stagione di merda. D'ora in avanti se ne assumeranno tutte le responsabilità, al 100 per cento. Domenica prossima con la Fermana vogliamo tre punti ed una prestazione convincente. In caso contrario, al termine della partita,si presentino sotto la tribuna per ricevere i complimenti. Banda di ipocriti...
  • Giulio Silenzi
    eletto segretario
    del Pd civitanovese

    358 - Ott 25, 2010 - 23:01 Vai al commento »
    Bella la vita di chi non si mette mai in discussione e smanetta davanti ad un computer. Facile, troppo facile non misurarsi mai con il consenso altrui e criticare senza sapere e senza approfondire. Silenzi è l'uomo giusto al momento giusto: per certi versi lo è sempre stato e, in particolare in questa fase della politica civitanovese, potrebbe essere il segretario in grado di ricomporre fratture interne ed esterne al PD e guidare una coalizione alla riconquista del comune. Di fronte ad una persona che si è rimboccata le maniche, si è messa per l'ennesima volta in discussione ripartendo da un gradino di non primissimo piano della politica, si dovrebbe portare rispetto e augurarle "buon lavoro" piuttosto che recitare cantilene prive di senso e di realismo. I giovani potranno solo imparare da un segretario come Silenzi, la sua esperienza e la sua onestà saranno per loro una palestra fondamentale come lo è stata per me. In bocca al lupo, Giulio! Ti aspetta un lavoro difficilissimo che saprai certamente svolgere con la tua solita, indomita passione.
  • Maulo: “Caro Pd, non si può ridurre
    la sinistra ad anonimo accessorio”

    359 - Set 5, 2010 - 21:48 Vai al commento »
    Gianmario, ti voglio bene e ti rimpiango. Grazie.
  • Agostinelli nuovo ds della Maceratese
    Sampino farà il consulente di mercato

    360 - Mag 13, 2010 - 23:47 Vai al commento »
    Paci è un gran signore. Quando si libererà definitivamente di Sampino lo proporrò come maceratese dell'anno. Un grande in bocca al lupo a Roberto.
  • Carancini apre ai Comunisti
    Si profila il nono assessorato

    361 - Mag 14, 2010 - 21:23 Vai al commento »
    Ok, ce l'hai proprio con me. Se provassimo a parlare di calcio? Potremmo anche andare d'accordo...
    362 - Mag 14, 2010 - 20:30 Vai al commento »
    Ah Gianfrà...allora ce l'hai proprio con me! Va beh, dai, non preoccuparti...ti porto la tessera dei Comunisti così sarai più tranquillo e sereno... @ Intermesoli Io ci sto, la tua proposta potrebbe essere "girata" in Consiglio Comunale. Proviamo a studiare tempi e modi.
    363 - Mag 14, 2010 - 17:09 Vai al commento »
    @ Aurora I partiti ti fanno vincere le elezioni, ti fanno governare e non commettono crimini, salvo prova contraria. La serenità tra i partiti ti permette di governare bene la città. Se ci sono scontri - vedi l'amministrazione Menghi - non si governa e, sovente, si va a casa anticipatamente. Sai qual'è il punto, piuttosto? Che questo benedetto 9°assessore è tutto da costruire e le parole di Carancini in consiglio, pur rappresentando un'apertura, non comportano necessariamente questo aumento di posti nell'esecutivo. Per cui, come dice Perticarari, è meglio aspettare. @ Stefano Sapevo che eri bravo, ne ho avuto la conferma in questi giorni. Ciò che hai scritto lo volevo scrivere io poi, dopo due righe, mi sono detto: ma chi me lo fa fare? @Riccardo I comunisti amano spiegare e argomentare. Anche nei blog. @Gianfranco No, in Italiano. Poi ho studiato filosofia e, di conseguenza, anche retorica. Ma nel mio scritto non ne trovi traccia. E neppure in quello di Stefano. Solo fatti, magari esposti in maniera un pò prolissa.
    364 - Mag 14, 2010 - 13:57 Vai al commento »
    @ Gianfranco Ognuno ha il suo stile, questo è il mio e non posso farci nulla. D'altra parte, a scuola, non ero proprio l'ultimo in Italiano... :-)
    365 - Mag 14, 2010 - 11:50 Vai al commento »
    Duole constatare, piuttosto, che quando si lascia un contributo ricco di spunti e di precisazioni su di una vicenda alquanto complessa, vi sia sempre qualcuno che, non essendo in grado di coglierli, risponde sul piano personale con dichiarazioni anche piuttosto offensive. Ho scritto un lungo intervento, è vero. L'ho fatto pensando di dare un contributo al dibattito, immaginando che i lettori dell'articolo dell'ottima Pierini avessero gradito una spiegazione più dettagliata dello stato delle cose. Le quali, me ne rendo conto perfettamente, sono piuttosto ingarbugliate. Poi Petroselli risponde tirando in ballo la "giusta considerazione" in Consiglio e l'esempio del marito che va al bar a fare il saccente. A me pare che qui l'unico che vuol fare il saccente è proprio lei che fa sistematicamente da contrappunto (utilizzo un termine berlusconiano, contento?) a ciò che il sottoscritto scrive senza mai entrae nelle cose scritte ed evitando costantemente il dibattito sulle stesse. E' patetico, inoltre, il passaggio in cui parla della mia area politica connotandola con "trascorsi penali pesanti". Sarebbe troppo facile risponderle citando i fatti recenti che hanno coinvolto Scajola e che, con ogni probabilità, coinvolgeranno illustri esponenti dell'altra area politica, quella a cui lei stesso fa riferimento. Al riguardo, mi limito a ricordare come il mio partito non sia minimamente coinvolto in nessuno scandalo nè, tanto peggio, in trascorsi penali di nessun genere. Nè a Roma, nè a Macerata. Quindi, caro Petroselli, cerchi di rispondere alle cose senza scadere in considerazioni lesive della rispettabilità altrui. Oltretutto io non ho nemmeno il piacere di conoscerla e non credo di averla mai vista. Ripeto: risponda sui contenuti, vedrà che ne nascerà un confronto interessante. Così è troppo comodo e anche piuttosto infantile. @ Gianfranco C'è qualcosa di non vero in quello che ho scritto? Non sono autocelebrazioni, è pura verità. E non dico affatto che siamo tanto bravi, mi limito a dire che siamo leali. E questa cosa mi pare che lo stesso PD la abbia più volte riconosciuta. O no? @ Intermesoli Indennità nette: Assessori circa 1950 euro al mese. Consiglieri circa 60 euro a gettone di presenza. Quindi, calcolando 4 giorni di consiglio al mese, siamo a circa 240 euro. Più le commissioni che corrispondono a circa 40 euro di gettone. Complessivamente, un consigliere comunale percepisce tra i 200 e i 300 euro al mese (se è sempre presente)
    366 - Mag 14, 2010 - 0:39 Vai al commento »
    Caro Roberto, grazie del video. Lo avevo già visto mille volte, ma rivederlo è sempre piacevole. Noi del PdCi siamo usciti dal PRC proprio per questo massimalismo di Bertinotti che Guzzanti, da maestro della caricatura qual'è, traccia divinamente. Lo so che è difficile da comprendere questa ennesimo stop alla riunificazione, almeno a livello locale. Speriamo che tutto si risolva al più presto e che il processo riparta più vigorosamente di prima. Un caro saluto.
    367 - Mag 13, 2010 - 23:28 Vai al commento »
    Una precisazione, innanzitutto. La mia richiesta di rinvio a martedì era semplicemente motivata dal fatto che c'erano in discussione 4 emendamenti, uno dei quali trasformato in ordine del giorno. Dopo la discussione e la votazione di essi, si sarebbe dovuto procedere alle dichiarazioni di voto (15 gruppi consiliari che, con ogni probabilità, sarebbero intervenuti tutti) e, infine, alla votazione. E'chiaro che non avremmo fatto in tempo a svolgere questo iter e che, alla fine, sarebbe mancata la lucidità necessaria per una discussione serena. Per questo - e non per contrastare la volontà degli esponenti del PD - ho chiesto il rinvio a martedì, data peraltro già prevista nel calendario delle sedute del consiglio comunale. Passando a noi: Pieroni ha ragione. Noi abbiamo fatto la proposta di aumentare a 9 il numero degli assessori senza spendere un solo centesimo in più, ovvero spalmando su 9 assessori l'indeninità di 8. Alla città non costerebbe nulla, agli assessori già nominati comporterebbe una riduzione dell'indennità di circa 200 euro a testa. Non mi pare un'ipotesi peregrina, o no? Io prendo atto delle dichiarazioni del sindaco e le accolgo con cauto ottimismo anche se "prendere in considerazione" le nostre richieste non significa automaticamente accoglierle. Molto - per non dire moltissimo - dipenderà anche dalle altre forze politiche della maggioranza ma, per una volta, voglio essere ottimista. Colgo l'occasione per un ulteriore chiarimento: in 10 anni di amministrazione Meschini noi non abbiamo mai urlato, caro Gianfranco. Siamo stati alleati sempre leali e corretti e, in nome di tale lealtà, a volte, abbiamo abbassato la testa di fronte ad alcune scelte che non erano pienamente condivise. Fa specie la delibera sui Salesiani (ma potrei citarne altre) in occasione della quale, di fronte al "niet" di alcuni consiglieri di maggioranza, io stesso dichiarai a nome del gruppo: siamo contrari ma, per non mettere in difficoltà il nostro sindaco e la nostra amministrazione, ci asterremo; e qualora i nostri voti fossero necessari a far passare la delibera, voteremo a favore. Poi fu un voto di astensione molto apprezzato dal Pd e dalle altre forze politiche del centro sinistra. Siamo dunque un partito che ha nel DNA il gene del "tanto peggio, tanto meglio?". Siamo un partito che gioca a mettere in difficoltà i propri alleati? Non lo abbiamo mai fatto e non lo faremmo mai. Sappiamo bene che il peggior governo di centrosinistra è di gran lunga superiore al miglior governo della destra, tanto che, nel 1998, affrontammo una dolorosa scissione da Rifondazione (di cui ancora oggi si pagano le conseguenze) proprio per salvare l'allora governo Prodi. Venendo a questioni più vicine a noi, ricordate la vicenda dell'ASUR? Sapete che, pur essendo contrari, la nostra astensione in Consiglio Regionale, salvò l'allora giunta D'Ambrosio? Sapete quanti episodi analoghi potrei citare anche riferendomi alle sole vicende del consiglio comunale di Macerata? Tutto questo per ribadire, ancora una volta, che i Comunisti Italiani sono persone serie al massimo grado, altro che disfattisti o attaccati alle poltrone! Se ci interessassero solo i posti, avremmo fatto una lista da soli, senza unirci a Rifondazione (la quale, da sola, non sarebbe riuscita neppure a fare una lista di 28 candidati maceratesi) e, con una lista PdCI avremmo preso pochi voti in meno di quelli ottenuti con la Federazione della Sinistra. Un dato su tutti: i voti del sottoscritto, quelli di Lattanzi e quelli di Borgiani sono superiori a quelli ottenuti da tutti i candidati dei Verdi, tanto per fare un esempio. Da soli avremmo ottenuto uno o due consiglieri e, come i Verdi, avremmo avuto un nostro rappresentante in Giunta. Oggi i candidati di questo partito hanno ottenuto 800 sulle circa 900 preferenze ottenute dalla Federazione, i dirigenti di questo partito hanno predisposto, svolto e pagato l'intera campagna elettorale, hanno raccolto il 90% delle firme necessarie a presentare la lista, hanno attaccato i manifesti eccetera eccetera: vi sembra giusto che un partito che ha svolto il 90% del lavoro che ha portato all'ottenimento del 7,3% dei consensi, oggi, non abbia alcuna visibilità? Ancora: pur essendo contari alle primarie, molti dei militanti del PdCI si sono recati a votare per Romano Carancini. Per stima nei suoi confronti ma anche per la consapevolezza che, nel caso in cui il sindaco non fosse stato del PD, questo partito sarebbe letteralmente imploso e ci avrebbe inevitabilmente portato alla sconfitta. Caro Perticarari, io non sono affatto sicuro che l'allargamento della giunta si farà. Però vorrei che anche tu riflettessi su tutto questo e ti ponessi alcune domande senza rispondere con l'odioso refrain del tipo "ma i Comunisti hanno Pantanetti in giunta, il quale era nella rosa dei candidati". Questo è verissimo. Come è altrettanto vero, però, che noi abbiamo chiesto una ulteriore visibilità che, a causa di robusti appetiti del PD, ci è stata negata. All'interno della Federazione, poi, c'era la volontà di condurre una battaglia comune finalizzata al raggiungimento di tale sacrosanta visibilità. Pantanetti ha ritenuto opportuno rinunciare a questa battaglia. E' una sua scelta. E in quanto tale non la condivido per niente ma posso anche prenderne atto. Per quanto ci riguarda ci batteremo fino in fondo affinchè la volontà degli elettori venga rispettata. Perchè se abbiamo preso più del quadruplo dei voti dei Verdi (giuro che non ce l'ho con loro, è solo un esempio) non ci sembra giusto avere, nella migliore delle ipotesi, la stessa loro rappresentanza. Andremo fino in fondo, credetemi.
  • La Provincia inviterà gli appartenenti
    alla massoneria a farsi avanti

    368 - Mag 13, 2010 - 15:34 Vai al commento »
    @ Scorbutico a questo punto mi hai messo una certa curiosità addosso...e ti assicuro che non sono affatto curioso! Quando ci incontriamo, identificati che ti vorrei ringraziare per le belle cose che hai scritto. Di musicisti ne conosco diversi, ho qualche sospetto ma...non ne sono sicuro... Ho letto diverse cose sulla massoneria ma, naturalmente, non ne sono un profondo conoscitore. Ho votato favorevolmente una mozione di Munafò, qualche tempo fa, sottolineandone il valore puramente simbolico perchè, da un punto di vista giuridico, non aveva e non ha alcun valore. Fu un voto dettato da circostanze ben precise...
    369 - Mag 13, 2010 - 0:08 Vai al commento »
    Il consigliere regionale e provinciale Enzo Marangoni ha portato una crostata alla frutta in regione e ha invitato la maggioranza PD-UdC-IdV a spartirsi anche quella. Poi propone una sorta di sdoppiamento della Regione Marche con relative annessioni del nord alla romagna e del sud ad una fantomatica regione picena comprendente Ascoli, Fermo, Macerata e Teramo. In precedenza ha ottenuto l'ostensione del crocifisso nell'aula consiliare della provincia tramite una mozione approvata anche con i voti (e le astensioni) dell'opposizione. Non entro nel merito dell'attuale mozione sulla massoneria, mi limito a dire che la stessa può solo avere un valore "simbolico" e, se volete, di protesta nei confronti di una organizzazione i cui scopi sono oggi ben lontani dagli ideali che ne hanno caratterizzato la nascita e la diffusione soprattutto nel corso dell'800.
  • Sampino rimane alla Maceratese:
    “La prossima settimana
    il nuovo allenatore”

    370 - Mag 11, 2010 - 18:46 Vai al commento »
    Proprio ieri, in consiglio comunale, ho fatto un appello all'amministrazione rivolto ad aiutare la Maceratese. Se questa è la volontà della società è stato inutile. Che delusione.
  • Boscolo: “La mediateca di Macerata
    chiude i battenti per volontà
    della Giunta Provinciale”

    371 - Mag 11, 2010 - 18:42 Vai al commento »
    Ale, dovete essere più incisivi e più compatti. Date una svegliata agli altri, non è possibile che solo Giulio, te e pochi altri denuncino le nefandezze di un'amministrazione capace solo di gettare alle ortiche quanto di buono fatto in passato. E' passato un anno, ti rendi conto? E in questo lasso di tempo sono stati capaci di distruggere mezza provincia. Prima i progetti nostri, adesso tocca a quelli realizzati in passato. E' vergognoso. E lo è ancor di più il silenzio assordante che regna all'interno dell'opposizione. Forza!
  • Sintetico a Collevario, nuove palestre
    e sciogliere i nodi piscina e Palas
    Alferio Canesin illustra i suoi progetti

    372 - Mag 10, 2010 - 1:54 Vai al commento »
    @ Tommaso ho innavvertitamente cancellato il tuo messaggio su facebook. Se puoi rimandamelo. Un abbraccio.
    373 - Mag 9, 2010 - 13:17 Vai al commento »
    L'erba sintetica a Collevario, invece, è un'operazione giustissima. Quel campo è utilizzato molto al di sotto delle sue potenzialità a causa del fondo in erba che ne rappresenta un limite enorme. Le società di calcio a Macerata sono tantissime e il comune non sa più dove collocarle. Ovvio che il sintetico consentirebbe di utilizzare la struttura al 100%. Occorrerebbe inoltre realizzare un impianto di illuminazione per sfruttarlo anche la sera, eventualmente per le società amatoriali che giocano e si allenano principalmente dopo cena. Sandro ha ragione ma può stare tranquillo perchè nel programma di Carancini è previsto anche ciò che lui, giustamente, chiede: non solo calcio ma strutture per tutti gli altri sport.
  • Silenzi: “La vendita dell’ex Liceo
    è una rapina ai danni di Civitanova”

