facebook twitter rss

Soprintendenza ad Ascoli,
Sgarbi: «Ho chiamato io Franceschini
dopo la telefonata del sindaco»

IL CASO - Il critico d'arte ha svelato il retroscena della decisione che ha scontentato Macerata e Fermo: «Sono io responsabile in parte di questa scelta che forse e comunque è la più logica e opportuna». Carancini grida allo scandalo: «E' un'ingiustizia, ci batteremo fino alla fine». IL VIDEO
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
60 Condivisioni

 

di Simone Corazza e Maria Elena Grasso 

Soprintendenza ad Ascoli e non a Fermo o Macerata? L’impronta di Vittorio Sgarbi c’è stata, la sua telefonata potrebbe essere stata decisiva, aver inciso nella scelta del ministro Franceschini.

Vittorio Sgarbi ieri a Fermo

Una decisione che ha generato aspre polemiche tra Fermo, Ascoli e Macerata. Basti pensare al duro scambio di accuse tutto interno al Pd tra il sindaco di Macerata Romano Carancini e l’assessore regionale Angelo Sciapichetti (leggi l’articolo). Oppure il botta e risposta tra l’altro assessore regionale Fabrizio Cesetti e il sindaco di Fermo, Paolo Calcinaro. Ieri sera, in occasione del suo intervento al duomo di Fermo in occasione del Settenario della Madonna del Pianto organizzato dall’Arcidiocesi di Fermo, il famoso critico d’arte e deputato nel gruppo misto, non si è certo sottratto alle domande dei taccuini. E il quesito sull’assegnazione da parte del ministro Franceschini della sede della Soprintendenza Marche Sud ad Ascoli non poteva certo mancare. Sgarbi, come è nel suo stile, non è stato un uomo da ‘mezze verità’. Anzi oggi si scopre che è stato proprio lui a chiamare il ministro e a perorare la causa ascolana. Lui stesso si definisce «responsabile in parte della scelta» dopo, però, aver ricevuto la chiamata del sindaco di Ascoli che spingeva per ottenere la sede della nuova istituzione. E entrando nel merito della scelta, il critico d’arte crede sia stata una scelta «giusta».

Romano Carancini

«Sì, parliamo di un’impresa nella quale sono coinvolto perché quando hanno stabilito che fosse opportuna una Soprintendenza di Macerata, Ascoli e Fermo, ho ricevuto una telefonata del sindaco di Ascoli Piceno che mi diceva che loro ci tenevano ad averne la sede – racconta Sgarbi – Io ho chiamato Franceschini quindi sono io responsabile in parte di questa scelta che forse e comunque è la più logica e opportuna. Fermo avrà bisogno di una sede distaccata però io quando ho sentito di quest’idea e ho pensato all’importanza anche rispetto ai temi del terremoto che ha investito una parte dell’Ascolano, ho ritenuto che fosse giusta la richiesta del sindaco di Ascoli. Fermo, essendo un’importante città, ha buone ragioni ma immagino che, come accade con tutte le Soprintendenze, ce n’è una in cui c’è la sede e poi il lavoro degli ispettori si dirama nelle sedi delle altre città. Non credo quindi che sia un danno per Fermo. Certamente è un vantaggio per Ascoli Piceno ma lo è per tutti il fatto che vi sia una Soprintendenza in più che agisce su un territorio che è stato così ferito». E Carancini dal canto suo non l’ha proprio digerita. Criteri generali, astratti ed oggettivi? – ha scritto ieri sulla sua bacheca Facebook – Interesse delle comunità e delle persone coinvolte nella decisione? Nilla di tutto questo. Amici degli amici che si vantano di una scelta grazie alle conoscenze con Vittorio Sgarbi, puntualmente interessato, amico del ministro Dario Franceschini. Ecco come è avvenuta la scelta di Ascoli Piceno. Alla fiera dell’opacità partecipa anche il consigliere regionale Celani che non trova di meglio che prendere in giro maceratesi e fermani. Solo quello che si legge sarebbe abbondante per annullare la decisione in autotutela da parte del ministro Franceschini. Attendiamo. Per quanto riguarda Macerata ci batteremo fino alla fine. Contro un’ingiustizia. Per una scelta trasparente».

Soprintendenza, modello per il futuro Fioravanti: «Tavolo di lavoro permanente» «Basta campanilismi con Fermo e Macerata»

Soprintendenza, Micozzi: «Non abbiamo fatto squadra»

Soprintendenza, scontro interno al Pd Sciapichetti: «Più brava Giunta di Ascoli» Carancini: «Lui non ha mosso un dito»

Soprintendenza, rabbia e delusione Ricotta: «Scelta irragionevole» Pantanetti: «Il Pd ci spieghi perchè»

Soprintendenza, beffata Macerata: nuova sede ad Ascoli

Soprintendenza Marche Sud, Pettinari scrive a Franceschini: «La sede a Macerata, pronti gli uffici»

 

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X