Blackout a San Severino:
«L’allarme sta rientrando»

IL COMUNE in una nota: «Gran parte del centro abitato ha visto la riattivazione dell'energia elettrica circa dopo dodici ore ma in alcune aree periferiche come Agello, Castel San Pietro, Chigiano, Collicelli, Corsciano, Elcito, Isola, Palazzata, Serripola, Sant’Elena, Ugliano, zona del Santuario di San Pacifico e Uvagliolo alto si sta ancora lavorando per il ritorno completo alla normalità»
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

 

San-Severino-neve-17-325x183

 

Sta rientrando l’allarme blackout a San Severino. Ad annunciarlo in una nota il comune settempedano. «Insieme all’emergenza maltempo sta rientrando, grazie al lavoro senza soste da parte del personale della municipalizzata Assem Spa, anche l’allarme blackout che per diverse ore ha provocato la disalimentazione dell’energia elettrica in numerose zone del territorio di San Severino a causa della violenta nevicata cui si è aggiunta pure la caduta di rami e alberi sulla linea di distribuzione. A ciò si sono sommate poi ripetute interruzioni dell’alimentazione in alta tensione, fino alla cabina primaria di Colotto, per numerosi guasti il più grave dei quali nei pressi di Belforte».

Gran parte del centro abitato ha visto la riattivazione della fornitura di energia elettrica circa «dopo dodici ore ma in alcune aree periferiche come Agello, Castel San Pietro, Chigiano, Collicelli, Corsciano, Elcito, Isola, Palazzata, Serripola, Sant’Elena, Ugliano, zona del Santuario di San Pacifico e Uvagliolo alto si sta ancora lavorando per il ritorno completo alla normalità – prosegue l’ente – Vista l’estensione dei guasti e le condizioni climatiche che non hanno certo aiutato almeno fino alla serata di ieri, i tecnici e gli operai dell’Assem hanno preferito fare ricorso a veri e propri bypass al fine di alimentare più zone possibili. Alcune utenze isolate potranno subire ancora piccoli disagi come modesti disagi si sono registrati in poche aree periferiche pure per la fornitura di acqua ma l’Assem è intervenuta con dei generatori per riattivare le pompe riuscendo così a ridurre al massimo la problematica».

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X