    374 - Mag 10, 2010 - 14:49 Vai al commento »
    @Petroselli I 25mila voti di differenza hanno riguardato la Provincia e non il Comune. Le ricordo che 25mila sono stati gli elettori del solo Comune di Macerata, come può pensare a queste cifre in un comune di 43mila abitanti? Non conosco i problemi personali di Montali anche perchè non è, ripeto, del mio partito. Non c'è stato nessun disaccordo e nessuno scontro in occasione delle ultime provinciali. Quando sostiene tesi fantasiose, cerchi di essere più preciso o non la comprende nessuno. La soddisfazione personale è stata quella di aver fatto una lista che, nonostante la sconfitta, ha ottenuto un risultato dignitoso eleggendo un consigliere come 5 anni prima e i 638 voti personali raccolti che mi hanno consentito di raddoppiare la media provinciale dei consensi percentualmente raccolto dal mio partito. Per quanto riguarda il bar, non so proprio cosa dirle. So solo che fanno degli ottimi panini che ho spesso mangiato durante le pause pranzo della giunta. @ Tex Willer Non è proprio così, ma...focherello!
    375 - Mag 10, 2010 - 10:10 Vai al commento »
    @ Petroselli Liste in scontro tra di noi? Mi peremetta due precisazioni: Montali era del PRC, io del PdCI e avevo Monaldi, non Montali, al mio fianco. Non capisco questo colore bianco, sia più preciso. Abbiamo perso per circa 6000 voti, non 25mila. Per il resto...che dirle? Ha ragione lei, così chiudiamo questa disarmante discussione. Saluti.
    376 - Mag 10, 2010 - 1:08 Vai al commento »
    @ Gianfranco Il cavallo di razza di Camerino è di una razza talmente pura che è passato a destra pur di fare il sindaco. Ma al di là di questo, giova ricordare come sono andate le cose con Dario Conti: era assessore in quota ai socialisti con due consiglieri (Acquaroli e Canella) che, circa a metà mandato, a causa di una frattura all'interno del partito, iniziano a votare contro a tutte le delibere compreso il Piano dei Lavori Pubblici. Conti era assessore ai lavori pubblici. Di conseguenza, Conti non è stato allontanato da Silenzi ma dal suo stesso partito o, meglio, da una parte di esso. Ovviamente i voti di Conti ce li siamo giocati. Forse mi sono spiegato male ma io non ho addossato le responsabilità della sconfitta alle "congiure di palazzo". Cette, hanno contribuito anche queste. Ma quando lo stesso giorno circa 25mila elettori votano a destra alle europee, è ovvio che c'è stato un dato politco (e non amministrativo) che ha fortemente condizionato il dato provinciale. Su questo, da persona che si occupa di politica da sempre, non puoi che convenire con me. Per il resto, come ho già scritto, non condivido il tuo pensiero e la tua metafora della doccia senza l'acqua, almeno non per tutti i politici. Attenzione al ricambio a tutti i costi: è proprio questo che spesso partorisce classi dirigenti assolutamente non all'altezza... L'allusione al prezzo pagato in comune te la spiego a voce. @Gianluca Simpaticissimo...vengo da una riunione alquanto "dura" e avevo proprio bisogno di farmi una risata. Grazie, hai fatto centro! @Petroselli Non si preoccupi per me, la sconfitta l'ho metabolizzata tre giorni dopo. Tuttavia, mentre il sottoscritto tenta sempre di fare delle analisi (magari a volte senza riuscirci pienamente), lei risponde con slogan e questo, francamente, è alquanto sgradevole e non fa onore alla sua intelligenza. Provi ad approfondire ogni tanto, anche se non va più di moda. Grazie degli auguri ma la soddisfazione personale l'ho già avuta sia lo scorso anno che in occasione delle ultime comunali. Direttamente dai cittadini.
    377 - Mag 9, 2010 - 15:20 Vai al commento »
    @ Gianfranco Guarda...io sono convinto che se si rivotasse atre 10 volte per la Provincia non si ripeterebbero mai quelle circostanze sfavorevoli che si sono verificate lo scorso anno. D'altra parte tutto si può dire di Silenzi meno che sia stato un "fancazzista" o un parassita attaccato alla poltrona per interessi suoi o di lobby a lui vicine. Il problema, semmai, è l'esatto contrario: in quei cinque anni la provincia ha mostrato una vitalità mai vista in precedenza, era sempre al centro dell'attenzione proprio perchè non passava una settimana senza che venissero presentati progetti nuovi o iniziative di qualsiasi genere. Questo è un dato di fatto. Poi, ci mancherebbe, nel fare avremo sbagliato anche tante cose, non lo metto in dubbio. Però guarda oggi in che stato versa la provincia di Macerata: è passato quasi un anno dalla vittoria di Capponi e ancora non c'è un minimo di visione d'insieme, un minimo di programmazione, un minimo di lungimiranza politica e amministrativa. Tengo a sottolineare che non scrivo questo per fare campagna elettorale (oramai sono passate le campagne elettorali, la prossima sarà quella politica tra tre anni...) ma semplicemente perchè mi fa male vedere un ente ridotto in questo stato. Prova a fare un giro sul sito dell'amministrazione provinciale e, tanto per fare un esempio, vai a leggerti il Piano di Sviluppo, soprattutto nella parte relativa ai servizi sociali: troverai una serie di enunciati privi di qualsivoglia elemento concreto, tutte dichiarazioni di principio e nient'altro. Molti degli stessi elettori di Capponi, oggi, dicono che, potendo tornare indietro, non lo voterebbero più. Bada bene che - lo ripeto ancora una volta - la mia battaglia contro questa amministrazione è sui fatti, non a prescindere! E, ti assicuro, proprio a causa di questa battaglia, come puoi facilmente immaginare, ho pagato un prezzo altissimo in occasione delle ultime comunali di Macerata. Hai capito tutto, vero? Ora, tornando a Silenzi, io penso semplicemente che la sua sconfitta sia stata determinata da due elementi: - un dato politico (rileggiti i risultati delle europee in provincia di Macerata) - una congiura all'interno del PD con molti esponenti di questo partito che, animati da "vendette" personali, hanno fatto una campagna elettorale al contrario (Civitanova, Tolentino, Camerino in particolare) Di conseguenza, non credo affatto che il risultato sia stato determinato da una valutazione complessiva sui cinque anni di amministrazione. Detto questo, non condivido il tuo giudizio su quelli che definisci "politicanti" perchè generalizzi e, quando si generalizza, di solito si sbaglia sempre. Potrei fare tantissimi esempi di persone con le caratteristiche che tu tracci ma, francamente, ce ne sono altre che meriterebbero, secondo me, di stare in politica a vita proprio perchè sono persone preparate e, soprattutto, senza lobby vicine e alle quali dover sempre rendere conto del loro operato. Su Silenzi tutto si può dire meno che fosse una persona asservita a qualche comitato d'affari e, complessivamente, spero che tu non abbia mai il coraggio di metterlo vicino a Capponi quanto a statura politica, preparazione e capacità di affrontare e risolvere i problemi. Per questi motivi ritenevo scontata la sua nomina a capogruppo del PD poi è chiaro che sono affri di questo partito che, com'è noto, di problemi ne ha tantissimi. Un caro saluto e ... buona domenica.
    378 - Mag 9, 2010 - 3:04 Vai al commento »
    Non sono di un altro schieramento ma di un altro partito dello stesso schieramento. E poi a me sembrava logico che fosse Silenzi, a te no?
    379 - Mag 9, 2010 - 0:53 Vai al commento »
    Non sbaglia, signor Federici. Purtroppo non sbaglia affatto. Con tutta la stima per Morgoni, il capogruppo del PD poteva essere solo Silenzi ma, ahimè, qualcuno ha scelto diversamente. Stupisce il fatto che ci troviamo di fronte ad una opposizione quasi prona mentre l'amministrazione provinciale - per inefficienza e inadeguatezza - meriterebbe una minoranza ben più agguerrita. Non è un caso che la Provincia sia letteralmente sparita dai giornali e dal dibattito politico. Meno male che c'è Silenzi...
  • Ottavo assessore della Giunta Carancini
    Leonardo Virgili si tira fuori dai giochi

    380 - Mag 9, 2010 - 0:48 Vai al commento »
    C'era una questione "personale" a dividere le parti. E Virgili, da gran signore, ha deciso di toglierla dalla discussione per lasciar spazio alla politica. A sinistra, per contro, il problema non riguarda le persone ma i metodi e la politica.
  • L’Idv non molla
    e Carancini prende tempo

    381 - Mag 6, 2010 - 0:00 Vai al commento »
    Il vero problema, in tutta questa caotica situazione, sta nel fatto che i partiti non c'entrano nulla. E si che di competenze ce n'erano, anche dentro i partiti e nelle rose dei candidati assessori. La questione sta tutta nel fatto che c'è un uomo solo al comando che non ascolta nessuno. Altro che professionalità! Qui siamo al dilettantismo allo stato puro.
  • Mari presidente del Consiglio
    I Comunisti escono dall’aula:
    “Ci opponiamo al Pd asso pigliatutto”

    382 - Mag 5, 2010 - 20:10 Vai al commento »
    Fazi, io proprio non riesco a capirla...probabilmente è un problema mio ma davvero non capisco perchè scrive di politica quando è evidente che non la conosce e non la comprende affatto. Ci sono tante cose altrettanto importanti nella vita, non è un obbligo dedicarsi anche a ciò che non fa per lei.
    383 - Mag 5, 2010 - 0:18 Vai al commento »
    Ah...l'urbanistica la tiene il sindaco come preannunciato
    384 - Mag 5, 2010 - 0:17 Vai al commento »
    Deleghe (ufficiose) Blunno: bilancio e personale Monteverde: servizi sociali, scuole, beni culturali Curzi: politiche giovanili, pace, cooperazione internazionale Pantanetti: lavori pubblici, vigili urbani, centro storico Manzi: attività culturali Valentini: attività produttive, ambiente Canesin: sport, piccole manutenzioni
    385 - Mag 4, 2010 - 20:54 Vai al commento »
    @ Gianfranco Vedremo, caro Gianfranco, vedremo. Ti assicuro che le pallottole sono in canna. Sta al Sindaco e alla Giunta non sbagliare nulla. @ Gianluca Ovviamente mi riferivo ai comuni superiori a 15mila abitanti, quelli dove si vota con il doppio turno e le liste di partito. @ Marcelli Chiedilo al PD in cosa differiscono da Berlusconi, non a me
    386 - Mag 3, 2010 - 23:42 Vai al commento »
    Gianfranco, ti sbagli di grosso. I Comunisti hanno già fatto la loro battaglia per ottenere una visibilità proporzionata al risultato elettorale. Da domani offriranno un appoggio esterno che significa nessun incarico apicale e nessuna poltrona. Altri dovrebbero specchiarsi nel nostro disinteresse e nella nostra lealtà. Perchè, piuttosto, non provi a pensare al fatto che questa è l'unica città in Italia dove Sindaco, Vicesindaco e Presidente del Consiglio sono dello stesso partito?
  • Ultimatum dei Comunisti:
    La presidenza del Consiglio
    spetta a noi

    387 - Mag 4, 2010 - 0:01 Vai al commento »
    Ti ripeto, caro Gianfranco: NOI SIAMO FUORI DALLA MAGGIORANZA e, di conseguenza, non ci spetteranno poltrone di nessun genere.
    388 - Mag 3, 2010 - 23:13 Vai al commento »
    Difficilissimo rispondere a tutti, ci vorrebbe un'ora di tempo che purtroppo non ho, magari torneremo in seguito ad approfondire le singole questioni. Innanzitutto NON SIAMO A CACCIA DI POLTRONE. Siamo il terzo partito in città e il secondo del centro sinistra. Se volessimo le poltrone e i soldi rivendicheremmo la nostra scarsa visibilità per fare man bassa di presidenze, vicepresidenze e posti all'interno dei CdA delle cosiddette aziende partecipate portando al partito molte più quote di quelle versate da uno, due, tre assessori. Non potete nemmeno immaginare la discussione che c'è stata all'interno del partito in queste settimane: vi posso assicurare che proprio quei compagni che, per formazione e professione, potevano ambire a tali incarichi, hanno spinto per passare all'appoggio esterno che, com'è ovvio, comporterà la rinuncia a qualsiasi incarico. Ripeto: non ci interessano le poltrone e al sindaco non chiederemo più nulla. Più chiari e meno interessati di così si muore! La nostra battaglia è stata semplicemente una battaglia di giustizia perchè il PD non può avere tutto con il 24% dei voti. E, per converso, il PDCI non può essere trattato alla stessa stregua dei Verdi (con tutto il rispetto per gli amici di questa lista) che hanno ottenuto 400 voti contri i 1700 ottenuti da noi. Questa è una battaglia per la democrazia o una battaglia per le poltrone? Se si ritiene che sia una battaglia per le poltrone, perchè allora non ci si indigna contro lo stesso PD che le ha prese tutte? Vi risulta che ci sia un altro comune in Italia dove lo stesso partito, con meno della metà dei voti complessivi della coalizione vincente, ha Sindaco, vice-Sindaco, 3 assessori e Presidente del Consiglio? Cerchiamo, tutti insieme, di capire chi sono realmente i responsabili di questa situazione piuttosto che gettare fango su di una forza politica che, a differenza di quasi tutte le altre, discute di POLITICA e non di posti. A Tamara rispondo che, piuttosto che provare vergogna per noi, dovrebbe provare vergogna per il suo gruppo che, ottenuto il proprio assessore, ci ha lasciati soli in questa battaglia di democrazia, votando supinamente il candidato del PD. Vedi perchè non abbiamo voluto fare la lista insieme? Tu dici che abbiamo fatto la lista insieme a Rifondazione per spartirci più poltrone. Dovresti, invece, renderti conto che in occasione di comunali e provinciali, più liste ci sono e più si ha la possibilità di portare voti al sindaco. Credi davvero che PRC, PdCI e SeL, uniti, avrebbero preso l'11%? Infine, prova a rifletttere: se avessimo voluto più poltrone "personali", non ci sarebbe convenuto fare una lista del PdCI e andare da soli? Almeno, in tal modo, almeno l'assessore lo avremmo avuto. O credi che avremmo preso meno voti dei Verdi? Sai che solo i voti miei e di Lattanzi superano quelli ottenuti dai Verdi tutti insieme? Quindi, per cortesia, cerchiamo di essere più obiettivi. E, invece di "vergognarti" per noi, prova a capire il senso di questa battaglia di civiltà e di decenza che abbiamo intrapreso. Purtroppo nella nostra splendida solitudine.
    389 - Mag 2, 2010 - 23:01 Vai al commento »
    Credo di poter dare un contributo, visto che sono parte in causa. L'amico Cherubini parla di "percentuale fasulla". Può darsi che abbia ragione. Ma ricordo che, accanto ai voti al simbolo, ci sono stati quasi 1000 voti con la preferenza scritta ai candidati della lista e, probabilmente, 300-400 voti annullati. Ritengo ingiusto, dunque, attribuire il grande consenso ricevuto dai Comunisti ricorrendo alla cosiddetta "illusione ottica". In merito alla Presidenza del Consiglio, Cherubini sappia che domani candideremo Michele Lattanzi che è dipendente della ASL da più di 10 anni (quindi è tutt'altro che disoccupato). Per dovere di cronaca, anche gli altri del gruppo (ad eccezione del giovane Blanchi che è studente-lavoratore) lavorano da tempo, quindi nessuno di noi, senza politica, resterebbe privo di reddito. La verità è quella riferita da Rik74 e da Glauco Giglioni: la Federazione della Sinistra chiede semplicemente ciò che le spetta e ciò che gli elettori, con il loro voto, hanno stabilito. Non è possibile che una lista che prende quasi 1700 voti debba essere trattata come una che ne prende 400 a fronte di un PD "assopigliatutto" che, caso unico in Italia, avrebbe sindaco, vicesindaco, 3 assessori, presidente del consiglio, presidenza delle commissioni più importanti, presidenze di tutte le aziende partecipate. All'interno della Federazione, poi, è successo che i Comunisti Italiani hanno portato 30 su 40 candidati, ricevuto il 90% dei voti con preferenza, organizzato, gestito e pagato la campagna elettorale, raccolto le firme e Rifondazione, che ha vissuto di rendita, esprime l'assessore. (tra le altre cose, quell'assessore si era impegnato, prima di accettare la nomina, a fare una riunione con i due partiti congiunti per prendere una decisione insieme mentre invece ha firmato senza pensarci due volte...) Noi domani faremo la battaglia per la presidenza del consiglio e, con ogni probabilità, la perderemo: a quel punto non chiederemo più nulla nè al sindaco nè al PD al quale lasceremo piena libertà anche nella spartizione delle cariche di secondo livello. Siamo sempre stati coerenti e leali, ma veniamo ripagati con slealtà, scorrettezza e tradimento della volontà popolare. Semplicemente, sosterremo Carancini con tutte le nostre forze senza chiedere più nulla. Tutto qui.
  • 25 aprile e Primo maggio,
    i rimpianti di Enrico Mattei

