Positivo al Covid muore a 69 anni,
Tolentino piange Gioacchino De Angelis

LUTTO - E' stato per anni il responsabile del personale della Nazareno Gabrielli e presidente dell'Avulss. Il ricordo del sindaco Pezzanesi: «La nostra comunità perde una persona straordinaria, sempre attento alle esigenze di chi aveva bisogno». Il funerale si terrà domani alle 15,30 nella basilica di San Nicola
- caricamento letture

 

gioacchino-de-angelis1-e1618920620386-325x292

Gioacchino De Angelis

 

di Francesca Marsili

Morto dopo aver contratto il Covid Gioacchino De Angelis, aveva 69 anni e tanto impegno ha dedicato al volontariato e all’associazionismo di Tolentino. Presidente dell’associazione Avulss di Tolentino, nel 2017 era stato insignito della Stella al merito per il lavoro perché si era distinto per le sue capacità alla pelletteria Nazareno Gabrielli Diares dove per molti anni è stato responsabile del personale. Uomo dalle altissime doti umane, è stato in prima linea nelle attività di sostegno alle persone in difficoltà. Conosciutissimo e stimato da tutta la cittadinanza, dopo il sisma del 2016 che aveva lesionato la sua abitazione, si era trasferito a Civitanova. «Una triste notizia che ci colpisce profondamente e che ci sprona ad essere uniti, per continuare a vivere e professare quei valori umani e cristiani, così bene espressi dal suo modo di essere e di fare: attento al mondo del Volontariato, accogliente, fermo nei principi, garbato nei modi – ricorda il direttivo dell’Avulss – abbiamo perso un amico, ma ci consoli sapere che abbiamo un angelo di più in cielo. Il suo operato sia di esempio a quanti hanno svolto e svolgeranno, con amore e dedizione, il loro servizio nel mondo del volontariato». Il ricordo del sindaco Giuseppe Pezzanesi: «Persona davvero speciale, educatissima nei modi, era sempre a diposizione degli altri e in particolare di chi era in difficoltà. In questo momento così triste siamo vicina alla famiglia alla moglie e ai figli. La nostra comunità perde una persona straordinaria, sempre attento alle esigenze di chi aveva bisogno – ricorda il primo cittadino -. Porteremo nel cuore il suo dolce sorriso, la sua umanità e terremmo sempre nella nostra mente il suo impegno disinteressato quanto sensibile nel volontariato a disposizione degli ultimi. Il suo operato sia testimonianza ed esempio a quanti hanno svolto e svolgeranno, anche nel futuro, con amore, passione e dedizione, il loro servizio nel mondo del volontariato». Tanti i messaggi di cordoglio per la moglie Anna con cui condivideva la dedizione per le iniziative benefiche, e i due figli Luca e Giulia. Lascia anche il fratello Luigi e le nipotine. Il funerale si terrà domani alle 15,30 nella basilica di San Nicola.

(Ultimo aggiornamento alle 15,30)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X