Da direttrice artistica dello Sferisterio
a candidata sindaco di Como:
la nuova sfida di Barbara Minghetti

POLITICA - Dopo la mancata riconferma al Macerata Opera Festival guiderà lo schieramento di centrosinistra nella città che l’ha vista proporsi alla ribalta teatrale nazionale. Intanto domani il cda è chiamato a sciogliere il nodo legato al sovrintendente, presente anche Luciano Messi
- caricamento letture

 

barbara_minghetti_gelsomini_intervista-1-650x433-1-325x217

Barbara Minghetti era stata nominata direttore artistico dello Sferisterio nell’ottobre del 2017 al posto di Francesco Micheli

 

di Luca Patrassi

Cambio di scena e di ruolo per l’ex direttrice artistica dello Sferisterio di Macerata Barbara Minghetti. Il tempo di chiudere, poche settimane fa per scadenza del contratto, il rapporto pluriennale con Macerata, Barbara Minghetti si prepara a vestire il ruolo di candidata sindaco a Como, città che l’ha vista alla guida del Teatro Sociale e che già la vede impegnata come consigliere comunale, eletta con grande riscontro di preferenze in una lista civica. A candidare Barbara Minghetti a sindaco, proposta che l’interessata ha accettato, sono diverse forze del centrosinistra, dal Pd per arrivare a diverse componenti civiche. Dunque Barbara Minghetti, il cui nome potrebbe ricorrere a breve anche nella partita delle nomine in diversi altri teatri lirici, si candiderà sindaco in quel di Como, città che l’ha vista proporsi alla ribalta teatrale nazionale. Si esce da un palcoscenico con un ruolo, quello legato alla direzione artistica, e si entra in un altro con un incarico diverso, quello dello sfidante all’amministrazione comunale uscente che è di centrodestra.

A Macerata si è votato di recente, dunque eventuali cambi di ruolo non sono imminenti. Di imminente c’è invece la convocazione per domani del consiglio di amministrazione dell’associazione Sferisterio che dovrà chiudere la partita della sovrintendenza. Non è stato rinnovato il contratto alla ex direttrice artistica Barbara Minghetti e al direttore musicale Francesco Lanzillotta (per la loro conferma si era battuto il presidente della provincia Antonio Pettinari) , l’associazione ha deliberato di procedere con un bando per la selezione del nuovo dirigente artistico, le domande scadono ai primi di dicembre. Domani il Cda dovrà definire la questione legata al sovrintendente Luciano Messi il cui contratto è in scadenza. Era partito, un mese fa, il presidente della Provincia Antonio Pettinari con la richiesta di un rinnovo dell’incarico per tre anni e il sindaco Sandro Parcaroli si era in parte accodato sostenendo la tesi della proroga per un anno anche per mediare con una parte consistente del Cda che invece chiedeva il bando pubblico anche per il sovrintendente. Domani ultima puntata della telenovela Messi: il sovrintendente è stato invitato a partecipare alla riunione per definire il tutto e chiarire eventuali malintesi su bandi, proroghe, contratti triennali, annuali o rinunce. Le posizioni della vigilia appaiono immutate: il sindaco vorrebbe confermare Messi, buona parte del Cda non è dello stesso avviso e vorrebbe comunque procedere con un bando pubblico. Ultima parola all’interessato, appunto Luciano Messi, che potrebbe anche dire: «no, grazie» ed uscire anche lui di scena, ma appunto si parla di teatro e i colpi di scena sono sempre possibili fino all’ultima chiamata.

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X