Archiviazione Civita Park,
la giunta Corvatta: “Siamo soddisfatti
Elezioni depurate da strumentalizzazioni”

CIVITANOVA - Dopo che la procura ha concluso l'inchiesta, gli amministratori ricostruiscono la vicenda. Il vice sindaco Silenzi: "Ricordo bene chi ci ha denigrato con vele e maxi manifesti con le mie foto e quelle del sindaco con la richiesta di dimissioni". E parlano di un clima di giustizialismo, sottolineando di aver agito nell'assoluta consapevolezza di perseguire un interesse pubblico
- caricamento letture
archiviazione-civitapark-micucci-cesetti-silenzi-civitanova-FDM-1-650x433

Francesco Micucci, Fabrizio Cesetti e Giulio Silenzi

 

archiviazione-civitapark-silenzi-civitanova-FDM-5-400x267

Giulio Silenzi

 

di Emanuela Addario

(foto Federico De Marco)

Archiviazione per l’indagine sulla Civita Park, l’amministrazione di Civitanova: «Soddisfatti per l’esito e per i tempi nei quali l’inchiesta si è conclusa. È evidente che in questo modo la prossima competizione elettorale sarà depurata da una vicenda che sarebbe stata probabilmente strumentalizzata».
Piena soddisfazione da parte del sindaco Tommaso Claudio Corvatta, del vice sindaco Giulio Silenzi, del consigliere regionale Francesco Micucci (ex assessore all’urbanistica) e dell’assessore al patrimonio Cristiana Cecchetti che stamattina, insieme agli avvocati Fabrizio Cesetti (anche assessore regionale), Massimo Ortensi e Giuseppe Micucci, incaricati dalla giunta Corvatta per la difesa in merito all’inchiesta della Procura di Macerata sulla vicenda del Palazzetto dello sport, hanno chiarito l’iter che ha portato la magistratura all’archiviazione. «Siamo stati sempre molto sereni e rispettosi del lavoro scrupoloso svolto dalla magistratura – ha detto il vice sindaco Silenzi – Ricordo bene chi ci ha denigrato con vele e maxi manifesti con le mie foto e quelle del sindaco con la richiesta di dimissioni. Da parte dell’estrema destra e dei grillini c’è stato un giustizialismo mai ricordato dalla città. Le indagini politiche non si possono sostituire a quelle della magistratura» appunta il vicesindaco.

archiviazione-civitapark-micucci-micucci-cesetti-silenzi-ortenzicivitanova-FDM-4-650x434«Ora toccherà verificare la commissione d’inchiesta del comune dove la minoranza ha più rappresentanza di chi governa» ha aggiunto Silenzi. «In questi mesi c’è stata un’indagine molto approfondita – ha spiegato l’avvocato Cesetti – Gli allora indagati si sono sottoposti ai relativi interrogatori. Non avevamo alcun dubbio sull’esito e sul corretto operato della giunta Corvatta, riconosciuto anche dall’Anac. Esprimiamo soddisfazione oltre che per l’esito, anche per i tempi nei quali l’inchiesta si è conclusa. È evidente che in questo modo la prossima competizione elettorale sarà depurata da una vicenda che sarebbe stata probabilmente strumentalizzata. Il pubblico ministero ha ritenuto di non esercitare l’azione penale ed un giudice terzo ha disposto un’archiviazione nel merito. Non si tratta né di proscioglimento, né di assoluzione. L’archiviazione è qualcosa di più che arriva evidentemente grazie all’accoglimento della nostra memoria difensiva. La giunta Corvatta ha agito nell’assoluta consapevolezza di perseguire un interesse pubblico. Non poteva fare altro che proseguire nell’affidamento diretto dell’opera». Pienamente soddisfatto anche l’avvocato Ortensi che ha puntato sul fatto che «è stata annullata l’ipotesi di abuso d’ufficio. Siamo riusciti a dimostrare l’assoluta buona fede e l’estraneità ai fatti della giunta. Con l’archiviazione è emerso che non è stato recato alcun vantaggio o danno a qualcuno ma che si è agito nell’interesse pubblico e a vantaggio della comunità». Affermazione condivisa anche da Francesco Micucci, ex assessore ai lavori pubblici all’epoca dei fatti.

corvatta-civita-park

archiviazione-civitapark-ortenzi-civitanova-FDM-3-650x433

archiviazione-civitapark-fabrizio-cesetti-civitanova-FDM-2-650x434

Articoli correlati



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X