Sequestrate 18mila mascherine,
scoperti 129 evasori totali
e 2 pregiudicati col reddito di cittadinanza

OPERAZIONI della Guardia di finanza alle prese negli ultimi mesi con l'emergenza Covid. Il colonnello Amedeo Gravina ha annunciato che lascerà a settembre per andare in pensione, al suo posto arriva Ferdinando Falco
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
AmedeoGravina_FF-1-650x434

Il colonnello Amedeo Gravina, comandante provinciale della Finanza illustra i dati dell’ultimo anno

 

di Gianluca Ginella (foto Fabio Falcioni)

Diciottomila mascherine sequestrate dalla Guardia di finanza perché non a norma, 14mila i controlli in aziende con la sospensione di 7 attività commerciali e 10mila persone (145 le denunce e 224 le sanzioni per violazioni alle misure anticovid). Sono questi i dati sulle ultime attività svolte in provincia dalle Fiamme Gialle che sono state legate principalmente all’emergenza Covid. Nel corso degli ultimi dodici mesi, per quanto riguarda la normale attività, sono stati scoperti 129 evasori totali (per una evasione che si aggira sui 300 milioni di euro), trovati anche due pregiudicati che percepivano il reddito di cittadinanza. Dati che emergono nella giornata in cui la Finanza celebra i 246 anni della fondazione. Non ci sono state cerimonie come negli scorsi anni, ma tutto si è limitato alla deposizione di una corona di alloro al monumento che ricorda Livio Cicalè al quale è intitolata la caserma della Finanza. A portare la corona il prefetto Iolanda Rolli con il colonnello Amedeo Gravina, che oggi ha annunciato a settembre andrà in pensione e lascerà la guida del comando provinciale («però ormai sono maceratese, ho anche comprato casa qui e continuerò a viverci»). Il nuovo comandante sarà il colonnello Ferdinando Falco, che arriva da Roma.

AmedeoGravina_FF-3-650x434Sulle operazioni degli ultimi mesi (tra marzo e maggio): sono state 10.790 le persone controllate per il contenimento del Covid con 145 denunce e 224 sanzioni. Sono 14.667 gli esercizi commerciali controllati con 15 violazioni accertate e in 7 casi con la sospensione dell’attività commerciale. Tra queste un parrucchiere di Civitanova, una azienda di San Severino, una ditta di costruzioni che a Civitanova aveva iniziato i lavori per ristrutturare una abitazione. Ci sono poi le denunce di frodi in commercio legate all’emergenza Covid: sono state 8. Tre le sanzioni amministrative e 18.435 le mascherine sequestrate perché in vendita ma non a norma. Inoltre 700 litri di liquido igienizzante sono stati tolti dal commercio: era solo acqua ossigenata.

Per quanto riguarda la normale attività negli ultimi dodici mesi in provincia sono stati individuati 129 evasori totali per una evasione che si aggira sui 300 milioni di euro. Sono 130 le persone che sono state denunciate per reati fiscali, principalmente per emissione e uso di fatture false, dichiarazioni fraudolente, occultamento di scritture contabili. Sono stati invece 27 i datori di lavoro scoperti a impiegare dipendenti in nero (253). I 7.429 interventi operativi della Finanza (che ha impiegato in media 45 militari ogni giorno) hanno riguardato anche le prestazioni sociali agevolate (tra queste anche percettori del reddito di cittadinanza) che nel 40% dei casi di quelle passate sotto la lente sono risultate irregolari. Nel corso di questo tipo di controlli sono saltate fuori 2 persone pregiudicate che percepivano il reddito di cittadinanza avendo compilato la domanda indicando che non avevano precedenti penali. Nel settore delle dogane, delle accise, dei giochi e delle scommesse sono stati svolti 72 controlli con 19 chili di tabacchi sequestrati. Nel settore appalti sono state controllate procedure contrattuali per 100 milioni di euro circa di cui oltre 1 milione è risultato irregolare. Sette le persone denunciate in materia di appalti. Per quanto riguarda la normativa antimafia 21 persone sono state sottoposte ad accertamenti patrimoniali ed è stato proposto il sequestro di beni per circa 3 milioni di euro. Per quanto riguarda lo spaccio i finanzieri hanno sequestrato 40 chili di droga e 99 piante di cannabis, 153 le denunce e 27 gli arresti. In calo i reati legati alla contraffazione, «grazie all’attenzione che abbiamo posto sull’Hotel House. C’è stato lo scorso anno un drastico calo» dice il colonello Gravina. Novantasei gli interventi e 200mila i prodotti contraffatti o non sicuri, che sono stati tolti dal mercato. 45 le denunce.

finanza-cerimonia

Il prefetto Iolanda Rolli con il comandante provinciale Amedeo Gravina

cerimonia-finanza-3-650x477

cerimonia-finanza-2-650x468

cerimonia-finanza-4-650x478

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X