Togni vuole vincere:
“Maceratese sei la mia seconda vita”

LEGA PRO - Il centrocampista brasiliano ricorda i suoi trascorsi in serie A, ammette di non essere al top della condizione ma carica l'ambiente, animato da tanta voglia di riscatto: "Devo rimettermi in gioco e farlo alla grande, dando il mio contributo ad un progetto come questo"
- caricamento letture
Il brasiliano Romulo Eugenio Togni, neo centrocampista della Maceratese

Il brasiliano Romulo Eugenio Togni, neo centrocampista della Maceratese

 

di Sara Santacchi

La seconda vita del centrocampista Romulo Togni ha i colori biancorossi. E’ dalla Maceratese che il giocatore brasiliano classe 1982 ha deciso di ripartire dopo gli ultimi due anni in ombra dal punto di vista calcistico – specie pensando all’ultima esperienza con l’Avellino in serie B – e soprattutto gli ultimi sette mesi di stop a causa di un brutto infortunio. Una voglia di riscatto che vuole essere da spinta anche per il cammino della Maceratese che si è inceppato nell’ultimo mese. I numeri parlano di tre pareggi e due sconfitte nelle ultime cinque gare, in cui gli uomini di Bucchi hanno subìto sei gol, realizzandone tre.

Togni con che spirito affronta questa nuova avventura?

«Dopo le ultime stagioni in cui le cose non sono andate come mi aspettavo dal punto di vista personale ho voglia di rivincita, rimettermi in gioco e farlo alla grande dando il mio contributo ad un progetto come questo della Maceratese. Chiaramente viene prima l’obiettivo del collettivo perché solo in questo modo si può raggiungere anche una migliore realizzazione personale».

Ha seguito la Maceratese dall’esterno osservando il suo cammino trionfale nel girone d’andata. Quello attuale, invece, mostra delle difficoltà: come superarle?

«E’ normale che nell’arco di una stagione possano esserci momenti di appannamento in cui si subisce un calo, ma penso che la strada da percorrere sia quella del lavoro sodo, come stiamo facendo. Siamo terzi e pensarlo di una matricola è ancora più importante quindi non bisogna fare drammi, ma solo affrontare il momento ripartendo dai risultati».

Guardando al suo curriculum, ha calcato anche la serie A col Pescara nella stagione 2012-2013. Che ricordi ha di quegli anni?

«E’ fantastico. La serie A è veramente il top. Quando si arriva lì è veramente un altro mondo, la realizzazione di un sogno. Se penso al momento più bello non può che essere il gol che ho realizzato contro il Catania, all’ultimo minuto, che è valso la vittoria. Quando si provano emozioni del genere si pensa di poter anche smettere lì».

mAceratese-Lupa Roma_Foto LB (33)

Togni in azione al debutto con la maglia della Maceratese nel match contro la Lupa Roma

Considerando questo dalla Maceratese cosa si aspetta?

«In realtà qui è come se vivessi una mia seconda vita. Quei ricordi sono bellissimi, ma sono stati seguiti da un momento non facile ed è da qui che voglio ripartire per rimettermi in gioco e soprattutto tornare a vincere qualcosa di importante».

Contro il Savona è tornato in campo dal primo minuto dopo 7 mesi, soddisfatto della sua prestazione?

«E’ stata una bella emozione anche se non sono ancora al cento per cento della condizione. Mi manca il ritmo gara e non sono neanche lontanamente paragonabile a quello che potrei fare, ma sto lavorando per tornare nel più breve tempo possibile al massimo e dare il mio contributo».

Sabato alle 17,30 la Maceratese è attesa dalla trasferta con la Lucchese, una partita che diventa fondamentale?

«Penso possa considerarsi la partita più importante che andremo ad affrontare. In considerazione di tanti aspetti, un risultato positivo riporterebbe la serenità che è un po’ venuta a mancare e ci farebbe lavorare meglio. In questi momenti la medicina migliore è questa, partiamo con l’unico obiettivo di tornare a farlo”.

Intanto ieri (mercoledì) i biancorossi sono stati impegnati in una proficua sgambatura a Moie, nello jesino. Mister Bucchi ha schierato tutti gli effettivi, reinserendo a volte nello scacchiere i giocatori poco prima usciti dal rettangolo di gioco. Sono stati loro a prevalere sulla capolista del girone B di Prima categoria del Moie Vallesina di mister Giorgio Latini con un tennistico 6-0 realizzato dalle doppiette di Bonaiuto e Orlando e le reti di Cerrai e Colombi.



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X