    390 - Mag 3, 2010 - 0:19 Vai al commento »
    Veramente da brividi. Ennesimi complimenti a Liuti, penna d'altri tempi. E un pensiero a Mattei: fossero stati tutti come lui, i democristiani, oggi vivremmo in un'altra Italia. Davvero bello, anzi bellissimo. La più bella tra le "interviste impossibili". Grazie davvero.
  • Nominata la Giunta Carancini:
    tre donne e quattro uomini

    391 - Mag 2, 2010 - 2:11 Vai al commento »
    Buon lavoro, per il bene di Macerata!
  • Il Piano generale di sviluppo
    Capponi: “Rivoluzioneremo la Provincia”

    392 - Mag 2, 2010 - 2:09 Vai al commento »
    Sarebbe troppo facile ironizzare sul fatto che - ad un anno dall'insediamento- l'amministrazione provinciale propone un piano di sviluppo che è la "sintesi dei temi e degli obiettivi delle linee programmatiche approvate dal Consiglio Provinciale in data 1 dicembre 2009". Forse è giunta l'ora di passare ai fatti piuttosto che agli enunciati e, magari, sarebbe finalmente opportuno commentarli dopo la loro attuazione, non prima. Mi limito ad una sola precisazione che è, in realtà, lo smascheramento dell'ennesima bugia raccontata da Capponi ai maceratesi: il taxi sociale era una cosa, "Anziani non più soli" un'altra. Quest'ultimo era il cosiddetto "118 sociale" che Capponi ha letteralmente smantellato proprio nella fase della sua potenziale estensione a tutto il territorio provinciale, mentre il taxi sociale era un servizio complementare rivolto a favorire la mobilità degli anziani soli. Chi ha voglia si legga la parte del Piano Generale di Sviluppo dedicata ai servizi sociali, troverà una conferma evidente di quanto vado predicando da tempo.
  • “Non dimentichiamo Sergio Isidori
    e le altre persone scomparse”

    393 - Apr 24, 2010 - 23:25 Vai al commento »
    Ero un bambino quando a Villa Potenza avvenne questo fatto drammatico. Mio padre era amico del babbo di Sergio, a casa si parlava in continuazione della vicenda che, forse anche per questo, mi è rimasta impressa in maniera indelebile. Appena un anno fa mi è capitato di ritrovare Eraldo, dopo tanti anni. Non sapeva della morte di mio padre, non riuscì a trattenere le lacrime quando glielo comunicai. Poche settimane dopo, nella ressa di una festa popolare a Porto Recanati, per un interminabile quarto d'ora, ho perduto il mio bambino per ritrovarlo allegro e sorridente a giocare in una giostrina di uno chalet. In quei minuti carichi di angoscia, di disperazione, con un dolore quasi fisico nel petto e nello stomaco, ho pensato ad Eraldo e alla sua famiglia. Oggi ripenso a quel momento e dico alla famiglia Isidori, con il cuore in mano, che solo grandi persone riescono a sopravvivere e a non darsi per vinte di fronte ad eventi del genere. Lunga vita a "Penelope": che possa riuscire a dare una speranza a Eraldo e a tutte le famiglie delle persone scomparse.
  • Maceratese, Mosca lascia:
    “Non ho più voglia”

    394 - Apr 19, 2010 - 16:43 Vai al commento »
    Già, caro Filippo, hai proprio ragione...
  • Maceratese finalmente salva
    Trillini e Figueroa
    stendono il Montegranaro

    395 - Apr 18, 2010 - 22:37 Vai al commento »
    Gioia a fine gara per aver concluso questo orrendo campionato, ma l'intervista di Mosca ci costringe ad una doccia gelata. Speriamo si ritrovi tutti un pochino di entusiasmo per tentare di risalire la china al più presto. La mia ricetta è la solita: via Sampino e Momo attivo in prima persona al fianco di Paci. E' il momento di tirare fuori gli attributi e so che Momo non si farà pregare...altrimenti la prossima volta che mi definisce, anche indirettamente, "zavorra" gli piazzo un calcio sugli stinchi...Daje!!!
  • Incidente sulla superstrada
    Muore un tolentinate

    396 - Apr 18, 2010 - 22:28 Vai al commento »
    Sentite condoglianze, Fabio
  • Giovane in coma
    dopo la partita di calcio

    397 - Apr 18, 2010 - 23:09 Vai al commento »
    Forza Edoardo! Siamo tutti con TE!
  • Bambole insanguinate
    all’Ospedale contro
    la pillola abortiva Ru486

    398 - Apr 18, 2010 - 0:39 Vai al commento »
    Ci sono cose, momenti, situazioni che debbono essere vissuti in prima persona prima di utilizzare termini come "bimbi morti massacrati", "edonismo", "socialità", "incoscienza", "innocenza", "rifiuto corporeo"... Non condivido la battaglia intrapresa da Forza Nuova (anche se la rispetto) ma ciò che è miserabile è pretendere di descrivere i vissuti altrui con termini come questi.
  • Presentato il Torneo Velox
    Numeri da capogiro,
    primato in Italia

    399 - Apr 18, 2010 - 0:19 Vai al commento »
    Ecco la vera perla del calcio maceratese, ecco le persone che lavorano davvero per i colori biancorossi. Grazie di cuore per il grande lavoro svolto e in bocca al lupo!
  • Franco Capponi:
    “Pensiamo ai fatti
    e non solo alle parole”

    400 - Apr 18, 2010 - 1:54 Vai al commento »
    Le stupidaggini che alcuni scrivono sono tutte verificabili (e smentibili) semplicemente recandosi in Provincia e verificando di persona o leggendo i giornali che ogni anno pubblicano i redditi degli amministratori che, per legge, sono a disposizione di tutti. Lo staff di Capponi non è affatto inferiore a quello di Silenzi, almeno per quanto riguarda l'onere economico per l'ente. Silenzi non aveva portato la sua indennità a 7000 euro. Non ci sono impiegati "della sinistra" che remano contro, semplicemente ci sono impiegati disorientati dal fatto che da quasi un anno non hanno nulla da fare. La provincia, caro signor Fazi, non è di Capponi ma di tutti noi e un dipendente della stessa può decidere di candidarsi con chi vuole e ha la possibilità di svolgere ogni tipo di attività politica e istituzionale. Irene Manzi è una persona che svolge con diligenza e competenza il proprio lavoro e il fango che le getta addosso, caro signor Fazi, è altamente lesivo della sua reputazione e della sua professionalità. Si occupa del settore cultura, cosa che a lei difetta e non poco, per stile e per grammatica. Petroselli, so che si riferisce a me quando parla di "alcuni che spesso appaiono in questa rubrica": mi citi pure, sappia che io non ho paura di fare opposizione e che non ho scheletri nell'armadio. Il mio percorso politico è tutto alla luce del sole ed è fatto di impegno e di passione. Ed è proprio questa limpidezza che mi consente di fare una dura opposizione a Capponi che - lo ripeto - è il peggior Presidente della Provincia che abbiamo avuto a Macerata. Sfidando (nel senso buono del termine) lei e il signor Fazi, vi invito ad elencare tutte le cose fatte da Capponi in questo primo scorcio di mandato (consultate le delibere nel sito della provincia) poi fate un confronto con la passata amministrazione: mi rendo conto che vi sto chiedendo di approfondire (la qual cosa, per alcuni, resta alquanto difficile) ma, se non vogliamo scadere nel chiacchiericcio stile Bar dello Sport (con tutto il rispetto per il Bar dello Sport), proviamo ad informarci prima di scrivere sciocchezze. Saluti.
  • Menghi: “Usciamo a testa alta,
    Carancini non può
    governare da mediano”

    401 - Apr 15, 2010 - 1:18 Vai al commento »
    Intervento di buon senso da parte dell'amico Gianni. Questa analisi - pur non condividendola integralmente - è lucida e, soprattutto, priva di slogan. Fossero tutti così...
  • Il grande bluff
    della democrazia
    rappresentativa

    402 - Apr 15, 2010 - 20:26 Vai al commento »
    Il signor Ciccarelli mi ha anticipato...Temo che lei, signor Petroselli, abbia imparato bene il "capponese" dal momento che va sistematicamente fuori tema e lancia nuove discussioni, credo, per evitare di approfondire quelle che si stanno svolgendo. Restando all'articolo di Scorcella e alle riflessioni di Perticarari, ho notato che quest'anno ci sono stati meno voti di preferenza rispetto al passato. Di fronte a questo dato (tra l'altro in controtendenza se teniamo in mente la crescente disaffezione popolare verso i partiti) mi chiedo se e in quale misura abbia influito la legge elettorale nazionale che impedisce al cittadino di scegliere i candidati. Chissà...forse i cittadini si stanno disabituando a esprimere singole preferenze?
  • Quella strana consonanza
    tra Capponi e Casa Pound

    403 - Apr 14, 2010 - 14:35 Vai al commento »
    @ Petroselli Ho il diritto di fare opposizione a Capponi o lo devo chiedere a lei? Si tranquillizzi, me ne sono fatta una ragione il giorno dopo, semplicemente resto sconcertato di fronte all'inerzia di una amministrazione provinciale che, in 10 mesi, non ha fatto altro che parlare con slogan e dichiarare obiettivi senza realizzarne uno solo.
    404 - Apr 13, 2010 - 23:31 Vai al commento »
    Francesco Guccini, in un "Club Tenco" di tanti anni fa, riferendosi a "Luci a San Siro" di Roberto Vecchioni, fece un distinzione tra canzoni brutte, canzoni belle e canzoni di fronte alle quali dici "perchè non l'ho scritta io?". Bene, caro Liuti, di fronte al suo contributo ho avuto questa stessa reazione: perchè non l'ho scritto io? La ragione è fin troppo ovvia: lei è un bravissimo professionista, io no. Ma tengo a farle sapere che raramente capita di immedesimarsi a tal punto nelle parole altrui come è capitato a me di fronte alle sue. Complimenti vivissimi.
  • Scatta il toto assessori
    Carancini deve dare segnali forti
    per iniziare una nuova storia

    405 - Apr 14, 2010 - 0:54 Vai al commento »
    @ Tamara I primi a non accettare la tua proposta sarebbero proprio gli esponenti della destra...
  • Capponi: “Spero
    nella collaborazione
    del nuovo sindaco”

    406 - Apr 13, 2010 - 23:04 Vai al commento »
    Alcune precisazioni (poi chiudo questa triste polemica): 1- in questo forum NON si può scrivere di tutto così come in ogni altro forum. Ognuno può esprimere le proprie opinioni - e spesso ci siamo accalorati ma sempre rispettati - ma le offese, le accuse e le diffamazioni NON SI POSSONO SCRIVERE. Chi sa per certo dell'esistenza di truffe, irregolarità, illegalità, concorsi truccati e quant'altro NON LO SCRIVA QUI ma sia conseguente e si rechi presso la Procura della Repubblica. O rischia seriamente un querela. Questo, caro amico Fazi, lo dico per lei, solo per darle un consiglio e non certamente perchè ho intenzione di quererarla, non lo ho mai fatto e non lo farò mai nei confronti di nessuno. Semplicemente, sia conseguente a ciò che dice. 2- Questo forum non è di sinistra nè fa parte di un sistema corrotto. E' il forum di un sito che nasce dalla passione di alcuni giovani giornalisti maceratesi che stanno lavorando sodo e bene e che, in quanto professionisti seri, meritano rispetto. 3- un politico - ogni politico - può scrivere dove e quando gli pare finchè esprime le sue opinioni senza offendere nè diffamare nessuno perchè, prima ancora di essere un politico, E'UN CITTADINO COME TUTTI. 4- non sono io, caro Fazi, a dover dimostrare che lei si sbaglia. E' lei che - lo ripeto - se è così sicuro di ciò che scrive, dovrebbe recarsi nelle sedi preposte e non sul forum di CM. 5- Capponi vinse al primo turno perchè c'erano tre candidati alla presidenza della provincia, uno dei quali prese circa l'1%. Il ballottaggio sarebbe stato matematicamente impossibile. 6- lo staff di Silenzi aveva contratti a tempo determinato le cui scadenze coincidevano con la fine del mandato. Oggi in provincia non c'è più un solo dipendente assunto ai tempi dell'amministrazione precedente. Fazi può facilmente verificare la falsità della sua affermazione come, del resto, tutte le altre chiacchiere da bar dello sport che ci ha propinato in queste pagine. 7- si vuole candidare? Bene, lo faccia. Scoprirà quanto è difficile ricevere consensi. Potrebbe essere per lei una bella lezione di umiltà. 8- i quotidiani maceratesi sono tutt'altro che di sinistra. Lei, caro Fazi, è il solo ad affermarlo in tutta la città. @ Petroselli Ripeto ancora una volta che non ho criticato Capponi perchè ha sostenuto Pistarelli. Ci mancherebbe altro! E' di centro destra ed è sacrosanto che appoggi un candidato sindaco del suo stesso colore politico. Ho criticato la definizione di Macerata come "zavorra della provincia" e la definizione dei cittadini maceratesi come poveri deficienti (questo è il succo) che "in tutti questi anni sono stati sul balcone" e che "non hanno capito il messaggio di Pistarelli". Lei per primo - da sostenitore di Capponi ma anche da cittadino maceratese - avrebbe dovuto indignarsi di fronte a queste parole. Poi, se le piace essere deriso da un individuo solo perchè è presidente della provincia, faccia pure. Io, personalmente, mi incazzo. E spero di essere libero di farlo e di scriverlo. Tutto qui.
    407 - Apr 12, 2010 - 23:30 Vai al commento »
    Fazi, piantala. Hai veramente passato il limite
    408 - Apr 12, 2010 - 21:51 Vai al commento »
    Auspico anch'io una piena collaborazione tra i due enti. Invitto tutti, allo stesso tempo, a rileggersi le dichiarazioni del Presidente della Provincia pubblicate su CM mercoledì scorso e dai quotidiani (solo in parte) il giorno dopo, dichiarazioni faziose, offensive, false: in autentico stile e linguaggio "capponese".
  • Ecco il nuovo
    Consiglio comunale

    409 - Apr 12, 2010 - 23:33 Vai al commento »
    @Bianchini Bella la tua...davvero.
  • Carancini è il nuovo Sindaco
    Pistarelli superato al fotofinish

