facebook twitter rss

Soprintendenza, beffata Macerata:
nuova sede ad Ascoli

DELUSIONE - Il Mibact ha comunicato la decisione nel corso di un'informativa con le parti sociali che si è tenuta questo pomeriggio a Roma
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
262 Condivisioni

Il ministro Dario Franceschini

 

La nuova Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio per le province di Fermo, Ascoli Piceno e Macerata avrà sede a Ascoli Piceno. Niente da fare per Macerata, da dove giusto oggi pomeriggio Antonio Pettinari, presidente della Provincia, aveva inviato un appello al ministro Dario Franceschini. La decisione è stata comunicata dal Mibact nel corso di un’informativa con le parti sociali che si è tenuta questo pomeriggio a Roma al Collegio Romano. «La decisione della sede della nuova Soprintendenza introdotta dalla recente riorganizzazione dell’articolazione periferica del ministero voluta dal ministro Dario Franceschini  – dice il ministero in una nota – è avvenuta tenendo conto di parametri oggettivi quali “il numero dei vincoli diretti; la consistenza di patrimonio, anche archeologico; il numero di abitanti e altre questioni logistiche e geografiche che fanno di Ascoli Piceno la sede più appropriata per potenziare le funzioni di tutela e garantire servizi efficaci ed efficienti ai cittadini nel territorio delle Marche meridionali».

Soprintendenza Marche Sud, Pettinari scrive a Franceschini: «La sede a Macerata, pronti gli uffici»

La Provincia inverte il trend Uffici da Piediripa al centro storico

Nuova sede della Soprintendenza: «Macerata è il posto giusto»

«Sul restauro dell’arte terremotata Patassini non sa di cosa parla»

«Opere terremotate a Firenze, ufficietto della Soprintendenza nel cratere» Patassini accusa il Pd

Soprintendenza: arriva la sede di Ascoli, Fermo e Macerata

 

Sostieni Cronache Maceratesi

Cari lettori care lettrici,
da diverse settimane i giornalisti di Cronache Maceratesi lavorano senza sosta, per fornire aggiornamenti precisi, affidabili e gratuiti sulla emergenza Coronavirus. In questa situazione Cm impiega tutte le sue forze, dando lavoro a tanti giovani, senza ricevere un euro di finanziamenti pubblici destinati all’editoria. Riteniamo che in questo momento l’informazione sia fondamentale perciò la nostra redazione continua a lavorare a pieno ritmo, più del solito, per assicurare un servizio puntuale e professionale. Ma, vista la situazione attuale, sono inevitabilmente diminuiti i contratti pubblicitari che ci hanno consentito in più di undici anni di attività di dare il meglio.
Se apprezzi il nostro lavoro, da sempre per te gratuito, e se sei uno dei 90mila che ci leggono tutti i giorni (sono circa 800mila le visualizzazioni giornaliere), ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento senza precedenti.
Grazie

Puoi donare un importo a tua scelta tramite bonifico bancario, carta di credito o PayPal.

Scegli il tuo contributo:

Per il Bonifico Bancario inserisci come causale "erogazione liberale"
IBAN: IT49R0311113405000000004597 - CODICE SWIFT: BLOPIT22
Banca: UBI Banca S.p.A - Intestatario: CM Comunicazione S.r.l


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X