A Treia “Orgoglio e pregiudizio”
Symbola sposa l’enciclica di Bergoglio

MACERATA - Presentato il 13esimo "Seminario estivo" della fondazione presieduta da Ermete Realacci appuntamento il 26 e 27 giugno a Treia. Il 23 e 24 giugno è di scena il festival della Soft economy che si chiuderà a Unimc il 25 giugno. Il segretario generale parla di economia circolare: "In sintonia con Papa Francesco". Tra gli ospiti i ministri Delrio, Martina e Gentiloni
- caricamento letture
Print Friendly, PDF & Email
Fabio Renzi (clicca sull'immagine per guardare il video)

Fabio Renzi (clicca sull’immagine per guardare il video)

di Gabriele Censi

GUARDA IL VIDEO

La provincia maceratese torna capitale della green economy. La presentazione del consueto appuntamento estivo della Fondazione Symbola (13esima edizione, tra gli ospiti degli scorsi anni anche l’attuale premier Matteo Renzi), questa mattina nella Civica Enoteca, arriva all’indomani della pubblicazione di  “Laudato sì”, lenciclica ecologica di Papa Francesco con l’appello a “proteggere la casa comune”. In linea con le parole del pontefice si sviluppano i temi proposti dalla Fondazione che dà vita ad un evento che è un’avanguardia delle nuove tendenze, con tanti importanti esperti a confronto.  “Orgoglio e pregiudizio” è il tema di quest’anno per i due giorni del Seminario estivo a Treia di venerdì 26 e sabato 27 giugno. La terza edizione del Festival della Soft Economy, promossa dalla stessa fondazione Symbola, dalla Camera di Commercio di Macerata, da Unioncamere e dal Consorzio AAster in collaborazione con il comune di Treia, il comune di Macerata, le università di Macerata e Camerino e S.O.S – School of Sustainability, si terrà sempre a Treia nelle giornate del 23 e 24 giugno e si concluderà a Macerata il 25 giugno, quando verrà presentato e discusso il Rapporto 2015 “Io sono cultura” di Fondazione Symbola e Unioncamere  (leggi l’articolo). I temi  saranno l’economia circolare, la cultura digitale al servizio delle imprese e del territorio e le filiere produttive come piattaforme per lo sviluppo e l’innovazione.

symbola 4Il segretario generale di Symbola Fabio Renzi introduce il programma: «Nel segno della sobrietà per quanto riguarda le spese ma ricco per interventi e partecipazione: ben 23 partner, 7 sponsor e 14 supporter, 3 sessioni con 39 relatori (tra questi ministri e viceministri), altri 141 interventi al festival, per un totale di 180 relatori nelle 5 giornate. Senza un’idea di futuro facciamo fatica a lasciarci alle spalle la lunga e dura crisi – prosegue Renzi -che come una tempesta perfetta si è abbattuta sulle nostre economie e società. L’Italia ha molto da dire al mondo con la qualità dei suoi territori e delle sue imprese scommettendo su un’economia a misura d’uomo. Un’Italia consapevole dei gravi problemi aperti, ma anche dei suoi punti di forza. Un Paese che deve ritrovare il suo orgoglio e superare i pregiudizi. Expo 2015 può essere la metafora e l’occasione del racconto di questa Italia: capace di dare senso, forma, qualità e bellezza ad un’economia orientata alla sostenibilità e alla sobrietà. Un’Italia che fa l’Italia e che chiama a raccolta i suoi talenti per affrontare le sfide del nostro tempo».

symbola 1

Il direttore Exit, Luciano Ramadori e i sindaci di Macerata e Treia Romano Carancini e Franco Capponi, Fabio Renzi, Giuliano Bianchi e il rettore Unimc Luigi Lacchè

Il Seminario estivo prende il via venerdì 26 mattina con la presentazione di Claudio Gagliardi, segretario generale di Unioncamere, del rapporto “I.T.A.L.I.A. Geografie del nuovo made in Italy”, un racconto dell’Italia in 3D, una mappa in tempo reale e una riflessione accurata utili a comprendere come creatività e cultura, territori e comunità, green economy e manifattura evoluta, agricoltura di qualità e turismo siano i punti di forza che stanno dietro molte delle eccellenze italiane apprezzate nel mondo. Alla discussione parteciperanno tra gli altri: il ministro Maurizio Martina, il viceministro Carlo Calenda, la vicepresidente del Senato Valeria Fedeli, la presidente di Coldiretti Giovani Impresa maria Letizia Gardoni, il presidente di Confartigianato Imprese Giorgio Merletti, il presidente del Comitato tecnico per il Credito di Confindustria Vincenzo Boccia e il presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti Leopoldo Freyrie.