    410 - Apr 12, 2010 - 23:00 Vai al commento »
    Un caro saluto a tutti gli amici di CM. Vittoria ottenuta con un minimo scarto dopo un primo turno in cui, invece, lo scarto era piuttosto netto. Calcisticamente si potrebbe pensare ad un partita che si conduceva per 2-0 alla fine del primo tempo, che alla fine del secondo era in parità e che, nei minuti di recupero, è stata vinta grazie ad un gol in sospetto fuorigioco. Ma in politica, come nel calcio del resto, basta un solo voto (o un solo gol) di scarto per aggiudicarsi l’intera posta. Se pensiamo poi alle elezioni del 1997, vinte da Anna Menghi e dalla destra con una trentina di voti di scarto, possiamo renderci conto della crudeltà dei numeri e ai “vichiani” corsi e ricorsi della storia.... Diamo atto, innanzitutto, a Pistarelli e ai suoi di aver saputo rimontare uno svantaggio notevole e di aver commentato il risultato con grande sportività e correttezza. Questo al contrario di alcuni amici di CM che, invece di augurare buon lavoro al vincitore, continuano con le dichiarazioni offensive giudicandolo, ad esempio, un “burattino” o scrivendo che “prima o poi la gente capirà”, come se i cittadini fossero dei cretini incapaci di scegliere con obiettività: quest’ultimo commento, in particolare, ricorda molto da vicino le dichiarazioni gravissime ed offensive rilasciate da Capponi mercoledì scorso e, in quanto tali, si commentano da sole. Non voglio commentare l’intervento di Fazi che è, oltre ad essere indecente, è anche al limite della querela per diffamazione. Alla base di questa rimonta ci sono quegli stessi elementi che erano alla base di una mia certa preoccupazione nei confronti di questo turno di ballottaggio. Ho sempre avuto l’impressione durante queste due settimane che il centrosinistra avesse già dato per scontato, almeno in una certa misura, il risultato positivo. Del resto c’erano quasi 1300 voti di differenza, un UDC piuttosto “scoglionata”, tanti candidati delusi dal proprio risultato e un presunto, preventivabile “astensionismo di destra” che, in teoria, avrebbe dovuto avvantaggiare Carancini. Un gran parlare di vice-sindaco, di giunta, di assetti, di orientamenti più o meno alla luce del sole da parte delle tre liste civiche escluse al primo turno. A casa Pistarelli, per contro, si organizzava la rimonta con la forza tipica di chi non ha nulla da perdere e deve dare tutto per tentare l’impresa. Si aggiunga a tutto questo la maggiore “riconoscibilità” di Pistarelli (in politica fin da quando era un ragazzino) rispetto a Carancini (attivo da soli 10 anni) e le preferenze personali raccolte dai due al primo turno (quasi identiche ma tanti, tantissimi voti assegnati a “Macerata è nel cuore – Pistarelli Sindaco” da parte di cittadini che, con ogni probabilità, intendevano votare solo il candidato Sindaco). Ebbene: io credo che dietro questa rimonta vi siano proprio questi fattori motivazionali: fortissimi presso la destra, “rilassati” e “deconcentrati” presso il centrosinistra. Nessuno riuscirà mai a quantificare l’apporto fornito dalle tre liste civiche all’una o all’altra sponda ma, di fatto, delle due l’una: o l’astensionismo stavolta ha fortemente colpito il centrosinistra (ipotesi più probabile) o la gran parte degli elettori di Ballesi, Menghi e Ranzuglia hanno sostenuto Pistarelli A proposito di astensionismo: mi pare che i dati siano completamente sovrapponibili a quelli di 10 anni fa, quando lo scontro era tra Meschini e Vialetti e, comunque, non troppo distanti dalla media di affluenza in occasione dei recenti turni di ballottaggio. Sulle differenze proposte da Davoli tra Carancini e il Meschini di 5 anni fa, ha decisamente ragione Luca Crucianelli: Fabio Pistarelli era (ed è) con ogni probabilità uno dei migliori (se non il migliore) tra i cavalli nelle scuderie della destra mentre Giovanni Meriggi (con tutto il rispetto) era una candidatura dell’ultimo minuto, destinata a perdere proprio per la sua storia e il suo percorso politico del tutto estraneo alla coalizione che lo aveva proposto. Comunque sia, questa tornata elettorale è conclusa e 126 voti di scarto ci dicono che Carancini non potrà sbagliare nulla, a cominciare dall’esecutivo che dovrà essere, a mio avviso, competente al massimo livello: qualche outsider andrà benissimo a patto che sia affiancato da assessori con una forte personalità politica e amministrativa e in grado di trasmettere sicurezza anche a coloro che hanno minor esperienza. Poi occorrerà avviare un percorso contrassegnato da una partecipazione sempre più capillare da parte dei cittadini rispetto alle scelte dell’amministrazione: da questo punto di vista, ben vengano le giunte nei quartieri (soprattutto oggi che le circoscrizioni non ci sono più) e, magari, incontri sistematici con tutte le associazioni in modo tale da comprendere appieno le istanze che provengono dal volontariato. Un ultima considerazione in merito ai post di Placido Munafò. Possono essere considerate dichiarazioni “cattive” ma, tutto sommato, non ha proprio torto. Dato per scontato che l’elettorato di Anna Menghi è costituito perlopiù da cittadini di centrodestra (sicuramente del versante, passatemi il termine, “conservatore”), appare chiaro come il ruolo dell’omonimo comitato sia stato sempre decisivo per la sconfitta di Vialetti, Meriggi e, oggi, Pistarelli. Chiudo con un “in bocca al lupo” a Romano Carancini (persona splendida, pulita e sincera), a tutti i colleghi consiglieri comunali e, naturalmente, alla nostra amatissima Macerata. PS per l’amico Andrea Marchiori: bella eh? Eccesso di entusiasmo, direbbe Max Bunker…e comunque non ti preoccupare, Carancini governerà per 10 anni e, per allora, il frutto del nostro accoppiamento sarà ancora minorenne e non candidabile a sindaco!
  • Affluenza in netto calo
    Ha votato il 40,22% dei maceratesi

    411 - Apr 12, 2010 - 1:43 Vai al commento »
    Con ogni probabilità, domani alle 15 si dovrebbe arrivare intorno al 55-60% di affluenza. Sarebbe un risultato in media con il resto del Paese e vicino all'ultimo ballottaggio svoltosi dieci anni fa. Purtroppo questa è la legge elettorale, cara Lilly: ci può stare che un candidato venga eletto sindaco con il 26-30% dei consensi. Poi bisogna fare il conto dei voti (non le percentuali) ottenuti nei due turni, metterli vicini e tentare un'analisi calcolando le mille varianti che "scattano" in ogni ballottaggio tra le quali alcune sono preoccupanti, altre sono dettate da uno scarsissimo interesse nei confronti della politica (e dell'amministrazione locale), altre ancora da semplice pigrizia (ma come? abbiamo votato due settimane fa e ci tocca andare di nuovo? che palle...). Per certi versi non condivido lo "snobismo" di chi cerca sempre l'ulteriore, anche tra 5 candidati, per altri versi mi rendo perfettamente conto che la politica, nei prossimi anni, dovrà tenere seriamente in considerazione la frattura che si è creata (anche) con la cittadinanza se è vero, come è vero, che neanche l'elezione del sindaco e del consiglio è uno stimolo sufficiente per recarsi alle urne. Quella della partecipazione potrebbe essere una strada percorribile ma occorre approntare metodi e strategie efficaci per dispiegarla sul territorio, presso i cittadini. Ci sentiamo domani, buona notte a tutti.
  • Silenzi: “Carancini è la persona
    più adatta a far crescere Macerata”

    412 - Apr 10, 2010 - 1:19 Vai al commento »
    @ Paolo Renna Mi pare di aver letto che sarai eletto in consiglio, in caso di vittoria di Pistarelli. E allora, caro Paolo, farai bene a studiare di più perchè la politica, all'interno delle istituzioni, è cosa piuttosto seria e se parli a vanvera fai brutte figure. A Macerata, infatti, Giulio Silenzi ha prevalso su Capponi e, tenedo conto dei voti delle coalizioni più i candidati presidenti, proprio grazie al grande consenso ottenuto da Silenzi, in città ha prevalso il centro sinistra. Vorrei farti notare la differenza di stile tra lui e Capponi: Silenzi propone un comunicato pacato, propositivo, sobrio e sereno, Capponi dice cose abominevoli sulla nostra città, insultando il 59% dei maceratesi. Sai cosa significa questo? Che Capponi ha vinto le elezioni ma è un perdente come persona e come politico mentre Silenzi - che non è casa ma svolge onestamente il suo ruolo di consigliere di opposizione - ha perso le elezioni ma resta un politico tra i migliori del nostro territorio, sia come stile che come preparazione e capacità. @ Lavoratore In caso di vittoria di Merriggi, cinque anni fa, quella galleria l'avresti vista con il cannocchiale. Per quanto riguarda la piscina il ragionamento è analogo: a breve inizieranno i lavori per il complesso natatorio di Fontescodella (purtroppo in ritardo, lo abbiamo ammesso e abbiamo chiesto scusa) il quale, con la destra al governo, non sarebbe neppure stato pensato, visto che nel programma di Meriggi quest'opera era assente. Meglio il lavatoio di vestiti (per ora) e le nuove piscine (a breve) che il lavatoio di vestiti e basta.
  • Marangoni (Lega Nord):
    “Con la vittoria di Pistarelli
    via al federalismo fiscale a Macerata”

    413 - Apr 10, 2010 - 1:34 Vai al commento »
    Quest'uomo, oltre a sparare fregnacce, è consigliere provinciale e regionale. E'esponente di un partito che vanta l'assessore provinciale più inefficiente d'Italia, che non sa dove mettersi le mani e che sta riducendo il settore dei servizi sociali della provincia in un contenitore privo di alcuna utilità concreta. Poichè la Lega non ha alcun esponente locale in grado di svolgere il ruolo di assessore provinciale, lo ha dovuto pescare addirittura fuori provincia, dato che Mariani, pur essendo nativo di Recanati, vive da sempre in provincia di Ancona. In caso di vittoria di Pistarelli, questa forza politica entretrà anche in consiglio comunale e, di conseguenza, avrà un assessore anche qui. Chissà dove lo pescheranno questo assessore! Probabilmente arriverà un emissario di Bossi direttamente dalla Lombardia, forse proprio il suo figliolo appena eletto in regione! Infine questo signor Marangoni è un tipo dalla querela facile: ricordate le minacce su CM rivolte a Gianluca Gelsomino?
  • Proietti: “A Macerata la sinistra
    ha dimostrato di essere affidabile”

    414 - Apr 10, 2010 - 2:01 Vai al commento »
    @ Stefano Dici di non capire molto di politica ma, secondo me, proponi analisi molto attente e profonde. Grazie.
  • Capponi: “Cari consiglieri,
    il mio ufficio è aperto a tutti”

    415 - Apr 9, 2010 - 1:30 Vai al commento »
    Umberto carissimo, sai perfettamente che mastico la politica da un pò di tempo e non mi stupisco certamente dell'appoggio dato dal Presidente Capponi alla coalizione guidata da Pistarelli. Rileggiti le sue dichiarazioni pubblicate integralmente solo da CM e comprenderai perfettamente perchè, come cittadino maceratese, non posso non sentirmi offeso da un presidente della provincia che mi considera un cretino che "non comprende il messaggio di Pistarelli", che è "anestetizzato" da 15 (?) anni di sinistra e che, in questi anni, è "rimasto a guardare la città dal balcone". Sai che ti stimo e, proprio per questo, dovresti insegnargli quel minimo di educazione che sta sempre bene, soprattutto quando si riveste un ruolo così importante.
    416 - Apr 9, 2010 - 0:43 Vai al commento »
    Aspettiamo ancora le sue scuse ai cittadini maceratesi per le dichiarazioni allucinanti e offensive fatte in conferenza stampa. Non cerchi di rivoltare la frittata. E ricordi, soprattutto, che lei è presidente di un'intera provincia, non solo di Treia.
  • Capponi: “Il centrosinistra maceratese
    si conferma chiuso e autoreferenziale”

    417 - Apr 9, 2010 - 10:31 Vai al commento »
    Caro Filippo, Capponi parla di tutti coloro che non avrebbero "compreso" la proposta di Pistarelli e che sarebbero rimasti in balcone in questi anni...ebbene, dato che Fabio ha raccolto il 41%, tali cittadini sono il 59%, non il 54. @Paolo Ancora una volta ti ripeto che non sto parlando dei contenuti e non sono minimamente entrato negli aspetti politici dell'intervento di Capponi, semplicemente mi riferisco al suo stile. Capponi può - anzi deve - "fare politica" ma non può permettersi di insultare chi non la pensa come lui. Tutto qui.
    418 - Apr 9, 2010 - 1:23 Vai al commento »
    Presidente Capponi, io scrivo e parlo in italiano e, mi perdoni, il "capponese" non lo comprendo ancora bene. Ciò che il sottoscritto Le imputa e Le critica, non è certamente il Suo appoggio a Fabio Pistarelli (che è sacrosanto e scontato anche se, vista la Sua oramai arcinota inefficienza, non credo sarà di grande giovamento) ma gli insulti che Lei ha rivolto al 60% dei cittadini maceratesi (quelli che, al primo turno, non hanno votato per Pistarelli). Copio e incollo le Sue parole, peraltro riportate solo da CM visto che, probabilmente, i quotidiani locali, non pubblicandole, Le hanno risparmiato una figuraccia di portata ancora più ampia: "noi abbiamo iniziato già in Provincia ad intervenire in vari settori, abbiamo già fatto molte proposte ma i tempi di realizzazione si potrebbero accelerare se il Comune fosse disposto a collaborare. I maceratesi devono capire l’importanza di questo voto. Visti i risultati ottenuti in prima battuta ho il dubbio che non si siano mai affacciati dalla finestra o che non hanno capito cosa proponiamo. Pistarelli è stato un ottimo candidato anche perchè entrare nell’immaginario dei maceratesi, anestetizzati da 15 anni di amministrazione di centro sinistra non è facile.” Rispetto a questi insulti che presuppongono una scarsissima considerazione nei confronti della maggioranza dei cittadini maceratesi, Lei, ancora una volta, non solo non chiede scusa ma addirittura non risponde utilizzando il "capponese". Così come non indica e non specifica i "suggerimenti" (che esistono solo nella Sua fantasia) dati e non recepiti dall'amministrazione comunale di Macerata. Mi permetto di ribadirLe che nessuno critica il Suo appoggio a Pistarelli ma, semplicemente, un atteggiamento arrogante, presuntuoso e offensivo nei confronti delle nostre intelligenze e della nostra capacità di scelta. Cerchi di "sprovincializzarsi" per il bene di tutti: Lei non è più sindaco di Treia ma Presidente della Provincia di Macerata.
  • Blunno e Ricotta (Pd):
    “Gli esponenti del Pdl
    continuano ad infangare Macerata”

    419 - Apr 8, 2010 - 18:37 Vai al commento »
    @Paolo Renna per ora siete il 41%, vedremo lunedì cosa pensano i maceratesi di questo vostro continuo denigrare la città. Forse avete ragione voi ma, per ora, i numeri non vi consentono di parlare di Macerata come se fosse Kabul dopo l'ennessimo bombardamento.
  • Anna Menghi:
    “Non andrò a votare”

    420 - Apr 10, 2010 - 0:56 Vai al commento »
    @ Andrea 2-1 per la Robur solo nel forum...la realtà, come ben ricordi era molto diversa eh eh eh! Poi ti ho chiamato "amico", non "compagno" quindi stai tranquillo. Buon voto!
    421 - Apr 9, 2010 - 1:04 Vai al commento »
    Secondo me il risultato di Anna Menghi va letto in chiave di voto utile. Nel 97 venne eletta sindaco (lei principalmente, non tanto le liste che presero una trentina di voti in più delle nostre) poi, dopo pochi mesi, iniziarono i disaccordi con la sua maggioranza che la sfiduciò; nel 2000 ottenne quasi il 20% dei voti non arrivando al ballottagio; nel 2005 quasi il 10% mentre oggi supera di poco il 6%. In pratica un dimezzamento quasi costante dei voti di candidatura in candidatura. Ciononostante non ho difficoltà ad ammettere che il suo programma - da lacunoso e improvvisato che era nel '97 - si è via via affinato diventando sempre più chiaro e preciso nel corso degli anni. A ciò si aggiunga la bellissima campagna elettorale svolta in queste settimane, sia da un punto di vista, per così dire, "estetico" sia dal punto di vista della presenza capillare nel territorio. Il tutto, immagino, realizzato con poche ed "appassionate" risorse. Il problema sta, appunto, nel voto utile: solitamente gli elettori non sopportano di vedere "sprecato" il proprio voto e, nella fattispecie, dopo quattro candidature tre delle quali andate a vuoto, semplicemente i consensi calano. Comprendo la delusione e la scelta fin troppo ovvia di non andare a votare: avrebbe potuto fare diversamente dopo aver fatto seriamente opposizione (una delle poche degne di tale aggettivo) al centrosinistra e dopo aver fatto una altrettanto seria (e spietata) opposizione alla destra? Io credo che in politica, così come in ogni altro aspetto della vita, si possa teorizzare e sostenere di tutto poi, però, bisogna essere conseguenti rispetto a ciò che si sostiene e assumersi tutte le responsabilità. E secondo me, Anna ha ancora una volta dimostrato coerenza. Ha ragione anche l'amico Andrea Marchiori (a proposito: ti ricordi i bei tempi di Invicta-Robur?) quando precisa che Anna Menghi ha espresso solo la sua personalissima intenzione senza invitare nessuno a fare altrettanto. Per il resto, sarà un piacere averla ancora in Consiglio Comunale e, magari, trovare qualche altra convergenza come avvenuto negli ultimi tempi del mandato amministrativo appena trascorso. Buon voto a tutti!
  • Savi: “Capponi non può continuare
    ad insultare i cittadini maceratesi”

    422 - Apr 9, 2010 - 2:05 Vai al commento »
    @Macerata59 forse hai ragione ma l'arroganza e l'inefficienza di quest'uomo mi manda in bestia...
    423 - Apr 9, 2010 - 0:40 Vai al commento »
    @Gianfranco, beh...un'"avvelenata" la meriterebbe di sicuro, soprattutto quando si parla di falliti... @Tamara Sono sicuro che se tu avessi inviato la mail ad elezione avvenuta, nemmeno Marinelli ti avrebbe risposto. Se vuoi possiamo parlare della tua proposta con i nostri rappresentanti in Regione, sono a tua disposizione. Per quanto riguarda le persone, certo che contano! Non è indifferente avere in giunta un assessore preparato, umile e disponibile piuttosto che un dilettante e, per giunta (come spesso avviene) poco disponibile al confronto. Ciò che ho cercato di mettere in evidenza è semplicemente che, in questa fase, dichiarare pubblicamente l'esecutivo sarebbe impossibile per chiunque. E questa impossibilità la comprendo perfettamente. In ogni caso, lo ribadisco: è molto meglio che vi siano idee chiare sulle cose da fare piuttosto che incaponirsi su chi le porterà avanti. Almeno in questa fase.
    424 - Apr 8, 2010 - 18:46 Vai al commento »
    @Tamara Non lo so, non faccio parte del comitato organizzatore della campagna elettorale di Carancini. Forse (ma è solo una mia opinione) perchè in Regione la maggioranza che sostiene Spacca è diversa da quella che, in Comune, sosterrebbe Carancini. @Paolo Renna Caro Paolo, condivido in toto quanto ha scritto Tamara ma la Quadrilatero, con Capponi Presidente della Provincia, non c'entra nulla. La verità è che il tuo presidente (il mio non lo è di sicuro, ho una bassissima considerazione di lui) non perde occasione per sparare cazzate a destra e a manca. Sai che - ad eccezione dell'accordo tra atenei - non è mai arrivata nessuna delibera provinciale in consiglio comunale? Io credo che anche tu, sia pur di parte ma da uomo che rispetta le istituzioni, dovresti indignarti di fronte a certe dichiarazioni. Non è vero che in campagna elettorale tutto è consentito, certi limiti (quelli della decenza) non si possono superare. E Capponi lo fa sistematicamente, intervenendo in scivolata e massacrando tibie e peroni...
  • Capponi e Sciapichetti sponsor
    di Pistarelli e Carancini

