Civitanova, il nuovo Consiglio comunale
Ecco chi entra e chi esce: gli scenari

ELEZIONI - Le due ipotesi di composizione in caso di vittoria di Ciarapica o Paglialunga e al netto di eventuali apparentamenti. Molte conferme e qualche sorpresa, Corvatta e Troiani a rischio. Fuori anche Paolo Squadroni. La più giovane Lavinia Bianchi di SiAmo Civitanova
- caricamento letture

 

consiglio-comunale-civitanova1-650x340

Le due ipotesi di Consiglio comunale

Due gli scenari che si prospettano, poche le facce nuove che entrerebbero per la prima volta in Consiglio. E’ l’esito delle preferenze raccolte dai 513 candidati consiglieri, di cui solo 24 faranno parte della prossima assise 2022-2027. Un calcolo complesso quello per assegnare i seggi alle varie liste, che si basa sul metodo D’Hondt e che prende in considerazione il coefficiente elettivo di ogni coalizione e quello di ogni singola lista all’interno delle varie coalizioni. 

Fabrizio-ciarapica-1-325x244

Fabrizio Ciarapica

Per quanto riguarda il centrodestra si tratta infatti per la maggior parte di conferme. Bene quasi tutti gli assessori uscenti che tornerebbero in assise a prescindere da chi vincerà il ballottaggio: Ermanno Carassai, Barbara Capponi, Francesco Caldaroni, Roberta Belletti, Giuseppe Cognigni. A cui si aggiunge anche il presidente del Consiglio uscente Claudio Morresi, primo per preferenze nella lista di Forza Italia. In caso di vittoria del centrodestra rientrerebbero poi anche il vicesindaco uscente Fausto Troiani (Vince Civitanova), Piero Croia (Forza Italia), Fabiola Polverini (Lega), Paolo Mercuri (Vince Civitanova). E come novità si siederebbero per la prima volta in assise: Roberto Tiberi, Paola Fontana, Paola Campetelli e Gianluca Crocetti, quest’ultimo candidato del movimento Io apro Rinascimento di Sgarbi, sostenuto pure da Ivo Costamagna, terzo nella lista Civitanova Unica.

paglialunga

Mirella Paglialunga

Nel centrosinistra le novità sono rappresentate da l’exploit di Roberto Mancini di Dipende da noi e dall’ingresso in ogni caso di Letizia Murri (Ascoltiamo la città). Del Pd entrerebbero in ogni caso Francesco Micucci, Yuri Rosati e Vera Spanò. Mentre solo in caso di vittoria della Paglialunga entrerebbero l’ex sindaco Tommaso Corvatta e Gianfranco Pagliaricci di Futuro in Comune, La nuova città con Piero Gismondi e Marco Poeta e Civitanova Cambia con Paola Formica. Il Pd raddoppierebbe i consiglieri con l’ingresso anche di Lidia Iezzi, Benedetta Bambozzi e di Marsilio Marsili di Art.1. Lo stesso per Dipende da noi che oltre a Mancini porterebbe in Consiglio anche Elisabetta Giorgioni e Ascoltiamo la città che oltre a Letizia Murri porterebbe Emilio Perini.

In ogni caso resterebbero fuori sia Paolo Squadroni (nonostante abbia superato il 3% dei consensi), sia Vinicio Morgoni (che il 3% l’ha solo sfiorato) e Alessandra Contigiani (appena sopra l’1%). Mentre Silvia Squadroni entrerebbe in ogni caso, se vincesse Ciarapica con due consiglieri di SiAmo Civitanova Lavinia Bianchi e Giuseppe Lepretti. Se vincesse Paglialunga con la sola Lavinia Bianchi, che quindi a 24 anni è sicuramente la più giovane ad entrare in Consiglio. 

Ecco i due possibili scenari con le preferenze attuali ancora da confermare ufficialmente. Sono 25 i seggi da assegnare: uno al sindaco, 15 alla maggioranza e 9 all’opposizione.

In caso di vittoria del centrodestra e di Ciarapica, il Consiglio sarebbe composta da: 4 consiglieri di FdI (Barbara Capponi, Francesco Caldaroni, Roberto Pantella, Roberto Tiberi), 4 di Civitanova Unica (Ermanno Carassai, Paola Fontana, Gianluca Crocetti, Paola Campetelli), 3 Vince Civitanova (Roberta Belletti, Fausto Troiani, Paolo Mercuri), 2 Forza Italia (Claudio Morresi, Piero Croia), 2 Lega (Giuseppe Cognigni, Fabiola Polverini); per il centrosinistra Mirella Paglialunga più 3 del Pd (Francesco Micucci, Yuri Rosati, Vera Spanò), uno di Dipende da Noi (Roberto Mancini), uno Ascoltiamo la Città (letizia Murri). Per la coalizione di Silvia Squadroni 3 seggi, la candidata sindaca più 2 di SiAmo Civitanova (Lavinia Bianchi e Giuseppe Lepretti).

In caso di vittoria del centrosinistra e di Paglialunga: 6 seggi al Pd (Francesco Micucci, Yuri Rosati, Vera Spanò, Lidia Iezzi, Benedetta Bambozzi, Marsilio Marsili), 2 Dipende da Noi (Roberto Mancini, Elisabetta Giorgini), 2 La Nuova Città (Piero Gismondi, Marco Poeta), 2 Futuro in Comune (Tommaso Claudio Corvatta, Gianfranco Pagliaricci), 2 Ascoltiamo la Città (Letizia Murri, Emilio Perini), uno Civitanova Cambia (Paola Formica); nel centrodestra, oltre a Fabrizio Ciarapica, 2 seggi a Fratelli d’Italia (Barbara Capponi, Francesco Caldaroni), uno alla Lega (Giuseppe Cognigni), uno a Civitanova Unica (Ermanno Carassai), uno a Vince Civitanova (Roberta Belletti), uno a Forza Italia (Claudio Morresi); alla coalizione di Silvia Squadroni sarebbero assegnati due seggi, uno alla candidata sindaca e uno a Siamo Civitanova (Lavinia Bianchi).

(Redazione Cm)

Articoli correlati






© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna alla home page
-





Quotidiano Online Cronache Maceratesi - P.I. 01760000438 - Registrazione al Tribunale di Macerata n. 575
Direttore Responsabile: Matteo Zallocco Responsabilità dei contenuti - Tutto il materiale è coperto da Licenza Creative Commons

Cambia impostazioni privacy

X
		Tolentino = 
Civitanova = 1
Elezioni =