“Rispettata la parola data”
Maria Elena Boschi risponde a Berlusconi
dall’Abbadia di Fiastra

VERSO LE ELEZIONI - Il ministro delle Riforme a Macerata per la convention del Pd, replica alle accuse lanciate ieri dal Cavaliere sui metodi antidemocratici del governo Renzi e lancia il candidato alla Regione Luca Ceriscioli ("La squadra giochi per il nostro unico attaccante") e il sindaco uscente Romano Carancini. "Accettiamo la sfida del cambiamento. Sostituiamo prima di tutto l'attuale presidente che cambia casacca pur di mantenere la poltrona"
- caricamento letture
conferenza pd boschi comi cerescioli 9

Maria Elena Boschi con Francesco Comi e Luca Ceriscoli oggi pomeriggio all’Abbadia di Fiastra

conferenza pd boschi 22

Il ministo alle Riforme Istituzionali, Maria Elena Boschi all’Abbadia di Fiastra per la convention del Pd

 

di Claudio Ricci

(foto di Andrea Petinari)

«Non c’è nessuna deriva antidemocratica. Il Pd sta solo rispettando la parola data agli italiani di cambiare dopo anni la legge elettorale. Il problema è del centro destra e di Forza Italia che fino a tre mesi fa hanno votato faovorevole al senato e poi hanno cambiato idea. Sono loro che ne devono rendere conto al proprio elettorato». Neanche la location amena dell’Abbadia di Fiastra riesce a stemperare i toni con cui il ministro delle Riforme Istituzionali Maria Elena Boschi risponde alle accuse rivolte ieri dal leader di Forza Italia Silvio Berlusconi che sull’approvazione dell’Italicum ha accusato Renzi e compagni di antidemocrazia e autoritarismo. La ministra, madrina d’eccezione della convention programmatica del Pd regionale viene accolta da una sala gremita nell’aula conferenze della fondazione Giustiniani Bandini. Obiettivo: lanciare i candidati democrat marchigiani a partire dall’aspirante governatore, Luca Ceriscioli. «Ripartiamo dal grande risultato raggiunto alle europee dello scorso anno – dice Boschi – Accettiamo la sfida del cambiamento.

conferenza pd boschi 34 carancini cerescioli

Romano Carancini, Maria Elena Boschi e Luca Ceriscioli

Cambiando prima di tutto l’attuale presidente che pur di mantenere la poltrona passa con il centro destra. Scegliamo un sindaco come goverantore, abituato a confrontarsi giorno per giorno con i problemi e le aspettative della gente come sa fare Ceriscioli. Nei prossimi giorni dobbiamo essere bravi evitando di farci del male come solo il Pd in certi casi sa fare. La nostra squadra ha un solo attaccante e tutti devono correre compatti per lui, per arrivare alla vittoria il 31 maggio». L’arringa passa ovviamente attraverso le tappe dell’azione di governo dell’ultimo anno e mezzo: riforma elettorale, riforma del lavoro, riforma del terzo settore e della pubblica amministrazione. «Sono processi avviati contemporaneamente per favorire un progetto globale di cui si sentono già gli effetti con i primi segni di ripresa economica», commenta la ministra.

Il ministro in compagnia del segretario Pd Francesco Comi

Il ministro Boschi con il segretario Pd Francesco Comi

Temi contenuti anche nell’agenda programmatica stilata dal comitato regionale chiamato oggi ad esporre all’assemblea i punti fondamentali della campagna elettorale. «Una proposta programmatica costruita in mesi di incontri con le comunità locali – ricorda il segretario regionale Francesco Comi – stilando una classifica delle priorità tematiche dei marchigiani. Al primo posto abbiamo così messo il lavoro, con garanzie per il rilancio delle imprese e valorizzazione del capitale umano, quindi lo sblocco della burocrazia e la semplificazione istituzionale. Le Marche hanno bisogno di una terapia d’urto che necessità di persone coraggiose ed intraprendenti come il nostro candidato, Luca Ceriscioli. E oggi non potevamo avere sponsor migliore che il ministro Boschi».

conferenza pd boschi cerescioli 7Proprio il candidato alla presidenza difende a spada tratta l’operato del governo sulla rifroma della legge elettorale che, dice: «Può garantire finalmente anche nelle Marche un governo stabile e non più in balia di fragili alleanze». Poi una battuta per chiarire i rapporti con l’ex sfidante delle primarie, l’ex assessore al Bilancio, Pietro Marcolini: «C’è una stima profonda che mi lega a Pietro con cui ci sentiamo quasi ogni giorno. Se oggi la Regione non ha problemi di bilancio lo si deve soprattutto alla Giunta di cui anche lui ha fatto parte e che spesso era in contrasto con Gian Mario Spacca. Il Pd è questo: costruzione del consenso attraverso confronto dialettico».

conferenza pd boschi 18

Francesco Fiordomo (terzo da sinistra), Romano Carancini, Pietro Marcolini e Teresa Lambertucci

Spazio anche ai delegati del direttivo regionale sui temi di sanità, scuola ed Euuropa, introdotti dagli interventi del sindaco di Pesaro Matteo Ricci (vice presidente del Pd regionale) e del primo cittadino di Recanati, Francesco Fiordomo. Apertura affidata all’alfiere locale, il sindaco uscente e candidato per Macerata, Romano Carancini che ieri ha ricevuto anche la benedizione dell’europarlamentare David Sassoli (leggi l’articolo): «Le primarie regionali e quelle di Macerata ci consegnano un dato da cui partire – commenta il primo cittadino – non dobbiamo lasciarci andare alle mere logiche di partito soprattutto in una fase storica in cui la politica non ha un appeal immediato sui cittadini. Occorre poter avvicinare le persone alla poltica anche attraverso l’interesse delle civiche, dimostrando quell’apertura che in passato non abbiamo saputo dimostrare. Questo è il vero cambiamento per poter uscire da questa crisi».

conferenza pd boschi comi 24

conferenza pd boschi cerescioli 25

Giulio Silenzi e Francesco Comi

Giulio Silenzi e Francesco Comi

conferenza pd boschi 8

conferenza pd boschi 31

conferenza pd boschi 26

conferenza pd boschi 13

Il presidente dell’assemblea regionale del Pd, Stefano Stracci

conferenza pd boschi 23

conferenza pd boschi 10

Il sindaco di Recanati Francesco Fiordomo

Il sindaco di Recanati Francesco Fiordomo

conferenza pd boschi 19

conferenza pd boschi 2

 

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X