Nel pomeriggio si guarda al futuro, con l’Expo e la spinta che essa può dare alla proiezione dell’Italia nel mondo. Ai lavori, dalle 15 alle 18, introdotti da Aldo Bonomi, direttore Aaster, interverranno rappresentanti delle imprese, della politica e delle associazioni, tra cui il Senior Advisor Cultura Pirelli & C.  Antonio Calabrò, la Senior Consultant Sales Camera di Commercio Italiana per la Germania Paola Concia, l’architetto Mario Cucinella, il responsabile della Struttura di missione contro il dissesto idrogeologico Erasmo D’Angelis, il presidente di Federparchi Giampiero Sammuri, il dirigente Servizio Sviluppo Economico e Cultura della Regione Marche Raimondo Orsetti e tre campioni del saper fare italiano selezionati dall’Expo come Daniela Ducato, fondatrice di Edizero, per la Sardegna; Francesca Petrini, titolare dell’omonima fattoria rinomata per la qualità del suo olio, per le Marche e Marco Caprai, con il suo Sagrantino, per l’Umbria.

La giornata conclusiva di sabato 27 giugno, il cui tema è “Orgoglio e Pregiudizio – La missione dell’Italia”, proporrà dalle 9,30 alle 13,30 un dibattito sulla missione dell’Italia e sulle strade da percorrere per rilanciare il paese che vedrà confrontarsi politica, mondo dell’impresa, associazioni, società civile e istituzioni. Al dibattito prenderanno parte tra gli altri: Catia Bastioli, presidente Terna e AD Novamont; Aldo Bonomi, direttore Aaster; il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli; il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti Graziano Delrio, il ministro degli Esteri Paolo Gentiloni, il vicepresidente di Confindustria Ivan Lo Bello; il presidente Coldiretti Roberto Moncalvo; il direttore di Legambiente Rossella Muroni e il presidente di R.ETE. Imprese Italia Daniele Vaccarino. Le conclusioni saranno affidate al presidente di Symbola, Ermete Realacci.

Fabio Renzi e Giuliano Bianchi

Il segretario generale di Symbola Fabio Renzi e il presidente Cciaa Mc Giuliano Bianchi

«Abbiamo confermato la scelta di promuovere il Seminario estivo insieme alla Fondazione Symbola e ad Unioncamere – commenta Giuliano Bianchi, presidente Camera di Commercio di Macerata – perché siamo convinti che questo appuntamento di rilievo nazionale sia una straordinaria occasione per far conoscere le Marche, Macerata ed il suo territorio che ben rappresenta quell’Italia di qualità dove convivono la bellezza dei paesaggi, la ricchezza storica e culturale, la forza delle produzioni manifatturiere ed agroalimentari e un sistema di servizi sociali e culturali grazie anche al contributo assicurato dalla Camera di Commercio. Il Seminario estivo ci aiuta a tracciare un quadro diverso della nostra economia, a partire dalle nostre tante medie e piccole imprese, che sono le sole che creano ricchezza reale e devono quindi avere la priorità nel nostro operare quotidiano. Perché aiutare le imprese significa aiutare l’Italia. Sosteniamo Symbola perché rappresentiamo un territorio vocato alla qualità e alla creatività – come dimostrano le ottime performance delle Marche e delle nostra provincia tracciate dai rapporto sull’economia culturale di Symbola e Unioncamere – e perché condividiamo l’idea alla base della intensa e positiva collaborazione tra la Fondazione per le Qualità Italiane e il sistema camerale, quella che l’Italia deve fare l’Italia».

Il direttore Exit, Luciano Ramadori e i sindaci di Macerata e Treia Romano Carancini e Franco Capponi

Il direttore Exit, Luciano Ramadori e i sindaci di Macerata e Treia Romano Carancini e Franco Capponi

«Per il quarto anno consecutivo Treia si prepara ad ospitare il Seminario Estivo di Symbola, uno dei più importanti appuntamenti politico, culturali nazionali di inizio estate – dichiara Franco Capponi, sindaco di Treia – perché è una straordinaria occasione per promuovere e far conoscere la nostra città e il nostro territorio come esempio e rappresentazione di quella Italia desiderata ed ammirata nel mondo per la qualità delle sue produzioni manifatturiere e agroalimentari, dei suoi paesaggi e del suo patrimonio storico culturale e di tradizioni, come il nostro Pallone a bracciale”.

Il programmi integrali del Seminario estivo e del Festival della Soft Economy sul sito www.symbola.net

 

 



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page




Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X