Strage di Milano,
pm chiede la perizia per Pellicanò

INDAGINE - La richiesta è stata avanza al gip dopo che la difesa aveva depositato certificati che attesterebbero problemi psicologici e psichici del pubblicitario. Da chiarire se fosse lucido quando svitò il tubo che causò la morte della moglie e di due ragazzi della nostra provincia, Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email

esplosione milano (1)

 

Accertare se Giuseppe Pellicanò fosse in grado di intendere e volere quando ha svitato il tubo del gas del suo appartamento di via Brioschi, a Milano, che ha poi causato la violenza deflagrazione in cui sono morti la moglie dell’uomo, Micaela Masella, e due fidanzati della nostra provincia, Chiara Magnamassa e Riccardo Maglianesi. A volere la perizia è il pm Elio Ramondini nell’ambito dell’indagine in cui Pellicanò è indagato per strage. Un’istanza resa necessaria dal deposito da parte della difesa di una serie di certificati medici che attesterebbero problemi psicologici e psichici del pubblicitario. La richiesta è stata avanzata oggi al gip che deciderà nei prossimi giorni se disporre o meno la perizia con la formula dell’incidente probatorio. Pellicanò si trova in carcere dal primo luglio scorso, ha confessato di aver svitato il tubo del gas. L’esplosione della palazzina risale al 12 giugno scorso.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X