    425 - Apr 7, 2010 - 22:47 Vai al commento »
    Franco Capponi, di mestiere Presidente della Provincia di Macerata: “Questa è un’elezione determinante per la città. La proposta di Carancini è stantìa , noi abbiamo iniziato già in Provincia ad intervenire in vari settori, abbiamo già fatto molte proposte ma i tempi di realizzazione si potrebbero accelerare se il Comune fosse disposto a collaborare. I maceratesi devono capire l’importanza di questo voto. Visti i risultati ottenuti in prima battuta ho il dubbio che non si siano mai affacciati dalla finestra o che non hanno capito cosa proponiamo. Pistarelli è stato un ottimo candidato anche perchè entrare nell’immaginario dei maceratesi, anestetizzati da 15 anni di amministrazione di centro sinistra non è facile.” Su queste parole si impone una riflessione: 1- Capponi - ripeto: da presidente della provincia- dice che i maceratesi "devono capire l'importanza di questo voto". Stia tanquillo, i maceratesi hanno compreso perfettamente l'importanza di questo voto tanto che in 3 su 4 sono andati a votare al primo turno. 2- "Visti i risultati ottenuti in prima battuta ho il dubbio che non si siano mai affacciati dalla finestra o che non hanno capito cosa proponiamo". Questo è a dir poco vergognoso, un vero insulto ai cittadini maceratesi. Ma come si permette, Presidente? Come fa a considerare stupidi il 60% dei cittadini maceratesi? Piuttosto lei provi ad affacciarsi dal balcone del suo ufficio: scoprirà che c'è un'intera provincia che sta aspettando che lei e i suoi collaboratori si diano una svegliata, visto che siete lì a girarvi i pollici dalla mattina alla sera. Si vergogni! 3- Le proposte fatte al comune? I tempi di realizzazione? La collaborazione? Ma cosa sta blaterando se in 8 mesi di sua amministrazione in Comune non è arrivato un fico secco? L'unica delibera approvata dal consiglio è quella (un bluff) inerente l'accorpamento delle università! Quali sono queste proposte? Perchè non le elenca invece di parlare sempre il "capponese" che è un linguaggio di sua invenzione grazie al quale dice senza dire nulla e, dal giugno scorso, prende in giro 324mila cittadini della provincia? Ma sono parole degne di un Presidente della Provincia? Scusatemi lo sfogo, sicuramente sopra le righe, ma queste affermazioni sono di una grvità inaudita e dovrebbero irritare anche gli stessi sostenitori del centro destra...
  • Capponi ai consiglieri regionali:
    “Sostenete la provincia di Macerata,
    finora trascurata”

    426 - Apr 7, 2010 - 23:25 Vai al commento »
    Il primo che trascura la provincia di Macerata mi sa che è proprio Capponi...
  • “Troppi furti in Corso Cairoli”

    427 - Apr 6, 2010 - 23:49 Vai al commento »
    Piena solidarietà all'amico Eros che ha ragioni da vendere. Purtroppo il provvedimento che sta alla base dell'istituzione del poliziotto di quartiere è meramente propagandistico, sono altri i problemi delle nostre forze dell'ordine e nessuno intende risolverli. Anzi: si propaganda tanto la sicurezza ma poi si tolgono risorse e si tagliano finanziamenti alle forze di polizia.
  • Romano Carancini vs Fabio Pistarelli

    428 - Apr 6, 2010 - 23:26 Vai al commento »
    Dunque...vediamo un pò per chi potrei votare sulla base di queste risposte. 1- assessori: hanno ragione entrambi, il perchè lo ho già spiegato in un altro topic 2- squadra del cuore: sono profondamente anti-juventino quindi potrei optare per Pistarelli ma, quando dice che ha una passione per la Rata, mi cascano le braccia perchè - da 30 anni a questa parte - l'ho visto allo stadio solo qualche domenica fa. Quindi voto Carancini turandomi il naso. 3- hobby: musica, sport, lettura e montagna. Voto per tutti e due. 4- attori e attrici: non voto nessuno dei due. 5,6,7- film, cantante e canzone: nessuno dei due (e ti pareva che Pistarelli non scegliesse Battisti???) 8- Sferisterio: tutti e due 9- Obama o Sarkozy: sono con Carancini 10- Minzolini o Santoro: sono con Carancini, nessuno dei due. Preferirei Gianni Minà. 11- Mourinho o Balotelli: hanno fatto pace...e Balotelli ha pure segnato! 12- Ventura o Hunziker: avrei risposto entrambe anche perchè hanno dovuto sopportare due individui come Bettarini e Ramazzotti. 13- come definiresti il tuo avversario: lezione di stile da parte di Carancini. Ai punti, scelgo Carancini. Quindi penso proprio che voterò per lui.
  • “I numeri delle elezioni dicono
    che a Macerata qualcosa è cambiato”

    429 - Apr 6, 2010 - 23:42 Vai al commento »
    Purtroppo ogni volta è la stessa storia. I presidenti delle sezioni elettorali stabiliscono un criterio e, sulla base di quello, computano i voti. Ne risulta che, a seconda delle sezioni, i voti attribuiti ai singoli candidati vengono convalidati o annullati arbitrariamente. Alla fine della fiera c'è senz'altro un riequilibrio complessivo ma, nei casi borderline, Roberto ha ragioni da vendere perchè, magari per uno o due voti, si legittima o si annulla la presenza di un candidato in seno al consiglio comunale. In merito alla posizione della lista PdCI-PRC nella scheda probabilmente hanno ragione sia Glauco che Roberto: è una posizione favorita, non c'è dubbio, ma è altrettanto vero che queste due forze, cinque anni fa, ottennero quasi il 12% separatamente. Quindi non c'è da stupirsi più di tanto di fronte a questo 7,3%: è stato uno dei rari casi in cui più liste unite, tutto sommato, ottengono un buon risultato. Anche grazie - come scrive Momo - a candidature buone, radicate nella società maceratese. Chiudo esprimendo un vivo apprezzamento per il risultato di Ranzuglia e MaceraTiamo, mi dispiace solo che per una manciata di voti questa forza non sarà presente in consiglio comunale (ed è, appunto, uno di quei casi borderline).
  • Niente apparentamenti
    per Carancini e Pistarelli

    430 - Apr 6, 2010 - 23:11 Vai al commento »
    @ Gianfranco Ovviamente stiamo giocando, non bruceremo di certo nessuno in questo toto-assessori @ Gemma Grazie ma non credo @Lavoratore Non so - davvero! - quale sia questo nome che circola come assessore ai lavori pubblici. Se sei su Facebook mandami un messaggio che ne parliamo in privato.
    431 - Apr 6, 2010 - 0:38 Vai al commento »
    Aspetto con ansia le anticipazioni di tutti coloro che sostengono che le giunte sono già composte. Così come aspetto con ansia un chiarimento da colui che intende migliorare ma che scrive in maniera criptica e incomprensibile.
    432 - Apr 5, 2010 - 21:51 Vai al commento »
    Pistarelli sindaco: Sacchi, Pantana (vice sindaco), Iommi (PdL). Secondo me Pizzichini (UdC) e Carbonari (PdL). Carancini sindaco: Canesin, Launo, Sabbatini (PD), Curzi (Pensare MC), Ciarlantini (Verdi), uno dei quattro eletti (PdCI-RC). Per quanto riguarda SeL e IDV non ho saputo nulla. Avanti, coraggio!
    433 - Apr 5, 2010 - 21:45 Vai al commento »
    Dunque, fuori dalle ipocrisie (soprattutto di chi gioca a fare il puritano, il "nuovo" che avanza, il "senza compromessi"...soggetti tra i più subdoli e pericolosi), perchè non proviamo a buttar giù qui, davanti a tutti, i nomi degli assessori che sappiamo? Io ci sto, qualcuno mi segue?
    434 - Apr 5, 2010 - 19:06 Vai al commento »
    Quindi: cosa volevi dire con il messaggio di cui sopra?
    435 - Apr 5, 2010 - 17:44 Vai al commento »
    Per favore, potresti spiegare cosa significa "è stato fatto di tutto per zittire l'unica forza che poteva veramente rappresentare un cambiamento" e per quale motivo questa forza si porrebbe al di fuori del Manuale Cencelli. Ciò vuol dire, se ho ben capito, che "Pensare Macerata" rinuncerebbe all'assessorato o, tanto per fare un esempio, alla presidenza del consiglio? Se così sarà, faccio i miei complimenti! Davvero un forza politica (o civica) che compete per il solo gusto di partecipare!
    436 - Apr 5, 2010 - 12:40 Vai al commento »
    @ Tamara Vedi, cara Tamara, a me arrivano voci diverse da quelle che arrivano a te. Ammesso e non concesso che Carancini vinca, i due-tre nomi che circolano rappresentano proprio la non-politica, il cosiddetto "entusiasmo giovanile", l'inesperienza totale. E a me questo preoccupa, e non poco. Giusto che si realizzi un mix di esperienza e di entusiasmo, per carità, ma un ruolo come quello di assessore è una cosa molto seria e complessa, che rischia di "bruciare" le persone. Occorre, come per tutte le cose, "farsi le ossa" e la politica, quando era ancora una cosa seria, contemplava questo percorso di formazione per i giovani dirigenti di partito. Poi, una volta fatta un pò di esperienza dentro il partito, si "usciva" fuori, ci si candidava ai consigli di quartiere, poi a quelli comunali, infine si era pronti per ruoli importantissimi come quello di assessore. In consiglio ci sono persone che ti fanno il culo a strisce se non hai un minimo di preparazione! Cos'è una Delibera di Giunta? E un Ordine del Giorno? Che differenza c'è tra questo ed una Mozione? Quali sono le leggi principali che disciplinano l'attività di un Ente Locale? Sono tutte cose alle quali devi saper rispondere prima di entrare nelle istituzioni. Altrimenti impieghi anni prima di capire le cose e, quando hai iniziato a comprenderle, hai già finito la tua esperienza amministrativa. Ecco perchè auspico una Giunta "politica" con, al massimo, una o due persone provenienti dalla cosiddetta "società civile". @ Lavoratore Ciao, il tuo punto di vista è interessante anche se lo condivido solo in parte. Non so a chi ti riferisci quando parli di persone che, se non riconfermate, chissa quale lavoro andrebbero a fare. Una cosa, già anticipata dall'amico Maulo, tengo a sottolineare: un consigliere comunale percepisce in media circa 200 euro al mese e, in molti casi, questa somma viene versata in parte alle forze politiche di appartenenza. Mi appare difficile ipotizzare una vita con 100-150 euro mensili...A meno che non ti riferisci agli asessori i quali percepiscono una indenittà che ammonta acirca 2200 euro mensili. Un caro saluto.
    437 - Apr 5, 2010 - 0:50 Vai al commento »
    La scelta dell'esecutivo è sempre il risultato di una sintesi tra volontà del sindaco e delle forze politiche che lo sostengono senza le quali, com'è ovvio, non ci sarebbe una maggioranza e, di conseguenza, non ci sarebbe un sindaco. In politica, la capacità di trovare una sintesi è una delle virtù più importanti, fermo restando che le forze politiche non proporranno certamente "superincapaci" a meno che non vogliano suicidarsi. Ripeto: questo percorso è lungo e complesso, ci vuole tempo, non si può anticipare una giunta ad una settimana dal ballottaggio. Scusami, Tamara: quando ho scritto che certe cose non le capisco non volevo offendere nessuno, tantomeno te. Semplicemente ho cercato di mettermi nei panni di Carancini o Pistarelli, in qualche modo giustificandoli dell'impossibilità di rendere noto ciò che, con ogni probabilità, in questa fase è semplicemente una idea di massima e nulla di più. Lunedì pomeriggio il vincitore si troverà a risolvere il primo (forse il più delicato) dei suoi problemi e inizierà un periodo che si protrarrà per diversi giorni in cui dovrà mediare tra le sue idee personali e quelle delle forze politiche che lo sostengono. Tenendo presente che un sindaco non è un podestà e che governa con l'appoggio di forze politiche e liste civiche, non credo di dire un'eresia quando parlo di sintesi e di mediazione. Tutto qui. Auspico soltanto che nella composizione dell'esecutivo il criterio principe non sia quello dell'antipolitica (oggi tanto di moda) e del nuovo (nuovismo) ad ogni costo: per il resto, lo ripeto, contano molto più le cose che le persone.
    438 - Apr 4, 2010 - 22:24 Vai al commento »
    Scusate, parlerò pure il politichese ma certe discussioni proprio non le capisco. I candidati sindaci si debbono concentrare su questi pochi giorni di campagna elettorale veicolando le COSE e non le persone. Ai cittadini vanno illustrati i programmi, vanno fatte valutare le differenze tra il proprio e quello degli altri, vanno convinti con la forza delle idee e non (se non marginalmente) elencando chi poi, in concreto, le realizzerà. Posso sembrare vetero-comunista (e probabilmente lo sono) ma per me le persone, in questa fase, stanno in secondo piano rispetto ai candidati sindaci e ai programmi. Inoltre non credo che Pistarelli e Carancini abbiano avuto il tempo di predisporre le rispettive giunte: questa operazione è terribilmente complessa e, anche se la legge prevede che la competenza della scelta dell'esecutivo spetta al sindaco, è logico e giusto che si incontrino le forze politiche al loro interno e forniscano le rose dei papabili. Ci vogliono giorni, settimane prima di riuscire a comporre una sintesi ed è molto meglio prendersi il tempo che serve per fare le scelte giuste. Nulla di scandaloso secondo me. Anzi, giudico populista il contrario.
    439 - Apr 4, 2010 - 1:35 Vai al commento »
    Nessuno dei due vuole demotivare chi è in corsa per un posto da assessore. Fanno bene entrambi a concentrarsi solo sul ballottaggio e a non creare mal di pancia all'interno delle rispettive coalizioni.
  • Carancini-Pistarelli
    Il duello finale

    440 - Mar 31, 2010 - 23:05 Vai al commento »
    Sai com'è, caro Gianfranco, di solito alle elezioni si partecipa per vincere
  • Vincitori e vinti

    441 - Mar 31, 2010 - 23:36 Vai al commento »
    CM sta diventando, giorno dopo giorno, un esempio di giornalismo. Il ringraziamento è doveroso e sentito al tempo stesso perchè, in questa lunghissima maratona elettorale, queste pagine sono state compagne di viaggio per tutti noi. Non sono mancati screzi e polemiche (e non mancheranno anche nelle prossime settimane) ma, nonostante il clima sempre acceso, tipico dei periodi pre-elettorali, anche i commenti degli iscritti al forum si sono mantenuti quasi sempre su toni civili e garbati. In merito ai giovani: Montali (come sempre lucido, attento e finissimo giornalista) si riferiva probabilmente ai tantissimi candidati perlopiù da poco avvezzi alla politica i quali, salvo pochissime eccezioni, hanno ricevuto pochi consensi e, di conseguenza, non sono stati eletti. Di certo, comporre liste di 40 (o poco meno) candidati è difficile per chiunque: lo è stato per le forze politiche più grandi, figuriamoci per quelle più piccole. Ovvio che, molto spesso, vengano inseriti candidati che si affacciano in politica per la prima volta. A questi ragazzi mi permetto di consigliare di interpretare questa esperienza come un momento importantissimo della loro vita e che, in quanto tale, non deve interrompersi. Non lasciate che la discrepanza tra i tanti voti promessi e, purtroppo, i pochi raccolti vi allontani dalla politica. Piuttosto fate in modo che questa esperienza sia l'inizio di un percorso all'interno di partiti, liste civiche, comitati in cui farvi le ossa e prepararvi al prossimo appuntamento elettorale con una maggiore preparazione. Non scordate che non molti anni fa, il solo fatto di essere candidato presupponeva una lunga miltanza fatta di attacchinaggi, volantinaggi, riunioni, direttivi, segreterie e quant'altro. Oggi è diverso, tutto è più semplice ma, al tempo stesso, più complicato e più crudele. Tra i neo-eletti, secondo me, l'esempio più calzante è quello dell'amico Fabio Massimo Conti: figlio d'arte, sicuramente, ma con una gavetta alle spalle di non poco conto. Dall'impegno nel partito (attacchinaggi, volantinaggi eccetera) al consiglio di quartiere fino al consiglio comunale conquistato con circa 200 voti personali. Questa è la strada da fare. Questa è la strada che mi permetto di consigliare ai tanti giovani che iniziano oggi a dedicarsi alla politica: pazienza e lavoro. Alla fine sarete premiati e, quando riuscirete ad essere eletti nella massima assise cittadina, non avrete paura a confrontarvi con gli altri. Saluti a tutti.
  • Carancini (45,97%), Pistarelli (41,10%)
    Si va al ballottaggio

