Elezioni, l’affondo di Mangialardi:
«Gli assessori hanno usato la Regione
per le loro ambizioni personali»

IL CAPOGRUPPO del Pd critica la scelta di Mirco Carloni (Lega), Giorgia Latini (Lega), Guido Castelli (FdI), e Stefano Aguzzi (Forza Italia) di candidarsi alle Politiche, che li porterà a lasciare l'esecutivo guidato da Acquaroli in caso di elezione: «Il dubbio nasce quasi spontaneo: le criticabili misure adottate in questi anni dalla Giunta di centrodestra sono state prese per il bene della comunità marchigiana o, al contrario, per favorire una campagna elettorale permanente»
- caricamento letture
mangialardi-e1644492516943-325x198

Maurizio Mangialardi

 

«La Regione Marche usata dagli assessori della destra come trampolino per le loro personali ambizioni». E’ l’accusa che arriva dal capogruppo dem in Consiglio regionale Mangialardi, dopo l’ufficializzazione della candidatura in Parlamento degli assessori regionali Mirco Carloni (Lega), Giorgia Latini (Lega), Guido Castelli (FdI), Stefano Aguzzi (Forza Italia), i primi con ottime chance di esseri eletti.

«A meno di due anni dall’elezione in Consiglio regionale e dall’insediamento in Giunta gli assessori Carloni, Castelli, Latini e Aguzzi – attacca Mangialardi – pensano bene di lasciare i loro impegni e le importanti deleghe loro affidate dal presidente Acquaroli per il treno delle elezioni politiche. Il dubbio nasce quasi spontaneo: le criticabili misure adottate in questi anni dalla Giunta di centro destra sono state prese per il bene della comunità marchigiana o, al contrario, per favorire una campagna elettorale permanente e basata sulla propaganda da parte dei neo candidati alla Camera e al Senato? Una cosa è certa: questa mancanza di serietà da parte della destra mina seriamente la credibilità del presidente Acquaroli e della sua Giunta».

«Tutto ciò – prosegue Mangialardi – dimostra tutta la fondatezza delle critiche espresse dal Partito Democratico all’operato dell’Esecutivo regionale, compresa la recente riorganizzazione della sanità marchigiana, e conferma, una volta di più, la mancanza di visione della Giunta marchigiana, impegnata in una campagna elettorale perpetua, che si concretizza oggi per i candidati che saranno eletti e che proseguirà poi con coloro che li sostituiranno dopo il 25 settembre. Stesso discorso vale per le consigliere Leonardi e Marcozzi, anch’esse candidate. I cittadini ci hanno affidato specifici impegni attraverso il loro voto due anni fa, dobbiamo portarli avanti fino in fondo altrimenti rischiamo, per l’ennesima volta, di far pagare alla comunità marchigiana l’ambizione personale di pochi».

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-

Vedi tutti gli eventi


Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X