Elezioni a Macerata,
il Pd si lecca le ferite:
ecco i 5 punti per ripartire

POLITICA - Documento unitario dell'assemblea cittadina degli iscritti: dalla batosta del 4 marzo, all'avanzare della Lega fino alle prossime amministrative e al rapporto del sindaco gli argomenti trattati
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
PD_Macerata_DiPietro_FF-2-650x650

Il segretario comunale del Pd Stefano Di Pietro

 

Batosta elettorale del 4 marzo, egemonia culturale persa, l’avanzare della destra e della Lega, le prossime amministrative del 2020, il ruolo del partito e il conseguente rapporto con sindaco e giunta. Si è parlato di questo nell’assemblea degli iscritti del Pd di Macerata. Dalla riunione di venerdì scorso, molto partecipata, è uscito un documento unitario. Ecco i cinque punti messi nero su bianco dal Pd che:

– valuta i risultati elettorali del 4 marzo 2018 molto negativi, nonostante che a Macerata si registri una tenuta del Partito superiore ad altre analoghe situazioni. Infatti, rispetto ai risultati delle elezioni politiche del 2013, si constata la perdita di un numero rilevante di consensi al Partito Democratico e si assiste ad una crescita politicamente preoccupante della Lega e di Fratelli d’Italia, che segnala uno “spostamento a destra” di una parte importante dell’elettorato maceratese;

– impegna la direzione ad una rinnovata attività utile per riconquistare a Macerata una egemonia culturale e politica, anche rilanciando il confronto con le organizzazioni e le associazioni democratiche, laiche e cattoliche, della città;

– ritiene fondamentale impegnarsi da subito per le elezioni amministrative del 2020 partendo da un approfondimento dei dati concreti della situazione demografica, economica e sociale della città, individuando i problemi maggiori dei cittadini e impegnandosi per combattere le diseguaglianze, individuando anche nuovi percorsi di sostegno alle fasce di popolazione più deboli e colpite dalla crisi degli ultimi anni;

– si impegna, attraverso il più ampio confronto di analisi e proposta, ad individuare il percorso da seguire per il rilancio del Partito Democratico a Macerata, anche stabilendo rapporti positivi con le forze che sostengono l’amministrazione comunale così da costruire fin d’ora le basi per un’alleanza elettorale ampia per le elezioni comunali del 2020;

– ritiene fondamentale definire il rapporto di dialogo e confronto che deve intercorrere tra partito, gruppo consiliare, sindaco e delegazione del Pd in Giunta, affermando il primato della politica e la centralità del partito e dei suoi iscritti. A tal proposito impegna la direzione comunale a convocare al massimo ogni due mesi l’assemblea generale degli iscritti.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X