    442 - Mar 30, 2010 - 23:07 Vai al commento »
    Lascio da parte Capponi che non è nuovo a certe cadute di stile indegne di un Presidente della Provincia e abbozzo una proposta di analisi inerente i possibili scenari che si apriranno in questi giorni pre-ballottaggio. C'è la Pasqua di mezzo, anzitutto, quindi si tratta di 8 giorni netti di campagna elettorale e di trattative. Io non mi sento così sicuro come Gianluca, forse perchè sono più coinvolto di lui. Occorrerà rimotivare i candidati (sarà facile con quelli eletti e quelli che saranno eletti solo in caso di vittoria di Carancini, meno facile con quelli che sono fuori dai giochi) e le forze politiche, soprattutto quelle più piccole. Occorrerà verificare le reali intenzioni delle tre liste civiche e dei rispettivi candidati sindaci, ad iniziare da Anna Menghi che, tenuto conto della quarta candidatura, ha ottenuto un risultato di tutto rispetto. Anche Ballesi e Ranzuglia, secondo me, andrebbero inseriti in un progetto "organico" rivolto ad ampliare la coalizione. Carancini potenzialmente ha tutte le carte in regola per provare a realizzare un progetto di ampio respiro sia attraverso l'accoglimento delle proposte programmatiche degli altri tre, sia mediante l'avvio di un percorso comune che potrebbe portarli - ripeto - organicamente in maggioranza. Mi aspetto un "mercato di riparazione" da parte di Pistarelli piuttosto dispendioso, con promesse di assessorati a destra e a manca. Ma sono certo, al tempo stesso, dell'indisponibilità degli altri a vendersi per un piatto di lenticchie.
  • Boom di Giannini e Acquaroli
    Delusione per Giustozzi e Brini

    443 - Mar 29, 2010 - 23:44 Vai al commento »
    Benissimo, sono contento per Massimo. Grazie per la tempestività.
    444 - Mar 29, 2010 - 23:34 Vai al commento »
    Non mi pare che Pettinari ce l'abbia fatta... Condivido il giudizio sulla legge elttorale assurda che, pare, terrà fuori Rossi dal Consiglio Regionale
  • Silenzi: “Assurdo convocare
    il Consiglio provinciale nel giorno
    dedicato allo spoglio delle schede”

    445 - Mar 29, 2010 - 23:52 Vai al commento »
    Ma piantatela! Silenzi si limita a dire che il consiglio si poteva fare in altra data... Basta con questo populismo
  • Exit poll: ballottaggio tra
    Carancini (44%) e Pistarelli (41%)

    446 - Mar 29, 2010 - 23:49 Vai al commento »
    Se dovesse finire così esulterei per 40 giorni e 40 notti! Comunisti all'11%, PDL al 15, Carancini in netto vantaggio...Purtroppo questo exit-poll è ridicolo poichè effettuato (credo) in pochi seggi elettorali ( a me risultano solo Collevario e via Capuzi ) e solo nella giornata di domenica. Avete fatto bene a non pubblicare i voti di lista.
  • Anna Menghi: “Solo sei assessori
    e indennità ridotta del 30%”

    447 - Mar 28, 2010 - 23:42 Vai al commento »
    Munafò cucina benissimo, caro Gianfranco. Ti consiglio di accettare. Però fai sempre assaggiare a lui il primo boccone...eh eh eh!
  • Silenzi: “Il gran cerimoniere
    alla corte di Capponi”

    448 - Mar 25, 2010 - 22:43 Vai al commento »
    Oggi, per fortuna, iniziamo a scandalizzarci di fronte a certe indennità abnormi anche se, talvolta, commettiamo qualche peccatuccio di demagogia. Secondo me occorre sempre distinguere ruoli e responsabilità. Facci qualche esempio: - il "salto" che c'è tra provincia e regione è esagerato: l'indennità di un nostro assessore provinciale ammonta a circa 2200 euro mensili mentre quella di un consigliere regionale è quattro volte superiore. Va precisato che non si può mettere sullo stesso piano il lavoro che fa un assessore con quello di un consigliere così come le responsabilità che sono completamente differenti. - indennità consiglieri comunali: 50 euro circa a gettone di presenza. Se si tiene presente che si fanno circa 4 consigli comunali al mese, l'indennità è pari a circa 200 euro. Per i consiglieri provinciali il gettone mi pare sia leggermente più alto ma le differenze sono minime. Vedete che quando si riesce a "saltare" in Regione, le cose cambiano radicalmente. Io non mi scandalizzo, dunque, dei 2200 euro dell'assessore comunale o provinciale così come non mi scandalizzo se un presidente della provincia decide di ampliare il suo staff perchè sente la necessità, ad esempio, di curare in maniera più capillare il rapporto con il territorio e con i cittadini oppure di far gestire dall'interno l'organizzazione di eventi, iniziative e progetti (tanto quei soldi si sarebbero spesi comunque con incarichi esterni). Ciò che mi fa incazzare come una bestia è l'ipocrisia e, lo dico senza mezzi termini, Capponi è un ipocrita elevato alla massima potenza. Ha impostato gran parte della sua campagna elettorale puntando il dito contro l'"harem" del "sultano Silenzi", reo di aver avuto 3-4 persone assunte con contratti a tempo determinato nel suo staff poi, dopo aver assunto persone con contratti part-time (utilizzandole, si dice, a tempo pieno), dopo aver assunto una segretaria personale (peraltro gran brava ragazza e stimabilissima professionista) dell'assessore al nulla (quello ai servizi sociali che, visto quanto ha combinato finora, si sta girando i pollici...a proposito, la mia "segretaria" è sempre stata una dipendente dell'ente che non ha mai percepito un solo euro in pù oltre al suo stipendio), dopo aver coinvolto nell'amministrazione il fidanzato di una consigliera provinciale oggi assume il gran ciambellano di corte, con compiti di istruire l'araldo del regno, di stendere i tappeti rossi, di versare rosolio nelle coppe d'oro e di bandire i regi decreti. Ma vi rendete conto dell'ipocrisia di quest'uomo? Vi rendete conto che ha uno staff degno di un ministro della Repubblica e che, al tempo stesso, è immobile come un chiodo visto che la sua amministrazione, in quasi un anno di lavoro, non ha partorito praticamente un solo progetto degno di questo nome? Un ultima cosa: perchè in provincia l'opposizione la fa solo Giulio Silenzi? Perchè solo lui denuncia queste meschinità?
  • Prima la tragedia, poi la burocrazia
    L’inferno di una famiglia macedone

    449 - Mar 25, 2010 - 0:26 Vai al commento »
    In bocca al lupo, caro Marco. Ci auguriamo tutti che il buonsenso prevalga e che la nostra mamma macedone riceva quanto le spetta. Piena solidarietà e disponibilità, anche del mio partito, a promuovere iniziative pubbliche di sostegno alla causa. Ti sono (vi siamo) vicini. So (sappiamo) che la tua passione va oltre il mestiere di legale e che saprai tutelare i diritti di queste persone. FORZA!
  • Maceratese di scena a Pesaro
    Stefani: “Non firmo per il pari”

    450 - Mar 24, 2010 - 23:11 Vai al commento »
    io no...
  • Da oggi Mauro Montali
    è anche filosofo

    451 - Mar 24, 2010 - 15:19 Vai al commento »
    Congratulazioni, caro collega filosofo!
  • Fabrizio Nascimbeni: “Il Comune
    dovrà ascoltare anche gli universitari”

    452 - Mar 25, 2010 - 0:20 Vai al commento »
    Ma ne avete parlato con il vostro candidato sindaco? E, soprattutto, nella vostra campagna di ascolto in centro storico, lo avete reso noto ai residenti? Oppure con gli uni dite una cosa e con gli altri l'esatto opposto?
  • Carancini si sente più forte:
    “Ora non temiamo nessuno”

    453 - Mar 22, 2010 - 22:54 Vai al commento »
    Condivido tutto. Quanto dice Romano è provato dalla crescita del "nervosismo" all'interno del clan di Pistarelli. Ogni giorno guadagniamo voti e, lo posso testimoniare direttamente, Carancini cresce di stima presso i cittadini. Forza!
  • Il Grottammare espugna l’Helvia Recina
    La crisi della Maceratese non è finita

    454 - Mar 21, 2010 - 20:25 Vai al commento »
    Te lo spiego io, Andrea: uno con un carattere del genere non può giocare al calcio.
  • Inaugurata l’ala est
    della Mozzi Borgetti
    “Intitoliamo la Specola a Crucianelli”

    455 - Mar 23, 2010 - 23:31 Vai al commento »
    @ Tosoroni Chiudo anch'io il discorso con te perchè sei davvero una persona inqualificabile e un qualunquista di bassissimo profilo. Chi mi conosce bene (non certamente tu, visto che ci siamo incontrati si e no due/tre volte) sa che ho sempre lavorato, anche durante l'università, e che alla politica io NON DEBBO PROPRIO NULLA DAL PUNTO DI VISTA PROFESSIONALE, anzi...la politica, nel periodo in cui sono stato assessore, mi ha costretto (non certamente obbligato, per carità...) a rinunciare ad un lavoro che adoravo. Sulla stima dei maceratesi, mi permetto di dirti una cosa: dal 1993 sono consigliere comunale e ho sempre ottenuto tante preferenze (addirittura più di 600 in occasione delle ultime provinciali). Perchè, invece di vomitare sugli altri nefandezze e falsità come tuo solito, non provi una volta a candidarti e verifichi quanta stima c'è sulla tua persona? Si fa presto a parlare, caro Tosoroni. E'molto più difficile mettersi in discussione. E tu lo sai bene. Quindi, te lo ripeto ancora una volta, piantala di comportarti da imbecille (perchè, in fondo, non credo tu lo sia) e rifletti prima di scrivere e di infangare persone che hanno fatto dell'impegno civile la propria bandiera. Tu? Ci hai mai provato? @ Placido Torniamo a discussioni serie. Hai ragione. Quella fu una pagina triste della storia politica maceratese. Io, quella sera, arrivai tardi e non fui presente al momento dell'accaduto. Mi venne riferito e, francamente, condannai quell'espressione infelice. Tuttavia occorre tener presenti alcuni fatti. 1- Mario si impegnò dedicando tutto se stesso alla realizzazione della Specola. Lo fece in maniere totalmente gratuita, sacrificando tempo e denaro. 2- Con il Comitato Anna Menghi c'erano antiche ruggini e ferite non ancora rimarginate, anzi. 3- Probabilmente interpretò la vostra critica (le barriere architettoniche) come un segno di ingratitudine nei suoi confronti. Di qui, l'espressione offensiva nei confronti delle persone disabili. Ora io credo che la storia personale di Mario vada letta tenendo conto del suo carattere (personaggio sanguigno e orgoglioso come pochi) e, soprattutto, del fatto che, aldilà di quella occasione, non ha mai mancato di rispetto a nessuno, specialmente alle persone disabili e, più in generale, nei confronti di tutti coloro che si sono trovati in difficoltà che hanno sempre da lui ricevuto un aiuto concreto. L'invito che, in amicizia, mi sento di rivolgere a te e ad Anna è quello di dimenticare quell'episodio e di considerarlo un incidente di percorso nell'arco di una vita comunque degna del massimo rispetto. Impegnandoci insieme nel prossimo futuro per rendere fruibile a tutti quella sala e, più in generale, la città che adoriamo. Un abbraccio.
    456 - Mar 23, 2010 - 0:05 Vai al commento »
    Ti commenti da solo, fai davvero pietà...
    457 - Mar 22, 2010 - 22:18 Vai al commento »
    Mario è stato per me quasi un secondo padre, lo ricordo sempre con tantissimo affetto. Sarò tra i promotori di questa iniziativa a prescindere dalla mia presenza o meno nel prossimo consiglio comunale. Ricordo ancora con quanto entusiasmo di dedicò a questo progetto, nessuno più di lui è degno di questa intitolazione. Mi dispiace - e lo dico quasi sommessamente - che Tosoroni approfitti anche di questa pagina per fare una indecorosa campagna elettorale. Si vergogni.
  • Pistarelli punta sulla creatività
    “Contro la stanchezza
    della Giunta Meschini”

    458 - Mar 21, 2010 - 1:57 Vai al commento »
    Lancio un'altra caccia al tesoro: c'è un candidato di un partito di centrodestra che, nel suo volantino elettorale, si è addirittura vergognato di scrivere che sta con Pistarelli...chi è?
  • Muore Sauro Proietti,
    candidato della Lista Conti

    459 - Mar 20, 2010 - 17:29 Vai al commento »
    Sentite condoglianze alla famiglie e agli amici
  • La partita si gioca
    sulle alleanze per il ballottaggio

    460 - Mar 21, 2010 - 17:29 Vai al commento »
    @ Intermesoli Grazie del complimento, si chiama Enrico e ha quasi due anni e mezzo (la foto si riferisce al 2008). Notti tranquille, mai una volta si è svegliato prima di aver ronfato almeno 8 ore consecutive. Questione di fortuna o, molto più probabilmente, di DNA: assomiglia alla mamma... @ Gianfranco Hai ragione: la coalizione guidata da Pistarelli è di destra e non di centro. Ti assicuro che in pubblico li chiamo sempre con il loro vero nome... @ Tosoroni Intanto, Tovarish. Termine non affatto da disprezzare, dal significato profondo che tu probabilmente ignori. Quattro liste con la falce e martello? Ce n'è una soltanto, la mia. La principale è quella del PD che di comunisti non ne conta più da un secolo. Poi c'è Italia dei Valori: è una lista di comunisti? I Verdi. La lista civica di Bianchini, Pensare Macerata. L'API di Rutelli, notoriamente composta da pericolosissimi bolscevichi che girano armati di pistole, bombe-carta e molotov. Infine la SeL, quelli che molto gentilmente definisci "talebani". Ma dove accidenti li vedi tutti questi comunisti??? Un ultima precisazione: ho già scritto da qualche altra parte che i Comunisti in questo paese debbono essere orgogliosi del proprio passato e della propria storia e lo ribadisco con fermezza e piena convinzione. Se non hai studiato la storia sui libri di Storace, dovresti ricordare che i Comunisti, in questo Paese, hanno dato la vita per le libertà di cui tu stesso stai godendo, libertà che sono passate attraverso la Resistenza e la Liberazione. Dal dopoguerra fino allo scioglimento del Partito Comunista Italiano, la storia dei Comunisti è la storia di donne e di uomini che hanno lottato per mille conquiste: la Costituzione, lo Statuto dei Lavoratori, l'universalità del diritto all'istruzione, il divorzio, l'aborto...e potrei continuare a lungo. Quindi io non mi vergogno di essere Comunista e ringrazio la mia famiglia per avermi insegnato, con l'esempio concreto, l'orgoglio di avere questa tessera in tasca. Chi si dovrebbe vergognare del proprio passato non sono certo io.
    461 - Mar 21, 2010 - 2:31 Vai al commento »
    Mamma mia quanti comunisti ci sono in città! A leggere Tosoroni, sembra ci sia un'invasione di pericolosi bolscevichi che in questi anni si sono moltiplicati e stiano per effettuare espropri proletari in ogni dove! Ma che linguaggio...e che povertà intellettuale! La stessa del Presidente del Consiglio, solo che nel suo caso è voluta, induce e non è indotta. Dunque, per dovere di cronaca: non ci sono inciuci con nessuno e nessuna trattativa è stata avviata da parte della coalizione di centrosinistra nè con Anna Menghi, nè con Ranzuglia, nè con Ballesi. Tuttavia queste "paure" tradiscono un certo nervosismo nella coalizione guidata da Pistarelli e non è un caso che in questi giorni stia tornando di moda lo "Schifani-linguaggio" (o, nelle peggiori circostanze, il "Vito-linguaggio"): comunisti! comunisti! comunisti! Cambiamento! Rinnovamento! Berlusconi! Berlusconi! Berlusconi! In una parola: il giochino è riuscito alle provinciali...perchè non riprovare anche alle comunali? In realtà, il centro destra sa benissimo che, con questa alleanza, ha probabilmente raschiato il barile: tutti i voti che Pistarelli e i suoi riusciranno a catturare saranno, con ogni probabilità, la massima espressione delle loro potenzialità. Ergo: o si vince al primo turno o saranno uccelli per diabetici... Detto questo, staremo a vedere: ammesso e non concesso che ci sarà un ballottagio e che lo stesso vedrà contrapposti Carancini e Pistarelli, io proprio non riesco a vedere nè Ballesi nè Ranzuglia apparentati con la destra. E, per quanto riguarda Anna Menghi, vorrei invitare tutti ad una riflessione un pochino più approfondita: 1- credo siano ingenerose le accuse di incoerenza nei confronti di una persona che, per certi versi, forse rappresenta un emblema di coerenza e di coraggio 2- è sempre stata alternativa al centrosinistra ma - questo è certo - è sempre stata anche una radicalissima oppositrice del qualunquismo della destra, denunciandone sovente l'incapacità amministrativa e la scarsissima coesione interna (non dimentichiamo che qualche anno fa partì proprio dalla destra una mozione rivolta ad imbavagliare la sua azione politica in comune) 3- la sua opposizione all'amministrazione è sempre stata costruttiva 4- l'attuale candidato sindaco del centrosinistra è Romano Carancini con il quale, nonostante le mille battaglie in consiglio, Anna e i suoi hanno sempre avuto un rapporto sereno e cordiale. 5- i programmi di Carancini e della coalizione guidata da Anna non sono certamente antitetici 6- se non ci fosse stata l'illusione del terzo polo, del grande centro, probabilmente il quadro delle alleanze sarebbe stato diverso fin dal primo turno. Condivido, quindi, l'invito di Anna a sciacquarsi la bocca (magari con un collutorio) prima di scrivere baggianate e auspico davvero la concretizzazione di un accordo organico con Carancini (nel caso in cui la stessa non arrivasse al ballottaggio) che potrebbe durare a lungo nonostante le cassandre che scrivono solo perchè animate dalla più o meno consapevole paura di fronte alla maturità dei cittadini maceratesi. Saluti primaverili. 3-
  • Non seguiremo più la Vis Macerata

    462 - Mar 18, 2010 - 1:14 Vai al commento »
    Piena solidarietà ad Andrea, oggi fare il giornalista è un mestiere difficilissimo: precarietà pressochè totale, articoli pagati pochi euro e mortificazione costante delle capacità individuali a discapito dell'appartenenza politica delle varie testate. Il ringraziamento alla redazione di CM per l'obiettività e la professionalità alla quale ci hanno abituato è, oggi ancor di più, almeno doveroso. Sono con voi.
  • Cosa pensano i maceratesi
    di Silvio Berlusconi?

    463 - Mar 19, 2010 - 0:04 Vai al commento »
    @ Giancarlo Attento, il signor Savarese potrebbe arrabbiarsi di brutto. Queste "nefandezze" sono indegne della discussione seria che stiamo svolgendo. Il dramma che viviamo in questo paese, in realtà, sta tutto in questa statistica: il quotidiano più letto in Italia è la Gazzetta dello Sport. Ora, con tutto il rispetto per lo sport (sono uno sportivo, presidente e calciatore di una squadra amatoriale) e per la Gazzetta, questo fatto la dice lunga sulla sete di approfondimento dell'italica gente. Oggi c'è internet, la TV è costantemente accesa nelle nostre case ma temo che anche in questi mezzi di comunicazione gli argomenti più seguiti siano lo sport, le soap opera, i reality show e altre "nefandezze". Ovvio che certi atteggiamenti superficiali dilaghino. Ovvio che diviene legittimo dare fiducia ad un presidente di una provincia, ad un sindaco, ad un presidente di una regione e, persino, ad un presidente del consiglio senza poi informarsi sul suo operato. Magari godendo perchè l'avversario è stato "trombato" e concedendo una fiducia assolutamente acritica al vincitore solo perchè lo si è sostenuto con il proprio voto. Detto questo, mi sento di condividere il pensiero dell'amico Andrea Accattoli, giovanissimo ma assetato di approfondimento (mi ricorda un pò i tempi della FGCI e mi riempie di fiducia verso il futuro) compreso l'ultimo passaggio sul "buonsenso bipartisan" se questo termine non implica un passaggio dall'alternativa alla mera alternanza, cosa di cui questo nostro martoriato Paese proprio non ha bisogno, nonostante gli sforzi del PD e di qualche altro. Saluti
    464 - Mar 18, 2010 - 15:11 Vai al commento »
    @ Savoretti Come dire che un ottimo assessore all'infanzia e all'adolescenza potrebbe essere un bambino? Vada a leggere il sito della provincia di Macerata, troverà notizie interessanti sull'assessorato alle politiche sociali. Poi magari le spiegherò da dove provengono le iniziative intraprese, chi le ha progettate e seguite e chi le ha finanziate e in quale modo. Non costa fatica l'ammettere di essere stati sconfitti, è la realtà, pura e semplice e ne abbiamo preso atto da tempo. Semplicemente, per un uomo come me che ha la presunzione di definirsi appassionato del sociale, fa male vedere un settore precipitare a terra, senza più finanziamenti, proprio quando stava spiccando il volo. Tutto qui. Ma non so se lei potrà capire il significato della parola "passione"...
    465 - Mar 17, 2010 - 21:11 Vai al commento »
    @ Savoretti Ma quali sono gli improperi che avrei scritto? Ho cercato solo di lasciare un commento simpatico e tutt'altro che ricco di ideologismo. Evidentemente il maleducato è lei visto che, a differenza del sottoscritto, scende sul piano personale definendo Silenzi e il sottoscritto come "trombati". Vada a riguardarsi i risultati elettorali del giugno scorso invece di scrivere stupidaggini: scoprirà che il dato europeo in provincia di Macerata vedeva il centro destra avanti di 24mila voti. Silenzi ne ha recuperati tantissimi, perdendo per poco più di 7mila voti. E'stato o non è stato un voto "politico" quello relativo all'amministrazione provinciale? Comunque non ha risposto alla mia domanda: indichi UNA SOLA COSA realizzata da chi oggi occupa quello che è stato il mio posto. Una sola. E vedrà che, trattandosi di servizi sociali (cioè di servizi per persone che ne hanno bisogno) non sarà poi tanto orgoglioso di aver sostenuto Capponi. Saluti
    466 - Mar 17, 2010 - 15:02 Vai al commento »
    @ Savoretti Per caso Berlusconi è un suo parente? Dai toni che lei usa nei miei confronti trasuda un astio che, mi creda, al sottoscritto non appartiene. Sul fatto di essere stato "trombato" da assessore le ricordo che il sottoscritto, a Macerata, ha ricevuto 638 voti alle ultime provinciali. E oggi, se non sono più assessore, lo si deve solo alla sconfitta della coalizione guidata da Silenzi. Segue le vicende dell'amministrazione provinciale? Se sì, mi indichi UNA SOLA COSA realizzata da chi oggi occupa quello che è stato il mio posto. Inoltre, come fa a sapere che di mestiere faccio l'educatore? Non mi pare di averlo mai scritto in queste pagine. Ma lei ha un cognome molto diffuso dalle parti di Potenza Picena, specialmente all'interno dell'Istituto Santo Stefano...siamo per caso colleghi? Mi scriva o mi telefoni, per cortesia, avrei piacere di fare la sua conoscenza: alessandro.savi@libero.it 335/1404717 Come vede, non avendo insultato nessuno nè tantomeno lei, ho il coraggio di chiarirmi di persona. Saluti
    467 - Mar 16, 2010 - 22:59 Vai al commento »
    "Comunque non lo capisco ricco com`e` potrebbe andare in vacanza per tutta la vita o magari se propio vuole essere utile si impegni (non finanziariamente) nel sociale" Condivido in pieno. In vacanza magari il più lontano possibile. L'impegno nel sociale potrebbe svolgerlo ad Haiti che fortunatamente è dall'altra parte del mondo. Ma mi rendo conto che, dopo il terremoto, quel popolo non ha bisogno di un'altra catastrofe.
  • Pistarelli presenta
    la squadra del Pdl

    468 - Mar 18, 2010 - 1:06 Vai al commento »
    Tamara, lascia perdere... E' tempo sprecato. Sei un'aquila, non un tacchino.
  • Letta affianca Carancini:
    “Dobbiamo vincere per evitare
    la divisione delle Marche”

    469 - Mar 17, 2010 - 15:34 Vai al commento »
    Caro Filippo, ho esordito con una sorta di "ammissione di colpa" scrivendo che l'amministrazione uscente ha accusato ritardi e qualche mancanza. Tuttavia nei primi 5 anni è stato fatto decisamente un ottimo lavoro e mi pare di ricordare che oltre ai cittadini (che l'hanno premiata consentendo una vittoria al primo turmo nel 2005), anche gli stessi avversari si rassegnarono anzitempo all'idea della sconfitta dal momento che il loro candidato fu scelto quasi all'ultimo minuto, pescando addirittura nella ex giunta di Maulo. Poi il Meschini-bis non è stato all'altezza, questo è evidente. Ci sono stati problemi legati a molti fattori, interni ed esterni all'amministrazione comunale. Ma Macerata resta in cima alle classifiche che citavo le quali sono tutt'altro che condizionate da poteri forti e falsificanti che, peraltro, Macerata a certi livelli non ha più. Sulla raccolta porta a porta sono pienamente d'accordo con te, è una scelta che non ho condiviso: meglio qualche cassonetto in più, magari fatto in modo da non stridere con l'arredo urbano, che i sacchetti dell'immondizia lasciati sull'uscio. Sulle barriere architettoniche ti ho già scritto in passato cosa penso: è già tanto che in questi ultimi anni si sia iniziato a capire che non bisogna intervenire a valle (servizi sociali) ma a monte (urbanistica e lavori pubblici)...occorre proseguire su questa strada e preparare il futuro per creare città più vivibili almeno per coloro che verranno dopo di noi. Sull'assonanza tra destra e sinistra, caro Filippo, non ci siamo proprio...ma questi temi meritano una discussione più approfondita, magari davanti a un bel caffè che berremo insieme dopo le elezioni, sempre se ti va. Con il mio intervento tenevo semplicemente a sottolineare che, pur tra diversi problemi, Macerata non è certamente quella che dipinge Pistarelli. Anna Menghi - persona stimabilissima - sta facendo la sua campagna elettorale (ovviamente) attaccando l'avversario (anzi, gli avversari) ma non scende mai su questi livelli di bassa politica e, dopo aver criticato l'amministrazione uscente, lancia sempre una proposta alternativa. Questo mi pare il modo più corretto di fare campagna elettorale, non quello della destra. Un caro saluto pieno di stima e di affetto.
    470 - Mar 16, 2010 - 23:13 Vai al commento »
    Un solo esempio: oggi la destra critica l'amministrazione Meschini per non essere riuscita ad attivare le nuove piscine prima della scadenza del mandato. Ma lo sapete che il progetto delle nuove piscine (i cui lavori partiranno a breve) la destra non lo aveva nemmeno inserito nel programma di 5 anni fa? Dunque: meglio una grande opera (sia pur in ritardo) o il nulla?
    471 - Mar 16, 2010 - 23:10 Vai al commento »
    La scorsa amministrazione ha segnato qualche ritardo, è vero e lo abbiamo ammesso tutti. Ma ricordo che Macerata è ai vertici delle graduatorie nazionali per la qualità della vita, dei servizi, delle scuole, nel rapporto verde/cemento. La destra maceratese, invece di valorizzare quanto di buono è stato fatto in questi dieci anni (soprattutto per recuperare la paralisi amministrativa e sociale causata da una precedente amministrazione di destra che ha mandato a casa il proprio sindaco dopo 18 mesi) si ostina a dipingere questa città come se fosse Kabul. Ma ricordatevi che i cittadini non sono stupidi e che questa litania, alla lunga, potrebbe rivolgersi contro chi la recita fino alla nausea. I cittadini vogliono proposte e realismo, non solamente critiche all'avversario.
  • Paletti (La Destra):
    “Quanto denaro sperperato inutilmente
    per questa campagna elettorale”

    472 - Mar 18, 2010 - 0:56 Vai al commento »
    Peccato che uno dei più grandi manifesti affissi su camion itinerante ce l'abbia proprio il vostro capolista alle regionali Mauro Nocelli.
  • Provincia: Silvano Marchegiani
    è il nuovo segretario generale

    473 - Mar 15, 2010 - 23:09 Vai al commento »
    Congratulazioni e auguri al nuovo segretario della provincia
  • Pari tra Maceratese e Vis Macerata
    Il derby dei poveri delude tutti

    474 - Mar 15, 2010 - 23:10 Vai al commento »
    Ma non ti fa incazzare vedere Citanò ai primi posti della serie D? Scusami la provocazione, ma ti fa bene...
    475 - Mar 15, 2010 - 23:06 Vai al commento »
    Momo, approfitto di CM per rappresentarti il mio punto di vista. Lascio da parte la vicenda-gradinata autogestita dalla Vis, dico solo che se il consiglio comunale non fosse sciolto avrei fatto un'interrogazione con i controcoglioni e portato la vicenda all'attenzione di chi di dovere perchè l'arroganza di certa gente è veramente esecrabile. Sulla Rata: la società, la squadra, il tecnico, tutti hanno bisogno di una persona come te, di una gida carismatica, di un personaggio istrionico ma, al tempo stesso, autoritario quando serve. C'è bisogno della tua passionalità, c'è bisogno della tua competenza, c'è bisogno della tua mano. Non puoi recitare il ruolo di comprimario, non ti si addice. So che ci stai male, so che sei incazzato come un toro ma, perdio, devi reagire, devi prendere le redini in mano eguidare questo cavallo brocco alla salvezza il prima possibile. Poi cerchi l'accordo con Moretti, vai avanti senza Moretti, cerchi di portar dentro altre persone, ti fai aiutare dal nuovo sindaco (io, per quanto è nelle mie possibilità, sono sempre a disposizione a qualsiasi ora del giorno e della notte), insomma: FAI QUELLO CHE VUOI ma fallo tu! Massimo Paci è una persona squisita, un galantuomo, uno sportivo competente come pochi ma il CUORE SEI TU! E tu devi prendere questa società e questa squadra per mano, mollare un ceffone a chi merita di riceverlo, dare un calcio in culo a chi non merita di dirigere questa gloriosa società, preparare una prossima stagione di riscossa, allontanando le mele marce. Forza Momo, non sei rincoglionito, stai solo rivestendo un ruolo che non è il tuo! Con affetto e grande amicizia. Alessandro
  • Gli anticipi del sabato,
    Portorecanati vince e vola in Promozione

    476 - Mar 14, 2010 - 0:34 Vai al commento »
    Complimenti agli arancioni di mister Busilacchi e al mio amico Francesco Sturba, pilastro dell'undici portorecanatese, difensore di razza e di classe.
  • Silenzi: “Capponi deve capire
    che i sindaci e il Consiglio provinciale
    non sono un optional”

    477 - Mar 14, 2010 - 0:29 Vai al commento »
    In occasione di una delle ultime sedute del Consiglio Comunale di Macerata, lo stesso è stato chiamato a ratificare l’Accordo di Programma per gli Atenei di Macerata e Camerino. Dall’insediamento di Capponi in Provincia, aldilà delle scontate delibere inerenti la viabilità, questo è stato il primo atto, la prima proposta della sua amministrazione ad arrivare in Consiglio Comunale. Per riempire il vuoto amministrativo, dunque, tale accordo è stato enfatizzato e utilizzato come emblema dell’attivismo di Capponi avendo, evidentemente, impegnato il Presidente per lunghi 8 mesi di trattative segrete e faticosissime. Commettendo probabilmente un reato di lesa maestà, io e il compagno Borgiani abbiamo sollevato diverse perplessità, sia di merito che di metodo: innanzitutto eravamo preoccupati di un possibile e probabile danneggiamento dell’Università di Camerino (oggi tali preoccupazioni vengono indirettamente confermate dall’atteggiamento del Sindaco di Camerino Dario Conti che è giunto addirittura a chiedere un incontro al Ministero) e, in secondo luogo, il metodo seguito da Capponi è stato contrassegnato da una serie di scorrettezze a dir poco impressionanti. Le due amministrazioni comunali di Macerata e Camerino sono state tenute all’oscuro di tutto tanto che i due sindaci non sono stati neppure invitati alla seduta del Consiglio Provinciale né informati dell’ordine del giorno dello stesso; la Regione Marche, nonostante la cosiddetta “alta formazione” sia un precisa competenza dell’Ente, è stata scavalcata (l’assessore Benatti ha chiesto un incontro ai due rettori proprio per capire le ragioni di tanta segretezza); le Organizzazioni Sindacali sono state costrette ad intervenire solo a giochi già fatti, con un emendamento e non con una concertazione come, per contro, l’iniziativa avrebbe meritato. Oggi Capponi si stupisce e si rammarica se la “Provincia, quale ente sottoscrittore e “garante” dell’Accordo di programma non sia stato invitato a nessun incontro per poter rappresentare le proprie tesi a sostegno dell’utilità dell’Accordo” quando lui stesso, per primo, ha scavalcato tutti? Ma la cosa più grave sta nel fatto che il Presidente – mutando termini sostanziali all’interno dell’accordo (farsi “garante” equivale ad “assicurare”? Provate ad andare in banca a chiedere un prestito, noterete una certa diversità del significato dei due termini…) – dimostra anche uno scarsissimo rispetto del Consiglio Provinciale il quale – se non per obbligo amministrativo, almeno per opportunità – avrebbe dovuto essere riconvocato e riapprovare il testo così come modificato. Ricordo, infine, che Capponi, pur ostinandosi a predicare trasparenza e coinvolgimento, si comporta come una sorta di “cospiratore” e manca sistematicamente di rispetto alle istituzioni, ai consiglieri e ai cittadini.
  • Un comitato spontaneo di centrodestra:
    “Caro Fabio, ci asterremo dal voto
    perché non vogliamo l’Udc”

    478 - Mar 13, 2010 - 17:18 Vai al commento »
    @Tamara succede sempre così...ci sono abituato.
    479 - Mar 13, 2010 - 17:17 Vai al commento »
    @Tosoroni ti ricordo che Mosca ha fatto parte della maggioranza di centrosinistra e che, dal momento in cui tu ci definisci "speculatori" e portatori di interessi "lobbistici", per la proprietà transitiva ti tiri dietro anche Maurizio. Abbiate (non mi riferisco solo a te, ovviamente) il coraggio di recarvi alla Procura della Repubblica se siete così certi di questi sporchi giochetti e del malaffare che, a vostro dire, ha regnato in dieci anni di amministrazione. Le critiche sterili stanno a zero se non si ha il coraggio di essere conseguenti a ciò che si dice. E, credimi, questo giochino di dipingere Macerata come se fosse Kabul, una città in cui non c'è niente e non funziona niente, non vi porterà lontano. @Momo se scrivi "comunisti" inevitabilmente ti riferisci proprio a noi e non a SEL che è una forza politica all'interno della quale di comunisti ce ne sono pochissimi. A proposito della SEL di Macerata, confermo quanto ti ho sempre detto a voce: non si può sempre e a tutti i costi essere alternativi. Io provengo dalla cultura e dalla pratica politica del PCI, un grande partito di governo (che non ha mai potuto governare) che mi ha insegnato la lealtà nei confronti degli alleati. Per questo motivo (anche se in alcune occasioni ho ingoiato qualche rospo) non ho mai messo in difficoltà la mia maggioranza. Cosa che invece, molto spesso, hanno fatto i compagni di SEL ricevendo la mia disapprovazione. Per quanto riguarda le primarie, noi ci siamo sempre dichiarati contrari e per questo motivo non abbiamo partecipato con un nostro candidato (e sì che ne avremmo avuti, di potenziali candidati...): secondo noi le primarie sono una pratica iperdemocratica che svilisce il ruolo e le funzioni dei partiti i quali, per contro, dovrebbero confrontarsi e magari chiudersi in una stanza fino al momento del raggiungimento della sintesi. Poi, al secondo turno delle primarie stesse, molti di noi (io compreso) si sono recati a votare per Carancini, seguendo un ragionamento che più logico non si può: pur stimando moltissimo Bianchini, una eventuale sconfitta di Carancini avrebbe letteralmente distrutto il PD che, di conseguenza, ci avrebbe condannato ad una sconfitta certa. Ci vediamo domani allo stadio. Un abbraccio.
    480 - Mar 13, 2010 - 16:11 Vai al commento »
    Maurizio, io non mi sono mai sentito una spina nel fianco della città. Sono in consiglio comunale dal '93, da quando avevo 24 anni e ho sempre lavorato per il bene di Macerata e dei Maceratesi. Mi dà fastidio vederti sostenere posizioni come quelle di Tosoroni perchè, in qualche modo, mette anche te nel calderone degli speculatori e nelle lobbies, visto che hai amministrato la città per cinque anni. Mi dà fastidio perchè ti rispetto, ti stimo e ti considero un caro amico.
  • Respinta la richiesta di sospensiva:
    La Destra fuori dalle comunali

    481 - Mar 10, 2010 - 23:39 Vai al commento »
    Giglioni ha ragione: in questo bizzarro Paese, la normalità fa notizia. Dunque complimenti a Pierpaolo e al suo partito per la reazione composta e rispettosa delle leggi dello stato.
  • Zecchi riflette con Pistarelli
    “Ecco come curare
    il bello e il brutto di Macerata”

    482 - Mar 10, 2010 - 23:49 Vai al commento »
    Bellissimi interventi, complimenti a tutti. Questo spazio su CM stimola davvero la discussione e le intelligenze. Due sole cose - mi permetto - non mi sono piaciute: 1- la gente che parla con slogan (vedi qui sopra) 2- "Macerata è bruttina"...ma sei matto? Macerata è la più bella città del mondo, la città che io non cambierei con nessun'altra!
  • Paci accetta l’invito, Moretti no
    Per ora non si può parlare
    della fusione tra Maceratese e Vis

    483 - Mar 10, 2010 - 23:52 Vai al commento »
    Sottoscrivo Enrico e Glauco tutta la vita!!!
  • Marangoni (Lega Nord):
    “Sull’immigrazione non basta
    la demagogia”

    484 - Mar 8, 2010 - 22:34 Vai al commento »
    Si, Gianfranco. Più o meno io e il compagno Gianluca la pensiamo alla stessa maniera. C'intendiamo - come dire - al volo! E speriamo entrambi che il termine "compagno" faccia fuggir via qualcuno a gambe levate...
    485 - Mar 8, 2010 - 20:49 Vai al commento »
    Piantala...
  • Pizzichini (Udc): “Solo qui esistevano
    le condizioni per accordarsi
    col centrodestra”

    486 - Mar 10, 2010 - 0:23 Vai al commento »
    Stranissima, caro Fabio. @ Tamara Iniziamo a pensare alle deleghe. Io vorrei i servizi sociali, tu?
    487 - Mar 9, 2010 - 22:56 Vai al commento »
    Tamara sindaco!
    488 - Mar 9, 2010 - 20:06 Vai al commento »
    La demagogia fa sempre effetto, è innegabile. Sempre meglio semplificare, in questo marasma. Così le idee divengono più chiare e si fa meno fatica.
    489 - Mar 9, 2010 - 11:24 Vai al commento »
    In Regione abbiamo cercato l'alleanza con Spacca fino all'ultimo secondo. La cosa non si è verificata non per colpa nostra ma per colpa dello stesso Spacca e di Ucchielli oltre, naturalmente, al diktat della stessa UdC che non voleva falci e martelli nella coalizione. In Comune il PD e Romano Carancini ci hanno cercato, ci hanno fortemente voluto nell'alleanza, hanno ribadito pubblicamente la necessità della presenza della sinistra e, soprattutto, in questa coalizione comunale l'UdC non c'è. Credo francamente che metterci sullo stesso piano del partito di Casini sia una vera bestemmia: al comune siamo nel centrosinistra, in regione siamo in una coalizione di sinistra mica dall'altra parte!!! La poltroncina di cui parla Momo è quella che cercano tutti poichè in politica si lavora per ottenere risultati non per partecipare, questo mi pare ovvio. Tuttavia c'è un limite a tutto e stare sia da una parte che dall'altra (quella opposta) per ottenere vicesindaco e due assessori mi pare un tantino esagerato. La cosa stucchevole è che l'UdC parla di programmi quando invece del programma non importa proprio nulla.
    490 - Mar 8, 2010 - 20:51 Vai al commento »
    Tutti oramai hanno capito cos'è l'UdC...
  • Maulo: “I numeri parlano chiaro,
    le destre hanno cercato di impedire
    il funzionamento del Consiglio comunale”

    491 - Mar 9, 2010 - 11:35 Vai al commento »
    La falce e il martello sono il simbolo del lavoro, della resistenza, della liberazione dell'Italia e dell'Europa dal giogo del nazifascismo. Sotto questa bandiera migliaia di uomini e donne hanno sacrificato le proprie vite per la conquista della libertà di cui godiamo oggi: il loro sacrificio coincide con i diritti odierni. Questi simboli sono l'emblema di persone oneste, pulite, leali, corrette. Questi simboli coincidono con lo Statuto dei lavoratori, con il divorzio, con l'aborto, con la laicità dello stato. Probabilmente Carancini ha tenuto conto di questo quando ha fatto la scelta di continuare a stare con noi. E questa scelta gli fa onore, diversamente da Spacca.
    492 - Mar 9, 2010 - 0:38 Vai al commento »
    Anche tu, Momo, hai fatto parte di una coalizione che - nel bene e nel male - ti ha sempre rispettato. Comprendo e giustifico i tuoi risentimenti, ti stimo moltissimo come uomo, come politico e come sportivo. Cosa c'entri con questa gentaglia? Non dare il "la" a persone che non immaginano nemmeno lontanamente cosa sia la politica... Un abbraccio, ti stringo forte.
    493 - Mar 9, 2010 - 0:34 Vai al commento »
    Tosoroni, l'unico che dovrebbe vergognarsi sei tu che usi un linguaggio triviale. I maceratesi capiranno perfettamente la classe e la capacità di governo di persone come te e come i tuoi camerati che non conoscono la città e i suoi problemi. Finora mi sono astenuto dal commentare i tuoi interventi ma adesso mi hai veramente rotto le scatole con questi slogan. Tu e Pistarelli sapete fare solo questo: slogan e basta. Spiegami come mai, nonostante le vostre puerili critiche infondate, Macerata è in testa in tutte le graduatorie nazionali. Vergognati tu, fai davvero pietà.
  • Pistarelli raduna i suoi candidati
    per una visita allo Sferisterio:
    “Dobbiamo conoscere bene
    la nostra città”

    494 - Mar 8, 2010 - 16:14 Vai al commento »
    La campagna elettorale dei camerati proseguirà domani con la visita alla torre civica, mercoledì alla loggia dei mercanti e giovedì al Lauro Rossi. Fine settimana impegnato nella lettura della nota di Davoli poi si riprende lunedì con le periferie e le frazioni. Ultima settimana dedicata alla visita del municipio con particolare riferimento agli uffici degli assessori (qui il ruolo di Cicerone sarà svolto da esponenti dell'UdC)
  • Carancini e i suoi cantano Battisti
    Piero Fassino è l’ospite d’onore

    495 - Mar 7, 2010 - 23:15 Vai al commento »
    @ Roberto Prova a fare un passo indietro, torna alle scorse provinciali. PRC + PdCI + Verdi + Sinistra e Libertà = 12-13% se non ricordo male. Tu credi che andando tutti uniti saremmo riusciti a raggiungere questa percentuale? Non so se gli elettori ci puniranno alle prossime comunali, spero ovviamente che tu sbagli previsione ma una cosa è certa: il meccanismo elettorale di comunali e provinciali fa sì che più liste (e più candidati) ci sono, più voti si catturano. Tutto qui, non vedo lo scandalo che vedi tu. Sulla questione PD non puoi non aver notato una grossa differenza tra il PD regionale (guidato da Ucchielli) e quello comunale di Macerata: Ucchielli ci ha letteralmente cacciato dalla coalizione mentre a Macerata Carancini non fa altro che ribadire la necessità della sinistra e del proseguimento (ci auguriamo) di un'alleanza che, tutto sommato, è stata piuttosto coesa. Esci da questa logica qualunquista delle "poltrone" e degli "interessi personali": stiamo tutti lavorando per battere le destre e riconfermare il centrosinistra al comune.
    496 - Mar 7, 2010 - 18:51 Vai al commento »
    @Roberto Non credi di essere un pochino offensivo nei nostri confronti? "Poltrone", "piccole conquiste personali", "lontananza dal bene comune": mi sembra che tu stia esagerando. In realtà a fare l'arcobaleno ci abbiamo provato due anni fa, con i risultati che conosci bene. Oggi abbiamo raggiunto l'unità dei comunisti (PdCI e PRC), per il futuro vedremo. Non trascurare il fatto che per un candidato sindaco è meglio avere più liste (cioè più candidati) che corrono per se stessi e, di conseguenza, anche per lui. Davvero non riesco a capire questo astio...e pensare che noi vi stimiamo moltissimo per quello che state facendo. Pensavo che la cosa fosse reciproca, pur nelle scontate differenze. Un saluto
    497 - Mar 7, 2010 - 1:51 Vai al commento »
    Ricollegandomi a quanto detto da Fassino, considero il decreto salva liste del governo come la pagina più triste della storia della nostra Repubblica. Mai visto un altro governo capace di cambiare le regole a partita in corso. Una roba indecente, indegna di un paese civile, assimilabile ad un regime proprio delle dittature militari. Provo una rabbia ed uno sconcerto mai provati prima.
  • Capponi risponde a Loretta Dichiara:
    “L’iter per i lavori stradali
    di Passo di Treia fu avviato un anno fa,
    non è campagna elettorale”

    498 - Mar 5, 2010 - 23:02 Vai al commento »
    Ricordate l'imitazione di Cassano su VivaRadioDue? Per Capponi pronunciare il nome Silenzi è come per Cassano pronunciare la parola Moggi...
  • Loretta Dichiara: “Pettinari
    utilizza bandi della Provincia
    per fare campagna elettorale”

    499 - Mar 5, 2010 - 0:27 Vai al commento »
    Dunque. Proviamo a ragionare. Con la logica. Aristotele aiutaci. Questa signora è candidata nella lista di Marinelli. Marinelli è consigliere provinciale, uno di quelli che hanno contribuito maggiormente all'elezione di Capponi (e di Pettinari) alla guida della Provincia di Macerata. Marinelli è candidato presidente della Regione Marche per il centro destra. Pettinari è il candidato alla vicepresidenza della Regione Marche per il centrosinistra (anzi: per il centro-centro-centro-sinistra) A questo punto, nella piena schizofrenia, la domanda da rivolgere ai sani di mente è la seguente: possono essere votate persone come Pettinari, Marinelli, Capponi e Spacca? Mah...io per non rischiare di finire al manicomio voto Massimo Rossi.
  • Pistarelli presenta la sua coalizione:
    “Più forte di quella delle Provinciali”

    500 - Mar 4, 2010 - 1:50 Vai al commento »
    Ho l'impressione che a forza di gridare "al lupo" e di dipingere Macerata come se fosse Kabul, la destra stia utilizzando una strategia vincente adoperata su più fronti negli ultimi anni. Sono il primo a sostenere che questa amministrazione uscente, nell'ultimo biennio, si è rilassata e, su alcune questioni, addirittura seduta. Tuttavia mi pare ingeneroso tratteggiare questi 10 anni come un periodo di malgoverno. Il nuovo secolo è iniziato dopo una fase complicata, difficilissima dal punto di vista amministrativo. Maulo raccolse i cocci del terremoto scatenato da tangentopoli, l'allora centro-sinistra commise l'imperdonabile errore di non ricandidarlo favorendo Anna Menghi che, dopo pochi mesi, si trovò a governare con una maggioranza in pezzi, rissosa anche rispetto ai dettagli. Meschini e la sua colaizione hanno avuto innanzitutto il merito di riportare una certa serenità in città, anche rispetto al rapporto con altri enti e altri soggetti pubblici e privati. Poi, lentamente, sono state avviate e riavviate opere pubbliche e iniziative, è stata pianificata una crescita dell'offerta dei servizi (che oggi ci pone ai vertici nazionali), sono stati impostati progetti (ad esempio il Piano Casa o il Museo Diffuso e, più in generale, la razionalizzazione dell'offerta culturale) che solo nel medio-lungo periodo di tempo potranno essere giudicati con sufficiente obiettività. Io lo ritengo un decennio felice ma ancora, per certi versi, transitorio. Non è un mistero per nessuno, io sto decisamente con il centrosinistra ma cerco di mantenere l'analisi il più possibile obiettiva e imparziale. Ha ragione Montali: il giochino di sparare contro Meschini è triste e, secondo me, ingeneroso ma, elettoralmente parlando, temo piuttosto efficace. E'quasi scontato che ai più ci si rivolge parlando allo stomaco, più che al cervello. E, si sa, questa destra ha la pessima abitudine di parlare con slogan, di rifuggire sistematicamente il confronto analitico sulle cose, di dipingere le amministrazioni avversarie come se fossero infernali gironi danteschi. Noi ci ostiniamo, per contro, a stimolare le intelligenze, convinti che l'elettorato saprà giudicare come meritano molte incongruenze che regnano nello schieramento guidato da Pistarelli. Qualche esempio: - perchè l'UdC, schierato con il PD in Regione, ha aspettato l'ultimo giorno prima di allearsi con Pistarelli? L'articolo di oggi, pubblicato dal Corriere Adriatico, parla di due assessori più il vicesindaco. Chi non è in grado di capire come sono andate realmente le cose? - come mai è scoppiata la pace tra Conti e Pistarelli dopo il parricidio del secondo nei confronti del primo e dopo anni di guerre culminate con la candidatura a sindaco di Conti, proprio in alternativa al "Pistarelli perdente e inadatto a rivestire i panni del candidato"? - perchè Pistarelli ha fatto ricorso alla "campagna d'ascolto" e, sulla base dei risultati della stessa, dice un mucchio di fesserie? - perchè molti consiglieri del centrodestra, dopo aver votato diverse delibere del Piano Casa, parlano oggi di "cementificazione selvaggia" della città? Potrei continuare a lungo...
Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy